Carrello vuoto
Ritratti
3 Marzo

Oscar Washington Tabarez, filosofo e guerriero

Nicola Ventura

14 articoli
El camino es la recompensa.

Qualificazioni per i mondiali di Russia 2018, girone sudamericano. È l’11 novembre e a Montevideo si affrontano Uruguay ed Ecuador. I padroni di casa vincono per 2 a 1, ma ad attirare l’attenzione di tifosi e media poco prima dell’incontro è un uomo a bordo di un “carrito”, carrozzina elettrica con la quale scorrazza il campo. Non è la prima volta che Oscar Washington Tabarez, tecnico dell’Uruguay, si presenta così agli occhi delle telecamere: è di qualche mese fa l’indiscrezione, mai confermata dal diretto interessato, secondo la quale l’allenatore sarebbe stato colpito dalla sindrome di Guillain-Barré, malattia autoimmune che attacca gli arti inferiori e superiori rendendo difficile la deambulazione.

Il calcio è vita per questo gentiluomo nato a Montevideo nel 1947: ex difensore centrale di discreto livello, frequenta l’università immaginando una tranquilla carriera da insegnante salvo decidere, fin dai primi anni Ottanta, di alternare alla didattica nelle scuole quella nei campi di calcio. Una continuità tra le aule delle zone più degradate di Montevideo e il football che gli vale da subito il titolo di “Maestro”. La carriera di Tabarez è conseguenza dello stile dell’uomo. Pochi effetti speciali, ma riflessione, studio, modestia. E poi quella trasposizione, che piace tanto in Sudamerica, di concetti mutuati da filosofia e politica al calcio. Gioco a zona e Galeano, Vargas Llosa o Vaz Ferreira.

Roba da intellettuali del pallone: «Il calcio è di destra, noi allenatori di sinistra siamo vittime della legge del risultato: è la legge del risultato a rendere conservatore il calcio», dice Tabarez, «ed essere progressisti significa superare la gabbia del risultato. A sinistra c’è quella che io definisco l’Utopia: lavorare per un progetto e cercare di realizzarlo andando oltre le sconfitte». Eduardo Galeano, perseguitato politico, autore, negli anni Settanta di libri come “Las venas abiertas de America Latina, uno che durante le partite di calcio metteva sull’uscio di casa un cartello con su scritto «Cerrado per fútbol» – mica come gli spocchiosi intellettuali della colta Europa – conferma:

«L’Utopia è all’orizzonte. Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e l’orizzonte si sposta dieci passi più in là. Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l’Utopia? Serve proprio a questo: a camminare».

Tabarez dichiara di votare il Frente amplio, coalizione progressista uruguayana, sinistra sì, ma sinistra di popolo, all’interno della quale, negli anni, sono confluiti alcuni vecchi rappresentanti dei Tupamaros come l’ex presidente Mujica: una storia difficile, quella recente dell’Uruguay, caratterizzata da una violenta dittatura di stampo militare simile a quelle che hanno segnato l’America Latina negli anni Settanta e Ottanta. Nel 1987, Tabarez vince la Copa Libertadores con il Penarol, celebre squadrone uruguagio, che in quell’anno si fregerà del suo ultimo trofeo internazionale.

Per il Maestro un passaggio, transitorio, in Colombia, alla guida del Deportivo Calì, poi il biennio 1988-90 alla Celeste, capitanata dal principe Francescoli, e l’esperienza in Argentina al Boca, con cui vince l’Apertura del 1992. Infine l’arrivo in Europa: prima al Cagliari di Cellino e poi al Milan di Berlusconi. Personaggi lontani anni luce dall’uruguaiano gentile. Nel primo caso l’avventura si conclude dopo un anno: Tabarez porta il Cagliari di Oliveira, Muzzi e Dely Valdes al decimo posto in classifica, sfiorando la qualificazione in Uefa. A sorprendere è una soluzione tattica inedita: una sorta di 5-2-3 nel quale gli esterni d’attacco – Muzzi e Oliveira, di fatto due attaccanti puri – accorciano per non lasciare soli Bisoli e Berretta, i due guerrieri di centrocampo, tutta grinta e corsa, apprezzatissimi dal pubblico cagliaritano.

Tabarez Rincon
Oscar Washington Tabarez e tutta la stima di Tomas Rincon
 

Nonostante la buona annata, Tabarez è chiaramente attratto dalla grande opportunità rappresentata dal Milan: una squadra a metà anni Novanta ancora stellare, ma forse alla fine di un ciclo. Nella stagione 1996-97 ci sono Roberto Baggio, Weah, Boban, addirittura Savicevic. Franco Baresi è al suo ultimo anno. Al consueto 4-4-2 lineare, ereditato da Capello, nel quale la fantasia degli interpreti viene piegata, sulle fasce o in attacco, alla rigidità del modulo, Tabarez opta per un più sudamericano centrocampo a rombo nel quale i fantasisti del Milan potrebbero teoricamente esaltarsi. La formula anticipa, di tanti, troppi, anni, soluzioni tattiche che avranno successo con Ancelotti e i vari Rui Costa, Kakà, Seedorf, Pirlo: siamo nel 1996, un calcio nel quale nessuno sa cosa farsene dei numeri dieci o degli stessi registi.

