Critica
29 Marzo 2023

Sostituiamo i portieri con dei robot!

Le nuove regole IFAB uccidono un ruolo epico.

Il VAR, il tempo effettivo, il fuorigioco semiautomatico, il pallone ricaricabile, infine le nuove regole IFAB [1] che verranno introdotte dalla stagione 2023/24 e che recidono chirurgicamente il ruolo dei portieri sui calci di rigore: sono le nuove regole, per dirla meglio i nuovi termini del regolamento di un gioco fu spontaneo, genuino e istintivo. Che cosa ci dicono queste regole? Tutte, inderogabilmente, raccontano – come direbbe Papa Francesco – «non un un’epoca di cambiamenti, ma un cambiamento d’epoca», paranoica in quanto calcolatrice.

Di nuovo, anche se siamo stanchi di ripeterci a questo punto del dibattito: il problema non è sulle conseguenze ma sui fondamenti di queste regole. Che cosa rappresentano? L’ansia tutta post-moderna di controllare il caos, di governarlo a priori – in una parola, di rendere non l’umano a misura della tecnologia, ma la tecnologia umana (IA). Dove stiamo andando, a livello calcistico? Ma la domanda è posta male: da dove ce ne stiamo andando, a livello calcistico? Ecco, il calcio è uno sport tra uomini. O meglio, dovrebbe esserlo. E che cos’è l’uomo, se non fallibilità, astuzia, caduta, potenza e vulnerabilità? Non si rischia, forse, con tutti questi cambiamenti, di stravolgere lo sport trasformandolo in qualcosa che non ha niente a che fare con esso?



Nel caso specifico e a proposito delle nuove regole IFAB sui portieri, perché a questo punto non sostituiamo l’estremo difensore, durante i penalty, con un robot di ultima generazione?

«Nuove regole IFAB per i rigori nel 2026: i portieri dovranno essere di spalle al momento del tiro. In caso di parata, verrà fischiato un calcio di punizione indiretto».

Mike Maignan, 26.03.2023 / Twitter

Tra le nuove scintillanti regole – perlopiù chiarificazioni alla Don Abbondio sul regolamento vigente – espresse dall’IFAB, Mike Maignan (numero uno in tutti i sensi) si riferisce evidentemente a quella che recita: «Calcio di rigore: il portiere deve rimanere sulla linea di porta, di fronte al calciatore, tra i pali, senza toccare i pali, la traversa o la porta, fino a quando il pallone non è stato calciato. Il portiere non deve comportarsi in modo da distrarre ingiustamente il calciatore, ad es. ritardare l’esecuzione del tiro o toccare i pali, la traversa o la porta. Il portiere non deve comportarsi in modo da non mostrare rispetto per il gioco e per l’avversario, cioè distraendo ingiustamente il calciatore».

Complimenti, davvero. Era difficile rovinare uno degli ultimi momenti di puro futbol: l’IFAB ci è riuscito. Chissà cosa ne pensa Jorge Valdano, che ne Il sogno di Futbolandia, p. 144, scriveva: «Un rigore ha bisogno di tutti gli ingredienti che compongono il calcio (campo, pallone, porta, giocatori, arbitro), tuttavia le sue leggi non sono quelle del gioco. È un’azione primaria che non esprime ma semmai mutila il calcio e che, ciò malgrado, non riduce ma concentra le emozioni. La lotta fra comunità si trasforma in un combattimento a due. Uno contro uno. Il duello». Povero scemo romanticone di un Valdano, ma chi ti credi di essere?! Tu e la tua poesia del gioco. Il gioco è calcolo, giustizia, studio, praticamente una partita a scacchi.

Ce lo vedete voi Emiliano Dibu Martinez rimanere impassibile sulla linea di porta, eventualmente stando zitto come una mosca nella dolce attesa di subire gol – per un portiere, l’equivalente di una prima morte ripetuta nel tempo. Che fine fa, con queste nuove regole, il dramma (insieme individuale e comunitario) della lotteria – termine che andrà rivisto, evidentemente – dei calci di rigore? Undici metri, insieme nascita e patibolo a seconda dello sguardo di chi li vive, che con queste nuove regole diventano se vogliamo cinque, al massimo sei passi da un esito praticamente certo.

È evidente a chiunque, infatti – o perlomeno a chi ha giocato a pallone –, che tirare un rigore non sia difficile da un punto di vista tecnico, ma unicamente (o quasi) psicologico. Pensate solo ai tre rigori parati da Silvestri a Ibrahimovic, alle frasi pronunciate dal Dibu in semifinale contro la Colombia a Yerry Mina, più in generale ai vecchi e santi trucchi del mestiere di portiere, vittima innocente fino a prova (e soluzione) contraria. Chi fa il portiere è pazzo: criminale e diabolico chi vuole distruggerne l’epica.


[1] L’IFAB è l’organo internazionale preposto a decidere le regole del calcio. Verrebbe quasi da chiedersi: sulla base di cosa? Chi e come interviene sul regolamento?

Gruppo MAGOG

Moriremo di moralismo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Maggio 2024

Moriremo di moralismo

Ma il giorno della fine, non ci salverà l'ipocrisia.
Real, mistero senza fine bello
Papelitos
Gianluca Palamidessi
09 Maggio 2024

Real, mistero senza fine bello

Una squadra che ha trasformato lo straordinario in fenomeno ordinario.
Battisti e la Lazio
Ultra
Gianluca Palamidessi
04 Maggio 2024

Battisti e la Lazio

Una storia (mitica) delle origini.

Ti potrebbe interessare

Lev Yashin, l’acchiappasogni
Ritratti
Giuseppe Genna
19 Marzo 2020

Lev Yashin, l’acchiappasogni

Trent'anni fa ci lasciava l'uomo che ha rivoluzionato il ruolo di portiere.
Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi
Calcio
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Il portiere è un uomo solo
Calcio
Gennaro Chiappinelli
15 Ottobre 2020

Il portiere è un uomo solo

Metafisica di un ruolo da pazzi e antagonisti.
La Serie A non par(l)a più italiano
Calcio
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Il Dibu Martinez o lo ami o lo odi
Calcio
Nazzareno Consalvi
07 Dicembre 2023

Il Dibu Martinez o lo ami o lo odi

Le molteplici facce di un portiere inimitabile.