Carrello vuoto
Calcio
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Matteo Fontana

9 articoli
Così lo Special One ha perso.

La cronaca di un esonero annunciato non significa che sia arrivato l’autunno del patriarca. Sarebbe piaciuto, uno come José Mourinho, a Gabriel García Márquez. Gli avrebbe trovato un posto a Macondo, non fosse altro che per quel cipiglio che gli permette di nascondere la malinconia che è un tratto distintivo dei portoghesi, gente di terra, affacciata sull’oceano. C’è, nel modo di fare calcio di Mou, una sorta di realismo magico che “Gabo” avrebbe adorato. Il suo addio al Manchester United, avvenuto poche settimane fa, non è stato solamente un fatto di cronaca sportiva, peraltro aleggiante da mesi attorno alla ieratica panchina su cui sedeva lo Special One, che sarà meno one, ma che special lo è rimasto eccome. Luca Giannelli, su queste pagine, nel 2016, scriveva: «Si porta dietro un soprannome che ammazzerebbe un toro ma che su di lui ha l’effetto di un afrodisiaco». Qualcosa è cambiato, da allora? Mourinho è il Jack Nicholson del calcio, per la sua mimica facciale, la burbera presenza scenica, la genialità dei gesti. La freddezza con cui seduce. Eppure sì, niente è per sempre. Neppure lui. O, perlomeno, lo Special One as we knew him, quello che abbiamo conosciuto, capace di spezzare le coscienze degli appassionati: lo ami o lo odi? Per un insolito gioco filosofico, con Mourinho i sentimenti sono compatibili, ma anche per lui è arrivato il rintocco della campana: non sarà mai l’ultimo, però essere primo gli risulterà più difficile.

 

Il passato che non torna più?

 

Sign of the Times, cantava Prince nel 1987. Il segno dei tempi ha ingigantito anche le rughe di Mou. Non tanto quelle di un volto che resta iconico – i capelli brizzolati, il sorriso mariuolo, il mento aguzzo che si ammorbidisce in una curva sottile –, bensì il tracciato di un calcio, il suo, che è invecchiato. Non è avvenuto per questioni tattiche, o per un’incapacità del Grande Portoghese di aggiornarsi sulle evoluzioni di un pallone che è una centrifuga di idee: mente sapendo di mentire chi dice che ormai non s’inventa più nulla. Basta seguire un paio di allenamenti di una qualunque squadra della B italiana per accorgersi del cambiamento delle metodologie. No, Mourinho non è rimasto “indietro”, da questo lato, anzi. A superarlo è stato il costume con cui il calcio veicola se stesso. L’enorme bolla di mercato che è cresciuta negli ultimi dieci anni, gonfiata dall’ingresso sulla scena di potentati di nuovo corso (il Paris Saint-Germain), dal ritorno poderoso di club che erano stati esclusi dalla precedente crescita (la Juventus) e dall’impatto dei mega-procuratori (Jorge Mendes e Pini Zahavi sono burattinai di un business in cui le regole economiche sono eccezioni) non ha fatto altro che andare in consonanza con il definitivo boom del calciatore-azienda. Pasquale Foggia, già buon giocatore alla Lazio, al Cagliari e alla Sampdoria, adesso d.s. del Benevento, in una recente intervista rilasciata al “Corriere dello Sport” ha detto: «Sappiamo benissimo che se le cose vanno male il direttore è scarso e va a casa, il tecnico idem. Bastano due partite a far saltare tutto, fa parte del mestiere. E’ importante tenere su un unico binario tutto il personale, gestire le competenze, avere a che fare con venticinque giocatori, venticinque procuratori, tante mogli e mamme che twittano. Forse servirebbero più persone per tutto questo lavoro. Ma poi tutti parlerebbero di calcio e finiremmo come al bar». Il social-ismo ha rivoluzionato il mondo. A farne le spese è, tra l’altro, la credibilità professionale. E così anche un sensei quale José Mourinho può vedersi delegittimato. Da lì parte la sua sconfitta.