Davanti alla difesa dettano legge i mediani abili in interdizione, i cosiddetti “recuperatori di palloni”: gente come Boban, Savicevic, Baggio, Zola, Di Canio è costretta a precari lavori di ricucitura sulle fasce o a traslocare all’estero. Quando Tabarez passa al Milan ci sono quindi tutti i presupposti per un fiasco. I cosiddetti senatori non lo aiutano: si vocifera di un Baggio nervoso, di un Savicevic svogliato e di un ambiente scettico sulle reali capacità dell’uruguayano. D’altronde Berlusconi aveva accolto così il tecnico di Montevideo:

«Tabarez, chi è costui? Forse un cantante di Sanremo?».

“Troppo signore”, “troppo morbido”, “troppo educato” per dirigere un gruppo di giocatori abituati alle asprezze di Sacchi e Capello. Il Maestro viene cacciato dal Milan all’undicesima giornata dopo una sconfitta contro il Piacenza di Pasquale Luiso, il toro di Sora, uno che così sintetizzerà il proprio stile di gioco: «se mi lanciano in area una lavatrice, io mi butto e la colpisco di testa».

La rovesciata di Pasquale Luiso mette la parola fine alla carriera rossonera del Maestro

Come può l’Uruguay, un Paese di tre milioni di abitanti, tornare ai fasti del suo passato calcistico? Questa è una delle domande che devono essersi fatti i dirigenti della locale Asociación de Fútbol quando, nel 2006, scelgono nuovamente Tabarez alla guida della Celeste. Non basta più la “garra charrua”, la proverbiale grinta uruguagia, per fare risultati in campo internazionale: per replicare almeno l’ultimo remoto quarto posto di Mexico ’70 ci vuole qualcosa di diverso.

Il Maestro accetta la sfida; non un semplice lavoro da selezionatore, Tabarez non lo è mai stato, ma un progetto che comprenda tutte le nazionali dalle giovanili fino alla maggiore: investimenti in capitale umano, compresa la crescita di giovani problematici ma talentuosi, e infrastrutture. I risultati arrivano: una semifinale, persa ai rigori con il Brasile, nella Copa America 2007 e soprattutto i mondiali sudafricani del 2010: l’Uruguay supera ai rigori il Ghana con un cucchiaio del loco Abreu e approda in semifinale contro l’Olanda di Robben e Van Persie. Ma è la Copa America del 2011 a incoronare l’Uruguay Rey de America, come rappresentativa che più volte ha vinto il campionato sudamericano: il Paraguay, arrivato alla finale vincendo tutte le partite ai rigori, viene schiantato con un sonoro 3-0.

Compie oggi 73 anni il miglior allenatore uruguayano in circolazione, il tecnico con maggiori presenze in assoluto con una nazionale: Dopo aver raggiunto, ad ottobre del 2019, le 200 panchine con la Celeste, l’obiettivo non è segreto: Qatar 2022. Per continuare a sognare. «El camino es la recompensa», direbbe Tabarez. A piedi o col carrito, poco importa, il carisma di un Maestro non dipende da simili dettagli.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Guy Chiappaventi
22 Agosto

Agosto, mese mio non ti riconosco

Dalla vita in spiaggia sintonizzata con il calciomercato alla buvette di Montecitorio: com'è cambiata l'estate italiana al tempo della crisi.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
20 Febbraio

J’accuse

Chi è che davvero non vuole lo stadio della Roma?
Calcio
Sabato Del Pozzo
15 Settembre

Tessera del tifoso 2.0

La tessera ritratta la sua natura e riapre al passato.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Ritratti
Marco Metelli
17 Agosto

Álvaro Recoba, il più grande talento sprecato di sempre

La leggendaria pigrizia del venerato Chino.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Giugno

Da spettatori (divertiti) del Mondiale

Il bilancio dopo due giorni di Russia 2018.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
Editoriali
Gennaro Malgieri
2 Dicembre

Perchè il calcio non è solo uno sport

L’irresistibile “calcistizzazione” che ha ormai contagiato tutti gli strati e i ceti sociali, si spiega con un'inconscia e primordiale "spinta comunitaria" che è uno dei fondamenti, probabilmente il più importante, della “nuova” politicità, trascendente le forme tradizionali legate ai partiti e ai movimenti, che si va affermando ovunque.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Calcio
Marco Gambaudo
5 Dicembre

Gli sportivi e la politica, una breve storia conformista

Le battaglie degli sportivi sono, ormai, l'infallibile ritornello del mediaticamente corretto.
Calcio
Giuseppe Masciale
12 Giugno

