Carrello vuoto
Ritratti
9 Ottobre

Mesut Özil, contraddire il talento

Mattia Curmà

9 articoli
Gli assist in campo, gli autogol nella vita.

Der Rabe. Oppure, The Raven – come direbbero a nord di Londra. Non tanto per una questione di apparenza, nemmeno per referenze cinematografiche. Ma solo perché il corvo, nell’immaginario comune, rappresenta un uccello scaltro, opportunista, preciso. Per molti, uno svolazzare molto simile a quello che sul campo mostrava Mesut Özil ai tempi di Brema col suo Werder.

 

 

La sua traiettoria però comincia a Gelsenkirchen, dove è nato e cresciuto da genitori emigrati dalla Turchia per terra e mare, come altri due milioni e mezzo di connazionali, alla ricerca di una vita migliore. Un ragazzo minuto, timido e introverso, ultimo di quattro fratelli, che però col pallone tra i piedi si trasforma sviluppando una vera e propria ossessione per il gioco del calcio. Joachen Herrmann, vice direttore della scuola media di Özil, definisce il rapporto del ragazzo con il calcio “un po’ autistico”, aggiungendo:

«Ho sempre avuto la sensazione che si portasse il pallone anche a letto».

Dalla finestra della sua classe delle superiori Özil scorgeva la Veltins-Arena, stadio di casa dello Schalke 04. Non a caso la scuola di Gelsenkirchen – tra le più grandi del paese – ha stretti legami con la Bundesliga, tanto da sfornare gente come Manuel Neuer, Julian Draxler, Benedikt Höwedes e Joël Matip. Özil viene ricordato come uno studente riservato, ma è durante gli allenamenti e le partite che emerge la sua personalità: “Quando ho visto Mesut per la prima volta, ho dovuto controllare la sua età”, dice Krabbe, ex professore di Mesut.

«Era molto piccolo, tranquillo, introverso fuori dal campo. Ma nel rettangolo di gioco era il giocatore più forte. La nostra superstar»

È stato proprio in quel periodo al Gelsenkirchen College che Özil ha capito di potercela fare; è lì che ha visto per la prima volta la via di uscita dalla povertà, la strada per diventare la prima star internazionale immigrata del paese. Certo questa strada era in salita, soprattutto per un ragazzo, come detto, così impacciato e diffidente fuori dal campo; eppure i mezzi tecnici di Ozil erano talmente straordinari da far passare in secondo piano, o meglio da rimandare, qualsiasi ulteriore discorso.

 

«Mesut non era lo studente che poteva affrontare la folla. Era davvero timido, parlava a stento con i compagni. Ma a vederlo sul campo era un’altra persona. Era piccolo, per qualcuno debole, ma sparava bordate da 25 metri, correva più veloce degli altri e capiva il gioco in maniera più avanzata – racconta l’allenatore del club della scuola Ralf Maraun. Era quel tipo di giocatore che ti faceva vincere una partita 12 a 0. E lui ne segnava 10. Una volta l’allenatore della squadra avversaria mi prese da parte per dirmi – la prossima volta, il ragazzo migrante lo lasci a casa»

 

Il padre Mustafa gli fornisce un’educazione musulmana piuttosto stringente, ma ben presto si rende conto di avere in casa un’eccezione, un talento in grado di stravolgere l’ordinaria amministrazione. In qualche modo, Mesut viene caricato fin da giovane di queste responsabilità. Per lui, un giovane immigrato musulmano che esce dal distretto di Bismarck, a quasi totalità turca, il calcio diventa non solo una passione e una naturale predisposizione, ma anche l’unica via per non affrontare una vita potenzialmente assai complessa (tra complicate condizioni di partenza e personalità “problematica”). Così Özil si convince di essere il primo erede di tradizione turca a poter dare un finale diverso alle storie di immigrazione tedesche.

