Carrello vuoto
Critica
15 Novembre

Pagherete caro, pagherete tutti

Pippo Russo

24 articoli
Il socialismo secondo Mario Sconcerti.

Disastro nazionale. Dalle undici di lunedì sera è questo il mood imperante nel Paese. La mancata qualificazione degli azzurri alla fase finale dei Mondiali ha innescato uno stato di depressione collettiva, e a alimentarlo hanno contribuito schiere di editorialisti che intingono la penna nel più trito repertorio dei luoghi comuni. Alimentando un banalogio ch’è una ferità persin più sanguinosa dell’eliminazione. Sicché immaginate come si siano sentiti i calciofili che leggono il Corriere della Sera, quando nell’edizione di martedì 14 novembre si sono imbattuti nella quotidiana supposta di saggezza dispensata dal principe dei banalisti italiani contemporanei: Massimo Gramellini. Nella puntata della rubrica Il caffè, per l’occasione corredata dal titolo “Azzurro tenebra” ch’era un oltraggio alla memoria di Giovanni Arpino, Gramellini ha portato avanti considerazioni profonde come quelle contenute nello scorcio iniziale dell’articolo:

Un Mondiale senza l’Italia. Ma soprattutto un’Italia senza il Mondiale. Addio notti più o meno magiche, gruppi di ascolto con pizza al taglio e birra più o meno ghiacciata, illusioni di contare ancora qualcosa almeno nel calcio.

Quanta cogitazione, quanta ricercatezza in quelle righe che paiono scritte dal ghost writer di Gigi Marzullo. Pensate quanto sarebbe appropriato il dilemma, durante una qualsiasi puntata di Chi se ne fotte e dintorni: “Ma secondo lei è un Mondiale senza l’Italia, o è l’Italia che è senza Mondiale?“. E avanti così con una serie di considerazioni, infarcite di “più o meno”, sulla crisi dei pizza-taxi nei mesi di giugno e luglio 2018 e sulla contrazione dei consumi di birra ghiacciata. Proprio ciò che serviva per ripigliarsi dallo scorno della prima eliminazione dopo 60 anni. Il problema è che non finiva mica lì. Perché nello scorcio finale del pezzo Gramellini ha piazzato un’altra delle sue insulsaggini, giocando sul tema del “chi di catenaccio ferisce, di catenaccio perisce”:

È stata una notte rovesciata. Nel senso che la figuraccia dell’andata ha costretto gli azzurri a giocare contro natura, all’attacco, un modulo che non ci è mai riuscito troppo bene.

E a questo punto bisognerebbe chiedere a Gramellini, che pure ogni settimana tiene in Rai un programma intitolato Le parole della settimana e perciò dovrebbe conoscere il significato dei termini che usa, se abbia la minima idea di cosa sia nel calcio un “modulo”. Di sicuro, giocare all’attacco non è un modulo, allo stesso modo in cui il ruttino provocato dal primo caffè della mattina non è un corsivo.

gramellini-le-parole-della-settimana-promo
Un po’ di pubblicità alla Rai, parola della settimana: modulo

Come le tirano per benino quelli della Gazzetta, nemmeno Rosario Chiarchiaro. L’edizione della rosea mandata in edicola il 13 novembre, con gli articoli sulla vigilia dello spareggio, conteneva due articoli dal grandissimo valore propiziatorio. Uno, firmato da Andrea Elefante, costruiva un beneaugurante parallelo fra Gigi Buffon e Dino Zoff a proposito d’incroci con la nazionale svedese:

Ci sono pensieri inconfessabili e inutili da confessare, soprattutto. Sarebbe “disumano” se in queste ore Buffon non avesse mai pensato che quella di stasera può essere la sua ultima “vera” partita con la Nazionale, come fu per Dino Zoff, proprio contro la Svezia, nel 1983.

E già, Buffon sarebbe stato davvero disumano se non avesse fatto questa associazione d’idee. E invece è stata semplicemente elefantica la sfiga che questo frammento gli ha portato.

.

Ma ben più basso è stato, nella pagina dei commenti, il colpo tirato da Umberto Zapelloni. Che della Gazzetta è uno dei numerosi vicedirettori, e va famoso per il modo con cui metteva in croce Luca Cordero di Montezemolo, durante interviste spietate come nemmeno quelle che Emilio Fede faceva a Silvio Berlusconi. Il pezzo di Zapelloni aveva un titolo perentorio: “Ci saremo stasera e anche… in Russia”. Bersaglio colpito e affondato. Il tenore del pezzo potete immaginarlo, e il suo finale rimarrà nella storia:

Perché andare in Russia non deve essere un traguardo, ma un punto di partenza. Non vogliamo neppure pensare che cosa significherebbe non andarci. Non abbiamo il cuore abbastanza forte.

Notizie sulle condizioni cardiache di Zapelloni? E non lo chiedo mica per celia. Piuttosto c’è che mi preoccupa ciò quanto leggo nell’incipit:

Stringiamoci a coorte, perché non siamo pronti alla morte. Sportiva, s’intende.

Sarà. Io però sto digitando usando una mano sola.

.

.