Perché il calcio deve avere paura di Erdogan

Misteri e verità sul rapporto tra la presidenza turca e il mondo del calcio.
Calcio
Luca Giannelli
6 Novembre

La solitudine di José Mourinho

Il mito portoghese del superuomo nasce dalla geografia di un Paese stretto tra la Spagna e l'Oceano Atlantico. Ascesa e declino dello "special one".
Calcio
Eduardo Accorroni
9 Agosto

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Gennaio

Mazurkiewicz, il gatto con gli scarpini

Il più grande portiere nella storia dell'Uruguay.
Storie
Jacopo Falanga
19 Giugno

Sangue catalano

Da Santpedor a Barcellona: Pep Guardiola, una vita da ambasciatore della causa catalana.
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre

Putin, lo sport e Madre Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Calcio
Alessandro Previdi
15 Gennaio

La Cina si è presa l’Africa, anche nel calcio

Un riassunto di come la Cina, attraverso la diplomazia degli stadi, ha colonizzato sportivamente l'Africa.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Storie
Luigi Della Penna
15 Giugno

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Ritratti
Lorenzo Cafarchio
3 Ottobre

Franco Scoglio, morirò parlando del Genoa

Il 3 ottobre del 2005 ci lasciava un educatore nel calcio.
Calcio
Remo Gandolfi
9 Aprile

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Interviste
Luigi Fattore
17 Ottobre

A tu per tu con Scanzi

Intervista ad Andrea Scanzi, giornalista e narratore sportivo fuori dagli schemi.
Ritratti
Simone Galeotti
1 Ottobre

Enzo Francescoli

El Principe di Montevideo.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Calcio
Jacopo Benefico
6 Febbraio

Il calcio in Libano tra guerra, politica e religione

Crocevia di culture e religioni, il Libano è oggi un Paese sconvolto e senza futuro (anche nel calcio).
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
27 Giugno

Buttare un occhio sulla Copa America

La vera Copa inizia adesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Recensioni
Roberto Tortora
29 Luglio

I giusti dello sport

Un libro collettivo, con racconti tra gli altri di Gianni Mura e Darwin Pastorin, sugli sportivi impegnati in nobili lotte politiche e sociali.
Papelitos
Eduardo Accorroni
6 Settembre

Griezmann l’eterno indeciso

Dallo strappo con la Cina (Huawei) al ritorno all'Atletico (Wanda Metropolitano).
Calcio
Matteo Donadoni
23 Ottobre

Guardiola e la Catalogna, breve storia ipocrita

Abusare dello sport a fini politici.
Calcio
Alberto Maresca
26 Febbraio

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Federico Brasile
23 Gennaio

Il Mihajlovic politico

Non possiamo giudicare Sinisa Mihajlovic con le nostre categorie.
Papelitos
Federico Brasile
20 Marzo

Noi stiamo con Rino Gattuso

Un allenatore e ancor prima un uomo che riavvicina al calcio.
Calcio
Luca Pulsoni
23 Aprile

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Calcio
Davide Aiello
11 Dicembre

Le trame giallorosse di Giulio Andreotti

Il grande burattinaio non si limita agli intrighi di potere.
Papelitos
Giuseppe Masciale
11 Maggio

Lo spirito sportivo

Lo sport è come la guerra, ma senza l'esecuzione. Parola di George Orwell.
Calcio
Niccolò Giusti
17 Dicembre

Il risveglio nel pallone

«Il calcio, come la letteratura, se ben praticato è forza di popolo. I dittatori passano. Passeranno sempre. Ma un gol di Garrincha è un momento eterno. Non lo dimentica nessuno».
Recensioni
Gianluca Palamidessi
25 Novembre

Qatar 2022, l’isola che (non) c’è

Inchiesta dal libro di Gianluca Mazzini.
Editoriali
Andrea Antonioli
20 Maggio

Trump, il wrestling e l’America profonda

Il successo sta tutto nella conquista dell'immaginario.
Calcio
Alessandro Imperiali
10 Agosto

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Ritratti
Marco Metelli
9 Marzo

Per Mondonico il calcio era condivisione

Una vita spesa per il pallone, una passione che trascendeva riconoscimenti e categorie.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno

Morire per l’Uruguay

In difesa del sacro valore della Garra Charrúa.
Calcio
Lorenzo Santucci
11 Ottobre

Il calcio è politica

Calcio e politica hanno sempre vissuto insieme.
Tifosi
Vito Alberto Amendolara
18 Marzo

L’anima di Montevideo

Il Superclasico tra Peñarol e Nacional è molto più di una rivalità calcistica.
Storie
Luca Pulsoni
24 Maggio

Victor Hugo Morales, Maradona e l’aquilone cosmico

Quando la narrazione sportiva diventa letteratura.
Storie
Alberto Fabbri
20 Ottobre

Uruguay, la terra del pallone

Uscire dall'anonimato geografico tramite il calcio.