Carrello vuoto
Calcio
15 Luglio

Il Monza è lo specchio di Berlusconi e Galliani

E infatti la Serie A non è più una chimera.

Centro sportivo Monzello, dicembre 2019. Rivolgendosi ai propri tifosi, già bendisposti per i risultati della squadra sul campo, Berlusconi esclama con giovialità: «Galliani non scopa più. Io fino a poco tempo fa lo facevo sei volte al giorno, ma adesso…». Insieme ad Adriano, Silvio è alla ricerca di un (erotico) sogno impossibile: portare il Monza in Serie A. Per trasformare l’onirico in reale, l’ex presidente rossonero non poteva che affidarsi al compagno di una vita, collaboratore di fiducia e amico di vecchia data. Galliani è come l’ombra di Berlusconi. Dove si muove il Cavaliere, lì c’è anche lo zio Fester.

Certo, molta è la distanza, e non solo di qualche lettera e chilometro, tra Monzello e Milanello. Il confronto è ingeneroso, ma occorre comunque chiedersi, dato lo spessore delle due figure: davvero Berlusconi e Galliani sono ancora disposti a ballare? Occorre qui subito una precisazione. Di fatto, il presidente del Monza è Berlusconi Paolo, non Silvio suo fratello (proprietario del club tramite Fininvest). Cambia poco. Come ai bei tempi del Milan, difatti, il Cavaliere fa sentire la propria voce a società e giocatori, allo staff come all’allenatore (Cristian Brocchi, non a caso un altro baluardo rossonero):

«L’innamoramento per una squadra che senti tua, e lo è, non può essere che totale. Con i ragazzi e l’allenatore faccio quello che ho sempre fatto al Milan. Li sento, do loro dei consigli, li stimolo, mi complimento con loro per le prestazioni sul campo, mi spingo a fare delle osservazioni se c’è nel loro comportamento qualcosa che non va. Insomma, non ho perso le mie buone abitudini di sempre».

Le buone abitudini. Quelle che con Capello come con Sacchi, con Carletto Ancelotti come con Allegri, hanno “abituato” gli allenatori di casa Berlusconi a trasformarsi in lungimiranti psicologi, in fini intellettuali, in strateghi preparati e completi, vincenti infatti a Milanello come fuori dai confini lombardi. Si spera di replicare con Christian Brocchi, che al Monza è arrivato con un obiettivo mai segreto, poiché apertamente dichiarato in primis dal duo Berlusconi-Galliani: salire in Serie A.

Come? Con una squadra tutta italiana (sono solo tre, attualmente, i giocatori in rosa non italiani), con un progetto fatto di giovani e lungimiranza (l’età media è attualmente di 26 anni), in una delle zone (industrialmente) più produttive d’Italia. Perché mai in quel di Monza, a cui basta e avanza il circuito ormai da più di un secolo, dovrebbe sbocciare l’amore per il calcio? Perché Berlusconi e Galliani hanno scelto proprio il Monza?

berlusconi galliani
Silvio Berlusconi e Adriano Galliani durante il derby del 2015 tra Milan e Inter (foto di Pier Marco Tacca/Getty Images)

Secondo una leggenda, la regina Teodolinda, addormentatasi lungo la riva del Lambro durante una battuta di caccia del re e della corte longobarda, avrebbe visto in sogno una colomba, simbolo dello Spirito Santo. Il grazioso volatile le avrebbe sussurrato: «Modo» (qui), ad indicarle il luogo in cui Teodolinda avrebbe dovuto erigere una chiesa in nome di Dio. La risposta della regina, «etiam», confermò il volere divino. Modo, etiam, Modoetia: ecco l’antico nome della città di Monza. L’episodio è narrato nel ciclo di affreschi dei fratelli Zavattari, presenti sulle pareti della Cappella di Teodolinda nel Duomo di Monza.

La volontà della regina Teodolinda è la stessa che guida il duo Berlusconi-Galliani dal giorno uno dell’acquisizione della società lombarda: fare di Monza un baluardo. Per la prima un baluardo del cattolicesimo, per i secondi un baluardo del calcio italiano. Monza è una città che vive di ambizioni e sogni (rivelatori): da sempre. Berlusconi lo ha appreso col tempo, Galliani lo sa fin dal primo vagito:

«È inutile nascondersi: vogliamo portare il Monza in Serie A. Ora arriva il difficile, ma le premesse per centrare l’obiettivo ci sono tutte. La nostra continua a essere un’operazione romantica, vogliamo provare a portare la terza provincia della Lombardia in A: è l’unica a non esserci mai stata e vogliamo dare questa gioia alla città dove io sono nato».

Monscia, come viene chiamata qui, nel 1951 conta 73.000 abitanti. Nel 1981, dopo appena trent’anni, arriva a quota 123.000, quasi il doppio. In questa parte d’Italia, dove produzione e abnegazione sono innestate nelle radici della città fin dai tempi dei longobardi, ogni cosa è volta all’utile. E col calcio, allora, cosa avrebbe a che fare Monza? Qui tutti tifano Milan, Inter o Juventus. Dopo l’exploit dell’Atalanta, poi, chi ha bisogno di un’altra storia costruita dal basso, fatta di sacrifici e passione, di sudore e lotta – e naturalmente di investimenti – che racconti l’ennesima “favola” italiana?