 

 

Entra prima nelle giovanili della nazionale per poi approdare allo Schalke 04, ma è il prestito biennale al Werder Brema che cambia per sempre la percezione del giocatore. L’eleganza e il tocco di palla ricordano quelli dei grandi del gioco; il talento emerge a prima vista, esplode in biancoverde (dove si afferma come miglior assistman d’Europa) e trova il suo coronamento nel mondiale 2010 con la Germania di Löw, in seguito al quale viene prelevato dal Real Madrid di José Mourinho.

 

Un giovane Ozil con la maglia del Werder, esattamente dieci anni fa (Photo by Friedemann Vogel/Bongarts/Getty Images)

 

 

In maglia merengue Özil deve affermarsi tra i grandi, e probabilmente non si può dire non ci sia riuscito. Nonostante il numero elevatissimo di assist però (più di 1 ogni 2 partite), e malgrado il Bernabéu soddisfi ampiamente con il tedesco la propria esigenza estetica, qualcosa all’interno dell’equazione sembra non tornare. Così, quasi a sorpresa, Florentino approva il trasferimento all’Arsenal a fronte di €50M.

 

 

A Londra, tuttavia, Özil sembra non trovare mai una dimensione capace di proiettarlo al livello che gli spetterebbe. Troppo spesso il talento tedesco è vittima di se stesso, alternando giocate sublimi a prestazioni impalpabili; sembra quasi un balcanico, per la sua strutturale mancanza di continuità sportiva. Lungo la stagione, così come all’interno della stessa partita, Özil sembra attaccare e staccare la spina in un circolo vizioso di ciò che, oggi, appare in maniera prepotente sotto forma di incompiutezza. Quasi una mancanza di ambizione, di fame, di rabbia agonistica.

 

 

Un giocatore capace di essere fondamentale in ogni squadra in cui gioca, senza mai dare la sensazione di essere decisivo davvero. Un paradosso reso anche dai numeri (nel triennio 2015-2018 colleziona 36 assist e 18 gol in 94 partite di Premier), ma questi non riescono a nascondere una carenza caratteriale che pregiudica l’espressione del suo purissimo talento. Quello stesso carattere che invece, fuori dal campo, lo ha reso un personaggio sempre più controverso. Özil passa così dalla timidezza giovanile a pesanti prese di posizione politiche, fin troppo accentuate.

 

Özil arsenal
Nel Nord di Londra pioveranno assist e critiche in una discontinuità di prestazioni pressoché unica (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

 

 

La discendenza turca è un vanto che l’ex nazionale tedesco non ha mai nascosto, e che lo ha portato addirittura ad abbandonare la nazionale 4 volte campione del mondo. La polemica con la nazionale d’adozione durò mesi e cominciò con una fotografia scattata a Londra nel maggio 2018, in cui compariva insieme al presidente turco Recep Tayyip Erdoğan. Il momento storico, con il governo Erdoğan sotto torchio mediatico per via della repressione curda e per le atrocità avvenute durante il golpe del 2016, favorirono così un’escalation degli eventi fin troppo rapida.

 

 

Fu proprio quella foto a rischiare di spezzare un equilibrio politico, già molto labile, tra la cancelleria di Angela Merkel e il presidente turco. La federazione tedesca, DFB, e la stessa Merkel si sentirono costretti a prendere le distanze dal gesto lasciando, di fatto, il giocatore sotto il fuoco incrociato della stampa tedesca e della critica internazionale. Qualche mese più tardi, dopo una serie di attacchi che criticavano il reale sentimento di Özil verso i colori tedeschi, la decisione di abbandonare la nazionale, con tanto di lettera pubblica di più di 2000 parole diretta a Reinhard Grindel in persona, presidente della DFB. Qui ricorda:

 

“Nel 2004, quando eri un membro del Parlamento tedesco, dicesti che il ‘multiculturalismo è in realtà un mito e una eterna bugia‘, votasti contro una legge per la doppia nazionalità e per punire la corruzione, e dicesti che la cultura islamica era diventata troppo radicata in molte città tedesche. Questo è imperdonabile e non si può dimenticare”

 

Resta difficile da capire come questi concetti si configurino in un discorso che non condanni, in primis, le azioni dello stesso Erdoğan con il quale invece, in «segno di rispetto e buona educazione per la provienienza della mia famigliaı – parola di Özil – vengono pubblicamente scambiate foto e maglie. Ma è pur vero che mettersi pubblicamente contro il presidente turco non è mai una decisione facile: chiedere a Enes Kanter e la sua azione di resistenza politica per credere.

