Papelitos
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.

Come volevasi dimostrare, e facilmente prevedere, il nuovo formato della Champions League (dal 2024) verrà incontro alle richieste dei top club. È questa l’indiscrezione riportata dal Corriere dello Sport per cui l’ECA avrebbe accettato la proposta di Ceferin: niente più fase a gironi, sostituti invece da un torneo unico a 36 squadre – diviso in quattro fasce, in cui ogni club giocherà 10 partite in gara singola, 5 in casa e 5 in trasferta, in base al ranking. Poi ci sarà la fase ad eliminazione diretta, a cui si qualificheranno:

le prime 8 classificate del torneo, che accederanno direttamente agli ottavi;

le seconde 16 (quindi dalla nona alla ventiquattresima), che invece si sfideranno nei sedicesimi di finale per stabilire chi raggiungerà gli ottavi – un po’ come accade per l’Europa League, che prevede squadre già qualificate per gli ottavi e altre costrette ai sedicesimi.

Un format che si avvicina molto all’idea della Superlega 2.0 – quella che comunque prevedeva il “merito sportivo” –, e che certamente ne sposa il principio di base: giocare più partite “di prestigio” possibili, appetibili per gli sponsor, per i calciofili internazionali e per il nuovo pubblico più o meno giovane, più o meno “sradicato”, più interessato allo spettacolo e meno all’identità e al tifo tradizionale. Una riforma storica, che Ceferin (presidente UEFA) e Al-Khelaifi (presidente ECA) hanno messo a punto per mantenere il monopolio dell’UEFA sul calcio europeo. Creando una Super Champions, sostanzialmente.

La nuova Champions, un passo verso la Superlega

Insomma, come scrive Francesco Friggi su Eurosport: «il calcio diventa ufficialmente ‘Azienda‘ con la ‘A‘ maiuscola», considerando anche le riforme economiche e le nuove strategie di commercializzazione e pubblicizzazione che entreranno in vigore per il ciclo 2024-2027. Un epilogo obbligato, ma che stride un po’ con le dichiarazioni di Ceferin sul “calcio della gente” e sulla UEFA, organismo difensore delle federazioni nazionali. Da queste riforme i campionati infatti ci perderanno solo, venendo ulteriormente demansionati e subendo l’ennesima picconata, quasi fossero unicamente i contesti in cui i top club si allenano per poi andare a giocare le partite importanti (sempre più numerose) altrove.

Perché l’importante, nel calcio contemporaneo, è giocare. Giocare sempre, meglio se partite “di cartello” (che poi a forza di giocarle diventeranno di cartone), per alimentare un’industria che dopo la pandemia anziché ridimensionarsi ha dovuto accelerare; aumentare il volume per restare in piedi, gonfiare la bolla pur di non farla scoppiare. Così, inseguendo gli sponsor e spremendo i giocatori fino a quando è possibile, si è creata una sorta di dipendenza anche nel pubblico: i consumatori di calcio sono sempre più drogati, ormai in crisi d’astinenza quando devono stare per una settimana intera senza partite.

E la Super Champions non può che seguire queste esigenze: finanziarie per i club, di intrattenimento per gli spettatori.

Il problema è che, ormai, le esigenze tendono spesso a coincidere. E il pubblico che vuole il grande evento è immensamente più ampio di quello radicato e tradizionale, che segue principalmente la sua squadra (magari del luogo), e non vive il football come una forma di spettacolo, sostitutiva di una serie tv o di un film. Questa è la direzione, con buona pace dei vecchi tifosi, delle leghe nazionale e delle settimane “libere” dal lunedì al venerdì: uno spettro del passato, da relegare al secolo scorso.

A questo punto, però, tanto valeva fare la Superlega. Almeno tutti gli altri, come detto da tanti gruppi di tifosi, si sarebbero potuti godere in santa pace dei rinnovati campionati nazionali. Orgogliosamente periferici e campanilistici, senza dover affrontare le grandi squadre che via via tratteranno i campionati come le coppe nazionali: con sufficienza, superiorità e turnover.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La Redazione

74 articoli
Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode
Calcio
La Redazione
18 Novembre 2022

Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode

Prosegue il circo occidentale sul mondiale qatariota.
Chi semina vento raccoglie tempesta (di sabbia)
Altro
La Redazione
10 Novembre 2022

Chi semina vento raccoglie tempesta (di sabbia)

Tutta l'ipocrisia di Guardiola sul Qatar.
Lazio-Salernitana, la vergogna sui biglietti del settore ospiti
Tifo
La Redazione
27 Ottobre 2022

Lazio-Salernitana, la vergogna sui biglietti del settore ospiti

La Curva Sud Siberiano ha comunicato che non partirà alla volta di Roma.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

La leggenda di Cristiano Ronaldo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
04 Aprile 2018

La leggenda di Cristiano Ronaldo

Juventus-Real Madrid senza storia. Ma la storia s'è scritta.
Studiare l’Eurolega per capire la Superlega
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Cosa ci resta di Cardiff
Editoriali
La Redazione
05 Giugno 2017

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Giacinto Facchetti, capitano mio capitano
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Frank Rijkaard, l’olandese sparito
Calcio
Mattia Curmà
07 Gennaio 2020

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.