Carrello vuoto
Tifosi
16 Dicembre

Il tifo a Marsiglia, tra identità e violenza

Gli ultras dell'OM non si piegano al potere.

“Marsiglia non è una città per turisti. Non c’è niente da vedere. La sua bellezza non si fotografa. Si condivide. Qui, bisogna schierarsi. Appassionarsi. Essere per, essere contro. Essere, violentemente”. Con queste parole illuminanti Jean Claude Izzo parlava di Marsiglia in Casino Totale, il primo capitolo di una trilogia noir ambientata proprio nella città francese. Chissà se questa citazione venga in mente a qualcuno, ogni tanto, tra gli spalti del Velodrome durante le partite dell’Olympique Marsiglia.

Il legame viscerale che intreccia la tifoseria dell’OM e la città stessa è infatti un caso unico, sui generis, che riprende e rivendica l’omaggio di Izzo. A Marsiglia ci si schierasi è, violentemente: ciò si riflette nel supporto alla squadra di casa, nei suoi gruppi organizzati che spesso e volentieri fanno parlare di sé anche oltralpe. Basti pensare alla recente, mastodontica coreografia per accogliere la Lazio in Europa League (senza però i tifosi biancocelesti, bloccati dall’autorità) o alla surreale raffica di oggetti lanciati a Neymar durante l’ultimo OM-PSG, che ha costretto l’utilizzo di veri e propri scudi protettivi per proteggere il brasiliano dalla bandierina.

A Marsiglia gli animi fremono, vibrano fino a divampare. Nel bene o nel male, stupiscono. Soprattutto in curva, la domenica, quando l’OM gioca in casa.

La storia della tifoseria marsigliese sboccia a metà degli anni ’80, quando iniziano ad affacciarsi tra gli spalti del Velodrome i primi gruppi ultras organizzati: i Commando Ultras, nati il 31 agosto del 1984, rappresentano il collettivo ultras più antico di tutta la Francia, da cui le altre squadre transalpine prenderanno esempio. Lo spirito ribollente di Marsiglia, città di porto e crocevia commerciale, favorisce lo sviluppo di una cultura del supporto sportivo che con gli anni diventa sempre più imponente: a metà degli anni ‘90 si contano svariati gruppi organizzati da più di 15mila membri; la media spettatori è ad oggi la più alta della Ligue 1 con più di 50mila tifosi di media.

La coreografia per accogliere (si fa per dire) la Lazio

E dire che la squadra non vince nulla da quasi dieci anni, altalenando stagioni convincenti ad altre rovinose e senza progetti convincenti, con l’eccezione di Bielsa e del suo discepolo Sampaoli, al momento al timone della squadra. La tifoseria non sembra accusare questa instabilità competitiva, anche se i tempi d’oro dell’era del presidente Tapie appaiono lontani. Infatti, i primi anni ’90 sotto il patron non solo regalano a Les Phocéens una Coppa Campioni (ad oggi l’unica della storia di tutti i club francesi), ma sono teatro della nascita di un’atmosfera mitica al Velodrome.

Proprio Bernard Tapie – che tra le altre cose aveva formalmente ingaggiato Maradona, nel 1989, prima che il Napoli ritrattasse – aveva capito l’importanza dei tifosi nel calcio, delegando e lasciando l’animazione delle gare ai gruppi, fino ad affidare loro la vendita degli abbonamenti. Se da una parte questo non ha fatto altro che alimentare la fiamma delle tensioni e degli scontri, dall’altra ha esaltato l’impatto emotivo del tifo di casa, la sua capacità di essere un fattore, di far virare l’entropia delle partite a favore dell’OM.

Seppure con gli anni il Velodrome abbia ridimensionato la propria potenza d’attacco, continua ad esprimere in maniera vivida, a tratti prepotente, lo spirito della città.

Bernard Tapie Olympique Marsiglia
Il mitico presidente Bernard Tapie con la storica Champions League conquistata nel 1993 (foto: guerinsportivo.it)

Uno dei parallelismi più intuitivi e banali che si possono associare a Marsiglia è quello con Napoli. Due porti che si affacciano sul Mediterraneo, entrambi fondati dai Greci, con clima e tradizioni simili. Inoltre la presenza di un’avversione naturale, congenita, nei confronti dell’autorità centrale, che sfocia in un orgoglio calcistico indissolubile ed esaltato dalla rivalità contro chi quell’autorità la rappresenta, PSG o Juventus che sia. Tuttavia, le similitudini tra le città sono più retoriche che reali: Marsiglia non va neanche vicina ad offrire la varietà artistica e culturale di Napoli.

