Carrello vuoto
Ritratti
20 Maggio

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.

Saba, Svevo, Boris Pahor. Ma anche James Joyce e Margherita Hack. Sono molte le personalità legate a Trieste, città che ha dato i natali, o ha accolto, le più brillanti menti del Novecento e non solo. Ma c’è un altro triestino che ha fatto parlare di sé in Italia e nel mondo; non per le lettere o le scienze, ma per l’arte del pallone. Nereo Rocco nasce nel capoluogo friulano il 20 maggio 1912 e, dopo svariate peregrinazioni lungo lo Stivale, lascerà questa Terra proprio nei suoi luoghi il 20 febbraio 1979. In pochi – quasi nessuno – lo ricorderanno in divisa e scarpette, nonostante la sua carriera da calciatore.

Questa in fondo era risultata modesta ma non trascurabile, e si era sviluppata nei campi di Trieste, Padova e Napoli, se consideriamo le piazze più importanti. Il nome di Rocco però è certamente scolpito in maniera indelebile nelle menti degli appassionati come uno tra i più influenti allenatori della storia italiana. Appese le scarpette al chiodo, l’avventura del Rocco allenatore comincia alla Libertas Trieste, seconda squadra della sua città, che milita nell’allora campionato di Serie C. Fin dai suoi primi allenamenti il tecnico friulano comincia a lavorare con il metodo di gioco che diventerà il suo marchio di fabbrica e la sua fortuna, ovvero il catenaccio.

Nato in Svizzera – o più in generale nel nord Europa – negli anni Trenta, il difensivismo condito da tanta corsa e dedizione fu portato in Italia proprio da Rocco, che cominciò a prenderne le misure già da giocatore, quando fu spostato nel ruolo di libero durante gli ultimi anni della sua carriera. Grazie alle marcature asfissianti e alle ripartenze letali la modesta Libertas riuscì a sconfiggere la Triestina, prima squadra della città, in un’amichevole di metà stagione. Questo stile di gioco impressionò profondamente la dirigenza alabardata, la quale decise di prenotare Rocco per la stagione successiva: ebbe così ufficialmente inizio la carriera del leggendario tecnico italiano. Il primo anno fu senza dubbio straordinario.

Nereo-Rocco
Il “Padrone” buono

Nella stagione 1947-48 la sua Triestina, reduce da annate difficili e da un ripescaggio seguito a un ultimo posto nella stagione 46-47, riuscì addirittura a piazzarsi seconda in classifica, alle spalle dell’invincibile Grande Torino. In sostanza, un risultato storico. Fu proprio in questi anni che Rocco si guadagnò anche il soprannome di Paròn, cioè padrone. Termine dialettale che sintetizza al meglio il carattere del tecnico: burbero, a tratti severo, pretendeva infatti sempre il massimo dai suoi giocatori. Tutto questo, però, non ha mai oscurato una personalità caratterizzata da grande umanità, simpatia e benevolenza per cui ancora oggi viene ricordato.

Dopo una prima annata straordinaria, le stagioni successive si dimostrarono tutt’altro che in discesa. I rapporti tra Rocco e la Triestina iniziarono a raffreddarsi e, dopo due ottavi posti, l’allenatore venne esonerato per motivi tutt’ora non chiari. Tre anni più tardi il Paròn venne richiamato sulla panchina alabardata, dopo altrettante stagioni trascorse a Treviso senza particolari successi. Anche questa volta però, dopo una clamorosa sconfitta casalinga per 0-6 contro il Milan mal digerita dall’ambiente, Rocco fu esonerato nella stagione 1953-54. I rossoneri saranno comunque nel suo destino: in questo caso gli tolsero; più avanti, come vedremo, lo ricompensarono ampiamente. Nella stessa stagione 53-54, Rocco non stette troppo con le mani in mano. Venne infatti chiamato dal Padova, squadra di Serie B in evidenti difficoltà di classifica, nonostante una rosa costruita per ben altri palcoscenici. L’ormai insperata salvezza fece guadagnare al tecnico triestino la conferma sulla panchina per la stagione successiva.

“Tatticamente, me racomando, scrive bén, xe la storia de tuti i alenadori. Dal lùnedi al vénerdi i xe olandesi. Al sabato i ghe pensa. La domenica, giuro su la mia beltà, tuti indrìo e si salvi chi può”.

Nereo Rocco

Nel 1954-55 il Padova di Nereo riesce a fare il grande salto in Serie A. Il rapporto tra squadra e allenatore inizia a consolidarsi fortemente, e nel mercato estivo Rocco si circonda di giocatori che possano garantire una sicurezza di rendimento, ma anche (e forse soprattutto) di comportamento. Ecco così gli arrivi di Blason, storico fedelissimo dell’allenatore a Trieste, di Moro e Azzini, giocatori che entreranno molto presto nelle corde del Paròn. La base del suo pensiero venne confermata: creare uno spogliatoio solido, fatto di uomini prima che di calciatori, per costruire qualcosa di importante. Ecco allora che il Padova si classificò addirittura terzo nella stagione 1957-58, e nelle stagioni successive riuscì sempre a mantenersi nella medio-alta classifica.


Arriviamo così al salto di qualità decisivo nella carriera di Rocco. Dopo una brevissima esperienza da commissario tecnico della Nazionale Olimpica ai Giochi di Roma del 1960 (conclusi al quarto posto), per il Paròn giunse la chiamata del Milan. Complice l’ambiente nuovo, radicalmente differente rispetto a quelli a cui era abituato, Rocco all’inizio fece parecchia fatica. La critica fu molto severa nei suoi confronti. Tutti eccetto Gianni Brera, suo amico privato e unico giornalista a riconoscergli professionalmente ottime qualità, lo attaccarono pesantemente, accusandolo di essere incapace a proporre un gioco bello, fluido e vincente. Anche i rapporti con i tifosi non iniziarono nel migliore dei modi.

