Carrello vuoto
Papelitos
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.

Il Napoli si voleva regalare la più bella delle serate. Tirato a lucido (nero) ha voluto vestire i panni delle feste per legittimare il sarrismo anche in Europa ma si è infranto nella crudele realtà della Champions League. L’impianto scenico è pieno di emozioni: quindicimila napoletani sono arrivati a Madrid perché – checché se ne dica, in tanti credevano, e credono, nell’impresa – mentre nei minuti che precedono la partita il Masaniello-Maradona scende negli spogliatoi per incoraggiare i suoi figliastri alla battaglia. Proprio in questi dettagli si potrebbe di per sé spiegare la normalità consumatasi sul prato nobile delle merengues: Napoli e napoletanità, nel suo sentimento in forme mistico-esoteriche, hanno sovraccaricato emotivamente una squadra giovane e spavalda che avrebbe necessitato di un clima diverso per vivere serenamente il battesimo europeo. Un difetto di ragion pratica ed un eccesso di autostima. A Madrid in fin dei conti viene sic et simpliciter ristabilita la normalità: il Real, pur non scoppiettante, è più forte e più tecnico e tanto basta per motivare il risultato finale. Ad aver tradito le aspettative, e a piegarsi alla legge del più forte, sono stati anzitutto i giocatori più attesi. Se da una parte Koulibaly ha patito la rumba madrilena della trequarti, l’ostinazione per il Mertens falso nove ha messo in luce i limiti – psicologici forse – di un giocatore irrisolto da un canto e di un’eccezione tattica dall’altro: sono mancati chili e centimetri per battagliare a dovere ed allungare il campo senza fraseggio. Callejon, calato nel suo what if personale, ha rivisto i fantasmi della giovinezza. Hamsik non si è mai accesso. La mediana era composta da neofiti che sono passati in un anno dal calcio di provincia al tempio sacro del Bernabeu; troppi deficit di esperienza e, nelle parole di Aurelio De Laurentis, cazzimma.

bellezza
La bellezza sconvolgente del tiro di Casemiro

Nel dopo-partita è scoppiata, per l’appunto, la bolla emotiva del match: De Laurentiis e la sua egomania hanno mostrato quanto difficile godere di una dialettica equilibrata nelle piazze calde. Troppi “io”, troppi ammonimenti, troppo guappismo contro un allenatore, Sarri, che si è presentato all’appuntamento con la forza della coerenza. “Siamo stati inadeguati” ha detto nel post-partita. Troppo ingeneroso e forse paraculo in vista del ritorno. Voleva giocarsela ed ha perso, giocandosela, con i campioni d’Europa, la squadra più blasonata e ricca del mondo. Non c’è spazio per il melodramma quando a trionfare è la normalità. L’unico rimpianto, forse, può essere quello di tornare nel Golfo senza aver provato, anche per un parziale, ad arretrare italianamente la linea e provare in ripartenza (l’occasione sciupata da Mertens scaturisce da una situazione simile). Una partita più maschia e gagliarda avrebbe visto un risultato diverso? Troppo dogmatico Sarri per negarsi in uno scenario del genere.
Non occorre essere severi con il Napoli. Il ko è dignitoso soprattutto se frutto della volontà di non snaturarsi e di tentare di misurarsi, con il proprio credo, anche nei palcoscenici migliori. Il Napoli ha tenuto, alle fine dei giochi, il campo discretamente anche dopo il quasi casuale gol di Casemiro più rischiando di siglare il 3-2 che di incassare il quarto. La Roma, ad esempio, con la sua innata attitudine allo psicodramma una volta scioltasi sarebbe tornata a casa vittima di passivi tennistici. In questo caso l’aritmetica non è ineluttabile: giocando bene si può punire un Real spesso vulnerabile e concessivo tra le linee. Nulla è perduto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile 2021

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Italia
Paolo Pollo
1 Marzo 2021

Quanto ci mancano i Toscani

Allegri, Spalletti, Sarri, Mazzarri: non conoscevamo la noia.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Tu vuò fà l’americano

De Laurentiis e il Napoli non si sono mai capiti.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Calcio
Francesco Sani
1 Dicembre 2020

100 anni di Empoli

Non si vive un secolo, a buoni livelli, per caso.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Antonio Torrisi
11 Novembre 2020

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Tennis
Luca Pulsoni
25 Agosto 2020

Paolo Sorrentino, il Napoli e Maradona

Il legame con Partenope, la sua squadra e il più grande di tutti.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto 2020

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Tennis
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2020

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto 2020

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2020

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio 2020

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Calcio
Lorenzo Fabiano
19 Giugno 2020

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.