 

 

Tuttavia non c’è solo l’appartenenza turca. A dicembre del 2019, Özil pubblica un altro tweet che mette in difficoltà i rapporti, questa volta della Premier League, con le emittenti cinesi. Il centrocampista dei Gunners si schiera infatti contro la persecuzione degli uiguri, minoranza musulmana che Pechino reprime con forza, continuando a ricevere numerose critiche anche internazionali. Per tutta risposta, il governo cinese sospende l’emissione in Cina del match di Premier League dell’Arsenal, e il giocatore non comparirà mai nell’edizione cinese del videogioco PES 2020. Forse stavolta la brutta figura non la rimedia il il turco/tedesco, ma passiamo oltre.

 

Özil talento germania
A Mesut non è bastato essere la scintilla di talento della grande Germania di questi anni 00, il rapporto con la DFB è totalmente degenerato (Photo by Matthias Hangst/Getty Images)

 

 

Si fa fatica, in realtà, a comprendere a pieno tutte le sfaccettature e le contraddizioni che fanno di Özil la figura che è diventata oggi. Non si tratta più di una scommessa sicura per brand come Mercedes e Adidas che hanno deciso di abbandonarlo dopo le troppe controversie che lo hanno coinvolto. E sono queste stesse controversie che si riflettono, in qualche modo, sul suo modo di giocare così discontinuo, così assurdamente opposto di prestazione in prestazione.

 

 

Non siamo certo a favore dei giocatori-burattino, con risposte preconfezionate, che non pestano mai i piedi a nessuno. Perché prima di essere star internazionali si è uomini, e prima di essere un calciatore Mesut Özil ha dei valori, degli ideali e un trascorso pesante alle spalle. Tuttavia sarà un’impressione, probabilmente superficiale, eppure sembra che egli stesso non abbia piena consapevolezza di quei valori che sì offrono al mondo una panoramica sulla crudele repressione musulmana, ma solo dopo aver chiuso un occhio sulla repressione di diritti che avviene in Turchia.

 

 

Due facce, mai così opposte, di una stessa medaglia: sul campo l’estro e il talento cristallino, che non lasciano mai spazio alla continuità; fuori dal campo, le prese di posizione e la difesa pubblica dei propri “ideali”, che non lasciano spazio alla coerenza.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Storie
Simone Galeotti
21 Novembre

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio

Kevin De Bruyne, l’ultimo dei poeti

Un fenomeno introverso è sempre più il leader tecnico del Manchester City.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Recensioni
La Redazione
10 Maggio

Bergkamp racconta la propria arte

Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Ritratti
Giacomo Amorati
15 Novembre

Dirk Nowitzki dalle tribù germaniche

Con il sangue di Arminio nelle vene.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Tifosi
Diego D'Avanzo
12 Ottobre

In fondo al buio c’è la luce

La storia del Dortmund, la storia del Muro Giallo.
Papelitos
La Redazione
26 Novembre

Il fine settimana di calcio

Dopo cinque giorni di ricatti, il fine settimana diventa una terra selvaggia in cui il singolo può finalmente rifugiarsi. Insomma per Junger era il bosco, per noi il calcio del sabato e della domenica
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Calcio
Emanuele Iorio
21 Novembre

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Calcio
Matteo Coral
10 Febbraio

Newcastle Upon Tyne: andata e ritorno

Dal quinto posto in Premier al primo in Championship, con tappa all'inferno.
Calcio
Gezim Qadraku
14 Febbraio

Mentalità tedesca

La rivoluzione del calcio tedesco. Come si costruisce una nazionale capace di classificarsi sempre sul podio.
Calcio
Gennaro Malgieri
24 Febbraio

