Carrello vuoto
Cultura
15 Ottobre

Un pallanuotista con la cinepresa

Emanuele Iorio

7 articoli
Nanni Moretti: regista, pallanuotista e calciofilo.

Il cinema di Nanni Moretti (di recente in sala con l’ultima fatica, Tre Piani) è sempre stato attraversato e segnato da continui mutamenti, che hanno metaforicamente rappresentato e accompagnato le varie fasi della scena politica del Belpaese (in particolar modo della sinistra storica nostrana, di cui Moretti ha sempre fatto parte).

Dagli esordi negli anni Settanta con Io sono un autarchico ed Ecce Bombo, che offrivano ritratti ironici e malinconici di una generazione post-sessantotto incapace di comprendere realmente i cambiamenti sociali del tempo, sino alla grottesca rivisitazione del cinema di genere con Bianca (azzeccata fusione tra giallo, commedia e romance), per poi cambiare totalmente registro negli anni Novanta, con Caro Diario ed Aprile, pellicole semi-autobiografiche, narrate sotto forma di diario-confessionale con stile documentaristico, in cui il nostro mette a nudo i propri turbamenti (il tumore raccontato nel terzo episodio di “Caro Diario”, la nascita del figlio in “Aprile”), accompagnati dagli sconvolgimenti politici del periodo (la discesa in campo di Berlusconi sempre in “Aprile”).

Nell’ultimo decennio il cinema morettiano si è concentrato sulla messa in scena di drammi familiari, intimi e sofferti (La stanza del figlio, Mia Madre), senza rinunciare ad affrontare la spinosa situazione politica italiana (Il Caimano, dove ancora una volta il regista romano si confronta con l’ingombrante figura di Berlusconi).

Caimano Moretti film Orlando
Una scena da “Il Caimano”, con il grande Silvio Orlando

Ma se il suo cinema si è sempre reinventato, ci sono invece due costanti che nella sfera artistica e personale del nostro non potranno mai cambiare, ovvero il rapporto speciale e sentito con due sport come la pallanuoto e il calcio. Due discipline amate così tanto dal regista di Brunico da essere sinceramente omaggiate in molte delle sue pellicole. La pallanuoto tra i due è quella che più ha segnato la vita di Nanni, tanto che da giovane era nettamente più propenso ad intraprendere una carriera in vasca piuttosto che su un set cinematografico, riuscendo ad esordire in Serie A con la sezione pallanuoto della Lazio a soli 17 anni, nel 1970, e strappando, sempre nello stesso anno, una convocazione con la Nazionale giovanile per il Torneo Sei Nazioni tenutosi a Belgrado:

«in vasca mostrava una grande intelligenza e sarebbe diventato un campione vero se solo lo avesse voluto», racconta Pierluigi Formiconi, all’epoca compagno di squadra di Nanni in quella giovane Nazionale e futuro allenatore.

Gazzetta dello Sport, 22 maggio 2001

Moretti, ironia della sorte, giocava come regista, e pur dotato di un fisico non eccelso riusciva comunque a cavarsela egregiamente con la sua grande intelligenza tattica. Pur optando alla fine per la via che portava alla Settima Arte, Moretti non dimenticherà mai quella passione giovanile che poteva avviarlo ad un grande futuro agonistico. Oltre a seguire spesso vari match importanti dalla tribuna dei palazzetti (come le due finali-scudetto tra Roma e Posillipo del 1995 e del 1999), metterà la pallanuoto al centro della scena in uno dei suoi film più celebri, Palombella Rossa (1989), in cui, nei panni del consolidato alter-ego Michele Apicella (qui alla sua ultima simbolica apparizione, dopo essere comparso praticamente in ogni sua pellicola) torna dopo quasi vent’anni dentro una piscina.

Per l’occasione Moretti/Apicella si cala nei panni di un deputato del Partito Comunista Italiano che gioca come pallanuotista (la passione politica e quella sportiva che si intrecciano), vittima di un incidente stradale il giorno prima del match scudetto decisivo tra il suo Monteverde e l’Acireale, che si giocherà in trasferta dai siciliani.

