Carrello vuoto
Tennis
3 Giugno

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei

Quando Naomi Osaka sconfigge la statunitense Jennifer Brady alla Rod Lever Arena nella finale femminile degli Australian Open, vincendo così il suo quarto slam in quattro finali disputate, si conferma un pregiudizio che aleggia da tempo: la giapponese è la più forte giocatrice al mondo sul cemento. Dotata di grandissimo agonismo ed enormi capacità offensive, Naomi deve migliorare alcuni aspetti tattici per superare i limiti fisici che ne condizionano il gioco su terra ed erba. Malgrado ciò la classe ’97 è predisposta per primeggiare nel prossimo decennio e siam convinti che collezionerà almeno una dozzina di slam. Non solo Naomi è un’eccellente tennista ma incarna anche il perfetto idolo che il tennis, ed il mondo, contemporaneo intende adorare.

Di madre giapponese e padre haitiano, Naomi Osaka assorbe e fagocita tutto. È internazionale, creola, cosmopolita, apolide. Si nega statunitense – ‘non mi sento propriamente americana’ – ma vive a Los Angeles, gareggia per il Sol Levante ma non parla giapponese. Come tanti altri tennisti si basa nel Principato per gli allenamenti, quanto basta per raggiungere il quorum di residenza e godere del generoso regime fiscale monegasco. Naomi prima che atleta è donna, ma donna nera, third culture kid, liquida, pasionaria, irriducibile sostenitrice del movimento Black Lives Matter, campionessa di stile, feticcio, già culto. 

La scorsa estate al Western & Southern Open 2020 sceglie di non giocare la semifinale contro Elise Mertens in aperto sodalizio con le manifestazioni che incendiano gli USA a seguito del brutale assassinio di George Floyd. Gli organizzatori solidarizzano e posticipano la semifinale di ventiquattr’ore quando Naomi liquiderà agilmente la pratica (6-2, 7-6) per poi non giocare la finale di Cincinnati (ma il torneo si disputa eccezionalmente a New York) a causa di un infortunio.

«Grazie allo sport e alla posizione che occupo voglio portare avanti i miei valori e le mie idee, non necessariamente collegate con il tennis. Volete scaricarmi? Andrò avanti comunque, se hai una piattaforma è importante che tu la usi».

Naomi Osaka

Si presenta poi nella bolla di Flushing Meadows con sette mascherine, tante quanti i turni che la separano dal suo 3′ slam, con sopra iscritti i nomi di alcune vittime afroamericane della violenza razziale della polizia. Beninteso, la lotta intrapresa è sacrosanta, non stiamo qui a questionare il merito ma il metodo. Osaka è la prima grande tennista Gen Z: il suo impegno sociale è pre-politico, aprioristico, non negoziabile. 
Osaka è una stella generazionale, porta il peso di aver costruito, come la definisce il NYT, una “figura magnetica” nello sport contemporaneo.


Mercoledì scorso, Naomi aveva annunciato che non avrebbe più preso parte alle rituali conferenze stampa del torneo parigino con il fine di preservare la sua stabilità emotiva. «Spesso stiamo lì seduti a ricevere domande che ci sono già state fatte parecchie volte o che alimentano dubbi nella nostra mente, e io non voglio essere soggetto di interazioni con persone che dubitano di me», aveva dichiarato la tennista. Il circuito e l’organizzazione congiunta dei quattro slam aveva risposto facendo quadrato: sanzione pecuniaria di quindicimila dollari e minaccia di esclusione dall’Open di Francia.

Lunedì arriva, per il tramite di un post Instagram, l’annuncio del suo ritiro dai Roland Garros: «Ciao a tutti, non è questa la situazione che avevo immaginato o che intendevo creare quando ho scritto qualche giorno fa. Adesso credo che la cosa migliore per il torneo, per gli altri giocatori e per la mia salute sia che io mi ritiri dal torneo, così che tutti possano tornare a concentrarsi sul tennis che si sta giocando a Parigi. Non ho mai voluto essere una distrazione. Ammetto che il mio tempismo non è stato ideale e che il mio messaggio poteva essere più chiaro. Soprattutto, non avrei mai voluto banalizzare il tema della salute mentale o usare questa espressione alla leggera. La verità è che ho sofferto di lunghi episodi depressivi dallo US Open 2018 e non è stato facile conviverci».

Tentare di commentare l’accaduto è operazione ben più delicata del celebre elefante che si muove in una cristalliera. Naomi lascia sgomenti e preoccupati, ci invita a riflettere sull’esasperante presenza dello show-biz nello sport odierno o sulla tensione che i media spesso alimentano durante gli slam. Nello sport più cerebrale che ci sia, dalla storia pregna di vicende umane fragili e complesse, empatizzare al massimo con Naomi vien più che naturale, così come augurarle di rimettersi prontamente. Però, c’è un però.

