Papelitos
27 Febbraio 2018

Il muro giallo contro il calcio spezzatino

La protesta intelligente dei tifosi del Borussia Dortmund contro il “calcio moderno”.

Alla faccia di chi pensa che la Germania sia la terra dell’innovazione calcistica ad ogni costo, dell’accelerazione e del progresso continuo. Ieri sera (Lunedì 26 Febbraio, ndr) si giocava Borussia Dortmund-Augsburg. Una novità il Monday night per il calcio tedesco, che per la seconda volta in due settimane ha risposto negativamente. Lo scorso lunedì era toccato ad Eintracht Francoforte-Lipsia, e allora i tifosi di casa avevano fatto slittare l’inizio della partita posizionandosi dietro la porta in segno di protesta, una sorta di mite e pacifica invasione di campo. Stavolta è stato il turno della Südtribune – il celebre Muro Giallo di Dortmund – che ha raccolto il testimone della protesta e disertato in buona parte lo stadio.

Gli striscioni dei tifosi dell’Eintracht contro il Monday night, uno dei quali recitava: “Anche il mio barbiere il lunedì ha il giorno libero”

350 sono stati i fan club del BVB, per un totale di oltre 15mila persone, a protestare contro il calcio spezzatino che ormai imperversa in Europa. Da un lato c’è la Federazione calcistica tedesca, che con la scusa del riposo per le squadre impegnate nelle coppe europee ricorre al posticipo del lunedì, dall’altra i tifosi che mettono in atto una protesta intelligente contro il “calcio moderno”, non limitandosi come da noi alle lamentele al bar per poi tornare a casa e sintonizzarsi su Sky Sport o Mediaset Premium

“Questa decisione non è in alcun modo rivolta alla squadra ma non possiamo né vogliamo accettare che le partite della Bundesliga si giochino al lunedì. Organizzare delle partite quando nessuno ha il tempo di andare allo stadio è sintomo di una mostruosa indifferenza verso l’importanza sociale del calcio e dei tifosi”.

Questa è parte della nota con cui i tifosi del Borussia hanno motivato l’assenza dal Westfalenstadion (ora Signal Iduna Park, ahiloro). Beh, che altro aggiungere; sentir parlare ancora di importanza sociale del calcio, di questi tempi, fa quasi commuovere. E la tanto decantata innovazione calcistica in Germania è studiata, pianificata ed approfondita, non introdotta come fosse il Vangelo, processo inevitabile nell’epoca della fine della storia, in cui l’aspetto commerciale, economico, finanziario è destinato a prevalere su tutto e tutti. È così che si costruiscono i successi perché il progresso, senza avere alle spalle un retroterra culturale e una tradizione, assume la forma (e il valore) della plastica.

Gruppo MAGOG

La Redazione

78 articoli
Le origini del successo dell’Italrugby
Altri Sport
La Redazione
18 Marzo 2024

Le origini del successo dell’Italrugby

Il miglior Sei Nazioni della storia della palla ovale italiana impone delle riflessioni.
In Arabia tutto ha un prezzo, ma proprio tutto
Altro
La Redazione
13 Gennaio 2024

In Arabia tutto ha un prezzo, ma proprio tutto

Vuoi guadagnare 3000€ al mese per giocare a calcio? In Arabia Saudita puoi, manda il tuo curriculum!
Grande Tragico Torino
Podcast
La Redazione
03 Dicembre 2023

Grande Tragico Torino

Un podcast con Massimo Fini.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

I giardini di marzo o della Lazialità
Cultura
Simone Galeotti
09 Settembre 2023

I giardini di marzo o della Lazialità

La Lazio vista da uno sguardo altro.
Ultras vuol dire Comunità
Calcio
Matteo Paniccia
28 Marzo 2020

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
US Fasano, il calcio del suo popolo
Calcio
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
L’Old Firm non muore mai
Tifo
Lorenzo Serafinelli
20 Settembre 2022

L’Old Firm non muore mai

La morte della Regina ha riacceso lo scontro di mondi.
La mia Belgrado: stadi, polvere, nostalgia
Ultra
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2024

La mia Belgrado: stadi, polvere, nostalgia

Se sei felice e tu lo sai, grida forte.