Un re nella polvere

Un finale non degno di un'epopea sportiva senza precedenti.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Calcio
Remo Gandolfi
4 Aprile

Bere Eddie Howe e ubriacarsi del Bournemouth

Il figlio più amato di Bournemouth sta scrivendo un romanzo calcistico.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
7 Agosto

Il miracolo di Gordon Banks, ep. I

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte I.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
13 Maggio

Wonderwall

Al termine di una Premier League entusiasmante, la spunta il Manchester City.
Storie
Alberto Fabbri
2 Giugno

Goodbye, my Grand Old Lady

Il mito di Goodison Park, a pochi mesi dalla sua fine.
Interviste
Gianluca Palamidessi
8 Gennaio

Poison Lasagna. Arsenal, agonia ed estasi

Intervista con i ragazzi di Poison Lasagna, magazine indipendente di Londra.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Aprile

Nella culla del Football

Intervista all'autore Stefano Faccendini, impareggiabile appassionato di calcio inglese.
Calcio
Simone Galeotti
23 Novembre

Suffolk Song

C'era una volta l'Ipswich Town.
Calcio
Remo Gandolfi
21 Marzo

Paul Vaessen

Cade davvero solo chi arriva in cima.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Calcio
Roberto Gotta
8 Aprile

I Magpies vogliono la testa di Mike Ashley

Cronistoria del tormentato rapporto tra i tifosi del Newcastle United e il loro presidente.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
8 Ottobre

Alan Shearer, dall’Inghilterra profonda

Simbolo non solo di Newcastle, ma di un'Inghilterra antica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Marzo

Il campionato più brutto di sempre

Possono la lotta scudetto e la lotta retrocessione finire a Febbraio?
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Calcio
Remo Gandolfi
20 Ottobre

Manchester United v Liverpool. Crisi e gloria di una sfida eterna

Oggi come ieri. Alla crisi dei Red Devils risponde l'epoca d'oro dei Reds.
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Settembre

Bielsa e la rinascita del Leeds United

La chiave del successo è la semplicità.
Calcio
Lorenzo Solombrino
15 Settembre

Il semplice sogno del Watford

La normalità è in vetta alla Premier League.
Calcio
Lorenzo Solombrino
12 Settembre

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Storie
Maurizio Fierro
27 Marzo

Messico 70

Mexico e nuvole.
Calcio
Gezim Qadraku
4 Dicembre

Talento di cristallo

L'infinito calvario di Marco Reus.
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Calcio
Luca Pulsoni
23 Aprile

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Storie
Francesco Polizzotto
17 Giugno

Derby d’Europa

Italia contro Germania, cronache della sfida più importante del calcio europeo.
Calcio
Luca Giannelli
6 Novembre

La solitudine di José Mourinho

Il mito portoghese del superuomo nasce dalla geografia di un Paese stretto tra la Spagna e l'Oceano Atlantico. Ascesa e declino dello "special one".
Calcio
Gianluca Palamidessi
13 Maggio

Stella cadente

Finirà mai l'epopea di Arsène Wenger?
Calcio
Francesco Polizzotto
24 Marzo

La battaglia di Siviglia

Quando storia e calcio si mescolano e danno vita ad uno spettacolo memorabile. Mondiali di Spagna ’82: Francia e Germania si contendono un posto in finale, ma in palio c’è qualcosa di più importante. Dai campi di battaglia a quelli da calcio, analisi di un intreccio storico-calcistico tra due nazioni.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Calcio
Eduardo Accorroni
21 Agosto

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno

La virtù dei vinti

E la paura dei vincitori.
Storie
Roberto Tortora
18 Marzo

L’ultimo Liverpool campione d’Inghilterra

Trent'anni di attesa, ma serve ancora qualche mese.
Calcio
Angelo Massimo Tuttobene
18 Novembre

God bless the Rovers

Il sogno inglese del Blackburn.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Marzo

Lo Sheffield United sta tornando

Sheffield è la città del football, e quest'anno lo United vuole tornare dove gli impone la storia.