Carrello vuoto
Altri Sport
24 Settembre

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

Giacomo Cunial

37 articoli
L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.

L’automobilismo mondiale ha perso un illustre interprete e l’automobilismo siciliano il suo simbolo, il suo profeta. Pensare a Nino Vaccarella è vedere una fotografia di un mondo ruggente che semplicemente non esiste più, un tassello di quel puzzle che sta diventando storia. Nino Vaccarella è stato un uomo che ha vissuto un’epopea, quella della sua vita legata a doppio filo con quella del motorsport.

“Sono contento perché ho vissuto gli anni più belli dell’automobilismo ed ho avuto la fortuna di sopravvivere ad un’epoca tragica e pericolosa, nella quale ho visto morire, in maniera atroce, tanti compagni ed amici, come ad esempio Lorenzo Bandini e Ludovico Scarfiotti. Ecco, la mia più bella vittoria è questa: essere sopravvissuto e poter oggi raccontare quei tempi.”

Riguardando i filmati di quelle corse, di quando negli anni ’60 si percorrevano i 72 km della Targa Florio in mezzo a centinaia di migliaia di tifosi assiepati dentro la strada e in mezzo alle case, distribuiti nei borghi tra le tribune di Cerda e Collesano, i murales con le scritte “W la Ferrari”, vengono i brividi. Gli annunci per le piazze, le famiglie invitate a legare i cani e a tenere per mano i bambini perchè “arrivavano le corse”.

“Chi muore, muore per colpa sua!” – recitavano i manifesti, quanta epica si è perduta nel tempo?



In quel tempo Nino, suo nome proprio non un soprannome, è stato protagonista assoluto: lui, laureato in Giurisprudenza che dopo il lutto per la scomparsa prematura del padre divenne capo dell’Istituto Tecnico Commerciale Oriani privato, di proprietà della sua famiglia, un avvocato divenuto preside scolastico – ambienti molto distante dai box che puzzano di benzina bruciata – non perse mai la passione nata in via Libertà a Palermo, dove Ascari e le auto del Giro di Sicilia lo ispirarono fin da bambino. La Targa è già un mito quando nel 1958 il giovane “Ninni” debutta quasi per gioco. E due anni dopo, quando di fronte a gente del calibro di Graham Hill, rischiò di vincerla, inizia l’amore straordinario con il popolo siciliano. Vaccarella diventa un idolo:

“Tra i miei numerosi ricordi riguardanti la Targa Florio, uno dei più significativi è quello relativo ad una mia visita a Collesano, paese Madonita attraversato dalla famosa corsa, che dopo la mia vittoria del 1965 mi aveva conferito la cittadinanza ordinaria. Giunto in paese venni accolto da una folla impressionante che volle tributarmi applausi ed ovazioni e, con mia sorpresa, alzato sulle spalle dei più appassionati sostenitori e portato in trionfo lungo il percorso che conduceva in Comune. Sulla stessa strada era in corso la processione della Madonna, molto venerata dai Collesanesi, che per consentire il passaggio del corteo festante venne temporaneamente interrotta. Naturalmente anche se commosso di fronte a tanta affettuosa accoglienza restavo molto imbarazzato per la sospensione della Processione e nonostante i miei inviti a rimettermi a terra i Collesanesi continuarono ancora, per un buon tratto di strada, a tenermi sulle loro spalle tra gli applausi della folla.”



‘A Cursa è tutto in quella terra, essere il pilota più veloce significa essere un eroe. Ma Nino non voleva essere definito il pilota della Targa Florio, troppo riduttivo: 24 ore di Le Mans nel ’64, 12 ore di Sebring, 1000 km del Nurburgring, e poi Spa, Monza, Mugello, Imola, la Formula 1 con Ferrari a Monza e Daytona, vinse a suo modo tutte le sfide. E poi Maserati, Alfa Romeo, Ferrari, Matra, Ford GT40, De Tomaso, Lotus, Climax, Porsche, dalla Fiat 1100 di famiglia preparata in casa all’Alfa Romeo 33T12, una epopea straordinaria di corse e di capolavori automobilistici.

Con il Conte Giovanni Volpi, proprietario della Scuderia Serenissima, disquisiva spesso sul suo essere pilota e professore, e soprattutto sul rapporto tra talento e insegnamento:

“Credo che piloti, o chirurghi, o pittori di un certo livello si nasce. La scuola non ha niente a che vedere con queste cose.”

