Carrello vuoto
Calcio
25 Agosto

Odissea Serie B

Domenico Rocca

30 articoli
Dopo una tormentata estate passata tra sentenze, appelli e tribunali federali, ritorna finalmente il campionato cadetto.

L’estate che ha caratterizzato la serie cadetta è stata l’emblema dell’inefficienza di un sistema che ha palesato tutte le sue lacune, sul piano strutturale come in quello gestionale, evidenziando anche in questa occasione quel mancato cambiamento di rotta – professato in lungo ed in largo dalla gestione pre e post Tavecchio – che doveva necessariamente dare nuova verve al calcio italiano partendo proprio dalle serie minori. Invece, come di consueto negli ultimi anni, abbiamo assistito a due mesi ricchi d’incertezze e di tragedie sportive, come in un drammatico romanzo calcistico ambientato in aule di tribunali federali, dove i protagonisti combattono contro il tempo, destreggiandosi tra sentenze ed appelli. L’entusiasmo trasmessoci dai verdetti dello scorso campionato si è presto affievolito, sormontato dai campanelli d’allarme che rimbombavano nelle piazze di Cesena, Bari ed Avellino, un suono acuto che ha traghettato queste storiche piazze nei dilettanti.

 

Il sindaco di Bari sceglie Aurelio De Laurentis per la risalita dei galletti.

 

Cambiamenti?

 

Il numero delle squadre. Dopo i problemi finanziari e tecnici che hanno decretato i fallimenti prima citati, è iniziato il vero iter decisionale che ha visto la contrapposizione tra chi era favorevole ai ripescaggi (Siena, Catania e Novara in primis) e chi invece intendeva optare per un format ridotto a 19 squadre invece che a 22. Nonostante le ingenti pressioni portate avanti da Damiano Tommasi, presidente dell’ AIC e portavoce degl’interessi dei calciatori delle squadre in lizza per il ripescaggio (che giurano tutt’ora il ricorso al Tribunale Federale Nazionale), il numero sembra essere confermato a 19 squadre, il che comporterebbe ad un calendario caratterizzato da una squadra “a riposo” per ogni giornata.

 

La Serie B a 19 squadre è un bene per la sopravvivenza della Lega di B e per la tenuta del sistema “.    Mauro Balata – Presidente Lega B

 

Per molti una scelta obbligata. Sono svariati anni che per diversi club è sempre più complicato rispettare i parametri finanziari imposti dalla Lega, restando comunque a galla attraverso una politica del ‘’salvare il salvabile’’ fatta di strascichi e punti di penalizzazione, motivo per cui la Lega B ha risposto attraverso una normativa economica per certi versi rigida, per altri necessaria, che ha come fine la perentoria diminuzione del distacco che caratterizza su diversi piani la Lega B con la serie A.

 

Ma l’arduo cammino che portato alla prima giornata di campionato ha visto, come se non bastasse, anche la secca posizione della Lega Serie C che, avvalorando le posizioni del proprio presidente Gravina, ha palesato l’intenzione di posticipare i sorteggi dei calendari, attendendo così il responso definitivo del Coni in merito all’odissea ripescaggi.

 

“Vogliamo essere propositivi: l’Assemblea mi ha dato mandato di chiedere sette promozioni in Serie B per il 2019-2020 al fine di ripristinare il format a 22 squadre. Sono comunque convinto che il 7 settembre il Collegio di Garanzia ripristinerà il rispetto delle norme’’    Gabriele Gravina – Presidente Lega Pro

 

In un panorama simile è evidente il contrasto che caratterizza i diversi livelli direttoriali del calcio Italiano. Non vi è una visione unitaria, tanto meno un intento comune. Ci chiediamo come si possa pretendere di raggiungere una svolta quando Lega C, Lega B, serie A, Figc e tutti i restanti organi dirigenziali intraprendono strade completamente diverse, perseguendo ognuno la propria utilità. Un problema che tocca la politica e si rispecchia successivamente anche nello sport, figlio di una cultura spicciola, clientelare e per certi versi provinciale, incapace di ogni sorta di programmazione.

 

Diletta Leotta, nuovo volto di Dazn

 

Un altro cambiamento, poi, è quello dettato dalle esigenze televisive. Abbiamo già parlato del ‘’campionato spezzatino’’ , che purtroppo non riguarda esclusivamente la serie A. Anche la cadetteria, infatti, si è inginocchiata ai dettami imposti dalle Pay tv. Ad aggiudicarsene i diritti è stata l’onnipresente Dazn, piattaforma online entrata prepotentemente nel jet set sportivo che ha ammorbato la nostra estate inserendo il proprio marchio in ogni spazio utilizzabile, attraverso la monotona immagine della generosa Diletta Leotta che, fiutando una nuova opportunità lavorativa, ha pensato bene di cambiare casacca (nonostante a molti piaccia ricordarla senza – e concedeteci la battuta, su!, che con questo politically correct state esagerando).

 

 

Cosa aspettarci da questa stagione?

