Carrello vuoto
Calcio
16 Novembre

Mircea Lucescu e la libertà dagli schemi

Alberto Maresca

27 articoli
Come la cultura rom ha plasmato l'allenatore.

Mircea Lucescu e Mario Giordano. Lasciamo alla fantasia di ciascuno immaginare un connubio tanto improbabile. Come potrebbero mai essersi incontrate le strade del grande uomo calcistico e del conduttore televisivo? Eppure è accaduto, seppur “virtualmente”, nemmeno troppo tempo fa. Nel maggio del 2009 Lucescu scriveva l’ennesima pagina del suo istrionico ma trionfante romanzo personale, sollevando la Coppa UEFA con lo Shakhtar Donetsk, su cui ritorneremo. Ai tempi Giordano era il direttore della testata “Il Giornale” e, all’indomani del citato trionfo europeo, autorizzava sulle colonne del quotidiano un articolo a riguardo:

 

“Mircea Lucescu, 64enne zingaro romeno della panca, porta a casa la coppa…”. Il qui pro quo assumeva persino una dimensione diplomatica, poiché l’Ambasciata di Romania denunciava ufficialmente Giordano per il taglio xenofobo adottato. Immaginatevi il rimbalzo mediatico della cosa.

 

Nessuna offesa per Lucescu, anzi, lui lo prende come segno di rispetto. Il solo fatto che la stampa italiana ne abbia citato l’etnia per meriti sportivi è per Mircea motivo d’orgoglio. Lucescu, non a caso, lo lascia trapelare attraverso un’evidente distanza dalla reazione dell’Ambasciata.

 

 

La Romania post comunista vive e opera, anche a livelli istituzionali, con una tangibile differenziazione razziale fra bianchi e rom. L’Ambasciata ha voluto soltanto evitare che il secondo personaggio locale celebre all’estero, dopo Hagi, potesse essere identificato con il ceppo sbagliato. Nella sua longeva carriera, comunque, Mircea Lucescu ha perennemente sottolineato la sua estraneità alla governance romena, rifiutando in varie occasioni le offerte della Steaua Bucarest. Una scelta che esula dal tifo; Lucescu ha difeso sia da calciatore sia da tecnico i colori della Dinamo e del Rapid, lasciandosi scappare la ribalta nazionale in favore dell’idealismo.

 

mircea lucescu calciatore
Lucescu a Wembley nel 1969 per sfidare l’Inghilterra con la sua Romania (foto di Evening Standard/Hulton Archive/Getty Images)

 

 


L’incredibile vita di Mircea Lucescu


 

Mircea Lucescu, come tanti altri romanì, è cresciuto a Ferentari, sobborgo della capitale. Le zone periferiche est-europee abbiamo oramai imparato a conoscerle, ma Ferentari simboleggia una diversa forma di abbandono urbano. È un ghetto senza mezzi termini in cui i rom sono relegati ed emarginati in uno scenario quasi distopico. A partire dall’AIDS, iniettato appositamente ai bambini per concedergli di nutrirsi negli ospedali cittadini.

 

 

Le esperienze di Lucescu ne raccontano l’integrità. Anche da CT ha plasmato il sistem fotbal verso l’inclusione formativa nei vari scaglioni della Federazione Romena. Qualunque calciatore convocato da lui riceveva una scheda tecnica e una culturale da seguire; la seconda prevedeva l’apprendimento di almeno una lingua straniera e l’iscrizione all’Università, pena l’esclusione dal ritiro. A proposito, di lingue Mircea Lucescu ne conosce sei.

 

 

Il suo principale idioma calcistico resta però, innegabilmente, l’italiano. Sin dai tempi di Pisa, l’allenatore ha compreso la sua missione nel nostro calcio: salvarlo dal pragmatismo antiestetico. E allora 4-3-3 radicale con spazio alla fantasia. Certo, i risultati talvolta gli hanno dato torto ma le sue formazioni italiane, come Brescia e Reggiana, sono state delle romantiche meteore dalla spettacolarità incomprensibile per la platea nazionale. Vittime, come il loro allenatore, del risultatismo made in Italy.

