Carrello vuoto
Tifosi
6 Maggio

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

Alberto Fabbri

75 articoli
La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.

Le scene del pomeriggio di Old Trafford sono destinate a rimanere nella storia del calcio: il “Teatro dei Sogni”, simbolica Bastiglia del calcio del Duemila, è stato espugnato dal Terzo Stato, il popolo del tifo, sollevatosi per cacciare il despota americano. La prima partita di Premier League rinviata per il comportamento dei tifosi non si dimenticherà tanto facilmente. Mentre guardavamo increduli ed eccitati i video che mostravamo i tifosi arrampicati sulle porte, le braccia alzate al cielo plumbeo della Repubblica Mancuniana ed i cori che si levavano dal cerchio di centrocampo, ci interrogavamo su che emozione darebbe vedere le stesse scene a casa nostra, sul prato del Meazza per esempio.

Riemersi dalle fantasie, presto ci struggevamo perché toccava ammettere che, almeno per il momento, in Italia non potrebbe succedere nulla di simile. Possiamo liquidare la questione pontificando che il movimento e la controcultura ultras sono morti e sepolti, mentre il tifoso medio è lobotomizzato ed appagato dalla visione delle curve di Diletta? No, in primis perché da queste colonne non ci permettiamo di elargire estreme unzioni; ma soprattutto perché, seppur nel nostro piccolo, cerchiamo di spingerci al di là delle letture di comodo.


LE CAUSE DELLA TEMPESTA


Per cominciare, bisogna soffermarsi sulle premesse da cui è scaturito il blitz sul rettangolo verde, ovvero la manifestazione indetta dal Manchester United Supporter’s Trust. Sappiamo infatti che l’associazione dei tifosi dei Red Devils aveva pianificato una protesta contro la famiglia Glazer, dalle 14 in poi, nel piazzale antistante Old Trafford.

L’intenzione era convogliare lo storico malcontento della tifoseria nei confronti della proprietà americana, la cui posizione si è aggravata pesantemente dopo l’affare della Superlega; concretamente si chiedeva un maggior coinvolgimento dei tifosi nella gestione del club. Addirittura sui cartelli e gli striscioni si reclamava la regola del cosiddetto “Modello 50+1“, che vige in Germania. D’altronde i Trust, la denominazione a cui in genere fanno riferimento le associazioni di tifosi inglesi, nascono proprio con questo fine: rafforzare il legame tra club e comunità, una comunione d’intenti che antepone il rispetto e la collaborazione sul territorio al mero acquisto di quote azionarie.

Anche nel Regno Unito si spinge per il modello tedesco del “50+1” (Getty Images)

L’invasione di campo sarebbe stata allora uno spontaneo ed inatteso fuori programma, forse favorito dalla connivenza di qualche addetto del club; ad ogni modo, il MUST ha preso le distanze dalle derive violente, che rischiano di delegittimare agli occhi del pubblico le ragioni della loro dimostrazione. Così l’iniziativa originaria non è nata dai tifosi più riottosi, bensì dai tifosi “moderati”, sicuramente non meno appassionati di chi è pronto a menare le mani per il Man U. In Italia però, questo tipo di azioni sarebbe davvero difficile da organizzare senza il supporto del tifo organizzato, perché, tranne rari casi, il tifoso medio è totalmente disimpegnato e privo di iniziativa.

 

Di fatto, alle nostre latitudini, l’aggregazione attorno al tifo è rappresentata esclusivamente dall’attivismo degli ultras, estremi difensori del vincolo tra squadra e città, “santa teppa” pronta a spingersi anche al di là della legge. Proprio da questo punto di vista, letteralmente culturale, l’Inghilterra è lontana anni luce rispetto a noi, perché il football rimane una religione che si manifesta nella rituale celebrazione del rapporto tra club e comunità di tifosi-adepti. Qui non è inverosimile aspettarsi che anche i tifosi dei settori più tiepidi possano scendere in strada per ribadire che i veri proprietari dei club sono loro.


