Carrello vuoto
Papelitos
20 Marzo

Noi stiamo con Rino Gattuso

Federico Brasile

62 articoli
Un allenatore e ancor prima un uomo che riavvicina al calcio.

Un’obiezione che spesso si rivolge al cosiddetto “calcio moderno”, tralasciando l’aspetto economico-finanziario, è di aver perso umanità. E come dissentire effettivamente. Certo, ci sono decine e decine di ragioni: il calcio in fondo è solo uno dei tanti aspetti che nell’epoca del capitalismo finanziario ha modificato la propria essenza, e avrebbe poco senso sperare in un’oasi incontaminata che resiste all’avanzata del nichilismo planetario. Tuttavia a noi basta poco per emozionarci ancora, e per ricordarci di quando il pallone era fortemente ancorato a “valori” umani, sociali, territoriali.

 

Questo il motivo per cui all’indomani della sconfitta bianconera contro l’Atletico di Madrid non ce la sentivamo di condannare il gesto di Simeone, tanto per dire. Lo stesso motivo in fondo per cui l’altra sera, quando si sono spenti i riflettori sul derby di Milano e si sono accesi quelli della conferenza stampa post-partita, ci siamo fermati a riflettere – e quasi ci siamo commossi – a sentire le parole di Rino Gattuso.

“È una sconfitta. Ci parlerò nei prossimi giorni. Io credo nel valore del gruppo, nel valore degli uomini. Ho grande coerenza e questo mi ha fatto male perché vuol dire che qualcuno non ha capito ciò in cui credo. A livello professionale per me è stata una grande sconfitta”

Questo solo uno stralcio delle parole dell’allenatore al termine della gara. D’altronde non lo scopriamo adesso: Rino anche da calciatore, come detto, “a certe cose ci teneva tantissimo”, forse ancora più che alle proprie prestazioni; e anzi, quelle stesse prestazioni erano lo specchio del suo modo di essere, della sua lealtà, del suo carattere sanguigno e del suo radicale attaccamento alla maglia. Gattuso trasferiva sul campo un’attitudine da guerriero indomito, che però nasceva ben prima della carriera sportiva e andava ben oltre il rettangolo verde.

 

Ecco perché ha poi ammesso candidamente di riconoscere i propri limiti, di accettare le critiche tecniche che non lo ritengono ancora “un allenatore al 100%”: quelle possono passare. Ma sull’aspetto umano, sui valori su cui ha costruito una carriera, su quella coerenza che ha trasmesso al proprio spogliatoio e che si aspetta quindi dai suoi uomini, beh lì non si può proprio transigere. Non ci stupisce quindi che Gattuso sia rimasto “profondamente deluso” per una “sconfitta professionale”, ancora più pesante di quella maturata sul campo.

Gattuso e il pubblico rossonero, una storia d’amore ventennale e dotata di tanti capitoli (Photo by New Press/Getty Images)

 

Una volta compiuto il salto da allenatore, Gattuso ha mantenuto intatti quei valori umani che lo avevano portato, da falegname del calcio – siamo sicuri che non si offenderà – a risultare fondamentale per i trionfi di squadre composte da autentici fenomeni (il Milan con cui vinse tutto, la Nazionale con cui si laureò campione del mondo).

“Quando vedo giocare Pirlo, mi chiedo se io posso essere considerato davvero un calciatore”

Gia l’esordio su una panchina italiana fu emblematico: a Palermo, con quel pazzo scatenato di Zamparini, un’esperienza che per un cuore debole sarebbe stata esiziale. Poi una breve parentesi in Grecia e l’approdo in Lega Pro al Pisa: qui trascinò la squadra ai playoff e poi in Serie B, in cui si consumò un vero e proprio psicodramma. Con una crisi societaria in atto, stipendi arretrati da pagare ai calciatori e una situazione al limite del surreale, ogni settimana Rino combatteva una vera e propria guerra per motivare le sue truppe, mettendoci sempre la faccia e lottando come un leone, dentro e fuori lo spogliatoio.

“Quando arrivai in mezzo a voi ero ignaro di quello che avrei vissuto e ricevuto da quest’avventura. Giorno dopo giorno l’emozione che questa città ha saputo regalarmi si è alimentata del calore, dei sorrisi e dell’affetto che ognuno, a modo suo, ha saputo trasmettermi. Oggi il Pisa ha un futuro sicuro. Ma non posso dimenticare chi mi ha sostenuto nelle tante difficoltà che insieme abbiamo dovuto affrontare: ogni componente del mio staff, tutti i calciatori che ho allenato, i miei tifosi, la Curva Nord, fino all’ultimo dei bambini che veniva fino a San Piero anche solo per una foto. Coloro che giorno dopo giorno hanno fatto crescere un sentimento sincero che resterà per sempre. Un sentimento che possiamo comprendere e che custodiremo solo noi che l’abbiamo vissuto. Grazie Pisa, grazie a tutti i tifosi: mi avete fatto sentire uno di voi, mi sono sentito amato. E non lo dimenticherò mai”. (Rino Gattuso, lettera d’addio ai tifosi del Pisa)