Al di là delle chiare metafore sulla perdita di memoria di Michele che, ovviamente, si intreccia con la fase di disorientamento e confusione della sinistra italiana del tempo (pochi mesi dopo l’uscita del film sarebbe crollato il muro di Berlino, e solo due anni dopo il PCI si sarebbe sciolto), è il ruolo del tanto amato sport acquatico ad essere fondamentale: Michele, infatti, riuscirà piano piano a ricomporre gli instabili pezzi della sua mente nella piscina, parlando continuamente con i compagni di squadra nel tentativo di completare il puzzle della sua vita passata e presente, mentre nello stesso momento si impegna a trascinare il Monteverde alla vittoria dell’agognato titolo.

Dopo aver chiuso i tre tempi sul 9 a 2, nell’ultimo quarto i ragazzi del Monteverde riusciranno a segnare ben 6 gol, con Moretti/Apicella protagonista di un rigore all’ultimo minuto, sbagliato, che consegnerà il titolo ai siciliani. La direzione del tiro è un’efficace metafora politica: all’ultimo momento Apicella sceglie la sinistra anziché la destra, in una sorta di profetico segno di resa dei comunisti italiani che si sarebbe consumato di lì a poco.

Mai lo sport era stato trattato nel cinema italiano in un modo così “elevato” (in una commedia per giunta), facendolo assurgere a brillante metafora di un’epoca destinata a cambiare l’intera storia politica nazionale ed internazionale: tutto questo fa di “Palombella Rossa” un capolavoro.

Le parole sono importanti

Pur avendo avuto un ruolo secondario nella sua vita privata, a differenza dello sport acquatico, anche il calcio è una grande passione del regista, che non ha mai perso l’occasione per omaggiarlo in molte pellicole: in “Io sono un autarchico” (1976), suo debutto al cinema, Moretti/Apicella durante una camminata in montagna con la sua compagnia teatrale incontra un tifoso della Roma con tanto di bandiera giallorossa e, realizzando che quel giorno c’è il derby, impazzisce e tenta di scappare per andare a vedere la partita.

Nel successivo “Ecce Bombo” (1978) viene citata la Grande Inter degli anni 60, in un’esilarante scena in cui i nomi dei calciatori nerazzurri vengono citati dalla compagnia di amici di Michele Apicella/Nanni, che si preparano all’esame di maturità, al posto dei presidenti della Repubblica. In “Bianca” (1984) addirittura la foto del leggendario Dino Zoff viene sostituita, nella classe di una scuola surreale denominata “Marylin Monroe” (!), a quella dell’allora capo dello Stato in carica Sandro Pertini (!).

Molto più significativa però, come vero e proprio atto d’amore alla bellezza del gioco del pallone, è la scena del “palleggio solitario” nel fango in “Caro Diario” (1993): qui Nanni, nei panni di se stesso, mentre passeggia lungo la costa dell’isola di Salina, si ritrova per caso in un campo da gioco completamente infangato, con le porte senza reti, ed un pallone abbandonato. Senza neppure pensarci due volte, quasi seguendo un istinto infantile risvegliatosi di colpo, si mette a palleggiare, con la regia del film che nel frattempo si allontana dal personaggio e va sempre più in alto, fino ad inquadrare l’intero campo da gioco. Il calcio, nella sua forma più pura di gioco, come momentanea salvezza dai problemi esterni, gioia assolutamente irrinunciabile quando si (ri)presenta in qualsiasi forma e ci fa tornare improvvisamente nella gioventù che si credeva persa.

Il calcio come salvezza momentanea

Nonostante ai tempi da pallanuotista giocasse per la Polisportiva Lazio, Moretti, anche qui ironia della sorte, è sempre stato tifosissimo della Roma, presenziando molto spesso alle partite e portando vari dolci (altra grande passione del nostro) da lui personalmente preparati: «Una volta per una gara di Coppa Uefa portai un vassoio di pasticcini mignon e li offrii ai miei vicini di gradinata», dichiara intervistato da “Il Romanista” di quattro anni fa (novembre 2017). Nella stessa intervista una breve ma netta considerazione sul calcio moderno:

«Ora il mondo del calcio mi piace molto meno. Mi piace la partita, tutto il resto no».