LO SCENARIO ITALIANO


Proprio tale concezione rende il terreno fertile alla partecipazione dei sostenitori nella gestione delle squadre; viceversa è questa la prima e fondamentale differenza che dobbiamo colmare affinché queste realtà prendano piede anche nel nostro Paese. Bene, riconosciuto questo divario ideologico, allora è lecito domandarsi che fine abbiano fatto i nostri ultras: perché non scendono in piazza per contestare la Superlega e chiedere la testa dei padroni del pallone?

All’inizio del Duemila il nostro tifo organizzato si è mosso in massa per chiedere un calcio migliore e denunciare la stretta repressiva, che dagli stadi sarebbe state applicata all’intera società; a memoria di chi scrive, l’ultima grande manifestazione risale al 2009, quando le tifoserie sono scese in piazza per contestare l’imminente adozione della tessera del tifoso. Oggi quella generazione è scoraggiata di fronte ai pochi risultati raccolti ed alla velocità con cui il calcio si è allontanato dai tifosi, ma almeno può dire di aver provato a fare sentire la propria voce.

Un contributo dalla manifestazione del Novembre 2009

Da allora le tifoserie italiane hanno adottato una strategia “sotterranea” che, se da un lato ha costretto a rapportarsi con interlocutori istituzionali tutt’altro che affidabili (leggasi il politico di turno), dall’altro ha portato a raccogliere significative vittorie nelle aule dei tribunali. Una linea meno appariscente, ma che si spera possa dare maggiori frutti rispetto alle mobilitazioni di massa.

Oggi non è facile chiedere agli ultras di scendere in piazza nuovamente. Pensiamo alle multe fioccate in occasione dei raduni organizzati dalle due curve milanesi in occasione dell’ultimo derby, oppure ad un evento meno noto, ma ancor più grave. Lo scorso marzo, sulla pista d’atletica dell’Armando Picchi di Livorno, è stato organizzato l’ultimo saluto ad uno storico tifoso amaranto; ebbene, nonostante l’evento fosse stato autorizzato dalle forze dell’ordine, ben 34 persone sono state identificate per (presunte) violazioni delle normative anti-covid; in un secondo tempo la questura avrebbe fatto un passo indietro sulle multe, ma lo spirito del tempo in Italia è proprio questo.

Non stupiamoci se molte curve sembrano essersi date alla macchia, di questi tempi. Forse il movimento ultras ha perso tutte le principali battaglie della sua storia, ma è stato l’unico ad averle combattute. Dov’erano allora coloro che oggi cantano il de profundis?

Sul verde palcoscenico del Teatro dei Sogni abbiamo visto tifosi di ogni categoria, dai ragazzi vestiti come uomini di punta della Red Army agli esibizionisti preoccupati di scattare il giusto selfie per ricordo, fino a coloro che mostravano la sciarpa con i colori del Newton Heath, il giallo ed il verde storicamente associati alla resistenza anti-Glazer. Un sentimento annoso che ha già provocato la diaspora di una parte della tifoseria nel 2005, la clamorosa sedizione da cui ha preso vita l’FC United of Manchester.

Soprattutto, tra il centinaio di invasori, si sono notati tanti giovanissimi: ragazzini in età da scuole medie, nemmeno da liceo. Ecco il secondo quesito: in Italia possiamo immaginarci “nuove leve” tanto giovani? No, la verità è che di base all’adolescente italiano non gliene frega più nulla di passare i suoi pomeriggi spendendo tempo e soldi per seguire la squadra. Ha meglio da fare, o almeno così è convinto, ed è difficile dagli torto.

Una protesta che ha coinvolto tutte le generazioni del tifo del Man United. (Getty Images)

La mancanza di politiche di autentica fidelizzazione da parte delle società, la demonizzazione mediatica della figura del tifoso e dell’ambiente stadio, il grigiore degli spalti frutto di anni di indiscriminata repressione, infine un campionato che ha perso qualsiasi imprevedibilità: difficile contestare ad un quattordicenne il fatto di trovare qualcosa di più divertente dello stadio.

Il calcio italiano è una passione per nostalgici ormai, e sulle gradinate si manifesta quell’invecchiamento che sta investendo l’intera popolazione. Oltre alle suddette difficoltà esogene, non possiamo trascurare nemmeno un fattore endogeno alle curve: gli indirizzi sposati da alcuni nuclei storici, rivolti a tutt’altro rispetto al sostegno della squadra, che rappresentano forse l’ostacolo più gravoso sulla via del ricambio generazionale.