Ecco allora la chiamata del Milan, teoricamente come traghettatore, per rianimare una squadra spenta, inerte. Alla conferenza stampa di presentazione, nel novembre 2017, Rino parlava così: «Questo è il paradiso. Questo per me è un sogno che continua». E non erano le solite frasi di circostanza, con il tempo d’altronde abbiamo imparato a conoscere la persona. Gattuso per il Milan ha dato, e sta continuando a dare, tutto. Tra le critiche di chi vive ancora la sindrome della nobile decaduta, ed è idealmente rimasto ai rossoneri padroni d’Europa, e le enormi difficoltà contingenti, Gattuso è andato avanti tirando su un ambiente che sembrava incapace di reagire.

Gattuso e i suoi, nella pioggia di San Siro, a inaugurare un legame che si protrarrà nel tempo (10 Dicembre 2017, Milan v Bologna, foto di Marco Luzzani/Getty Images)

I giornali e i tifosi spesso sono implacabili, e pur assolvendo l’uomo capita che condannino l’allenatore. Ma anche qui, facciamo uno sforzo di obiettività e seguiamo la lezione di Roberto Beccantini: l’importante nei propri giudizi non è rinunciare al tifo bensì, pur essendo tifosi, mantenersi se non imparziali quantomeno obiettivi. E allora vi domandiamo, chi altro sarebbe stato in grado di arrivare Domenica al terzo posto, dopo una stagione così sfortunata? Tra un Higuain svogliato e con il muso, e soprattutto gli infortuni che hanno a lungo dimezzato la difesa e privato il centrocampo dell’uomo più importante (Bonaventura) e del regista (Biglia), chi altro sarebbe stato in grado di trasferire alla squadra quella voglia – e anche quella capacità – di vincere partita dopo partita?

“La mia predisposizione alla fatica la considero quasi una malattia” (Rino Gattuso)

Gattuso deve fare i conti con un un ambiente che spesso pecca di presunzione, che si dimostra troppo esigente. E se poi non c’è più Berlusconi a suggerire le due punte ci si mette Salvini, che si spinge ben oltre con questa perversa mania social. Rino però ha le spalle larghe, e noi lo sappiamo. Le spalle larghe e un cuore grande, per non essere espliciti come Simeone. Come allenatore deve ancora migliorare molto, è lui il primo ad esserne consapevole, e chissà, magari potrebbe anche non essere l’uomo giusto per rilanciare definitivamente i rossoneri: questo noi non lo sappiamo (e comunque non sta certo a noi deciderlo). Di certo c’è solo che ad oggi è l’uomo di cui il Milan, e forse anche il calcio italiano, ha bisogno.

 


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Italia
Federico Brasile
19 Novembre 2021

Balotelli, Joao Pedro… chi offre di più?

La Nazionale è una cosa seria.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Ritratti
Domenico Rocca
3 Novembre 2021

Romeo Anconetani, il vescovo di Pisa

L'urlo della provincia in un calcio a misura d'uomo.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Italia
Diego Mariottini
25 Settembre 2021

Salvatore Bagni, il combattente

Compie 65 anni un giocatore, più che di talento, indispensabile.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Paolo Pollo
5 Luglio 2021

Il mediano che diventò domatore di leoni

Breve elogio di Lele Oriali.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno 2021

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio 2021

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2020

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre 2020

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Papelitos
Paolo Pollo
10 Novembre 2020

Marco Silvestri e la sottile arte della provocazione

Come il portiere del Verona ha fregato sua maestà Zlatan.
Ritratti
Diego Mariottini
31 Ottobre 2020

Van Basten l’impenetrabile

Compie oggi 56 anni un uomo che non si è mai concesso.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Ritratti
Lorenzo Cafarchio
3 Ottobre 2020

Franco Scoglio, morirò parlando del Genoa

Il 3 ottobre del 2005 ci lasciava un educatore nel calcio.
Storie
Diego Mariottini
17 Settembre 2020

Chiedi chi era Angelo Schiavio

Il più grande cannoniere del Bologna, l’uomo della Provvidenza in azzurro.
Calcio
Rudy Galetti
5 Agosto 2020

L’eccezionale normalità di Jack Bonaventura

L'addio al Milan in un silenzio dal rumore assordante.
Cultura
Rudy Galetti
28 Maggio 2020

Ugo Tognazzi e il Milan, il Diavolo per le palle

Un amore mai nascosto per i colori rossoneri, iniziato con un battesimo singolare.
Storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio 2020

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile 2020

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Ritratti
Rudy Galetti
1 Aprile 2020

Alberto Zaccheroni, l’arte di essere se stessi

Compie oggi 67 anni un allenatore poco mediatico ma molto umano.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo 2020

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo 2020

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Ritratti
Rudy Galetti
25 Marzo 2020

Ruud Gullit era fuori dal coro

Un calciatore e ancor prima un uomo extra-ordinario.