A Marsiglia, riprendendo le parole di Izzo, non c’è niente da vedere. È un porto ribelle, di matrice operaia, che negli anni ha concentrato e mescolato la Francia con il Maghreb, l’Africa Subsahariana ma anche l’Asia, la Spagna e l’Italia (tra cui Napoli stessa). La varietà etnica che ha amalgamato negli anni si riflette anche e soprattutto tra i tifosi, accomunati da una matrice intensamente antirazzista come testimonia, tra le altre cose, il gemellaggio con gli ultras livornesi.

Il rigetto del razzismo va a braccetto con un’acerrima rivalità nei confronti del PSG, tifoseria storicamente di destra: basti pensare ai caroselli per le strade dopo la sconfitta dei parigini nella finale di Champions del 2020 contro il Bayern Monaco.

Addirittura uno dei gruppi organizzati più famosi del Velodrome, i South Winners 87, utilizza ed espone il colore arancione – invece che il classico bianco-azzurro – proprio in estrema antitesi alla tifoseria del PSG. Uno dei collettivi storici del club della capitale infatti, i Kop de Boulogne, era solito indossare durante le partite il tipico bomber nero, che all’interno è arancione: ribaltandolo, i South Winners rivendicano la loro opposizione al centralismo come un atto esplicito e prioritario. Un atteggiamento apprezzato anche dal cantante Manu Chao – ironia della sorte, parigino di nascita – storico tifoso dell’OM e protagonista del concerto per il ventennale del gruppo organizzato.



Al giorno d’oggi il club sembra però aver dimenticato, almeno in parte, l’importanza che il tifo organizzato ha avuto nel suo svezzamento internazionale. Come sottolinea lo storico Sébastien Louis, autore del libro Ultras Gli altri protagonisti del calcio e fedelissimo della curva marsigliese per anni, l’OM è ormai diventato “un progetto di industria del tempo libero”. Come succede per altre società, l’attuale proprietà statunitense sta mettendo il business plan davanti alle esigenze del pubblico, tentando di creare una separazione manicheista tra i supporters “buoni” – quelli che consumano il prodotto calcistico – e “cattivi” – i violenti, ribelli, che causano tribolazioni ma guarda caso sono anche fondamentali nella costituzione di quell’atmosfera allo stadio che poi si rivela particolarmente utile nell’affermazione del brand OM. 

Il modello di tifoso-cliente copiato dallo sport americano è ormai dominante in quasi tutto il calcio europeo, e anche a Marsiglia l’intenzione è quella di imporre il calcio come spettacolo disneylandizzato, per citare lo stesso Louis.

Tuttavia, questo tentativo di trasformazione dai contorni consumistici sta trovando difficoltà ad attecchire nella città focea, ed in tutta la Francia in generale. Gli ultimi episodi avvenuti quest’anno – l’assurda invasione di campo durante Nice-OM o la recente bottigliata in testa a Payet per OL-OM – sono i sintomi di una reazione veemente, convulsa, che alcuni gruppi di tifosi stanno manifestando. Il rischio è che la frattura socio-sportiva, alimentata dai media e dalla repressione del tifo, si possa dilatare fino a raggiungere margini irreparabili. A Marsiglia, città dove da sempre bisogna schierarsi, sanno già da che parte stare.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifosi
Alberto Fabbri
18 Agosto

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Tifosi
Michelangelo Freda
30 Maggio

Il Bastia come orgoglio della Corsica

Una squadra che, insieme ai suoi tifosi, si identifica totalmente con il proprio territorio.
Tifosi
Michelangelo Freda
29 Gennaio

The Club Shakhtar, tifosi sul fronte

Intervista al The Club, il gruppo ultras più influente dello Shakhtar Donetsk, tra tifo organizzato, nazionalismo e guerra.
Ritratti
Cristian Lovisetto
15 Marzo

Sergio Parisse

Venerabile gigante.
Calcio
Michelangelo Freda
22 Ottobre

Juventus: l’apparente quiete prima della tempesta

Cosa ci dobbiamo aspettare dall'inchiesta che Report manderà in onda stasera?
Papelitos
Domenico Rocca
4 Agosto