Come lui stesso affermò, gli allenamenti all’Arena Civica di Milano si svolgevano al grido di “torna al vecchio Padova, catenacciaro!”.

La situazione divenne insostenibile, al punto che durante un colloquio con i vertici rossoneri, rappresentati dal Presidente Andrea Rizzoli e dal direttore tecnico Giuseppe Viani, Rocco chiese le dimissioni, lasciando intendere come lui avesse sbagliato squadra e la società avesse sbagliato allenatore. Ci pensò lo stesso Rizzoli a tranquillizzare Rocco, convincendolo della validità della scelta e confermandolo sulla panchina rossonera, sicuro che i risultati sarebbero arrivati. Mai previsione fu più azzeccata.

In quella stessa stagione, ormai insperatamente, il Milan vinse lo Scudetto. Grande protagonista di quell’annata fu l’allora diciannovenne Gianni Rivera, giocatore dotato di scarse doti fisiche ma di straordinarie qualità tecniche. Fu proprio Rocco a credere in lui e a lanciarlo nel grande calcio, quasi in risposta a chi lo considerava un ottuso difensivista, poco amante del bel calcio.

rivera-rocco-742884
Nereo Rocco e Gianni Rivera “a colloquio”

Archiviato il primo Scudetto, nella stagione 1962-63 fu la volta del primo successo europeo. Arrivò infatti la vittoria della Coppa dei Campioni, dopo aver battuto, nella finale di Wembley, il mitico Benfica di Eusebio, una della squadre più forti del mondo in quegli anni. Il capitano che alzò la coppa al cielo di Londra fu Cesare Maldini, simbolo dei rossoneri e, guarda caso, triestino proprio come il suo allenatore. Dopo tre stagione al Torino, nel ruolo prima di allenatore e poi di direttore tecnico, il Paròn tornò in casa rossonera dove consacrò la sua leggenda.

Nel 1967-68 Rocco conquistò ancora lo Scudetto e la Coppa delle Coppe. La stagione successiva fu il turno della seconda Coppa dei Campioni e della Coppa Intercontinentale grazie alla vittoria sull’Estudiantes che, per il difficile contesto in cui si giocò, raggiunse livelli epici ancora oggi ricordati. Il ’68, anno di rivoluzioni politiche e sociali nel nostro Paese, fu epoca di un’altra rivoluzione. Il catenaccio di Rocco, costruito a cominciare dal libero, moderno difensore con innovativi compiti di impostazione di gioco, venne consacrato a livello mondiale. Fu proprio l’allenatore triestino, qualche anno più tardi, ad affermare:

«Non è proprio tutta farina del mio sacco, ma l’aver impostato questo libero, che mi ha portato fischi e insulti, ha fatto sì, dico una stupidata ma quasi vera, che oggi tutto il mondo giochi con questo modulo. Si è perfezionato ovviamente, perché tutto nel fùtbal si migliora, ma il modulo è sempre quello».

Gli ultimi anni di carriera Rocco li passerà ancora tra Milano e Padova, con una parentesi a Firenze, sia come allenatore che come direttore tecnico. Poche vittorie in questi tempi, solo nell’ambito della Coppa Italia, non comunque sufficienti ad oscurare la storia di uno degli allenatori più vincenti di sempre.

In pochi se ne rendono conto, ma l’eredità che il Paròn ha lasciato al calcio è visibile chiaramente ancora oggi; sia sul piano tecnico-tattico, sia su quello legato all’approccio allo spogliatoio e ai rapporti tra allenatore e giocatori. Per i primi basti pensare ad allenatori come Josè Mourinho o come Antonio Conte. Tecnici molto diversi fra di loro – e per certi versi molto differenti anche da Rocco – ma che hanno costruito le loro fortune sulla scuola di Nereo: difesa ermetica e capovolgimenti di fronte, con contropiedi veloci e letali.



Per i secondi scomodiamo invece Carlo Ancelotti, uno degli allenatori più vincenti del XXI secolo, protagonista prima dell’ultimo ciclo di grandi vittorie del Milan, poi della decima vittoria del Real Madrid nell’ex Coppa dei Campioni, traguardo che da anni sembrava un tabù per le merengues. Fondamentale è stata la sua grande capacità di tenere unito lo spogliatoio, spesso formato da cosiddetti top players assai difficili da gestire. Si è sempre sottolineato come l’atteggiamento paterno nei confronti di tutti gli elementi della rosa fosse alla base dei suoi successi, e l’origine di questo atteggiamento è certamente da ricercare negli insegnamenti, più o meno indiretti, che il tecnico triestino ha lasciato in eredità.

Nereo Rocco ci ha fatto capire che il calcio non è solo bel gioco ed eleganza. Spesso è corsa, duttilità, praticità e umiltà. Se la nostra scuola ha basato i suoi successi su queste caratteristiche molto lo si deve all’indimenticabile, e indimenticato, Paròn.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Ritratti
Gabriele Tassin
11 Marzo 2022

Helenio Herrera, più visionario che mago

Un ultramoderno, che ha rivoluzionato il calcio italiano.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Editoriali
Andrea Antonioli
14 Maggio 2021

Il cuore è il nostro tamburo

Oggi entriamo in una nuova fase.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo 2021

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Marzo 2021

C’era una volta il Catenaccio

E funzionava pure, a detta di molti.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Antonio Aloi
17 Febbraio 2021

Non esiste solo la costruzione dal basso

La palla lunga, se codificata, può essere un'alternativa.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2020

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre 2020

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.