Papelitos
27 Febbraio 2018

Il muro giallo contro il calcio spezzatino

La protesta intelligente dei tifosi del Borussia Dortmund contro il “calcio moderno”.

Alla faccia di chi pensa che la Germania sia la terra dell’innovazione calcistica ad ogni costo, dell’accelerazione e del progresso continuo. Ieri sera (Lunedì 26 Febbraio, ndr) si giocava Borussia Dortmund-Augsburg. Una novità il Monday night per il calcio tedesco, che per la seconda volta in due settimane ha risposto negativamente. Lo scorso lunedì era toccato ad Eintracht Francoforte-Lipsia, e allora i tifosi di casa avevano fatto slittare l’inizio della partita posizionandosi dietro la porta in segno di protesta, una sorta di mite e pacifica invasione di campo. Stavolta è stato il turno della Südtribune – il celebre Muro Giallo di Dortmund – che ha raccolto il testimone della protesta e disertato in buona parte lo stadio.

Gli striscioni dei tifosi dell’Eintracht contro il Monday night, uno dei quali recitava: “Anche il mio barbiere il lunedì ha il giorno libero”

350 sono stati i fan club del BVB, per un totale di oltre 15mila persone, a protestare contro il calcio spezzatino che ormai imperversa in Europa. Da un lato c’è la Federazione calcistica tedesca, che con la scusa del riposo per le squadre impegnate nelle coppe europee ricorre al posticipo del lunedì, dall’altra i tifosi che mettono in atto una protesta intelligente contro il “calcio moderno”, non limitandosi come da noi alle lamentele al bar per poi tornare a casa e sintonizzarsi su Sky Sport o Mediaset Premium

“Questa decisione non è in alcun modo rivolta alla squadra ma non possiamo né vogliamo accettare che le partite della Bundesliga si giochino al lunedì. Organizzare delle partite quando nessuno ha il tempo di andare allo stadio è sintomo di una mostruosa indifferenza verso l’importanza sociale del calcio e dei tifosi”.

Questa è parte della nota con cui i tifosi del Borussia hanno motivato l’assenza dal Westfalenstadion (ora Signal Iduna Park, ahiloro). Beh, che altro aggiungere; sentir parlare ancora di importanza sociale del calcio, di questi tempi, fa quasi commuovere. E la tanto decantata innovazione calcistica in Germania è studiata, pianificata ed approfondita, non introdotta come fosse il Vangelo, processo inevitabile nell’epoca della fine della storia, in cui l’aspetto commerciale, economico, finanziario è destinato a prevalere su tutto e tutti. È così che si costruiscono i successi perché il progresso, senza avere alle spalle un retroterra culturale e una tradizione, assume la forma (e il valore) della plastica.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La Redazione

65 articoli
Ne abbiamo abbastanza di partite come Inter-Spezia
Papelitos
La Redazione
21 Agosto 2022

Ne abbiamo abbastanza di partite come Inter-Spezia

Dov'è finita la riforma del campionato?
Cosa accadrà nel 2037. Forse
Recensioni
La Redazione
16 Luglio 2022

Cosa accadrà nel 2037. Forse

I Calciatori Selvaggi su Lo Slalom.
In Germania l’ideologia travolge il calcio
Papelitos
La Redazione
25 Giugno 2022

In Germania l’ideologia travolge il calcio

I transgender potranno decidere se giocare con uomini o donne.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Arte e calcio, un amore lungo un secolo
Calcio
Alberto Fabbri
06 Ottobre 2020

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Non studio, non lavoro, non guardo la tv
Papelitos
Gianluca Palamidessi
09 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Il Valencia non vede più la luce
Calcio
Raffaele Scarpellini
24 Ottobre 2020

Il Valencia non vede più la luce

Il magnate Peter Lim sta portando il club nel baratro.
Contro il campionato spezzatino
Papelitos
Domenico Rocca
18 Luglio 2018

Contro il campionato spezzatino

Il calcio che siamo abituati a conoscere è una carcassa abbandonata nel deserto: l’avvoltoio che la smembra è il business televisivo.
Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.