L’estate del buonismo

Dopo il codice etico, il daspo digitale. La direzione intrapresa dal calcio in Italia da un lato si allontana sempre di più dai tifosi, dall'altro si avvicina notevolmente ai consumatori.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Novembre

Contucci, l’avvocato del diavolo

Voce all'avvocato Lorenzo Contucci, sindacalista dei tifosi.
Interviste
Michelangelo Freda
27 Aprile

Lo strano caso dello Sheriff Tiraspol

Abbiamo intervistato Roberto Bordin, allenatore dello Sheriff Tiraspol, e gli ultras indipendentisti della squadra: così abbiamo scoperto l'autoproclamatasi Repubblica di Transnistria.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Giugno

Porgere la mano al tifoso. Ma accade in Francia

Il biglietto, in trasferta, avrà un prezzo unico, per tutte le partite di Ligue 1 e Ligue 2.
Tifosi
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifosi
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Calcio
Alberto Maresca
12 Giugno

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Tifosi
Jacopo Benefico
21 Marzo

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Calcio
Marco Gambaudo
13 Agosto

Genoa, un altro anno aspettando Godot

Sulla sponda rossoblù del Bisagno si naviga a vista.
Tifosi
Alessandro Imperiali
12 Ottobre

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Tifosi
Emanuele Meschini
2 Novembre

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Gennaio

Se questi sono ultras

Le curve rischiano di morire di criminalità.
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
17 Dicembre

La Jugoslavia degli ultras

Umesto Top Liste, la prospettiva dagli spalti.
Tifosi
Andrea Mainente
15 Ottobre

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Calcio
Francesco Polizzotto
24 Marzo

La battaglia di Siviglia

Quando storia e calcio si mescolano e danno vita ad uno spettacolo memorabile. Mondiali di Spagna ’82: Francia e Germania si contendono un posto in finale, ma in palio c’è qualcosa di più importante. Dai campi di battaglia a quelli da calcio, analisi di un intreccio storico-calcistico tra due nazioni.
Altro
La Redazione
29 Maggio

La gallina dalle uova d’oro

Maestri, Episodio VI: Massimo Fini.
Tifosi
Jacopo Benefico
7 Novembre

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Recensioni
La Redazione
6 Settembre

La vita segreta degli Ultras siriani

Storie
Domenico Rocca
25 Settembre

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Interviste
La Redazione
6 Novembre

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Storie
Michelangelo Freda
21 Novembre

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Tifosi
Alessandro Imperiali
24 Novembre

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Tifosi
Alberto Fabbri
14 Febbraio

Quando gli ultras scendono in piazza

Nel 2011 il tifo organizzato del Cairo è stato garante e difensore delle rivolte popolari.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tifosi
Alberto Fabbri
8 Marzo

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Tifosi
Michelangelo Freda
6 Giugno

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Editoriali
Alberto Fabbri
27 Febbraio

Controstoria del tifo americano

Non tutti negli USA si accontentano dello Sports Entertainment.
Storie
Simone Galeotti
3 Dicembre

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
Tifosi
Domenico Rocca
2 Febbraio

Le ombre del caso Speziale

Ricorre oggi l'anniversario di una tragedia dai tratti oscuri.
Tifosi
Michelangelo Freda
16 Dicembre

Lo Shakhtar a Kiev non è di casa

Uno striscione apparso durante il match di Champions League evidenzia la tensione interna allo stato ucraino.
Storie
Andrea Catalano
10 Luglio

La mistica del rigore. Francia-Germania 82

Tutto iniziò nella "Notte di Siviglia".
Calcio
Alberto Fabbri
13 Dicembre

Ultras d’Italia, ep. III

I sanguinosi anni Ottanta.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Tifosi
Alessandro Imperiali
15 Dicembre

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifosi
26 Novembre

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Storie
Maurizio Fierro
25 Maggio

Boxe e danza nella Parigi degli “anni folli”

Quando l'uomo lottatore e la donna danzante diventarono sineddoche di una differente visione estetica.
Tifosi
Matteo Paniccia
28 Marzo

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Giugno

Francia, perdere e morire

Fuori dagli Europei e sull'orlo del collasso, il paese fa i conti con se stesso.
Altri Sport
Edoardo Pastorello
7 Maggio

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.