Papelitos
10 Settembre 2022

Elogio della sincerità di Galtier e Mbappé

Dalla questione economica a quella ecologica.

In poco più di 72 ore Kylian Mbappé è passato dall’essere una superstar viziata e strapagata ad essere una superstar viziata, strapagata ma sincera. In un’intervista al New York Times che ha sconquassato lo stomaco dei perbenisti, la stella del PSG ha dichiarato: «ovunque io vada, guadagnerò soldi. Sono questo tipo di giocatore». Ma come si permette, avranno gridato I Cavalieri dello Zodiaco Social.

D’altronde lo stesso intervistatore del NYT Tariq Panja presenta l’intervistato con quella punta di disgusto distaccato tipica del giornalismo 2.022. Panja scrive che Mbappé “si presenta per la sua intervista in un Suv dai vetri oscurati, accompagnato da sua madre, due rappresentanti delle pubbliche relazioni, due avvocati, una piccola troupe di documentaristi, uno stilista e un amico il cui ruolo, inizialmente, non è chiaro”. Informazioni altamente rilevanti nel definire Mbappé fuori dal campo: una superstar hollywoodiana, un cocco di mamma coi soldi di un magnate e il potere di un capo di stato.

Tutto questo dopo che, appena qualche ora prima, la stampa francese aveva scandalisticamente lanciato lo scoop dell’anno: Mbappé in compagnia di Ines Rau, celeberrima e pioneristica modella trans. È tutto così straordinario: la stessa stampa che si preoccupa di attaccare il Qatar – quel Qatar che “possiede” in qualche modo Mbappé – quando proibisce agli omosessuali di baciarsi in pubblico, la stampa che si fa orgoglioso avvocato dei diritti LGBTQ+ filtrando il proprio logo sui social coi colori dell’arcobaleno, questa stampa – che è quella francese, ma è quella internazionale, anche italiana perché no – sbatte il ragazzino milionario in prima pagina alla luce di una (presunta) relazione con un trans.

Infine, allo scoccare delle 72 ore, come la scarpetta di Cenerentola, ecco spuntare l’ultimo assalto giornalistico. Nel corso della conferenza stampa pre PSG vs Juventus, un giornalista chiede all’allenatore dei parigini Galtier (personaggio istrionico, ve ne parlavamo qui) un commento alla scelta della società qatariota di far viaggiare la squadra in trasferta via jet privato, anziché affidarsi al ben più ecologico e politicamente verde treno ad alta velocità. Galtier, come tutti gli allenatori che amano il campo e detestano le chiacchiere, ha glissato la questione con un’invidiabile capacità d’ironia: «ho parlato con la società, che effettivamente pensa sia meglio organizzare le trasferte in carro a vela».

Mbappé ha riso alla battuta del proprio allenatore, e la stampa non si è lasciata sfuggire neanche uno iota di tutto il discorso – anche del discorso non-detto, citando Jacques Derrida, visto che Mbappé non ha detto proprio nulla (ed è lì la sua colpa! Stupidi noi!).


CONTENUTO ESCLUSIVO RISERVATO AGLI ABBONATI ALLA NEWSLETTER. ISCRIVITI GRATUITAMENTE AL SEGUENTE LINK, COMPILA IL FORM E OGNI DOMENICA AVRAI UN CONTENUTO ESCLUSIVO DALLA REDAZIONE DI CONTRASTI


SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Giuseppe Pastore: l’Italia vive una crisi di attaccanti e attaccati (alla maglia)
Interviste
Gianluca Palamidessi
22 Settembre 2022

Giuseppe Pastore: l’Italia vive una crisi di attaccanti e attaccati (alla maglia)

Intervista sulla Nazionale ad uno dei più bravi e preparati giornalisti italiani.
Juric e l’elogio del calcio dinamico, non fisico
Papelitos
Gianluca Palamidessi
18 Settembre 2022

Juric e l’elogio del calcio dinamico, non fisico

La Serie A è indietro anni luce rispetto agli altri campionati.
Quanto è Vecchia questa Signora
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Settembre 2022

Quanto è Vecchia questa Signora

Che fine ha fatto il genio di Max Allegri?

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Meglio 100 anni di Mattarella che 35 di Vettel
Altri Sport
Giacomo Cunial
13 Settembre 2022

Meglio 100 anni di Mattarella che 35 di Vettel

Ci mancava solo la polemica contro le Frecce Tricolori.