 

Accantonate le vicende tecniche e scomparsa la spada di Damocle che pendeva sull’inizio del campionato, ci apprestiamo ad analizzare questa stagione partendo da un’analisi sulle squadre che si daranno battaglia in un girone che, nonostante tutte le vicissitudini, sembra ancora il più rovente degli ultimi anni.

.

 

Prima Fascia.  Regine del mercato, in prima linea nella lotta alla promozione. Sono loro le corazzate del torneo. LHellas Verona, che parte per tutti come favorita. La squadra allenata da Fabio Grosso può contare su un parco attaccanti vasto e di categoria superiore, e sarà interessante capire come l’ex campione del mondo gestirà una rosa completa come quella attuale. Il Brescia, una delle squadre che più si sono mosse sul mercato, avviando un percorso di crescita di molti giovani, tra tutti Tonali e Bisoli, affiancati da due grandi acquisti come Tremolada ed il bomber Donnarumma, che lo scorso anno insieme a Ciccio Caputo ha traghettato l’Empoli in serie A.

 

Il Palermo, l’eterna promessa dello scorso anno, lasciatasi sfuggire la promozione in un rocambolesco play off, riparte dalla certezza Nestorovski e da due importanti acquisti, il fantasista Falletti ed il roccioso Puscas, in una squadra già rodata nello scorso anno. Una conferma. Infine gli stregoni del Benevento, caratterizzati da un mercato basato sull’esperienza, con gli acquisti di giocatori quali capitan Maggio, Nocerino, Roberto Insigne, con un trainante attaccante come Improta ed una difesa praticamente intatta dallo scorso anno. Ottimo il lavoro del ds Pasquale Foggia.

 

Maggio e Nocerino sono i nuovi leader in casa Benevento

 

 

Seconda fascia

 

Sono tante le squadre ben attrezzate per rappresentare un pericolo alle ambizioni delle favorite, prova della bellezza e della difficoltà di un campionato ricco d’insidie – questo è il bello della seconda serie, soprattutto se confrontato con la A – : Crotone e Foggia in primis. I Pitagorici hanno in parte confermato l’organico dello scorso anno, e seppur hanno perso per strada pezzi importanti, l’allenatore Stroppa è stato capace di ricostruire un puzzle dove spiccano senza dubbio i volti del gigante Simy e del metronomo Benali. I Satanelli invece provano a scrollarsi sin da subito gli otto punti di penalizzazione con un mercato stellare, che pone di diritto i Foggiani nella lotta ai piani alti. Intrigante la coppia Mazzeo – Galano dietro al grande ritorno di Re Pietro Iemmello: ci sarà da divertirsi. In quel di Salerno invece si brinda per l’acquisto direttamente dalla Lazio di Di Gennaro: sarà lui a mettere ordine a centrocampo, in una squadra ricca di alternative in ogni reparto, con diversi innesti di qualità, uno tra tutti il velocissimo Jallow, che potrebbe essere la vera e propria sorpresa.

 

Spezia e Cremonese con un mercato oculato sono riuscite poi a rafforzare le proprie rose. I liguri hanno piazzato in extremis un acquisto importantissimo come Galabinov, affiancato dalla velocità di Ricci. Ottimo il rientro in sede di Okereke, protagonista di un gran campionato in C con il Cosenza lo scorso anno. La Cremonese di mister Mandorlini approfitta invece della retrocessione della Ternana per rubare due pezzi pregiati come Carretta e Montalto. Tra tutti spicca anche l’acquisto di Castagnetti, vero gioiello per la categoria. Perugia infine su misura di mister Nesta: la squadra è totalmente rinnovata e lavora per garantire al giovane attacco formato da Han, Melchiorri e Vido un prolifico rullino di marcia.

 

Di Gennaro, in teoria l’acquisto più inaspettato di quest’estate (se non ci fosse dietro l’opera del presidentissimo Lotito)

 

Terza fascia

 

Nessun demerito per le restanti compagini, specie per le neopromosse Livorno, Padova, Cosenza e Lecce. Il quartetto, seppur mantenendo molti pezzi pregiati in rosa, è riuscito a rinnovare il proprio organico adattandolo alle impervie strade della categoria. Come già lo scorso anno ci ha insegnato, le neopromosse sanno far molto bene, specie quando nel mercato estivo si lavora per sopperire al divario tecnico. Tra le quattro meglio Cosenza e Lecce, che potrebbero togliersi diverse soddisfazioni; attenzione invece a Padova e Livorno, sarà più difficile per loro ambientarsi. Esce infine molto rinnovato da questa pausa estiva l’Ascoli:  una vera e propria rivoluzione rispetto all’organico che lo scorso anno sfiorò la retrocessione. Spicca l’acquisto di Ardemagni in attacco, che si spera risulti essere più prolifico dello scorso anno ad Avellino.

 

Ardemagni rappresenterà il terminale offensivo degli ascolani

 

Concludendo infine dobbiamo notare le tante cessioni per Cittadella e Carpi. Un vero e proprio ricambio generazionale nel caso dei veneti, che tuttavia non sono nuovi a questo genere di scommesse. Per quanto riguarda i Carpigiani risultano molto più preoccupanti i mancati acquisti di qualità e l’assenza di valide alternative in panchina.

