Papelitos
28 Agosto 2022

Sentir parlare Mourinho è ossigeno puro

Uomini, altro che moduli e schemi.

I fatti li conosciamo, la Roma che dopo una prestazione scialba strappa un punto alla Juventus Stadium, e le dichiarazioni pure, soprattutto quelle con cui Mourinho ammette di aver avuto culo. D’altronde la sua Roma a Torino è stata lenta, imballata, a tratti deconcentrata; una squadra di cui il portoghese ha ammesso post-partita di essersi “vergognato”. «Cosa ho detto ad Allegri alla fine? Che abbiamo avuto un culo della Madonna nel primo tempo e poi nel secondo tempo abbiamo fatto qualcosa in più. Alla squadra ho detto che avevo vergogna di loro dopo il primo tempo, e non c’entra il modulo. Non possiamo avere questo atteggiamento, dicevo al mio collaboratore di pregare perché 1-0 dopo il primo tempo era fantastico (…) Abbiamo avuto fortuna, la gara poteva chiudersi nel primo tempo».

Ma il punto non è neanche tanto questo: “l’onestà”, con cui il tecnico portoghese ammette le mancanze dei suoi. Certo è una nota di merito parlare chiaro, soprattutto nel mondo così monotono del calcio contemporaneo – una virtù riconosciuta ad esempio in prima pagina sul Corriere dello Sport, che titola “Di speciale JM ha l’onestà”. Eppure non si esaurisce qui il discorso, alla brutale sincerità di Mou che tra l’altro fa parte della sua strategia dialettica, saggiamente alternata tra bastone e carota, tra responsabilizzazione dei suoi (quando li mette di fronte alle proprie responsabilità senza sconti), deresponsabilizzazione (quando chiama in causa invece nemici esterni) e incoraggiamento (quando li elogia pubblicamente, e largamente, ai microfoni).

È invece un piacere sentir parlare José Mourinho perché parla di uomini. Lo scrivevamo su queste colonne già tempo fa: quelli come lui vogliono uomini prima che giocatori.

E José di questi parla, restituendo a un calcio cervellotico, perso tra moduli e schemi, il suo carattere profondamente umano; perché sono gli uomini, e non gli schemi, a scendere in campo: «A me piace sentire qualche volta gente che è stata dentro il campo – ha detto dopo la partita –. Di Biagio diceva chiaramente “quando perdi palla nella prima fase non c’è tattica”. Quando perdi palla dopo due passaggi non c’è tattica. Non esiste la tattica, esistono capacità tecniche ed emozionali nella gestione. Quando dicevo che la partita di oggi non era collegata con quelle scorse qui (allo Stadium, ndr): bugia. Hanno pensato tutti lo stesso, i giocatori lo sentono». E ancora: «ovviamente è una questione di testa, nel secondo tempo abbiamo giocato 4-3-3 ma poi quando siamo tornati a 3 nel finale la squadra aveva comunque stabilità, non è una questione tattica ma di atteggiamento».



Ossigeno, ossigeno puro. Perché dopo partite del genere le heat maps, gli expected goals e le lavagne tattiche lasciano il tempo che trovano; così gli approfondimenti in studio sui moduli e gli opinionisti naufraghi nel mare della tattica, sballottati dai numeri come dalle onde. A parte il gol incassato il primo minuto dalla Roma, frutto di un sanguinoso pallone perso e di un fallo evitabile dopo un giro palla molle e indeciso, il problema giallorosso – almeno nel primo tempo – è stato l’atteggiamento, una variante insondabile e non identificabile, ma non per questo meno evidente agli occhi di chi “è abituato a stare in campo”.

Altro che la pretesa di trovare sempre una spiegazione, di analizzare tutto o quasi tutto con la tattica, con i 3-4-2-1 e i 4-3-3 (ieri).

Un’esigenza da maniaci del controllo che vivono il calcio come fosse matematica, come un calcolo che deve ridurre al minimo le variabili per approssimarsi all’esattezza. Ideologia degna e per certi versi obbligata dei nostri tempi, in cui i giocatori hanno sempre meno carattere e personalità, e dunque devono essere il più possibile catechizzati e “telecomandati”, per citare Nagelsmann. Mourinho a Roma ha ribaltato invece il paradigma di questi tempi molli e deboli, portando un valore aggiunto di personalità e trasformando buoni giocatori in uomini di personalità capaci di leggere i momenti della partita, di lottare restando concentrati, di far sentire tutto il proprio peso sul campo.

Il gioco di una squadra in fondo è visibile a tutti, il carattere solo a chi ha vissuto il pallone; è quello che ti porta a vincere le partite per 1-0, magari da calcio d’angolo, a conquistare trofei pur “giocando male”, a strappare punti anche quando si sta nelle più classiche delle giornate no. Mourinho ha portato questo, con i fatti e con le parole. E non lo ringrazieremo mai abbastanza per spiegarci (pure ai microfoni) che nello sport, e nella vita, a fare la differenza sono gli uomini. Pure in quest’epoca di fiocchi di neve in cui carattere e personalità sono concetti superati, fino quasi a sembrare una forma di violenza.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Federico Brasile

73 articoli
Se un lapsus condanna un uomo e una carriera
Papelitos
Federico Brasile
03 Dicembre 2022

Se un lapsus condanna un uomo e una carriera

Siamo una societa isterica e terrorizzata.
Perché guarderemo il Mondiale in Qatar
Editoriali
Federico Brasile
20 Novembre 2022

Perché guarderemo il Mondiale in Qatar

Peggio del Qatar c'è solo l'ipocrisia sul Qatar.
L’Ucraina: “FIFA, escludi l’Iran!” (e magari ripescaci)
Papelitos
Federico Brasile
01 Novembre 2022

L’Ucraina: “FIFA, escludi l’Iran!” (e magari ripescaci)

La richiesta ufficiale per Qatar 2022.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Mou e il social-ismo
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio 2019

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
La triste parabola di Lele Adani
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Genealogia dei nerd nel calcio
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
A Roma c’è chi coccola i tifosi e chi li umilia
Tifo
Gianluca Palamidessi
23 Aprile 2022

A Roma c’è chi coccola i tifosi e chi li umilia

Friedkin e Lotito: il derby della comunicazione è stravinto dal patron giallorosso.
José Mourinho, il ritorno “humble” dello Special One
Calcio
Matteo Donadoni
27 Novembre 2019

José Mourinho, il ritorno “humble” dello Special One

Abbiamo tutti bisogno di José Mourinho.