Carrello vuoto
Calcio
7 Ottobre

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Antonio Aloi

18 articoli
Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?

«Sta tornando il grande Milan», il Milan dei Maldini, degli Sheva e dei Seedorf. Il paragone affrettato e pericoloso rimbalza di titolone in titolone. Il primo posto in classifica, con zero goal subiti, è in effetti sorprendente se si analizzano le ultime fallimentari annate del diavolo, ma il “grande” Milan è lontano più di qualche miglio.

 

 

«È doveroso smarcarsi da questi paragoni», afferma Costacurta a Sky Calcio Show, ed è anche utile, aggiungiamo noi, per costruire una propria identità lontana dall’invadenza del peso della storia. Doveroso comunque sottolineare le sei vittorie consecutive, i 15 goal segnati e 4 subiti, tra Europa League e campionato, a riprova del fatto che i rossoneri stanno tornando ad essere una vera squadra.

 

 

I numeri post lockdown innalzano Ibra and co. a miglior squadra del campionato italiano: 19 risultati utili consecutivi, 35 goal segnati, 30 punti conquistati e ben 12 giocatori diversi in goal. Al di là delle sterili statistiche sorprende il dato relativo alla eterogeneità delle reti segnate; questo è lo specchio di una squadra nella quale il singolo è esaltato dal gruppo. Giocatori come Bennacer, Kessiè, Leao e Calhanoglu da crisalidi si sono risvegliati nel corpo di splendide farfalle, con buona pace di un Boban prematuramente silurato.

 

milan maldini boban
Zvonimir Boban insieme a Paolo Maldini prima di un Milan-Sassuolo, dicembre del 2019 (foto di Marco Luzzani/Getty Images)

 

 


OCCHIO NON VEDE, CUORE NON DUOLE


 

Sulla ritrovata verve agonistica rossonera ha influito sicuramente il lockdown e i conseguenti stadi vuoti. L’assenza di pubblico è stata e sarà protagonista di questo malinconico calcio pandemico, ma non per tutte le squadre è un male.

 

Un dato da sottolineare, estrapolato da Transfermarkt, ci segnala come il Milan sia infatti la squadra più giovane, in termini di età media, del campionato. Indossare questa casacca è difficile per chiunque, ma poterlo fare senza la paura di prendersi i fischi degli 80.000 di San Siro è decisamente un vantaggio.

 

Prova ne è che i rossoneri oggi siano una squadra dal possesso palla sicuro, con una media del 60%, volto alla verticalizzazione pungente e alla ricerca della porta. La media delle chiare occasioni da goal si attesta sulle 3-4 chance a partita mentre i tiri, nello specchio, si consolidano su una media di 7 a partita. Tutti questi dati possono tranquillamente essere tradotti in un’assenza di paura che favorisce la ricerca di giocate anche rischiose. Lockdown foriero di certezze e capisaldi, quindi, che hanno trasformato la squadra in termini di intensità e risultati.

 

 

La domanda è se queste prestazioni si affievoliranno con l’ormai distopico ritorno di pubblico allo stadio. Il fatto che una squadra giochi bene ed ottenga risultati, senza spettatori, dovrebbe far riflettere sul coefficiente di personalità dei singoli. Di sicuro, la pandemia ha aiutato anche e soprattutto Stefano Pioli. Il mondo rossonero, prima della ripresa del campionato, ne chiedeva a gran voce la testa sognando grandi successori. Da giugno in poi, invece, è sbocciato un amore duraturo che ha portato alla riconferma del sobrio mister milanista.

 

 


STEFANO PIOLI, L’UOMO GIUSTO AL MOMENTO GIUSTO


 

È vero che Ibra ha portato fiducia nei giovani compagni, ma al di là dei proclami da Dio il vero fulcro della squadra sembra essere l’allenatore emiliano. Pioli ha scelto di perseguire la strada del pragmatismo, con giocatori che agiscono nei ruoli di competenza, senza inventarsi nulla di strano. Da più parti si avverte l’aria di un gruppo coeso, favorito dal continuo confronto ed una svolta next-gen, che a Milanello non si vedeva da tempo. Il mister rossonero ha rivalutato un settore giovanile che evidentemente doveva uscire dalla sterilità, promuovendo in pianta stabile Colombo, Gabbia e il predestinato Maldini (oltre ai rinforzi di Tonali e Hauge).

 

ibrahimovic pioli milan
I due principali protagonisti della rinascita del Milan (foto di Alessandro Sabattini/Getty Images)

 

Proprio sul rapporto fondamentale con lo spogliatoio, utile alla costruzione di un progetto vincente, durante le interviste post Spezia, Pioli ha dato un saggio di gestione intelligente ed onesta:

 

«Sono ragazzi da capire e da stimolare, ognuno ha una chiave di accesso differente. Kessiè? È molto sensibile e positivo, abbiamo avuto qualche frizione di troppo all’inizio. Ci sono state delle discussioni, certe cose non mi erano piaciute e ci siamo confrontati. L’obiettivo è ottenere sempre il massimo da ciascuno di loro».

 

Stefano Pioli non è uno stregone, non rimpolpa la falange degli allenatori superstar dagli stipendi esagerati e dalle conferenze hollywoodiane, non comunica ossessivamente sui social ma fa il suo lavoro alla vecchia maniera: sul campo. Il Milan cresce ed aveva bisogno di crescere, aveva bisogno di ritrovare stabilità e continuità progettuale in un calcio tritacarne. Sia chiaro però, non ci troviamo di fronte ad una squadra che ha le credenziali, ad oggi, per poter competere ad armi pari con le corazzate Juve, Inter ed Atalanta. La rosa in più reparti è corta e forse neanche troppo all’altezza, in termini di qualità individuali, per puntare ad un traguardo così elevato.

 

 

I rossoneri giocano bene ma hanno anche affrontato avversari ampiamente alla loro portata, talvolta anche soffrendo (come in Europa League col Rio Ave). Il “grande” Milan, con buona pace dei tifosi milanisti, è ancora lontano anni luce. La strada segnata è quella giusta ma il grande Milan è un’altra cosa. Serve dimostrare qualcosa di più che dominare Crotone, Spezia e Bologna. Fare 9 punti contro avversarie alla portata, in effetti, per il Milan suona come obbligo. Sognare è gratis e non costa nulla ma rimanere con i piedi per terra è fondamentale per cercare di costruire solide fondamenta. In questo Pioli è maestro e la società lo ascolta. Il Milan di Atene e Manchester è un lontano ricordo ma il futuro inizia a schiarirsi.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Podcast
La Redazione
2 Ottobre 2021

San Siro non si tocca

Ne abbiamo parlato con Riccardo Aceti, ingegnere al Politecnico di Milano.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Federico Brasile
24 Settembre 2021

Pioli, non t’allargare

Il calcio non è flipper, grazie.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.