Carrello vuoto
Tifo
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Alberto Fabbri

78 articoli
Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.

“Dopo aver visto visto una partita negli stadi di questa generazione non ti va più di andare in quelli obsoleti, perché improvvisamente ti rendi conto che non ha alcun senso pagare un biglietto per raggiungere un posto scomodo, maleodorante, pericoloso e dove magari ti serve anche un binocolo per capire che cosa sta succedendo in campo. Conosco l’obiezione nostalgica: così si trasformano gli stadi in teatri ovattati per spettatori in giacca e cravatta che pretendono di bere l’aperitivo prima del fischio d’inizio, di cenare nell’intervallo e di scambiare amabilmente due chiacchiere alla fine. Ecco sì. Abbasso l’epica dello stadio come una voltan e Forza Teatro”.

 

Questa è la conclusione dell’editoriale “prepartita” scritto da Cristian Rocca, per il numero di maggio e giugno della rivista “Undici”. In primis, queste parole suscitano una crisi di riso amaro,  tuttavia meritano anche una reazione meno fisica e superficiale. Tralasciando l’ipocrisia di una testata che sovente pubblica fotoreportage da settori decisamente popolari, sparsi in giro per il globo, e che tra gli sponsor presenta un marchio, divenuto storico simbolo di un modo di andare alla partita in maniera non proprio conforme alla morale comune, adesso noi vogliamo entrare a gamba tesa!

 

Manchester, 1980. A noi di vedere la partita ci interessa il giusto (foto Duncan Raban/Allsport/Getty Images)

 

Non conosciamo personalmente l’autore, ma il fatto che elogi l’atmosfera dello stadio del Sassuolo qualche riga più in alto, ci fa quantomeno dubitare della sua esperienza di “girastadi”. Come abbiamo raccontato in una recente intervista, lo Stadio Città del Tricolore, o Giglio (risparmiateci il “Mapei Stadium”), in versione neroverde, presenta lo stesso scenario del deserto del Gobi a mezzogiorno. Per di più buona parte del sostegno sassolese, quantomeno la sua frangia più calorosa, ha abbandonato l’azienda calcistica della famiglia Squinzi, rea di aver sradicato la squadra dalla sua originaria, seppur piccola, realtà.

 

 

In seguito, traendo spunto dall’episodio in cui alcuni tifosi del Tottenham sono stati banditi dal New White Harte Lane per essersi rifiutati di seguire la partita seduti, un gongolante Rocca inizia il suo contributo spiegando a noi, poveri imbecilli, che “il problema è che gli stadi nuovi non possono convivere con il tifo organizzato di una volta, ovvero con gli ultrà”. Non sappiamo su quali evidenze empiriche sia maturata tale sentenza, piuttosto, diciamo che alle nostre latitudini non si sopporta più il tifo verace e sanguigno e si vorrebbe ridurre il cosiddetto “fattore campo” ad un ricordo di tempi barbari. Come se gli episodi di violenza in occasione degli eventi sportivi, non esclusivamente calcistici, si siano verificati soltanto dagli anni Settanta in poi.

 

I veri problemi sono altri, e se ne sono accorti anche i sudditi del modello inglese… (foto Julian Finney/Getty Images)

 

Chi scrive proprio non capisce come si possa paragonare l’esperienza provata allo stadio con le emozioni suscitate dal teatro; il dubbio non concerne né la qualità, né la quantità, bensì le dinamiche psicologiche ivi implicate. Banalmente, nel primo caso l’appassionato partecipa alle sorti della sua squadra sul campo, immaginando di poter influenzare il risultato finale tramite il suo sostegno. Tale sentimento è un carattere che risale agli albori del pallone, anticipando e prescindendo dall’appartenenza ai gruppi organizzati. Invece, potremmo affermare che nessuno degli spettatori seduti in platea, oppure nel loggione, abbia mai pensato di poter incidere sulle prestazioni degli attori durante la rappresentazione artistica.

 

 

Nella società odierna lo stadio è rimasto uno dei pochi luoghi ad aver mantenuto una valenza emotiva e non si può rinnegare questo carattere. La prossima volta che passate di fronte al vostro campo, provate ad assecondare il flusso di ricordi e sensazioni che vi suscita la sua vista. Sugli spalti siamo stati arsi dal sole e colti dalla furia di Giove Pluvio, battendo i denti per il freddo oppure implorando Madre Natura per una tregua dalla calura. Abbiamo condiviso la totale empatia con l’amico di sempre, così come con un perfetto sconosciuto. Eternamente bambini, siamo passati dall’estasi allo sconforto, manifestando per giorni gli effetti di questa febbre dell’anima. Non possiamo spiegare ai profani quello che proviamo ogni volta che la palla sta per gonfiare la rete avversaria. No, non per non il gol, viviamo per gli attimi che lo precedono. 

 

 

Le emozioni provate dal divano non sono affatto comparabili, e risparmiateci “i brividi” delle imbellettate tribune vip lounge bar. Nessuno svago, nessun intrattenimento, allo stadio si soffre terribilmente e si vive la contesa sportiva in prima persona! Davvero possiamo pensare di cedere tutto questo per una bevuta a bordo campo, “in giacca e cravatta”? Lasciateci celebrare la nostra festa, il nostro rito (o quel che ne è rimasto) e che l’aperitivo vi vada di traverso. Viva lo stadio! Viva il teatro! Abbasso lo stadio “teatro”!

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
La Redazione
19 Giugno 2022

La Serie A è la Serie B d’Europa, dice Scaroni

Ma non chiedetegli il perché.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Papelitos
Matteo Paniccia
9 Marzo 2022

Non tifare, investi! (e perdi)

Perché i fan token sono pericolosi.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio 2022

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.