Carrello vuoto
Altri Sport
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.

Con le Next Generation ATP Finals a Milano, il nome di Lorenzo Musetti è tornato sui radar dei cronisti del Bel Paese. Non tanto per l’interesse specifico del torneo – dedicato ai migliori giocatori del circuito under-21 e peraltro vituperato da un regolamento avvilente – quanto piuttosto per accendere i riflettori su uno sport che, in questo autunno, punta a consacrarsi come disciplina protagonista nel già ricco 2021 sportivo azzurro.

Dopo la kermesse giovanile al PalaLido sarà la volta dei grandi, con le ATP Finals al Pala Alpitour di Torino e il nostro Matteo Berrettini a vedersela con i più forti giocatori del pianeta. Infine, sempre a Torino, inizierà la cavalcata degli azzurri in Coppa Davis: qui lo stesso Berrettini, Sinner, Musetti, Sonego e Fognini sognano, con buone possibilità di successo, di entrare nella storia del tennis tricolore.

Tennisti che si sono già affermati come protagonisti di una golden age della racchetta che, dopo anni di stenti, ha finalmente baciato le nostre coste. Tanti record, in questo anno di tennis azzurro. Sette tornei vinti dai nostri giocatori, e ad aprile per la prima volta lo storico traguardo di ben dieci giocatori tra i primi 100 del ranking mondiale. Da ultimo, qualche settimana fa, l’ufficialità di due giocatori in top 10 (Berrettini e Sinner): un traguardo che non era mai stato raggiunto dal tennis nazionale nella storia di questo sport.



Se insomma il movimento è stato alimentato in buona parte dall’exploit di Jannik Sinner e dalla conferma di Matteo Berrettini, proprio intorno a Lorenzo Musetti si sono concentrate le speranze e gli interrogativi per il prossimo futuro. Aspettative sacrosante perché, se il termometro si legge su una scala di talento, la colonnina di mercurio del carrarese è esplosa ormai da tempo.

I dubbi aleggiano invece su una tenuta mentale altalenante.

Nella prima parte di stagione la curva di crescita dell’allievo di Simone Tartarini si era impennata precocemente con le semifinali di Acapulco e Lione, in entrambe le occasioni sconfitto da Stefanos Tsitsipas, per oltre sei mesi il migliore giocatore dell’anno. Poi il sogno accarezzato di poter collezionare lo scalpo più prezioso quando, sulla polvere di mattone, è stato due set a zero contro l’imbattibile Nole (negli ottavi di finale dell’ultimo Roland Garros).

Poi una lunga pausa, fatta di viaggi intercontinentali e sconfitte al primo turno. Una manciata di partite vinte e i confronti ingenerosi con i coetanei: più cattivi, più vincenti, più costanti. Un metro di paragone stucchevole che ricopre di elogi sempre una sola parte della staccionata. Viene da chiedersi cosa ci sia di lodevole in questi teenagers perfetti, immacolati, robotici nella loro dedizione esclusiva al tennis.


Ragazzi come il nuovo astro iberico, quell’Alcaraz (favorito alla kermesse milanese) che porta ancora in viso i segni dell’acne giovanile, ma il cui volto si deforma in espressioni animalesche che incutono timore non solo al di là della rete, ma persino sugli spalti. Le canotte smanicate e i bicipiti unti di sudore e polvere in una versione contemporanea di Nadal – Paolo Bertolucci, osando forse un po’ troppo, ne ha parlato come di una “evoluzione” del maiorchino – di cui non sentivamo la mancanza.

O magari basterebbe guardare nella stessa scuderia azzurra e paragonarlo a Sinner, solo un anno più vecchio di lui. Lo sguardo glaciale e concentrato del sud-tirolese non trasmette empatia. L’espressione imperturbabile di chi studia a scuola da Đoković l’arte dell’imbattibilità. Paradigmi di modus vivendi elevati ad assoluto metro di valutazione con cui misurare tutto il resto, tutti gli altri.

Lorenzo Musetti è invece un ragazzo normale.