Naomi Osaka, sorridente, proprio a Cincinnati 2020. (Foto Andrew Henkelman via Wikipedia)

Mentre ci lasciamo persuadere da agili letture dobbiamo compiere un maggiore sforzo, tentare di decifrare al meglio dove stiano andando il tennis e lo sport contemporanei, e forse il mondo. Con il massimo rispetto per i disagi mentali e le loro terribili conseguenze, davvero patologiche e spesso processate con maggiore attenzione negli Stati Uniti rispetto all’Europa, crediamo ci sia anche altro da analizzare.

Naomi Osaka ha espressamente riferito agli US Open del 2018 l’inizio degli episodi depressivi di cui è vittima. Quel giorno a Flushing Meadows il pubblico è platealmente dalla parte di una assai nervosa Serena Williams, regina incontrastata del tennis, preoccupata di perdere lo scettro a favore di un astro nascente. Dalla vittoria sul totem Williams Naomi pare essere in lotta più con sé stessa che con le concorrenti. L’ansia sociale di cui parla, il problema di affrontare frontalmente le insidie poste dai media, il doversi confrontare con i propri limiti atletici e tecnici (come ogni sportivo al mondo), la pressione delle aspettative in lei riposte, l’agonismo, il desiderio di superarsi. Tutte queste battaglie Naomi pare ingaggiarle in maniera ego-riferita. Si stente vulnerabile e ansiosa, quindi si dedica alla self-care; la sorella Mari –anch’essa tennista pro – sostiene che così facendo Naomi può

«lasciare tutto fuori, non parlare con le persone che instillano dubbi nella sua mente».

Pensare però di rimuovere la pressione dei media evitando un urto, rimuovendo forzatamente dallo sport la contrapposizione non pare convincente. La generazione cui appartiene Naomi – quella che Claire Fox, intellettuale di sinistra ed ex marxista, ha definito “snowflake generation”, generazione fiocco di neve – spesso pare essere insofferente all’opposizione, allergica all’idea stessa di conflitto. Ma competere nello sport non può evitarlo, ed Osaka lo sa bene. La tennista per prima ha portato sé stessa e la sua figura prima ed oltre il tennis praticato a livello professionistico, ed ora che a Parigi l’attenzione rivoltale era unicamente al gioco e alla superficie che patisce, Naomi soffre le domande negative sul suo gioco che possano influenzare la sua salute mentale, reputa ‘obsolete’ le regole imposte dal circuito nel gestire conferenze stampa ed interviste e si offre come interlocutore per modificarne gli assetti.

Osaka
Osaka ha meritoriamente acceso i riflettori su un tema delicato, e ci ha fatto capire quanto sia invasivo lo sport contemporaneo. Dobbiamo però avere il coraggio di distinguere, di capire che non tutto è automaticamente catalogabile come “depressione”: magari Naomi ne soffre, ma il rischio di «banalizzare il tema della salute mentale o usare questa espressione alla leggera» è enorme.

È una rimozione coatta del contrasto, un dissociarsi da qualsiasi fonte di trauma per istinto di conservazione. Se, come sta accadendo a Naomi, questo stato delle cose diviene patologico la priorità diventa tutelare la salute. Ma a livello sistemico viene da chiedersi quali valori stiano diffondendo il tennis e lo sport contemporanei. Confrontarsi con la stampa, nel rispetto di un cortese dialogo, è parte integrante dello sport professionistico dalla creazione dei mass media ed è un dovere per gli sportivi interagirvi, nel rispetto dei tifosi e di un movimento che si alimenta del confronto dialettico con i protagonisti dello sport. Un dovere, punto.

Un dovere ancora più ineludibile se la tua figura assume un rilievo sociale dirimente, se sei la sportiva più pagata al mondo, se la tua immagine trascende lo sport. Gli sponsor della Osaka – Nike, Mastercard, TAG e numerosi altri – han fatto sapere “siamo al suo fianco in questa battaglia”. La banalità del bene, la correttezza del giusto. Ci sono gli esseri umani prima degli atleti, ci sono le donne prima delle campionesse: difficili essere in disaccordo. Spesso nella storia dello sport si è sottaciuta la fragilità emotiva dei suoi protagonisti (Phelps, K. Love tra gli ultimi a denunciare) e l’insensibilità con cui la stampa tratta i beniamini, ancor più nello sport più ego-basato che vi sia. Ma ci sono anche responsabilità cui è impossibili sottrarsi, e il confronto con sé stessi, i propri demoni ed i propri limiti può umanizzare di più il dolore di quanto possa fare evitarne lo scontro.