Ovviamente si è cimentato sul tema anche Mario Sconcerti, il Pallore Gonfiato del giornalismo sportivo italiano. Nella medesima edizione del Corriere della Sera in cui Gramellini marzulleggiava, Sconcerti iniziava così il commento scritto a eliminazione appena avvenuto:

Per la prima volta non trovo le parole.

“Magari!”, è stata l’esclamazione immediata. E invece era soltanto un’illusione, perché il pezzo è andato inesorabilmente fino in fondo. Purtroppo per Sconcerti, che prima o poi arriva regolarmente al punto in cui mette in mostra lo scarto fra le pretese intellettuali e la modestia del bagaglio individuale:

Ma non siamo davanti a un temporale, siamo davanti a un rovesciamento di situazioni sociali. È tempo di rivedere tutto perché è già tardi. Questa è la prima epoca in cui tutti i ragazzi devono pagare per giocare a calcio e pagando devono giocare tutti. Dov’è la selezione? Davvero il socialismo poteva riemergere dal calcio?

Davanti a una così abissale confusione mentale faccio tre osservazioni:
letta con gli occhi del sociologo, un’espressione come rovesciamento di situazioni sociali è una supercazzola, e pure di scadente fattura;
Scrivere è tempo di fare una cosa perché è già tardi è uno strepitoso non sense;
Non so quale sia, fuori dalla scatola cranica di Mario Sconcerti, il sistema socialista in cui si paga per assicurarsi un diritto. Ne conosco però lo slogan: Pagherete caro, pagherete tutti.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Papelitos
Luigi Fattore
22 Dicembre 2020

I 3/5/10 motivi per cui… ma basta!

Un modello di “informazione” devastante.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2020

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Papelitos
Marco Gambaudo
2 Maggio 2020

Gli stadi nel post-umano

Dopo la carne non carne, arriva lo stadio non stadio!
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile 2020

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio 2020

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Settembre 2019

Distruggiamo il giornalismo sportivo

Sempre meglio che agonizzare di superficialità.
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre 2019

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto 2019

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2019

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Interviste
Luigi Fattore
26 Luglio 2019

Sconcerti d’estate

Fregarsene del lettore, imparare una cosa nuova al giorno e diventare riconoscibili.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2019

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.
Altro
La Redazione
14 Giugno 2019

Il rigore più lungo del mondo

Maestri, Episodio VIII: Osvaldo Soriano.
Altro
La Redazione
24 Maggio 2019

I misteri del golf

Maestri, Episodio V: Dino Buzzati.
Altro
La Redazione
17 Maggio 2019

Il più bel gioco del mondo

Maestri, Episodio IV: Gianni Brera.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile 2019

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2019

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre 2018

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Interviste
Michele Di Virgilio
4 Giugno 2018

Le teorie di Darwin

Scrivere per l'utopia e per la memoria. Per gli eroi e i perdenti vestiti di sogno. Attraverso la tecnologia e grazie alla storia, lungo quell'ombra tra romanzo e realtà che noi chiamiamo Calcio.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile 2018

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Interviste
Davide Bernardini
7 Aprile 2018

Così è (se vi pare)

Intervista a Marco Ballestracci, narratore di vita e di sport.
Critica
Pippo Russo
4 Aprile 2018

Ringraziate Sky per non farvi pagare ciò che non avete chiesto

Offerte da strapparsi i capelli e regali di Pasqua.
Critica
Pippo Russo
28 Febbraio 2018

Voi che sarete stati contemporanei di Daniele Adani

E ancora non ve ne rendete conto.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio 2018

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio 2018

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Critica
Pippo Russo
2 Febbraio 2018

Ilaria D’Amico, la voce del padrone

Da Mario Sconcerti a Ilaria D'Amico: come il giornalismo sportivo non rappresenta più appassionati e tifosi.
Critica
Pippo Russo
23 Gennaio 2018

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Interviste
La Redazione
16 Gennaio 2018

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Critica
Pippo Russo
13 Gennaio 2018

Scusi Caressa, chi ha fatto palo?

Dalla prosa poetica post-moderna di Tuttosport al solito Fabio Caressa nazionale.
Critica
Pippo Russo
10 Gennaio 2018

Il compagno Folagra ci indottrina via Sky Sport

La pausa invernale ha messo in crisi il giornalismo sportivo italiano.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Critica
Pippo Russo
27 Dicembre 2017

I panettoni sgonfiati e le supposte di saggezza

Panettoni, veline, amanti e polli: benvenuti alla Fiera dell'Est del giornalismo sportivo italiano.
Recensioni
La Redazione
20 Dicembre 2017

Giulio Andreotti intervistato da Gianni Brera

Da un'intervista del 1983.
Critica
Pippo Russo
19 Dicembre 2017

Daniele Adani, il Conte Mascetti del XXI Secolo

La supercazzola è un'arte, e il giornalismo sportivo italiano sembra padroneggiarla senza problemi.
Critica
Pippo Russo
16 Dicembre 2017

Gaia Piccardi e la teoria del digerire con l’intelletto

Balzano agli onori di Pallonate anche basket e ciclismo!