Papelitos
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.

Fossi un tifoso del PSG, da domani non saluterei più Neymar da Silva Santos Júnior, in arte Neymar. Non lo inciterei più mentre si trova in campo, e non scandirei più il suo nome nemmeno dopo un gol. Non lo considererei più come un membro della mia squadra dopo aver letto le ultime rivelazioni sul contratto che lo lega, al pari di catene di diamante, a Parigi.

Che il suo trasferimento abbia “fatto epoca” è cosa risaputa. Fino al 2017 nel mondo del calcio non si erano mai viste cifre del genere – 222 milioni per il cartellino, a lui 185 netti per tutta la durata dell’accordo. Ma ciò che ha recentemente riportato il quotidiano spagnolo El Mundo ed è stato subito ripreso dalla nostra stampa nazionale, è ancora più sconcertante di uno stipendio faraonico. Pare che Neymar, sempre così disponibile verso i tifosi, in realtà fosse ben ricompensato addirittura per quei pochi secondi passati a ringraziare chi spende tempo e denaro per sedere sugli spalti a idolatrarlo:

da contratto, 541.680 euro lordi al mese per essere «cortese, puntuale e gentile», «disponibile con i tifosi».

Si capisce allora come non sia più in questione uno sport e quanto somigli a una mastodontica bolla economica, bensì l’essere umano, in generale, finito sinistramente in casi come questo oltre ogni limite tracciato dalla morale. Perché se in una qualsiasi società – non di calcio, ma umana – è necessario pagare delle persone perché si comportino da persone, il messaggio chiaro è che altrimenti non lo farebbero, e che viviamo quindi sull’orlo della barbarie. È giunto il momento di dire basta a questa escalation di marciume, che ha trasformato il gioco più bello del mondo in un laboratorio sperimentale che mette a dura prova le basi dell’affettività umana: tra calciatori-brand distinguibili solo per le tinte dei capelli, expected goals e fan token. Chi crede che questo calcio sia sentimentalmente sostenibile ignora che tutte le relazioni tra esseri umani – persino gli scambi di beni – si basano e si baseranno sempre e solo sulla sincerità reciproca.

Se e quando questa massima partorita dal buonsenso tornerà finalmente in auge, per far crollare il castello di carte basterà solamente dire la verità. Comincia allora il sottoscritto, col piglio barricadero che contraddistingue questa rivista: fossi veramente un tifoso del PSG, in realtà mi drogherei.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Valerio Santori

35 articoli
Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi
Calcio
Valerio Santori
21 Settembre 2022

Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi

Responsabilizzare i giocatori è una prassi superata.
In morte di Sua Maestà il Calcio
Papelitos
Valerio Santori
12 Settembre 2022

In morte di Sua Maestà il Calcio

Allo Juventus Stadium ieri sera si è consumato un delitto.
L’ultima follia dei nerd: vietare i colpi di testa
Papelitos
Valerio Santori
22 Agosto 2022

L’ultima follia dei nerd: vietare i colpi di testa

A forza di safety-first non usciremo più di casa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Lo spirito sportivo
Altro
La Redazione
28 Giugno 2019

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.
Il tifoso del Manchester City sta morendo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2019

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Elogio della guerra
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre 2017

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
I tifosi salveranno il calcio
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo
Interviste
Alberto Fabbri
01 Ottobre 2020

Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo

Intervista ad Andrea Rigano, autore di #WeStand.