 

mircea lucescu galatasaray
Nella folle notte dell’Olimpico contro la Roma, da allenatore del Galatasaray (foto di Grazia Neri/Getty Images)

 

 

Riguardando le partite di quell’Inter targata Baggio, Ronaldo e Zamorano, possiamo comprendere l’edonismo di Lucescu, e un’estetica calcistica ormai scomparsa in Italia. Mircea si è a tratti involontariamente calato nella metafora socio-sportiva del Belpaese: il rom del calcio emarginato dal tatticismo stringente, come avviene per gli zingari negli angoli delle nostre città. L’esclusione del diverso, o meglio dell’inadatto, con le dovute proporzioni.

 

 

Tuttavia, a differenza del dibattito politico, sorgono pochi dubbi sul mea culpa che stampa e calcio italiano dovrebbero recitare. In altri lidi, feudi orientaleggianti vergini dall’imprinting calcistico modernista, Mircea Lucescu si è infatti affermato, ottenendo il giusto riconoscimento internazionale. Tanti allenatori, soprattutto coloro i quali hanno sposato cause esotiche, come Marco Rossi CT dell’Ungheria, lo paragonano a Bielsa. E in effetti, le analogie sono molteplici.

 

 

 


Lo Shakhtar, colonia brasiliana


 

L’epopea di Mircea Lucescu si costella di scene assimilabili a un’opera di Kusturica, sottile narratore della tradizione gitana. Un viandante testardo, che si lascia trasportare non dalle opportunità bensì dal suo modo di vedere le cose (e quindi il calcio) che vive con lo stesso edonismo dei personaggi di “Gatto nero, Gatto bianco”, capolavoro grottesco sull’etnia rom. Volendo spezzare una lancia in favore del tecnico romeno, rispetto al visionario argentino, la sua emotività difficilmente ne sovrasta l’aspetto professionale.

 

Per la sua ederlizi, primavera, Mircea Lucescu è dovuto andare in Ucraina. Il calcio ucraino, lo stesso di Lobanovski’j e dello scientifismo atletico, viene spazzato via. Lucescu prende lo Shakhtar Donetsk nel 2004 e ne plasma la campagna acquisti a tinte verdeoro: ricorderete senz’altro Elano e Matuzalem.

 

In dodici anni, il viaggio aereo da Rio al gelido Donbass lo compiranno in ventidue. Lucescu riesce a mantenere in vita il suo progetto anche con lo scoppio della guerra civile, convincendo i sudamericani, comprensibilmente impauriti, a restare malgrado la crisi bellica. Penetra talmente negli animi degli stranieri in squadra da renderli sentimentalmente affini alla situazione, rappresentanti della felicità dei propri tifosi per cui dovevano continuare a giocare.

 

 

Le ederlizi, le primavere gitane, sono oggi 75 per Mircea Lucescu, festeggiate sulla panchina della Dinamo Kiev che abbiamo di recente visto impegnata contro la Juve. Lucescu contro Pirlo, nel cui repertorio (di calciatore) un pizzico di Mircea ha senz’altro albergato grazie all’esperienza bresciana. Lucescu continua nel frattempo a organizzare partite, rigorosamente all’estero, per i non convocati durante le pause nazionali. La squadra festeggia a teatro, non al ristorante, e in ognuna c’è almeno un connazionale romeno. La metà della sua esistenza, in fondo, Mircea Lucescu l’ha trascorsa su una panchina: col vento contrario, su una strada che lo conduceva verso Est.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
Luca Pulsoni
26 Febbraio 2022

Lo sport si è svegliato, forse

O meglio è stato obbligato a farlo.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre 2021

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Ritratti
Marco Armocida
2 Maggio 2021

Junior Messias è uno spirito libero

Il brasiliano gioca un calcio in via d'estinzione.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Storie
Pablo Malevic
20 Gennaio 2021

Garrincha viveva per il dribbling

Abbasso la scienza, viva la fantasia!
Calcio
Simone Galeotti
14 Gennaio 2021

Palmeiras è sapore italiano

Palestra Italia è in finale di Copa Libertadores.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Interviste
Annibale Gagliani
27 Novembre 2020

Fabio Cordella ai confini del mondo

Intervista a un Odisseo nel calcio, primo DS italiano in Brasile.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Storie
Matteo Picconi
27 Ottobre 2020

La squadra di Ceausescu

Il Viitorul Scornicesti per capire il regime rumeno.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre 2020

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
7 Luglio 2020

Bolsonaro condanna il Brasile e il suo calcio

La ripresa del campionato statale di Rio è solo l'ultimo folle provvedimento presidenziale.
Ritratti
Vincenzo Di Maso
13 Maggio 2020