Infine è interessante notare la scarsa visibilità concessa alla notizia, da parte della stampa italiana. Certamente lo scudetto del FC Internazionale ha monopolizzato i titoloni, ma la “linea morbida” è tanto interessante quanto poco sorprendente in realtà. Dalla sventata congiura della autoproclamatisi aristocrazia del calcio europeo, la narrazione mediatica ha sposato un copione ben definito: Ceferin ed i tifosi sono i buoni, Agnelli e Florentino Perez i cattivi a capo dei congiurati. Nessuna via di mezzo in questa lettura e, soprattutto, nessun pudore da parte dei media nello schierarsi improvvisamente al fianco dei sostenitori.

L’estetica degli insorti. (Getty Images)

La faccia come le terga nel difendere le ragioni di una categoria, quella degli appassionati, ultras o meno, che da sempre rappresenta il principale spauracchio da agitare di fronte agli inebetiti occhi dell’opinione pubblica. In più, la scorsa settimana è stata lanciata la proposta, da parte di due deputati M5S, di introdurre l’azionariato popolare anche nelle società italiane, ispirandosi al modello tedesco, un concetto che ormai va di moda quasi più dell’ etichetta “green”. Insomma, una sparata demagogica, piuttosto che un piano ragionato.

A proposito, risulta che Vito Crimi sia stato uno degli ultimi interpreti della “strategia del dialogo”; peccato che, nonostante abbia ricoperto la carica di Viceministro dell’Interno da settembre 2019 a febbraio 2021, le cose per i tifosi siano tutt’alto che migliorate. Per esempio, ricordiamoci che durante il lockdown molti diffidati andavano (e continuano a andare) in questura per firmare, seppur da un campionato e mezzo si giochi a porte chiuse.

Inoltre, a sud della Manica, è tanto meglio esaltare l’importanza della discesa in piazza dei tifosi, nello sventare l’eversione della Superlega, piuttosto che parlare del ruolo determinante giocato da Boris Johnson che, a proposito di copioni, deve mantenere il suo ruolo di bifolco spettinato. Cari fratelli, vicini e lontani, non facciamoci incantare da questi equilibristi, maestri della capriola all’indietro e del salto sul carro dei vincitori.

Un pomeriggio piuttosto movimentato per il servizio d’ordine di Old Trafford. (Charlotte Tattersall/Getty Images)

Le stesse penne che hanno descritto i tifosi come analfabeti ed incivili, frustrati dagli insuccessi nella carriera e negli amori, collusi con la malavita e con gli estremisti politici, oggi battono loro le mani. Amici, togliamoci la mascherina (sempre metaforicamente, per l’amor di Dio!) e disprezziamo il nauseabondo odore dell’ipocrisia. Oltre al riconoscimento di questi lupi vestiti da pecore, possiamo però trarre un altro insegnamento dalla “presa di Old Trafford”: la rivoluzione che deve esplodere nel nostro Paese è innanzitutto ideologica, perché le proteste divampate nelle ultime settimane in Inghilterra affondano le radici su un solido retaggio culturale.

La difesa del legame tra club e comunità è un carico che non può essere lasciato esclusivamente sulle spalle degli ultras, oggi fiaccate da anni di insuccessi ed errori, ma senza dubbio di lotte. Il fronte è talmente ampio ed il nemico così ben armato, che è giunta l’ora della leva dei “civili”, per una guerra da combattere fianco a fianco. Gli “estremisti” potrebbero trovare nuova linfa ed alleati coinvolgendo “i moderati” nelle loro battaglie; questi ultimi potrebbero dismettere i panni di sciocchi consumatori che da trent’anni gli sono stati cuciti addosso. Viva la rivoluzione!


