Carrello vuoto
Papelitos
12 Agosto

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Lorenzo Santucci

44 articoli
Guardare il dito e non la luna.

Il gesto della Curva Nord di cancellare il murale dedicato a Romelu Lukaku è figlio della rabbia e della delusione, senza dubbio. La vernice nera viene colata poco dopo che il simbolo della rinascita nerazzurra, autoproclamatosi re di Milano non senza il placet unanime dei tifosi, si è imbarcato in direzione Londra. «Ci avete tutti rotto i coglioni», esclama in uno striscione la Nord chiamando in causa società, dirigenza e calciatori e ricordando, non a torto, di come il legame più importante sia quello che lega il tifoso alla maglia, indifferentemente da chi la rappresenta.

Nello stesso giorno, Lionel Messi prenotava un volo verso Parigi chiudendo il suo ventennio in blaugrana. Addii che pesano, seppur con misure differenti, e che dividono.

C’è chi si limita a ringraziare (con malinconia) per il tempo passato assieme, ma anche chi punta il dito contro la poca lealtà. In fondo era stato lo stesso Lukaku durante la preparazione estiva a ribadire il suo ruolo di leader del gruppo. Ipocrita e traditore, lo ha rimproverato qualcuno soprattutto sui social, e molti lo hanno pensato. Allo stesso modo poco credibili sarebbero le lacrime della Pulga nella conferenza stampa di addio. Il tutto si riduce così al primato dell’economia (e del guadagno) sull’identità e la rappresentanza: il belga torna con il doppio dello stipendio attuale nel club che lo ha cacciato quando era un ragazzo – sai che goduria; Messi invece corre dal ricco PSG a guadagnare 35 milioni a stagione. Più che simboli, dei mercenari. Una semplificazione facile, fin troppo.

A parte interrogarsi sul perché non esistano più bandiere nel calcio – ma questo è un altro discorso su cui torneremo –, probabilmente è più facile sfogarsi con un singolo bersaglio, in carne ed ossa, piuttosto che con dei complicati processi economico-finanziari i quali, molto spesso, non si sa nemmeno con certezza da chi dipendano. Chi ha cancellato il murale dedicato a Lukaku, ed è un gesto anche comprensibile, cosa pensava però fino a ieri? Era davvero convinto che il belga fosse un simbolo dell’Inter? Va bene la trasfigurazione, fondamentale nello sport, ma fino ad un certo punto. Rendere Lukaku sindacalista dei colori nerazzurri solo perché si è caricato la squadra sulle spalle (per un paio d’anni) e l’ha condotta in vetta d’Italia, è un’operazione a dir poco ingenua.


Discorso differente ma neanche troppo per Messi: la pulce ha passato tutta una carriera con i colori blaugrana addosso. Con il Barcellona è diventato e rimasto il migliore del mondo, portando la squadra a conquistare trofei su trofei e a segnare la storia stessa del calcio. Eppure chi, in buona fede, potrebbe pensare a Messi come bandiera del Barcellona? Bandiera magari nella prassi calcistica, ma non nella teoria generale. Messi non è mai stato un rappresentante del barcelonismo a livello esplicito, né di quello “politico” né di quello valoriale. Si è sempre mostrato disinteressato a certe dinamiche ed è rimasto a Barcellona non tanto per il radicamento quanto piuttosto perché in Catalogna era riuscito a crearsi la bolla perfetta in cui il suo «genio autistico, dalle larghezze sconfinate e dai limiti precisi» (per citare Giancarlo Dotto) potesse essere coccolato e valorizzato al massimo. Riconosciuto e tutelato.

Amore, certamente, per Messi soprattutto e magari anche per Lukaku. Un amore a cui però corrispondeva un lauto compenso economico e, soprattutto, un’ambizione di vincere che non hanno più ritrovato. Certo Messi ha strappato con il Barcellona per le nuove e rigide regole della Liga, ma già l’anno scorso aveva espresso la volontà di cambiare aria per vincere e mettersi alla prova altrove.

«Lui, il ragazzo di Rosario, non ne sa nulla di cosa voglia dire essere Messi. Non se l’è mai posto il problema. Costretto a porselo dal giorno in cui un pianeta intero si è messo di buzzo buono a interrogarlo morbosamente. Essere Messi. La disgrazia, lo straordinario che diventa ordinario».

Giancarlo Dotto, “Il Dio che non c’è”, 2021

D’altronde, per passare da Re di una città a vassalli al servizio di un monarca non può bastare solo uno stipendio, seppur importante. E anche se fosse, non potremmo certo stupirci, soprattutto per dei professionisti che – come nel caso di Lukaku – non hanno un vero e proprio legame con la piazza che “tradiscono”. Che poi per quale motivo l’ex 9 nerazzurro avrebbe dovuto sposare la causa nerazzurra a vita? E, volendo essere cinici, proviamo a metterci nei suoi panni: cosa gli ha offerto l’Inter, a livello economico ma anche di narrazione, per poter diventare un milanese acquisito? Come possiamo aspettarci che un belga cresciuto calcisticamente in Inghilterra diventi simbolo dell’Inter “solo” per aver vinto uno scudetto da protagonista?