Ma a Monza la favola, proprio come a Bergamo, non esiste. L’Atalanta è ormai stabilmente tra le prime quattro squadre del nostro campionato e, al momento, tra le prime otto d’Europa. Il Monza, partito dalla Lega Pro (2018), è stato recentemente promosso (tramite FAX, dopo lo stop dei campionati causa coronavirus) in Serie B insieme a Vicenza e Reggina – a proposito di piazze pesanti. Dopo 19 anni di attesa il Monza ce l’ha fatta. Galliani e Berlusconi, insieme con Brocchi e un gruppo di giocatori allevato con cura e continuo stimolo, hanno portato il Monza dove si trova oggi, ad un passo dalla Serie A.


Sul campo, i numeri hanno raccontato un dominio che Berlusconi prima e Galliani poi hanno spalmato in dichiarazioni frizzanti ed ambiziose. Alle parole, come spesso capita con il Cavaliere e il suo compare Adriano, sono seguiti i fatti: 18 vittorie, 7 pareggi e 2 sole sconfitte, 16 punti di vantaggio sulla seconda al momento dello stop dei campionati; sono numeri impressionanti per i bagaj (ragazzi, in dialetto monzese) di Brocchi. Argento vivo ha saputo sapientemente plasmare una creatura che Berlusconi e Galliani gli avevano preparato con tutti i crismi del caso.

Alla filosofia dei primi due anni però – quella cioè di puntare quasi esclusivamente su giovani ed italiani – si è recentemente aggiunta la vena imperialistica mai sopita del Cavaliere, che si è lasciato andare a dichiarazioni a dir poco esorbitanti. Non di natura sessuale, questa volta, ma di calciomercato: da Ibrahimovic a Kakà, passando per Maldini (figlio), Berlusconi ha fatto sognare i tifosi del Monza.

C’è grande attesa allora per il mercato della formazione biancorossa, tra le favorite al titolo cadetto. Ma l’ambizione non è una mela caduta dall’albero. E il duo Galliani-Berlusconi lo sa bene. La Serie B è un campionato tosto, difficile, per cui servono preparazione ed esperienza, voglia e risorse. Sulle ultime due, pur non essendo più il Berlusconi dei tempi del Milan, non possiamo dubitare. Su preparazione ed esperienza, invece, l’organigramma societario parla da sé.

Galliani, amministratore delegato, affiancato da Paolo Berlusconi, dall’avvocato Leandro Cantamessa e da Leonardo Brivio, tutti uomini pesanti nell’ultimo grande Milan della storia recente. Danilo Pellegrino, amministratore delegato di Fininvest, Elio Lolla di Intesa Sanpaolo e Roberto Mazzo, trait-d‘union con la proprietà precedente, anch’essa dal DNA milanista: parliamo di Nicola Colombo, figlio di Felice.

Lo stesso Felice Colombo a cui Berlusconi “toglie” il Milan nel lontano 1986, per portarlo sul tetto del mondo. A Monza la storia si è ripetuta, a dimostrazione del fatto che l’eterno ritorno dell’uguale non è uno scherzo né una chimera da strambi filosofi. Già ai tempi del Milan, comunque, Berlusconi conosceva e bene la piazza e la squadra di Monza. Qui venivano mandati quei giocatori ancora acerbi, per faticare nelle categorie inferiori e tornare con lo spirito forgiato dal sudore di un calcio tecnicamente inferiore. Basta fare alcuni nomi: da Beccalossi a Costacurta, da Massaro a Casiraghi, da Di Biagio a Ganz, per finire con grandi allenatori come Liedholm e Radice.

«Ho sempre seguito il Monza con grande simpatia, abitando ad Arcore ormai da più di trent’anni. Conoscevo il presidente Valentino Giambelli fin dagli anni ’80: ricordo anzi di aver visto assieme a lui la finale di Coppa Italia Monza-Palermo alla fine della stagione sportiva 1987/1988. E conosco ovviamente Felice Colombo, con cui ho sempre avuto rapporti molto cordiali».

La storia si ripete, ritorna ciclicamente sussurrando all’orecchio del tempo: non esisti. Berlusconi e Galliani al Monza ne sono una prova inconfutabile.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Diego Mariottini
7 Giugno 2022

Il rogo del Ballarin, una tragedia dimenticata

Il più grande dramma in uno stadio italiano, in un periodo molto delicato.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Tifo
Simone Meloni
25 Dicembre 2021

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Tifo
Antonio Torrisi
31 Maggio 2021

La Ternana ha il cuore d’acciaio

Il calcio come specchio della città.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Italia
Michelangelo Freda
2 Maggio 2021

C’erano un coreano, un calabrese e la Sambenedettese

Una vicenda che farebbe ridere se non facesse piangere.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Marzo 2021

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Italia
Giacomo Maria Bertocco
5 Marzo 2021

Resurrezione a Venezia

La città più bella del mondo nel calcio, tra nostalgie e speranze.
Ritratti
Domenico Rocca
6 Febbraio 2021