 

Mou è un campione dell’antimoderno. Ha elevato il conservatorismo del calcistico a religione laica. Trasformando Samuel Eto’o in attaccante-mediano-terzino, nella leggendaria Inter del Triplete, ha riunito le convinzioni di una Trimurti che va da Bela Guttman a Nereo Rocco, per culminare nella figura metafisica di Helenio Herrera. Non un difensivista, attenzione, ma un artigiano della cultura del sacrificio. Non c’era spazio per i “cinguettii”, nel mourinhismo, né per i dissidenti. Giusto o sbagliato? Di sicuro, del tutto fuori dalla logica degli spogliatoi di oggi, volendosi rapportare alla dimensione dei club che si sono sempre ritenuti da “Mou”. Non controlli più un Paul Pogba, imperatore di Francia, al Manchester United. Gli basta uno scatto pubblicato sull’account che più gli accomoda per far capire a milioni di followers che il re ha perso il diritto a tenere la corona. Un richiamo in allenamento fa saltare la mosca al naso a mezza squadra? La posta pneumatica del web fa da cassa di risonanza ai malumori. Perdi ai rigori una partita di Coppa di Lega con il Derby County (è accaduto, sissignori)? La tua autorità sarà presa a bersaglio da coach improvvisati, da manager che hanno appena vinto il campionato a “Top Eleven” e che, per questa ragione, sono certi di poter insegnare a un allenatore con due Coppe dei Campioni e qualche decina di titoli nel palmarès che cosa fare o non fare, bombardando pagine e pagine di Facebook con commenti assertivi e talmente inaciditi da indurti a chiedere se il british humour sia finito con le ultime puntate di “Mister Bean”.

 

La frustrazione di Josè

 

Sono arrivati gli haters, i teorici e pratici dell’uno vale uno pallonaro. Così il potere carismatico di Mourinho si è eroso. Lui, uomo di opposizione per eccellenza, ha dovuto confrontarsi con un governo che schiaccia i guerriglieri con un click. Ha riflettuto, sul Mou che sarà, Tommaso Pellizzari, in un’analisi pubblicata dal “Corriere della Sera: «Per ripartire non gli resta che una strada: accettare la sua vocazione anti-istituzionale, tornare a essere quello che dà l’assalto al Palazzo. Per poi non entrarci mai. I posti non mancano: Marsiglia, Lione o Monaco (ad esempio), per divertirsi a dar fastidio alla corazzata Psg. Ma il suo vero posto ideale sarebbe un altro: l’Atletico Madrid, ovvero i guastatori per eccellenza in quanto doppi guastatori, del potere blanco e dell’estetica blaugrana». Lo Special One come lo conosceremo sarà diverso. Ricordiamoci, però, che nei suoi anni al Man U, con l’ombra imponente di Sir Alex Ferguson al di là della parete, José Mourinho ha vinto, in due anni e mezzo, un’Europa League e una Community Shield. Nello stesso periodo, gli allenatori della new wave, social-isti per immagine, emblemi del calcio (a ragione) che ingolosisce i Millennials della Generazione Y, Mauricio Pochettino e Jürgen Klopp, molto sono piaciuti, ma si sono fermati più indietro, ovvero al classico “zero tituli”: un altro come Mou ancora non c’è.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
26 Maggio 2022

Le finali non si giocano, si vincono

La Roma torna a vincere in Europa dopo oltre 60 anni.
Estero
Marco Marino
9 Maggio 2022

Il Salford City, tra cuore e denaro

A Manchester non ci sono solo City e United (forse).
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
Federico Brasile
18 Aprile 2022

Di Canio sul Bodø Glimt ha ragione

Non nei modi (cassaniani), ma nel contenuto.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Federico Brasile
21 Marzo 2022

Mourinhani

La Roma è stata un manifesto del suo allenatore.
Papelitos
La Redazione
7 Marzo 2022

La resa totale del Manchester United

Per dirla con Roy Keane: “non voglio più vedere 5-6 giocatori”.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Ritratti
Marco Metelli
17 Novembre 2021

Louis van Gaal, maestro di vita

L'evoluzione di un allenatore incredibile.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre 2021

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Maggio 2021

Le finali non si giocano, si vincono

Il Villarreal è campione d'Europa.
Ritratti
Diego Mariottini
22 Maggio 2021

George Best, lunga vita ai ribelli

Il più grande affronto ad Eupalla.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.