Carrello vuoto
Altro
21 Marzo

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.

Ogni anno il Coni distribuisce a ciascuna Federazione dei fondi da destinare alla propria attività. Nel 2018 e nel 2019 sono stati stanziati 145,88 milioni di euro per le varie Federazioni. Il calcio porta a casa il 20,85% dei fondi, lasciando il restante da dividere tra le 43 Federazioni rimaste. Con la riforma di Sport e Salute del 2020 è stato tolto al Coni il ruolo di erogatore, mantenendolo solo per lo sport di alto livello e l’attività olimpica.

 

 

Il monopolio calcistico però rimane invariato, se non rafforzato dato che per la ripartizione degli stanziamenti ci si baserà anche sul numero di tesserati, penalizzando sport più di nicchia. L’oscurante presenza del calcio continuerà quindi a non lasciare spazio a tante altre realtà che nella piena visibilità destinata a quella disciplina non riescono ad emergere. Il circolo vizioso all’interno del quale sono coinvolti i maggiori organi finanziari, mediatici, politici non può fare a meno delle prestazioni dei calciatori.

 

 

D’altronde una società globalizzata, sottomessa all’economia, non può fare a meno dell’intervento di quest’ultima. Il merito scende in secondo piano se la posta in gioco sono il denaro ed un giro di miliardi di euro. Il punto è che il calcio, da parte sua, finanzia con le proprie entrare molte altre discipline. L’ex ministro dello sport Spadafora ha infatti affermato:

 

“Sarei un folle a demonizzare il calcio: so che produce un fatturato e soprattutto paga tasse allo Stato che consentono di alimentare il fondo con cui finanziamo tutti gli altri sport”.

 

Secondo i dati condivisi dalla FIGC, il calcio ha fatturato nel 2017 ben 4,7 miliardi di euro, pagando contributi fiscali e previdenziali pari a 1,2 miliardi di euro. Gli sport secondari come la scherma quindi, a fronte di questa macchina da soldi, non riescono ad avere visibilità, nonostante le molte medaglie conquistate.

 

sport olimpico calcio
Il calcio di fatto, in Italia, monopolizza lo sport. Qui Aguero e Messi, medaglia d’oro alle Olimpiadi del 2008 (Photo by Koji Watanabe/Getty Images)

 

 

Bauman ne la “Modernità liquida” ha preannunciato nella società post-moderna l’acuirsi della condizione di asservimento umano all’economia, sottolineando la priorità accordata alla competizione del mercato e la libertà illimitata concessa al capitale a scapito di tutte le altre libertà, causando uno smantellamento della solidarietà. Quindi le altre società, nonostante i risultati, hanno difficoltà a farsi notare proprio per questa mancanza di capacità competitiva all’interno del mercato e la mancanza di reciproco sostegno solidale.

 

Lo sport non è più un mero concetto, sede di valori e ideali, ma si è cristallizzato come una macchina in grado di creare un giro di miliardi di euro, diventando una delle maggiori industrie produttrici del mondo.

 

Le Federazioni più piccole dunque dovrebbero reinventarsi in un’ottica aziendale. Il maggiore esponente del funzionalismo sociologico, Merton, ritiene che i sistemi all’interno di una società abbiano una funzione manifesta, ufficialmente perseguita, e una funzione latente, inaspettata e non esplicitamente dichiarata. Dunque le istituzioni sportive minori, cosi denominate agli occhi del colosso economico del calcio, dovrebbero avere come funzione manifesta la monetizzazione dello sport, che diventerebbe però anche mezzo per funzioni latenti non visibili agli occhi dei molti, che avrebbero un riscontro positivo nel movimento.

 

 

L’avanguardia calcistica si trova proprio nel fatto che il calcio ha pienamente compreso la necessità di strutturarsi come un’azienda, detenendo così anche il controllo mediatico e politico, che letti nell’ottica baumiana derivano semplicemente dalla caratteristica costitutiva della società post-moderna, cioè la limitazione delle altre libertà a favore della sfera dei mercati. Le istituzioni e i media però non sono esenti da colpa, perché responsabili di una mancata lungimiranza verso gli altri sport e proiettati solamente verso l’attenta notizia nei confronti del “giuoco del pallone”.

 

 

Dare spazio ad altre fonti, alimentando l’interesse curioso dei cittadini verso altre realtà, gioverebbe all’intero tessuto sociale e all’attività economica, rendendola più variegata nelle proprie entrate e nei propri investimenti, comprendendo anche settori prima esclusi o poco considerati. L’egemonia del mainstream oscura tutto ciò che è sperimentale, perché non condiviso dai più, ma la cecità di fronte alla miriade di modalità con cui affrontare le problematiche non dà la possibilità a queste frange di mettersi in evidenza.