Questo non significa che ad esempio le lacrime di Messi non siano sincere, anzi! Tutt’altro. Piangere per quella scelta non è ipocrisia, ma vero dispiacere. È però il dispiacere di chi ha vissuto tanti anni in un luogo e lì è diventato grande (in tutti i sensi), non del traditore del barcelonismo. Così come per Lukaku: traditore, esattamente, di cosa? Diciamoci le cose come stanno, anche perché sappiamo come funziona il calcio contemporaneo. Se poi vogliamo trovare dei responsabili, questi non sono certamente i singoli che accettano determinati stipendi, bensì un sistema indifferente alla realtà che continua ad offrirli. Un sistema che consente sperequazioni e squilibri non più accettabili, di cui il “sì, lo voglio” è solo l’ultimo e più evidente passaggio. Rubando le parole dei The Rokes, sarà pure una «bella società fondata sulla libertà, però spiegateci perché se non pensiamo come voi ci disprezzate. Ma che colpa abbiamo noi».

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
La Redazione
19 Marzo 2022

Haaland, quando troppo è troppo?

Prima o poi ci sarà un limite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Italia
Guglielmo Russo Walti
29 Gennaio 2022

Con Vlahovic la Juventus è andata all-in

Arrivabene ha mentito a tutti.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Dicembre 2021

Commisso solo contro tutti

Il patron viola è tornato all'attacco su procuratori e agenti.
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre 2021

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
2 Settembre 2021

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Papelitos
Marco Armocida
28 Giugno 2021

Il Belgio è forte, ma non imbattibile

Tutta Italia ha visto Belgio-Portogallo.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Estero
Marco Armocida
23 Maggio 2021

Il Lille è un sogno, non una chimera

Come strappare la Ligue 1 al Paris Saint Germain.
Papelitos
Federico Brasile
14 Aprile 2021

Neymar svela la nostra incoerenza

Quando l'estetica travolge l'etica.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Febbraio 2021

Non c’è nessun passaggio di consegne

Mbappé e Haaland sono incredibili, ma Messi e Ronaldo sono un'altra cosa.
Papelitos
Alberto Fabbri
3 Febbraio 2021

Chi si stupisce dell’ingaggio di Messi si è svegliato tardi

Trovare un colpevole per non considerare il quadro della situazione.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Calcio
Marco Armocida
15 Settembre 2020

Siamo succubi del calciomercato

Senza accorgerci dei limiti del suo linguaggio.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre 2020

Messi male

L'amaro (non) finale di una storia che avrebbe meritato ben altro esito.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
15 Agosto 2020

L’estate italiana rifiuta il calcio giocato

Ad Agosto, in realtà, noi vogliamo il calcio sognato.
Calcio
Mattia Curmà
10 Maggio 2020

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Tifo
Michelangelo Freda
6 Maggio 2020

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
3 Dicembre 2019

Mai più Pallone d’Oro

Un premio divenuto fatiscente, triste, di second'ordine.
Recensioni
Luigi Fattore
19 Novembre 2019

La storia del calcio in 50 ritratti

Paolo Condò torna in libreria con l'elenco dei cinquanta uomini di calcio che a, modo loro, hanno fatto la differenza.
Papelitos
Federico Brasile
3 Settembre 2019

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Agosto 2019

Senza CR7 e Neymar non è circo

Nei Paesi privi di cultura calcistica conta più il singolo della squadra, in una deriva individualista che sta spolpando il calcio.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2019

Griezmann, il Giuda del Cholismo

Il successo vale più dell'onore.
Calcio
Mattia Curmà
10 Luglio 2019

Il Bayern Monaco non può restare conservatore

La globalizzazione pallonara ha messo a dura prova l'autarchico modello bavarese, costretto a snaturarsi per competere in un mercato da cifre folli.
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio 2019

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Calcio
Michelangelo Freda
22 Giugno 2019

Platini, la pedina del Qatar

La vicenda Platini-Qatar viene da lontano, e coinvolge molti altri attori in un sistema marcio fin nel midollo.
Papelitos
Federico Brasile
3 Giugno 2019

Abolite il Pallone d’oro

O datelo sempre a Messi.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
31 Maggio 2019

L’incognita Scaloni e i sogni dell’Argentina

Sui limiti e le speranze dell'Albiceleste, pronta alla Copa America 2019.
Recensioni
Luigi Fattore
22 Marzo 2019

Herr Pep

Uscito ormai quattro anni fa, il libro di Perarnau è già diventato un classico della letteratura sportiva.
Calcio
Andrea Antonioli
16 Marzo 2018

Scatole cinesi

Le cessioni di Carrasco e Gaitàn dall'Atletico Madrid al Dalian Yifang, un affare tutto interno al Wanda Group.
Recensioni
Simone Morichini
24 Dicembre 2017

Il goal più bello è stato un passaggio

Il libro del filosofo francese Jean-Claude Michéa ripercorre le fasi del calcio: da sport delle élite a sport popolare, per diventare infine uno strumento nelle mani del capitalismo finanziario e globale.
Storie
Maurizio Fierro
4 Settembre 2017

Lo sceneggiato degli Italiani

Il calciomercato in Italia è esploso ultimamente, ma raffigura una fiera dei sogni che appassiona gli Italiani da molto più in là.
Calcio
Gezim Qadraku
31 Agosto 2017

Molto più di uno sport

Cosa ha veramente significato l'affare Neymar (e Mbappè) per la proprietà qatariota del Paris Saint Germain?
Calcio
Luca Giorgi
16 Giugno 2017

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.
Calcio
Luca Giorgi
7 Giugno 2017

Non è un paese per Messi

Fare dell'altrui croce la propria.