Diciannove anni e un fisico tutto da costruire, senza l’ipertrofia esasperata della new wave tennistica. Il cappellino indietro, la fascetta come i grandi, il codino sulla parte superiore della testa. Anche il look non trasmette sensazione di compiutezza, ma è l’espressione del taglio di capelli o del gusto del momento. Non è ancora codificato nell’immaginario di una copertina da riempire, le sue reazioni sono istintive e contagiose.

Musetti Milano
Lorenzo Musetti durante le Next Gen ATP Finals (Foto: Federtennis)

Non nasconde la delusione delle sconfitte, o la gioia delle vittorie. Recentemente non ha nemmeno nascosto le fragilità molto umane dei suoi diciannove anni, quando la luce si è improvvisamente spenta:

«Dopo i Giochi di Tokyo, sì, abbiamo impostato il lavoro con regolarità. Sarà un percorso lungo, però mi sta servendo. Il dottore mi fa riconoscere le emozioni e le cose che vivo, portandomici per mano. Con i miei genitori mi sono sempre espresso poco, con lo psicologo invece mi sono aperto subito e ora so apprezzare situazioni che prima invece rifiutavo: vincere giocando male, per esempio, smetterla di inseguire la perfezione, che non esiste».

Pazienza e perfezione. L’una miraggio per qualsiasi ragazzo, l’altra chimera per chiunque. Eppure, a vedere il rovescio di Lorenzo Musetti, sembra paradossalmente che la seconda sia tra le due quella più prossima.


Anche Cupido poi ha minato la crescita del toscano, lasciandogli un carico di delusione fisiologica che, per qualche strano motivo, sembra totalmente estranea alla vita degli sportivi professionisti. Leggere le sue dichiarazioni, in questo senso, smuove qualcosa:

«Sono contento, perché ho passato davvero un brutto periodo. Non avevo più la scintilla, la passione. Avevo rotto con la mia ragazza, cose che succedono a tutti i giovani ma diciamo che il malessere poi me lo sono portato in campo e a volte non avevo proprio voglia di giocare. Sono ancora in fase di guarigione, se così si può dire».

Un fendente che squarcia il velo di irreale artificialità di questo mondo, che ci avvicina a entità così ermetiche contraddistinte da tabelloni, sponsor e, al massimo, conferenze stampa, ricordandoci improvvisamente la loro natura umana. Transitati come tutti noi tra le forche caudine delle pene d’amore e della tristezza, tra lo scoramento e la voglia di mollare tutto.

A Milano Lorenzo aveva dichiarato di essere finalmente felice di giocare in casa, probabilmente fin troppo emozionato a giudicare dalla prima, sfortunata, uscita contro Baez: «Stasera non sono riuscito a trovare il feeling, cercavo sempre di rincorrere. Ho avuto un blocco per i primi due set, sono dispiaciuto perché ci tenevo a far contento il pubblico». Ha recuperato nella seconda giornata, sfoderando un grande match contro Gaston. Si è arreso ieri a un Korda decisamente superiore.

È uscito dal campo a testa bassa Musetti, deluso e forse consapevole che il percorso di guarigione morale richiede ancora qualche settimana. Magari giusto un paio, per essere pronti a provare a tingere d’azzurro la Davis. Ad ogni modo, un nuovo passaggio dal via è dietro l’angolo, dove incassare un anno di esperienza in più e con una carriera luminosa ancora all’orizzonte. Sullo sfondo la consapevolezza di essere diverso, forse rovescio, sicuramente umano. Beata gioventù.


Foto Twitter


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
27 Agosto

Il basket italiano tira a campare

Anche stavolta, la pallacanestro si riforma l'anno prossimo.
Podcast
La Redazione
4 Agosto

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Matteo Fontana
19 Marzo

Manuel Bortuzzo: un campione di resilienza

Cosa ci insegna il giovane Manuel.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Papelitos
Alberto Girardello
19 Marzo

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.
Tifosi
Alberto Fabbri
18 Agosto

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Cultura
Domenico Rocca
8 Aprile

La sciarpa, il tamburo e la siringa

Negli anni '70 l'eroina ha cancellato una generazione, dalle piazze e dagli stadi.
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Recensioni
Leonardo Aresi
10 Febbraio