 “Senza i giornali e l’attenzione che mi riservano non sarei quello che sono”.

Rafael Nadal

Siamo preoccupati della salute mentale di una sportiva, così come lo siamo per la pervasività di una stampa piatta, di giornalisti-bot incapaci, del rumore vacuo generato dal circuito-circo che è divenuto il tennis. Siamo preoccupati della gentilezza a comando, dei sorrisi plastici, di atleti overperformanti per cui tutto deve sempre andare bene e niente mai male. Siamo preoccupati di quasi tutto ciò che circonda e inonda il tennis attuale. Ma siamo anche preoccupati della rimozione sistematica di ogni conflitto, dell’auto-protezione da ogni lesione, di questa chiusura ermetica da ciò che può ferire. La vita è sofferenza, ci spiega il buddhismo nella prima delle Quattro Nobili Verità. Il kutai, in giapponese, ha come quinto elemento il dolore causato dall’essere vicini a ciò che non “piace”. Speriamo Naomi Osaka possa trova quiete in questo momento di pausa, e ritrovare la serenità per competere e soffrire.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Jacopo Natali
22 Gennaio

Una settimana a Melbourne

Sette giorni di fuoco all'Australian Open, con molte esclusioni eccellenti.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Altri Sport
Francesco Albizzati
23 Marzo

Roger e Stan, un’altra battaglia fratricida

Come Roger Federer ha vinto Indian Wells, confermandosi il più forte del 2017. Come ha portato alle lacrime il valoroso Stan Wawrinka, l'eterno secondo svizzero vissuto due volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Maggio

Occidentali’s karma

Da predatore a preda: la parabola sportiva e spirituale di Novak Djokovic.
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Altri Sport
Remo Borgatti
22 Maggio

Il futuro è già qui

A Roma è nata una stella: Alexander Zverev, classe 1997, che ha vinto gli Internazionali d'Italia 2017 distruggendo Novak Djokovic.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Altri Sport
Angelo Iannacci
9 Maggio

Il destino cieco di Wilander

Ascesa e caduta del campione svedese, ex n. 1 del mondo, dai successi al Roland Garros fino al suo inesorabile declino.
Tennis
Jacopo Natali
28 Gennaio

Play it again, Roger!

Il primo Slam per Wozniacki, il ventesimo per il Re. Sotto un caldo estenuante si sono riscritti non solo i record ma anche la storia di questo torneo.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Altri Sport
Francesco Albizzati
2 Febbraio

Il ritorno del Re

La finale degli Australian Open 2017 fra re Roger e Rafa, il "fante di picche"
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Altri Sport
Michele Alinovi
4 Aprile

Rivivere ancora i “Momenti Federer”

Dodici anni fa David Foster Wallace definiva così le magiche prodezze del Re svizzero. Nel 2017 mister 18 Slam è tornato, vincendo i primi tre più importanti tornei della stagione e sconfiggendo la sua nemesi di sempre, Rafael Nadal.
Altri Sport
Francesco Albizzati
2 Marzo

Prima che la terra ci divori

La preview dei grandi Master 1000 sul cemento americano: i profili dei protagonisti e dei possibili outsider fra attese, delusioni e prospettive future.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio

Fred Perry non è solo un marchio

Fred Perry è stato il più grande tennista britannico ma ancor prima un uomo venuto dalla periferia, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Altri Sport
Davide Truglio
9 Novembre

ATP Finals di Londra: una guida

Murray, Djokovic, Wawrinka, Raonic, Nishikori, Cilic, Monfils e Thiem: sono loro i tennisti qualificati alle ATP World Tour Finals di Londra, l'ultimo torneo della stagione. Il risultato è tutt'altro che scontato.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Altri Sport
Remo Borgatti
1 Giugno

Il signore del Roland Garros

Con 74 vittorie e due sole sconfitte, Rafael Nadal, il più grande di sempre sulla terra rossa, è alla ricerca del decimo titolo parigino.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Tennis
Andrea Catalano
25 Gennaio

Andy Roddick, il cannoniere gentile

Un atleta che ha fatto bene al tennis.
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

Compie 34 anni una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta a metà.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Ritratti
Edoardo Pastorello
17 Febbraio

LLeyton Hewitt

Un tennista capace di restare 80 settimane al n.1 ATP imploso su se stesso, perché spesso grinta e abnegazione non sono sufficienti.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Simone Spada
9 Giugno

Cecchinato, il cervello prima di tutto

L'avventura parigina di Marco Cecchinato è un sogno costruito sul lavoro, è una redenzione sportiva che, se interpretata bene, può essere l'inizio di una nuova carriera.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Altri Sport
Luca Capponi
11 Settembre

The Australian Job

Ritratto breve di Kyrgios, un mammone a cui piaceva il basket.