 

Pescara e Venezia al contrario si basano sulle conferme. Il delfino regala qualche garanzia in più in difesa ai propri tifosi, ma il problema resta l’attacco; nota positiva il centrocampo con Brugman e Memushaj. I lagunari con l’arrivo di mister Vecchi cambiano poco, importante però l’arrivo di Citro che con Litteri potrebbe dare nuova verve ad un reparto offensivo talvolta troppo statico.

.


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Michelangelo Freda
13 Luglio 2021

Lotito e la Salernitana, una triste storia all’italiana

La telenovela della multiproprietà.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Italia
Giacomo Maria Bertocco
5 Marzo 2021

Resurrezione a Venezia

La città più bella del mondo nel calcio, tra nostalgie e speranze.
Interviste
Michelangelo Freda
20 Febbraio 2021

Cosimo Sibilia contro tutti

Domani si vota per la presidenza FIGC: la versione dello sfidante.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Tu vuò fà l’americano

De Laurentiis e il Napoli non si sono mai capiti.
Ritratti
Domenico Rocca
6 Febbraio 2021

Erasmo da Taranto

Erasmo Iacovone, l’uomo e il simbolo.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Matteo Mancin
19 Gennaio 2021

La favola del Castel di Sangro

Memorie sull'indimenticabile cavalcata condotta da Osvaldo Jaconi.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Calcio
Andrea Mainente
6 Novembre 2020

Lunga vita al Lanerossi Vicenza

La squadra e la città, unite per sempre.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre 2020

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Calcio
Matteo Paniccia
25 Settembre 2020

Il Frosinone, leone di provincia

Grazie alla passione della famiglia Stirpe, il club ciociaro è diventato una della realtà più solide della Provincia del calcio italiano.
Calcio
Luca Pulsoni
20 Agosto 2020

La dura vita delle neopromosse in Italia

Neanche salgono in Serie A, e già sono con un piede in Serie B.
Storie
Gennaro Malgieri
13 Agosto 2020

Le scuole calcio hanno tradito il pallone

Desertificazione della fantasia e profitto sulla pelle dei ragazzi.
Ritratti
Francesco Andreose
3 Agosto 2020

Costantino Rozzi, il Presidentissimo per eccellenza

Il Grande Ascoli, l'indimenticabile presidente.
Calcio
Gianluca Palamidessi
15 Luglio 2020

Il Monza è lo specchio di Berlusconi e Galliani

E infatti la Serie A non è più una chimera.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Editoriali
Federico Brasile
29 Maggio 2020

Un campionato da sfigati, guardoni e addetti ai lavori

Pronti a ripartire, nel menefreghismo di milioni di tifosi.
Calcio
Francesco Andreose
9 Maggio 2020

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile 2020

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile 2020

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile 2020

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Papelitos
Matteo Paniccia
30 Marzo 2020

Scommettere sulla crisi

Non sarà certo il betting a salvare il calcio italiano.
Interviste
Michelangelo Freda
29 Marzo 2020

Il Coronavirus sta facendo implodere il calcio

Abbiamo intervistato Pippo Russo sulle possibili ripercussioni dell'emergenza nel calcio.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo 2020

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio 2020

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Calcio
Francesco Andreose
24 Febbraio 2020

Il riscatto del calcio di provincia

Le serie minori credono ancora nel calcio di una volta.
Calcio
Remo Gandolfi
8 Febbraio 2020

La rivincita di Roberto D’Aversa

Alla faccia del bel gioco, il Parma di D'Aversa stupisce nel segno della tradizione italiana.
Storie
Diego Mariottini
16 Dicembre 2019

La fine di re Giorgio

Nel 1984/85 affonda definitivamente il progetto Chinaglia per una Lazio competitiva, mentre il Verona lancia la fuga verso lo scudetto.
Tifo
Jacopo Benefico
29 Novembre 2019

Brescia-Atalanta è storia, ma senza tifosi che derby è?

Contro-storia del derby più sentito del Nord Italia.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre 2019

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre 2019

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Storie
Sergio Taccone
21 Ottobre 2019

Milan 1981, l’annus horribilis

Il racconto del campionato 1981/82, la stagione più infausta in centoventi anni di storia rossonera.
Calcio
Umberto De Marchi
15 Ottobre 2019

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Papelitos
Beniamino Scermani
2 Settembre 2019

Il calcio femminile contro le regole base dell’economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto 2019

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Calcio
Marco Metelli
21 Agosto 2019

Grazie, Brescia

Una grande piazza del nostro calcio è tornata a sognare.
Papelitos
Matteo Paniccia
25 Luglio 2019

La Uefa vuole schiavi gratis

Per Euro 2020 la Uefa sta raccogliendo volontari da tutto il continente, con lo scopo di “promuovere i valori dello sport”. Cosa aspetti? Iscriviti anche tu!
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno 2019

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Storie
Domenico Rocca
19 Giugno 2019

Cento anni di Salernitana

La Salernitana è sopravvissuta un secolo a tanti bassi e pochi alti ma risultati, categorie, presidenti e dirigenti non hanno minimamente scalfito l'autentica passione di tutta una città.