Carrello vuoto
Tennis
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.

Con le Next Generation ATP Finals a Milano, il nome di Lorenzo Musetti è tornato sui radar dei cronisti del Bel Paese. Non tanto per l’interesse specifico del torneo – dedicato ai migliori giocatori del circuito under-21 e peraltro vituperato da un regolamento avvilente – quanto piuttosto per accendere i riflettori su uno sport che, in questo autunno, punta a consacrarsi come disciplina protagonista nel già ricco 2021 sportivo azzurro.

Dopo la kermesse giovanile al PalaLido sarà la volta dei grandi, con le ATP Finals al Pala Alpitour di Torino e il nostro Matteo Berrettini a vedersela con i più forti giocatori del pianeta. Infine, sempre a Torino, inizierà la cavalcata degli azzurri in Coppa Davis: qui lo stesso Berrettini, Sinner, Musetti, Sonego e Fognini sognano, con buone possibilità di successo, di entrare nella storia del tennis tricolore.

Tennisti che si sono già affermati come protagonisti di una golden age della racchetta che, dopo anni di stenti, ha finalmente baciato le nostre coste. Tanti record, in questo anno di tennis azzurro. Sette tornei vinti dai nostri giocatori, e ad aprile per la prima volta lo storico traguardo di ben dieci giocatori tra i primi 100 del ranking mondiale. Da ultimo, qualche settimana fa, l’ufficialità di due giocatori in top 10 (Berrettini e Sinner): un traguardo che non era mai stato raggiunto dal tennis nazionale nella storia di questo sport.



Se insomma il movimento è stato alimentato in buona parte dall’exploit di Jannik Sinner e dalla conferma di Matteo Berrettini, proprio intorno a Lorenzo Musetti si sono concentrate le speranze e gli interrogativi per il prossimo futuro. Aspettative sacrosante perché, se il termometro si legge su una scala di talento, la colonnina di mercurio del carrarese è esplosa ormai da tempo.

I dubbi aleggiano invece su una tenuta mentale altalenante.

Nella prima parte di stagione la curva di crescita dell’allievo di Simone Tartarini si era impennata precocemente con le semifinali di Acapulco e Lione, in entrambe le occasioni sconfitto da Stefanos Tsitsipas, per oltre sei mesi il migliore giocatore dell’anno. Poi il sogno accarezzato di poter collezionare lo scalpo più prezioso quando, sulla polvere di mattone, è stato due set a zero contro l’imbattibile Nole (negli ottavi di finale dell’ultimo Roland Garros).

Poi una lunga pausa, fatta di viaggi intercontinentali e sconfitte al primo turno. Una manciata di partite vinte e i confronti ingenerosi con i coetanei: più cattivi, più vincenti, più costanti. Un metro di paragone stucchevole che ricopre di elogi sempre una sola parte della staccionata. Viene da chiedersi cosa ci sia di lodevole in questi teenagers perfetti, immacolati, robotici nella loro dedizione esclusiva al tennis.


Ragazzi come il nuovo astro iberico, quell’Alcaraz (favorito alla kermesse milanese) che porta ancora in viso i segni dell’acne giovanile, ma il cui volto si deforma in espressioni animalesche che incutono timore non solo al di là della rete, ma persino sugli spalti. Le canotte smanicate e i bicipiti unti di sudore e polvere in una versione contemporanea di Nadal – Paolo Bertolucci, osando forse un po’ troppo, ne ha parlato come di una “evoluzione” del maiorchino – di cui non sentivamo la mancanza.

O magari basterebbe guardare nella stessa scuderia azzurra e paragonarlo a Sinner, solo un anno più vecchio di lui. Lo sguardo glaciale e concentrato del sud-tirolese non trasmette empatia. L’espressione imperturbabile di chi studia a scuola da Đoković l’arte dell’imbattibilità. Paradigmi di modus vivendi elevati ad assoluto metro di valutazione con cui misurare tutto il resto, tutti gli altri.

Lorenzo Musetti è invece un ragazzo normale.

Diciannove anni e un fisico tutto da costruire, senza l’ipertrofia esasperata della new wave tennistica. Il cappellino indietro, la fascetta come i grandi, il codino sulla parte superiore della testa. Anche il look non trasmette sensazione di compiutezza, ma è l’espressione del taglio di capelli o del gusto del momento. Non è ancora codificato nell’immaginario di una copertina da riempire, le sue reazioni sono istintive e contagiose.

Musetti Milano
Lorenzo Musetti durante le Next Gen ATP Finals (Foto: Federtennis)

Non nasconde la delusione delle sconfitte, o la gioia delle vittorie. Recentemente non ha nemmeno nascosto le fragilità molto umane dei suoi diciannove anni, quando la luce si è improvvisamente spenta:

«Dopo i Giochi di Tokyo, sì, abbiamo impostato il lavoro con regolarità. Sarà un percorso lungo, però mi sta servendo. Il dottore mi fa riconoscere le emozioni e le cose che vivo, portandomici per mano. Con i miei genitori mi sono sempre espresso poco, con lo psicologo invece mi sono aperto subito e ora so apprezzare situazioni che prima invece rifiutavo: vincere giocando male, per esempio, smetterla di inseguire la perfezione, che non esiste».

Pazienza e perfezione. L’una miraggio per qualsiasi ragazzo, l’altra chimera per chiunque. Eppure, a vedere il rovescio di Lorenzo Musetti, sembra paradossalmente che la seconda sia tra le due quella più prossima.


Anche Cupido poi ha minato la crescita del toscano, lasciandogli un carico di delusione fisiologica che, per qualche strano motivo, sembra totalmente estranea alla vita degli sportivi professionisti. Leggere le sue dichiarazioni, in questo senso, smuove qualcosa:

«Sono contento, perché ho passato davvero un brutto periodo. Non avevo più la scintilla, la passione. Avevo rotto con la mia ragazza, cose che succedono a tutti i giovani ma diciamo che il malessere poi me lo sono portato in campo e a volte non avevo proprio voglia di giocare. Sono ancora in fase di guarigione, se così si può dire».

Un fendente che squarcia il velo di irreale artificialità di questo mondo, che ci avvicina a entità così ermetiche contraddistinte da tabelloni, sponsor e, al massimo, conferenze stampa, ricordandoci improvvisamente la loro natura umana. Transitati come tutti noi tra le forche caudine delle pene d’amore e della tristezza, tra lo scoramento e la voglia di mollare tutto.

A Milano Lorenzo aveva dichiarato di essere finalmente felice di giocare in casa, probabilmente fin troppo emozionato a giudicare dalla prima, sfortunata, uscita contro Baez: «Stasera non sono riuscito a trovare il feeling, cercavo sempre di rincorrere. Ho avuto un blocco per i primi due set, sono dispiaciuto perché ci tenevo a far contento il pubblico». Ha recuperato nella seconda giornata, sfoderando un grande match contro Gaston. Si è arreso ieri a un Korda decisamente superiore.

È uscito dal campo a testa bassa Musetti, deluso e forse consapevole che il percorso di guarigione morale richiede ancora qualche settimana. Magari giusto un paio, per essere pronti a provare a tingere d’azzurro la Davis. Ad ogni modo, un nuovo passaggio dal via è dietro l’angolo, dove incassare un anno di esperienza in più e con una carriera luminosa ancora all’orizzonte. Sullo sfondo la consapevolezza di essere diverso, forse rovescio, sicuramente umano. Beata gioventù.


Foto Twitter


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Giugno 2022

L’erba di Matteo è sempre più verde

Berrettini al rientro trionfa a Stoccarda.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.