E come dargli torto. Meglio pensare al puro piacere dato dall’atto del gioco, evitando di concentrarsi sulla cornice che lo avvolge tra debiti, corruzione, procuratori. Al Festival di Cannes, durante la presentazione di “Tre Piani”, si è lasciato anche andare ad una battuta sulla Nazionale italiana di Mancini, che esattamente lo stesso giorno (era infatti l’11 luglio) avrebbe poi vinto gli Europei: «È una squadra senza divi […]. Io sono per il divismo intendiamoci, ma una squadra senza divi penso sia una cosa sana». Chissà magari i ragazzi di Mancini, visto che piacciono così tanto a Nanni, potrebbero presto essere omaggiati nel suo prossimo film.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Calcio
Remo Gandolfi
12 Dicembre

In ricordo di Pierino Prati

Il calciatore che ha segnato un'intera generazione.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Calcio
Lorenzo Ottone
25 Maggio

Piero Gratton, il genio artistico del nostro calcio

La passione e la fede al servizio dell'estetica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Papelitos
Andrea Antonioli
3 Gennaio

Il “caso” Nainggolan

Sgombriamo il campo dalla morale, per favore.
Calcio
Antonio Torrisi
22 Settembre

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Marzo

Luca Toni, tu sei per me il Numero Uno

L'italiano perfetto era pure un attaccante straordinario.
Calcio
Gianluca Palamidessi
12 Luglio

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Ritratti
Maurizio Fierro
7 Maggio

Oronzo Pugliese

L’antimago.
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Podcast
La Redazione
30 Maggio

Ago

Una chiacchierata con Antonio Bongi su Agostino Di Bartolomei.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
20 Febbraio

J’accuse

Chi è che davvero non vuole lo stadio della Roma?
Altro
Gianluca Palamidessi
28 Gennaio

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Andrea Antonioli
8 Marzo

A Roma serve lucidità

L'ambiente Roma è strutturalmente incapace di valutare ed elaborare i fatti: Ranieri, che piaccia o meno, era l'unica scelta possibile.
Ritratti
Matteo Latini
18 Maggio

Quel galantuomo di Gaetano Anzalone

Tre anni fa ci lasciava un signore del pallone, presidente e primo tifoso della Roma.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Gennaio

Se questi sono ultras

Le curve rischiano di morire di criminalità.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
18 Luglio

De Rossi al Boca è il finale perfetto

L'utopia si sta concretizzando: Daniele De Rossi, nel segno della tradizione, ha scelto il Boca Juniors.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Dicembre

Due a zero

Oggi il Bar dello Sport si trasferisce nella Capitale, e il tema all'ordine del giorno non può che essere il derby appena giocato. La Roma lo ha vinto due volte: la prima in campo, la seconda sugli spalti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Ottobre

La Roma dovrebbe punire Cengiz Under

Cengiz Under ha sfruttato l'immagine della Roma per le sue (discutibili) battaglie politiche.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
12 Agosto

Pallotta, poche luci e tante ombre

Dopo nove anni di passione termina l'esperienza romana del finanziere di Boston.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
18 Giugno

Che ci sei stato a fare

Fare i conti con Totti.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Luglio

Vivi di sogni infranti

Nell'epoca in cui vi offrono unicamente di diventare consumatori, noi vi proponiamo una battaglia senza quartiere al nulla che avanza: unitevi a noi invece di ingrossare le schiere dei fatalisti!
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Interviste
Simone Meloni
4 Novembre

I ragazzi della Sud

Antonio Bongi racconta i gloriosi anni del Commando Ultrà Curva Sud.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Tifosi
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Ritratti
Marco Armocida
19 Ottobre

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Altro
Leonardo Di Salvo
25 Febbraio

Blood in the pool

Era inevitabile: lo scontro tra Ungheria e Unione Sovietica non si sarebbe fermato con la repressione della rivolta magiara.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Ritratti
Matteo Mancin
19 Marzo

Carlo Mazzone è vittima della retorica nostalgica

Cosa ha rappresentato il Mazzone allenatore.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Luglio

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Ritratti
Matteo Latini
30 Maggio

Agostino Di Bartolomei, orgoglio di Roma

30 maggio, giornata maledetta per il romanismo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Gennaio

Daniele De Rossi come ideale

Daniele De Rossi, il mio io in campo.