Carrello vuoto
Papelitos
8 Novembre

Un derby che viene dal futuro

Federico Brasile

62 articoli
Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.

Edin Dzeko e Zlatan Ibrahimovic. Due fuoriclasse, senz’altro, ma anche 75 anni in due. Troppi, per incidere fisicamente e mentalmente su una partita che è sembrata venire dal futuro, da un’epoca lontana eppure incredibilmente presente. Milan-Inter è stata stracittadina vera, combattuta, intensa. Piena di colpi di scena e di emozioni, trasferite dagli spalti al campo. Con una frenesia che si direbbe ordinata, mai caotica, ma sempre armoniosa. Quella che caratterizza in una parola i big match del calcio mondiale.

C’è tanta qualità in campo, almeno per il nostro campionato.

Mario Sconcerti, Corriere della Sera 8.11.2021

Milan e Inter ieri se le sono date di santa ragione, in quella che è stata forse la migliore partita della Serie A 2021/2022. Da parte sua Inzaghi, al termine della gara, si è ritrovato un “bicchiere mezzo vuoto”, ed ha anche ragione. Il Milan in fondo rimane a +7, e si lecca i baffi aspettando lo scontro diretto tra Inter e Napoli del prossimo turno, ma soprattutto sono stati i nerazzurri ad avere le palle gol più nitide: il rigore sbagliato da Lautaro (o meglio parato da Tatarusanu, in pochi ci avrebbero creduto ma in un derby succede anche questo) e poi le occasioni di Barella e Vidal, entrambi a colpo pressoché sicuro – ma un po’ molli – ed entrambi stoppati dai muri umani dei difensori rossoneri (i giocatori di Pioli si getterebbero nel fuoco per il risultato, questo è evidente).

Il Milan continua a sorprendere, soprattutto per l’impressionante reazione degli ultimi 15 minuti. Complici i cambi, in particolar modo gli inserimenti di Saelemaekers e Rebic, i rossoneri hanno ritrovato gamba, fiducia, ritmo; rabbia e convinzione, entrando letteralmente in trance agonistica. Da qui la punizione di Ibrahimovic respinta da Handanovic, e soprattutto il palo di quel fantastico gregario (nel senso migliore del termine) di Saelemaekers stesso, con respinta sprecata da Kessie (non la sua miglior partita, per usare un eufemismo).

In fondo, e ci perdonerete la constatazione non certo ingenerosa ma anzi ammirata, come stretti valori individuali il Milan è abbastanza lontano dai campioni d’Italia: se si giocasse alle figurine, ruolo per ruolo, la partita sarebbe decisa in partenza. Eppure il calcio è uno sport di squadra e, lo scrivevamo pochi giorni fa, in Italia il Diavolo sta un passo avanti a tutti: quella rossonera è un’orchestra perfetta, ultra contemporanea, di gran lunga superiore alla somma dei suoi strumenti e che anzi si ravviva con i cambi in corsa, chiunque (o quasi) entri.

Pioli, con la sponda della società e di un gruppo disponibile (oltre che disposto a faticare e a mettersi in discussione), ha costruito una squadra davvero “indiavolata”: che attacca in sei uomini, difende alta ed aggressiva, pressa forsennata a tutto campo, gioca gli uno contro uno in ogni zona del rettangolo verde senza paura. Ma soprattutto, che ha acquisito una fiducia nei propri mezzi – e nei propri obiettivi – sorprendente per una rosa così giovane: la settimana scorsa Kjaer parlava di un Milan difficile da battere per chiunque, e ieri gli ha fatto eco Tomori:

«Sento che quest’anno possiamo vincere qualcosa».

milan inter
Uno dei tanti duelli ieri in campo

Insomma, sopravvissuto a ieri sera e anzi uscito in crescendo (i rossoneri stanno bene anche fisicamente), il Milan è pronto per arrivare fino alla fine. Probabilmente più del Napoli, che gioca un bel calcio, a volte troppo bello per essere concreto davvero. Dall’altra parte l’Inter, che ha dimostrato come ci siano più modi di mettere intensità e qualità in una partita. Oggi Arrigo Sacchi, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha parlato di una stracittadina scontro di stili: il Milan dai ritmi europei, e l’Inter “paziente e furba”.

«Quella nerazzurra – ha continuato – è una squadra molto italiana. Il motto è chiaro: primo non prenderle. E poi si va via in contropiede. Ha elementi di ottima qualità e di buone qualità fisiche, alla lunga risultano decisivi. Però dovrebbe vere più coraggio».

Al di là della conclusione di Sacchi, fin troppo ideologica come spesso accade, per cui «una squadra, il Milan, ha cercato di promuovere il calcio e l’altra, l’Inter, ha cercato di fregarla», in realtà sono i nerazzurri a poter recriminare di più: Inzaghi ha preparato un’ottima partita, rispolverando quelle transizioni offensive fulminee e di grande qualità che aveva mostrato anche alla guida della Lazio. Con interpreti e cifre diverse, certamente, ma non arenandosi mai in un possesso palla sterile, anzi: evidenziando una capacità di aggressione e di andare in verticale tanto intelligente quanto a tratti devastante, subendo per giunta molto poco in difesa fino al rabbioso assedio milanista dell’ultimissima fase di gara.

Anche qui, i dati parlano chiaro: a vedere le statistiche il Milan ha tirato di più, sia verso la porta che nello specchio, ma l’esperienza sensibile ci dice altro (considerato pure che il gol rossonero è maturato per un’autorete, e soprattutto le clamorose palle gol interiste). Insomma, l’Inter ha tirato meno ma molto meglio: è stata più chirurgica, ha giocato per larghi tratti da grande squadra – “dominando”, per rifarci alle parole del suo tecnico – ed ha avuto più occasioni reali. Eppure, e forse proprio in virtù di ciò, che il Milan sia rimasto sempre in gara, tornando con forze inspiegabili nel finale, la dice lunga sullo stato fisico e psicologico della squadra di Pioli. Il campionato è ancora lungo, ma intanto alcune certezze le abbiamo già acquisite.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
24 Settembre 2021

Pioli, non t’allargare

Il calcio non è flipper, grazie.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.