Copertina Getty Images


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifosi
Alberto Fabbri
14 Febbraio

Quando gli ultras scendono in piazza

Nel 2011 il tifo organizzato del Cairo è stato garante e difensore delle rivolte popolari.
Recensioni
Gezim Qadraku
8 Luglio

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Calcio
Antonio Torrisi
17 Giugno

La Coppa Italia è antidemocratica

Un torneo che ci rappresenta: da rifondare, ma sempre domani.
Calcio
Sabato Del Pozzo
15 Settembre

Tessera del tifoso 2.0

La tessera ritratta la sua natura e riapre al passato.
Calcio
Alberto Maresca
12 Giugno

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Tifosi
Michelangelo Freda
16 Dicembre

Lo Shakhtar a Kiev non è di casa

Uno striscione apparso durante il match di Champions League evidenzia la tensione interna allo stato ucraino.
Interviste
La Redazione
6 Novembre

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
17 Dicembre

La Jugoslavia degli ultras

Umesto Top Liste, la prospettiva dagli spalti.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Settembre

Aldrovandi vive nel ricordo

Lo stadio come luogo di coerenza sentimentale.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

I tifosi non hanno diritto di parola

Dal “Vangelo” secondo Kolarov.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Papelitos
La Redazione
27 Febbraio

Il muro giallo contro il calcio spezzatino

La protesta intelligente dei tifosi del Borussia Dortmund contro il “calcio moderno”.
Recensioni
Alberto Fabbri
22 Maggio

I Furiosi

Nanni Balestrini ha composto il primo ed inimitabile poema sugli ultras italiani.
Storie
Michelangelo Freda
21 Novembre

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Interviste
Michelangelo Freda
9 Gennaio

Shkendija, non chiamateci macedoni

Intervista ai Ballistet, ultras dello Shkendija, tra nazionalismo albanese e supporto alla causa kosovara.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Tifosi
Jacopo Benefico
21 Maggio

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.
Ritratti
Diego Mariottini
22 Maggio

George Best, lunga vita ai ribelli

Il più grande affronto ad Eupalla.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Tifosi
Valerio Santori
9 Aprile

Il posto dei tifosi è all’inferno

Quello spot Nike in cui rappresentavano il Male.
Calcio
Lorenzo Cafarchio
26 Novembre

Éric Cantona, abbattiamo il sistema!

Apologia di Re Eric. Dalla Gallia, alla conquista di Albione.
Recensioni
La Redazione
6 Settembre

La vita segreta degli Ultras siriani

Tifosi
Alberto Fabbri
17 Maggio

Psicanalisi di Curva

Scambio di epistole digitali con Giuseppe Ranieri, autore Ultras.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

Casuals, ep. II: il riscatto di Manchester

Gli scontri coi Reds, i furti dei negozi, la musica maledetta.
Papelitos
Vittorio Ray
6 Giugno

Sarri ai Lakers

Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tifosi
Michelangelo Freda
30 Maggio

Il Bastia come orgoglio della Corsica

Una squadra che, insieme ai suoi tifosi, si identifica totalmente con il proprio territorio.
Tifosi
Alberto Fabbri
12 Dicembre

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Calcio
Gianni Agostinelli
7 Agosto

I figli devono tifare la nostra squadra?

Se il sostegno ad una squadra non è solo una tradizione familiare, ma una scelta del singolo.
Tifosi
Domenico Rocca
17 Giugno

Caccia alle streghe

Nel modello che punta agli stadi-teatro, gli ultras rappresentano una minaccia e un ostacolo da eliminare nella loro interezza.
Tifosi
Alberto Fabbri
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
Papelitos
Gianmarco Galli Angeli
25 Maggio

L’importanza della tradizione

Il Manchester United fa valere l'esperienza, conquistando la sua prima Europa League.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Tifosi
Alberto Fabbri
16 Settembre

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
Domenico Rocca
21 Gennaio

Il tifoso non è una cavia da laboratorio

Che cosa sono gli esperimenti sociali?
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Calcio
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Tifosi
Alberto Fabbri
3 Luglio

Il Virtual audio e il trionfo del grottesco

I cori registrati non potranno mai sostituire il calore di una curva.
Tifosi
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifosi
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Tifosi
Jacopo Benefico
7 Novembre

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Tifosi
Jacopo Benefico
21 Marzo

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Editoriali
Luca Giannelli
28 Dicembre

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Tifosi
Alessandro Imperiali
25 Settembre

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.