Nino Benvenuti. Il mio esodo dall’Istria

Quando la storia di un pugile si intreccia con quella di un intero popolo.
Altri Sport
Michele Alinovi
4 Aprile

Rivivere ancora i “Momenti Federer”

Dodici anni fa David Foster Wallace definiva così le magiche prodezze del Re svizzero. Nel 2017 mister 18 Slam è tornato, vincendo i primi tre più importanti tornei della stagione e sconfiggendo la sua nemesi di sempre, Rafael Nadal.
Calcio
Edoardo Franzosi
25 Maggio

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Altri Sport
Paolo Pollo
29 Agosto

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Storie
Luca Giorgi
10 Dicembre

Il Calcio nel Fascismo

Nel regime fascista il calcio si è affermato, anche involontariamente, come sport nazionale.
Storie
Leonardo Catarinelli
18 Aprile

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna

Il Catania degli argentini guidati da Diego Pablo Simeone.
Papelitos
Federico Brasile
11 Ottobre

Chissenefrega della maglia verde dell’Italia

La nuova maglia verde dell'Italia in un Paese conservatore che non ha più nulla da conservare.
Ritratti
Maurizio Fierro
7 Maggio

Oronzo Pugliese

L’antimago.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Calcio
Nicola Caineri Zenati
17 Marzo

Di Biagio e la ricostruzione dell’Italia

Ripartire da zero (o quasi).
Papelitos
Annibale Gagliani
13 Aprile

Miss Sarajevo

Il calcio porta speranze in una terra falcidiata dal genocidio. Memorie.
Interviste
Michele Di Virgilio
20 Novembre

Apocalypse now

La débâcle azzurra è davvero lo specchio del Paese dal quale è stata generata? Dove ricercare le cause? E come ripartire? Lo abbiamo chiesto ad alcuni tra i migliori scrittori, giornalisti, blogger e sociologi di casa nostra.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Altro
Lorenzo Innocenti
30 Agosto

Geopolitica di Francia-Italia. Il rugby come metafora della guerra

Il rugby è molto più di un semplice sport.
Tifosi
Alessandro Imperiali
1 Giugno

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.
Storie
Nicola Ventura
18 Ottobre

Nessuno tocchi Aldo Biscardi

Aldo Biscardi è scomparso senza lasciare eredi sulla scena giornalistica.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Calcio
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Ritratti
Samantha Casella
16 Febbraio

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Storie
Massimiliano Vino
14 Ottobre

Lo sport in Libia per capire il Fascismo

Calcio, ciclismo e motori per forgiare l'uomo nuovo fascista.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Storie
Nicola Ventura
3 Luglio

Cuori neri

Le origini del football americano in Italia e gli intrecci con il neofascismo romano.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Recensioni
Alberto Fabbri
22 Marzo

Il ricordo di un’estate italiana

Dopo il Mondiale delle Notti Magiche l'Italia ed il calcio non sarebbero stati più gli stessi.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Altri Sport
Edoardo Pastorello
7 Maggio

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Altri Sport
Davide Bartoccini
15 Maggio

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Calcio
Raffaele Scarpellini
23 Giugno

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.
Calcio
Gianluca Palamidessi
13 Novembre

La crisi profonda del calcio nel Sud-Italia

Indagine di un problema storico e culturale.
Calcio
Alberto Girardello
31 Marzo

La rivoluzione dei bravi ragazzi

Come l'eccezione della normalità sta conquistando il calcio italiano.
Altri Sport
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tifosi
Alberto Fabbri
8 Marzo

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Altri Sport
Andrea Antonioli
7 Settembre

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Recensioni
Gianni Agostinelli
25 Luglio

La partita

Piero Trellini ne “La partita”, suo ultimo libro dedicato a Italia vs Brasile del 1982, parte dal calcio per parlare di vita e di uomini.
Ritratti
Patrizio Ruviglioni
31 Maggio

Daniele Massaro

La storia di Daniele Massaro. Giocatore tuttofare, uomo della provvidenza.
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.