A tutto gas verso le Madonie del Cielo, Preside volante.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Ritratti
Giacomo Cunial
17 Ottobre

Il carisma intramontabile di Kimi Raikkonen

Iceman è basso profilo, amore puro per la guida di auto da corsa e passione smodata per gli alcolici.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Storie
Maurizio Fierro
3 Aprile

Germania 74

Non sempre la copertina è del vincitore.
Recensioni
Luca Pulsoni
18 Settembre

Schumi meritava di più

La docuserie Netflix su Michael Schumacher è una vera delusione.
Calcio
Lorenzo Santucci
3 Luglio

San Francesco

29 giugno 2000.
Storie
Francesco Polizzotto
17 Giugno

Derby d’Europa

Italia contro Germania, cronache della sfida più importante del calcio europeo.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Ritratti
Patrizio Ruviglioni
31 Maggio

Daniele Massaro

La storia di Daniele Massaro. Giocatore tuttofare, uomo della provvidenza.
Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Interviste
Domenico Rocca
30 Luglio

Il calcio dai tifosi e per i tifosi

Intervista a Supporters in Campo, il progetto italiano che promuove la partecipazione attiva dei tifosi.
Calcio
Luca Giorgi
10 Novembre

Semplicemente Alex

Un ricordo dell'uomo Alessandro Del Piero, ancor prima che del calciatore.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Altri Sport
Luca Pulsoni
21 Luglio

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Calcio
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.
Altri Sport
Giacomo Cunial
23 Agosto

Le Mans è la corsa del destino

Così è stato anche nel 2021.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Calcio
Luca Pulsoni
25 Novembre

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Ritratti
Nicola Ventura
7 Febbraio

Niki Lauda

Da pilota computer a uomo che vola alto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Giugno

La sofferenza aiuta a crescere

La vittoria mette a tacere inutili polemiche, almeno per ora.
Podcast
La Redazione
4 Agosto

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Novembre

Crisi di identità

L'apocalisse dell'Italia calcistica si inscrive in un più generale fallimento culturale, sociale e programmatico.
Altri Sport
Luca Pulsoni
26 Maggio

Verstappen è il rivale perfetto per Hamilton

Finalmente in Formula 1 c'è storia.
Storie
Leonardo Catarinelli
18 Aprile

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna

Il Catania degli argentini guidati da Diego Pablo Simeone.
Altri Sport
Luca Pulsoni
28 Giugno

Date una macchina a Leclerc

Il monegasco è l’unica certezza per il futuro della Ferrari.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Dicembre

Il sogno dell’ingegner Dallara

E venne “la Stradale”.
Papelitos
Federico Brasile
13 Giugno

Per non vivere di solo entusiasmo

Il primo anno dell'Italia di Mancini non poteva essere migliore, ma il lavoro da fare è ancora tanto.
Podcast
La Redazione
13 Luglio

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Altri Sport
Giacomo Cunial
18 Agosto

In Moto GP è questione di coraggio, non di idiozia

Lezione per Zarco: anche il mondo dei piloti ha i suoi limiti.
Papelitos
Federico Brasile
27 Marzo

Cronache Nazionali dall’Italia profonda

La Nazionale vista da un bar della provincia italiana.
Altri Sport
Giacomo Amorati
16 Settembre

Cala il sipario

Italia della palla a spicchi al giro di boa.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Ritratti
Maurizio Fierro
7 Maggio

Oronzo Pugliese

L’antimago.
Calcio
Matteo Mancin
14 Gennaio

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Giacomo Cunial
25 Luglio

Il pilota è prima di tutto un artista

Animato da un demone irrazionale ed estetico, viene oggi represso dalla tecnica.
Altri Sport
Giacomo Cunial
4 Giugno

Ferrari a Le Mans, alla ricerca dell’epica perduta

Un ritorno che sa di storia e identità.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Febbraio

È la Formula 1 a non essere più appropriata

Ci hanno tolto pure le gioie alla griglia di partenza. Ora se lo guardano loro quello scempio di gare.
Calcio
Gianluca Palamidessi
13 Novembre

La crisi profonda del calcio nel Sud-Italia

Indagine di un problema storico e culturale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Calcio
Annibale Gagliani
20 Novembre

La migliore Nazionale di tutti i tempi

Abbiamo provato a selezionare l'XI azzurro più forte di sempre.
Storie
Maurizio Fierro
22 Maggio

Francia 98

Le Monde est à nous.
Storie
Luca Giorgi
10 Dicembre

Il Calcio nel Fascismo

Nel regime fascista il calcio si è affermato, anche involontariamente, come sport nazionale.
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Calcio
Raffaele Scarpellini
8 Aprile

Mundialgate, le ombre dell’Italia ’82

Fu vera gloria?