Ultra
15 Marzo 2024

Kylian Mbappé, la banlieue e l'Eliseo

Chi è, da dove viene e cosa rappresenta il fenomeno francese.

Era l’estate 2022 quando l’uomo più influente di Francia, Emmanuel Macron, Presidente della Repubblica dal 2017 e grande tifoso dell’Olympique Marsiglia, iniziava a chiamare con insistenza il calciatore più influente di Francia (e probabilmente del mondo), Kylian Mbappé Lottin, simbolo e stella del PSG, per convincerlo a rimanere a Parigi. In seguito lo avrebbe rifatto, con ancora più convinzione: «sono state poche chiamate – dirà Mbappé con il suo solito sorriso di spensierata e leggera superiorità – dicembre, gennaio, febbraio, marzo…». E ancora: «Macron mi ha chiamato e ha detto: “So che vuoi andartene. Voglio dirti che sei importante per la Francia. Non voglio che te ne vada. Hai l’opportunità di scrivere la storia qui. Tutti ti amano”. L’ho apprezzato, ma è davvero pazzesco. Il presidente ti chiama e vuole che tu rimanga».

Da parte sua, Macron confermerà ai cronisti quei colloqui: «Credo sia mia responsabilità, come Presidente, difendere il paese».

E in effetti Mbappé diventa una vera e propria questione di Stato, anzi di Stati, se come svela a The Athletic Jean-Baptiste Guegan, giornalista, esperto di geopolitica francese e autore del libro ‘Revolution Mbappé’, «nel 2022 il Qatar ha detto no alla cessione e ha mobilitato denaro, reti e attori chiave, fino a Sarkozy e Macron, che hanno consigliato a Mbappé di rimanere». Destini incrociati insomma, quelli del Qatar e della Francia, legati dal numero 7 parigino, che recentemente era a cena all’Eliseo proprio con Macron, il presidente del PSG Al-Khelaïfi e l’emiro del Qatar Al-Thani – il tutto, assicurano, non per un possibile rinnovo, essendo Kylian già promesso al Real Madrid.

In molti si sono chiesti perché un calciatore sia finito a sedersi in un tavolo del genere. Guegan ha provato a rispondere, chiarendo innanzitutto che «Mbappé è una figura nazionale in grado di aumentare il rumore intorno al vertice Francia-Qatar, e aggiungere glamour e dinamismo a una cena di stato formale. E poi Mbappé è un marcatore e un attore nel rapporto Francia-Qatar. Lui lo sa e lo sanno gli altri attori. Come ogni buon politico, risponde all’invito».

Il punto sta proprio qui, perché ormai da tempo Mbappé ha trasceso lo status di calciatore, di grande calciatore, anche di calciatore migliore d’Europa o del mondo, per acquisire un profilo pubblico, sociale, politico in senso lato. «Affascinato dalla politica, dal potere e dal mondo», per continuare a citare Guegan, il capitano e superstella del PSG è ben consapevole di essere “popolare e unificante”, e di incarnare «il francese che vorremmo vedere: il francese del 21° secolo, il francese che ha successo». Una storia che parte da Bondy, luogo simbolico, e che inizia nel 1998: un anno tutt’altro che casuale.

Contrasti ULTRA

Dopo sette anni lanciamo la nostra sfida. E chiediamo il vostro sostegno per farlo. Contrasti ULTRA, il piano di abbonamenti della rivista, è lo sbocco naturale di un progetto che vuole svincolarsi dalle logiche dei trend topic e del clickbaiting, delle pubblicità invasive e degli investitori invadenti. Un progetto che vuole costruirsi un futuro solido e indipendente.

L'abbonamento darà accesso ai migliori articoli del sito e ad una newsletter settimanale di lotta, di visione e di governo. Il vostro sostegno, in questo grande passo, sarà decisivo: per continuare a rifiutare i compromessi, e percorrere fino alla fine questa strada - lunga, tortuosa, solitaria - che ci siamo scelti. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo. Grazie.

Abbonati

Gruppo MAGOG

Andrea Antonioli

106 articoli
L’arbitro è morto, e noi lo abbiamo ucciso
Editoriali
Andrea Antonioli
06 Febbraio 2024

L’arbitro è morto, e noi lo abbiamo ucciso

Requiem per un mestiere condannato dalla società contemporanea.
José Mourinho è stato romanismo puro
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Gennaio 2024

José Mourinho è stato romanismo puro

Cosa ha rappresentato Mourinho per la Roma e la Roma per Mourinho.
Il Calcio Nuovo, un salto nel buio
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Dicembre 2023

Il Calcio Nuovo, un salto nel buio

Il '900 è finito, il pallone è libera(lizza)to.

Ti potrebbe interessare

Psicanalisi di Curva
Calcio
Alberto Fabbri
17 Maggio 2019

Psicanalisi di Curva

Scambio di epistole digitali con Giuseppe Ranieri, autore Ultras.
Mkhitaryan, la gemma del Caucaso
Ultra
Massimiliano Vino
07 Maggio 2024

Mkhitaryan, la gemma del Caucaso

Dall'Armenia profonda nascono fiori luminosi.
Il calcio in Cina è pura propaganda?
Calcio
Eduardo Accorroni
09 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico
Ritratti
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Lasciate in pace i calciatori
Calcio
Paolo Cammarano
03 Dicembre 2022

Lasciate in pace i calciatori

Non possiamo pretendere che i giocatori siano diplomatici.