Erasmo da Taranto

Erasmo Iacovone, l’uomo e il simbolo.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Matteo Mancin
19 Gennaio 2021

La favola del Castel di Sangro

Memorie sull'indimenticabile cavalcata condotta da Osvaldo Jaconi.
Calcio
Michelangelo Freda
16 Gennaio 2021

La Serie C morirà di promesse

La politica del calcio sembra quella parlamentare.
Calcio
Andrea Mainente
6 Novembre 2020

Lunga vita al Lanerossi Vicenza

La squadra e la città, unite per sempre.
Calcio
Michelangelo Freda
4 Novembre 2020

La Serie C è un campo di battaglia

Con molti più vinti che vincitori.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre 2020

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Calcio
Matteo Paniccia
25 Settembre 2020

Il Frosinone, leone di provincia

Grazie alla passione della famiglia Stirpe, il club ciociaro è diventato una della realtà più solide della Provincia del calcio italiano.
Calcio
Luca Pulsoni
20 Agosto 2020

La dura vita delle neopromosse in Italia

Neanche salgono in Serie A, e già sono con un piede in Serie B.
Ritratti
Francesco Andreose
3 Agosto 2020

Costantino Rozzi, il Presidentissimo per eccellenza

Il Grande Ascoli, l'indimenticabile presidente.
Calcio
Diego Pierluigi
30 Luglio 2020

Qualcuno salvi la Serie C

Concluso il campionato, si aprono i tribunali.
Ritratti
Lorenzo Fabiano
17 Giugno 2020

Se Gigi Fresco non ci fosse, bisognerebbe inventarlo

Un unicum in Italia: allenatore e presidente, ma ancor prima idealista e uomo di cuore.
Calcio
Francesco Andreose
9 Maggio 2020

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile 2020

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Interviste
Michelangelo Freda
29 Marzo 2020

Il Coronavirus sta facendo implodere il calcio

Abbiamo intervistato Pippo Russo sulle possibili ripercussioni dell'emergenza nel calcio.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo 2020

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Ritratti
Rudy Galetti
25 Marzo 2020

Ruud Gullit era fuori dal coro

Un calciatore e ancor prima un uomo extra-ordinario.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Marzo 2020

Le Squadre B servono solo per le plusvalenze

Una misura tanto invocata, ma con cui hanno perso tutti.
Calcio
Francesco Andreose
24 Febbraio 2020

Il riscatto del calcio di provincia

Le serie minori credono ancora nel calcio di una volta.
Calcio
Remo Gandolfi
8 Febbraio 2020

La rivincita di Roberto D’Aversa

Alla faccia del bel gioco, il Parma di D'Aversa stupisce nel segno della tradizione italiana.
Calcio
Michelangelo Freda
12 Gennaio 2020

Pandemonio Serie C

Oggi riparte la Serie C. Ma i problemi della Lega Pro sono ancora lungi dall'essere risolti.
Storie
Diego Mariottini
16 Dicembre 2019

La fine di re Giorgio

Nel 1984/85 affonda definitivamente il progetto Chinaglia per una Lazio competitiva, mentre il Verona lancia la fuga verso lo scudetto.
Tifo
Jacopo Benefico
29 Novembre 2019

Brescia-Atalanta è storia, ma senza tifosi che derby è?

Contro-storia del derby più sentito del Nord Italia.
Calcio
Michelangelo Freda
20 Novembre 2019

La Serie C va abolita in favore del semiprofessionismo

Le fondamenta della Serie C scricchiolano sempre di più, tra forfait e fallimenti: è tempo di riforme, si impone il semiprofessionismo.
Storie
Sergio Taccone
21 Ottobre 2019

Milan 1981, l’annus horribilis

Il racconto del campionato 1981/82, la stagione più infausta in centoventi anni di storia rossonera.
Calcio
Umberto De Marchi
15 Ottobre 2019

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Calcio
Marco Metelli
21 Agosto 2019

Grazie, Brescia

Una grande piazza del nostro calcio è tornata a sognare.
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno 2019

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Storie
Domenico Rocca
19 Giugno 2019

Cento anni di Salernitana

La Salernitana è sopravvissuta un secolo a tanti bassi e pochi alti ma risultati, categorie, presidenti e dirigenti non hanno minimamente scalfito l'autentica passione di tutta una città.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Giugno 2019

La Serie B è un enorme conflitto di interessi

L'annus horribilis della Serie B tra stravolgimenti, sentenze ad personam e clamorose smentite.
Interviste
Federico Cenci
12 Maggio 2019

Silvio Baldini, il calcio è identità non soldi

Pochi ori, tanti allori.
Calcio
Remo Gandolfi
14 Aprile 2019

Piermario Morosini

In memoriam.
Calcio
Michelangelo Freda
28 Marzo 2019

Avellino resiliente

L'Avellino calcio è l'espressione di un popolo abituato a soffrire ma che ha sempre saputo rialzarsi, anche nei momenti più duri.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Marzo 2019

In Serie C tutto tace

Proclami elettorali e propaganda twitteriana. Ma le riforme nel campionato di Serie C dove sono?