La dittatura del colonnello Lobanovsky

Un uomo geniale che non potrebbe convivere con il calcio odierno.
Ritratti
Alberto Maresca
25 Marzo 2020

Felipe Melo, il mastino incompreso dal cuore d’oro

Controritratto del Comandante, rinato in Brasile e popolare come non mai.
Calcio
Diego Mariottini
2 Marzo 2020

Te lo do io Zico

La Leggenda di uno dei più forti numeri 10 della storia del calcio.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
27 Dicembre 2019

Roberto Firmino: l’attaccante invisibile

Celebrazione di Roberto Firmino, l'attaccante invisibile della squadra più forte al mondo.
Calcio
Alberto Maresca
17 Dicembre 2019

La retrocessione del Cruzeiro non è solo un dramma sportivo

Per la prima volta nella sua storia, A Raposa è finita nei bassifondi della classifica brasiliana.
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre 2019

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Novembre 2019

Gabigol ha scritto la storia

L'ex bidone dell'Inter ci ha ricordato qual è lo sport più bello del mondo.
Storie
Diego Mariottini
19 Novembre 2019

1000 volte Pelé

Cinquanta anni fa, 19 Novembre 1969, il calcio si ferma: Pelé mette a segno il gol numero 1000 in carriera.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
28 Agosto 2019

Neymar è diventato un pagliaccio

Ma è ancora in tempo per salvarsi.
Recensioni
Gianni Agostinelli
25 Luglio 2019

La partita

Piero Trellini ne “La partita”, suo ultimo libro dedicato a Italia vs Brasile del 1982, parte dal calcio per parlare di vita e di uomini.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
8 Luglio 2019

Il trionfo del Brasile nel segno di Tite

La vittoria del Brasile non è un caso.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
3 Luglio 2019

Come mangiarsi l’Asado

Semifinale senza storia. Brasile superiore, Argentina in crisi d'identità.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
27 Giugno 2019

Buttare un occhio sulla Copa America

La vera Copa inizia adesso.
Papelitos
Alberto Maresca
24 Giugno 2019

Orgoglio Venezuela. Chi ha fame vince sempre

Il Venezuela ha passato il proprio girone in Copa America.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
31 Maggio 2019

L’incognita Scaloni e i sogni dell’Argentina

Sui limiti e le speranze dell'Albiceleste, pronta alla Copa America 2019.
Tifo
Michelangelo Freda
29 Gennaio 2019

The Club Shakhtar, tifosi sul fronte

Intervista al The Club, il gruppo ultras più influente dello Shakhtar Donetsk, tra tifo organizzato, nazionalismo e guerra.
Tifo
Michelangelo Freda
16 Dicembre 2018

Lo Shakhtar a Kiev non è di casa

Uno striscione apparso durante il match di Champions League evidenzia la tensione interna allo stato ucraino.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
26 Ottobre 2018

Gremio corsaro, Boca da sogno

Cosa ci hanno detto le due semifinali di andata della Copa Libertadores.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
7 Agosto 2018

Il miracolo di Gordon Banks, ep. I

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte I.
Storie
Niccolò Maria de Vincenti
30 Maggio 2018

Corea e Giappone 2002

Pentacampeões.
Storie
Maurizio Fierro
22 Maggio 2018

Francia 98

Le Monde est à nous.
Storie
Maurizio Fierro
15 Maggio 2018

USA 94

Di rigori e lacrime.
Recensioni
Gezim Qadraku
10 Maggio 2018

Curva Est

Un viaggio calcistico nella cultura dei Balcani.
Storie
Maurizio Fierro
27 Marzo 2018

Messico 70

Mexico e nuvole.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
19 Marzo 2018

Le lacrime di Robinho

Il chicco di grano che non diede frutto.
Recensioni
La Redazione
15 Marzo 2018

Eternamente Ronaldo

Da un frammento di Sfide, una giocata incredibile del fenomeno brasiliano. Commenta Pizzul.
Storie
Michelangelo Freda
21 Novembre 2017

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Storie
Raffaele Arabia
20 Maggio 2017

El Coloso de Santa Úrsula

Storia e leggende dello Stadio Azteca.
Ritratti
Riccardo Nicolini
9 Novembre 2016

Sòcrates, la via calcistica al socialismo

La democracia corinthiana e il valore della politica, in senso lato.