 

vezzali scherma sport
Valentina Vezzali, ora sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo sport, medaglia d’oro di scherma alle Olimpiadi di Pechino (Photo by Clive Rose/Getty Images)

 

 

Nella legge dello sport 2018, condannata dal CIO perché incostituzionale rispetto alla Carta olimpica, è prevista la formazione di una nuova società, Sport e Salute, dipendente dal ministero dell’Economia, al posto del Coni Servizi. È proprio questa stretta dipendenza dell’organismo dal governo che ha fatto storcere il naso al CIO, perché lo sport deve essere gestito da “un’organizzazione autonoma e legittimamente indipendente governata prioritariamente dalla Carta Olimpica e dal proprio statuto”.

 

 

Questo magheggio all’italiana però non è passato inosservato agli occhi attenti dell’organizzazione madre dello sport, che ha subito condannato e criticato la scelta politica nazionale ridicolizzando l’intera classe dirigente. Allora, il denaro e il potere saranno sempre la causa e la condanna delle azioni sociali. Nella “società del rischio” di Beck la produzione di ricchezza procede a pari passo con la produzione economica e sociale dei rischi.

 

 

L’errore nella riforma dello sport avrebbe per Beck, un effetto riflessivo cioè il rispecchiamento dei progressi nei costi o nei possibili danni involontariamente inflitti. I conflittualisti direbbero che lo sport è un’arena all’interno della quale i vari soggetti sociali, in questo caso Federazioni, Coni, CIO, lottano tra loro per raggiungere ognuno i propri obiettivi e la propria autoaffermazione. La lettura critica della Riforma deve aiutare a prestare attenzione a questi movimenti, perché la posta in gioco è alta e a pagare gli errori e i conflitti per gli interessi politici ed economici è lo stesso sport, rappresentato dagli atleti, dalle associazioni sportive e dai comuni cittadini.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Matteo Zega
4 Febbraio 2022

Le Olimpiadi del sovrano Xi Jinping

La Cina è vicina.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre 2021

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.
Altro
Luca Pulsoni
9 Novembre 2021

La Generazione Z distruggerà lo sport tradizionale

I Giochi del Commonwealth come esperimento sociale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Novembre 2021

La Juventus è tornata squadra

Il ritiro ha fatto bene ai bianconeri.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Tennis
Gabriele Fredianelli
2 Settembre 2021

Antonio Maglio, il padre delle Paralimpiadi

La storia visionaria dell'uomo che concepiva lo sport come una terapia.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Altro
Giacomo Rossetti
3 Agosto 2021

La vela italiana si ricopre d’oro

La strana coppia Tita-Banti ha compiuto un'impresa incredibile.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Tennis
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2021

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Altro
Giacomo Rossetti
25 Luglio 2021

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
Papelitos
Giacomo Rossetti
23 Luglio 2021

La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo

Seguire i Giochi dal vivo, sputo dopo sputo.
Tennis
Francesco Domenighini
23 Luglio 2021

Le Olimpiadi mutilate

Al via i Giochi più discussi di sempre.
Altro
Alessio Nannini
18 Luglio 2021

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi

Una competizione sleale, ma secondo le regole.
Italia
Michelangelo Freda
13 Luglio 2021

Lotito e la Salernitana, una triste storia all’italiana

La telenovela della multiproprietà.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Altro
Leonardo Aresi
4 Aprile 2021

La sovranità degli All Blacks è sacra

La tradizione e le radici non sono in vendita.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo 2021

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Calcio
Alessio Masala
23 Febbraio 2021

Il centenario nefasto del Cagliari

Prima il sogno Europa, poi l'incubo Serie B.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Papelitos
Valerio Santori
23 Febbraio 2021

Il miglior vaccino contro il Covid è stato il calcio

Sembra una provocazione, ma riflettiamoci.
Interviste
Michelangelo Freda
20 Febbraio 2021

Cosimo Sibilia contro tutti

Domani si vota per la presidenza FIGC: la versione dello sfidante.
Papelitos
Luca Pulsoni
6 Febbraio 2021

Il ministro dello sport che non conosceva lo sport

Spadafora si è dimesso nel peggiore dei modi.
Tennis
Lorenzo Santucci
26 Gennaio 2021

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Gennaio 2021

Olimpiadi 2021, saremo senza bandiera?

L'Italia rischia un danno di immagine spaventoso.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Calcio
Alberto Fabbri
29 Dicembre 2020

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre 2020

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre 2020

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Tennis
Gianluca Losito
28 Novembre 2020

L’eredità sportiva di Thomas Sankara

La passione per lo sport del leader panafricano ha segnato il Burkina Faso.
Papelitos
Lorenzo Ottone
16 Novembre 2020

Federica Pellegrini e la spettacolarizzazione del dolore

Se gli atleti diventano attori di teatro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre 2020

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Ritratti
Jacopo Benefico
13 Ottobre 2020

Ian Thorpe, se la gloria cela lo spettro della depressione

Una vita in vasca tra estasi e ricadute.