Calcio
04 Gennaio 2019

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.

La Premier League, in Italia, è Paolo Di Canio. E noi non possiamo che ringraziare Sky per questo. Per favore, e ancora una volta: più Paolo Di Canio, meno Lele Adani. Contro tutti i nerd del calcio, contro tutte le analisi snervanti e inconcludenti (non perché insensate, ma perché, appunto, snervanti). Che passione, Paolo Di Canio. Nel big match di ieri sera tra Manchester City e Liverpool, Paoletto ha dato il meglio di sé.

 

Non possiamo dimenticarci, certo, alcune celeberrime esclamazioni fatte in passato, come un sentito “Si immola per la causa!” gridato in occasione di un derby, quando Phil Jones (Manchester United) ci mise letteralmente la faccia; ma sarà per la partita che è venuta fuori, o per il fedele, e bravissimo, compagno d’avventure Paolo Ciarravano (altro che Fabio Caressa, altro che Riccardo Trevisani…), sarà per il Blue Moon cantato a squarciagola da tutto l’Ethiad, e per mille altri motivi: ieri sera Di Canio è stato semplicemente strepitoso.

 

Uno dei tanti, straordinari, duelli di ieri sera

 

Straordinaria la compostezza di Di Canio fin dal primo minuto. No, non siamo ironici. E’ assai probabile che, senza dover far fronte al mondovisione e alle regole, pur malleabili, che questo comporta in cabina di commento, il nostro Paolo avrebbe iniziato ad urlare dal primo secondo della partita, dalla prima palla toccata al centro del campo. Non è così, ma ci si va vicino. Vicinissimo. Ecco che al gol del Kun Aguero (40′), che controlla nell’area piccola e calcia di sinistro fulminando Alisson, inizia lo show.

 

Di Canio non dice nulla, lasciandosi andare piuttosto ad un grido di gioia e di fomento per un momento di vero calcio. Chi scrive ha reagito più o meno nello stesso modo. Nessun commentatore in Italia, al momento, riesce a creare una tale empatia con l’ascoltatore. Che poi, a questo, faccia seguito una lucida analisi della situazione tecnico-tattica dell’azione, non stupisce affatto. Di Canio è in grado (più di quanto si pensi) di far bene entrambe le cose. Ed è precisamente ciò che accade sul gol del pareggio del Liverpool, quando, dopo una prima esaltazione per l’esplosione del settore ospiti alla rete di Bobby Firmino, commenta su Danilo: “A questi livelli, ma come si fa? Non si può, a questi livelli“. Peli sulla lingua, Di Canio, non ne ha mai avuti. E il telespettatore non può che godere.

 

Tutta la rabbia e l’umanità di Pep Guardiola

 

Ci avviciniamo verso il finale del match. Vorremmo che questa partita non finisse mai. Il commento di Di Canio è lo spettacolo nello spettacolo. Quasi ad ogni contrasto di Fernandinho, monumentale, Di Canio sottolinea il suo amore per il brasiliano, forse eccessivo, ma mai artificioso, o recitato, come spesso capita ad altri. Nel giorno in cui Pep batte Klopp e riapre il campionato andando a -4 dai Reds, Di Canio non può che esaltare il catalano. L’apice arriva quando Guardiola scaglia a terra il proprio berretto per un fallo non fischiato ai danni proprio di Fernandinho, e al Replay della protesta, impietoso nei confronti di Pep, Di Canio si lascia scappare una perla assoluta: “Anche lui ha un cuore!”. E ancora, dopo aver visto il City difendersi con nove uomini dietro la linea della palla nei minuti finali: “Anche lui è umano! Ed è bello! E’ bello così!”.

 

Che meraviglia. Ma un’esclamazione, più di ogni altra, quella che a dire il vero ha dato il “là” alla stesura di questo breve, ma sentito, articolo d’elogio, merita ancora d’essere citata. Siamo sull’1-1, il Liverpool ha pareggiato ma il City, col cuore in mano, prova a rimettere a posto le cose. La partita vive una fase stranissima, ci sono quasi solo contrasti, palloni aerei, duelli individuali, corse in avanti e all’indietro, cattiveria agonistica. E’ un momento epico. Il City dà tutto e ritrova il vantaggio con Leroy Sanè. Il commento di Di Canio è la trasposizione trascendentale di un pensiero comune a qualsiasi spettatore della partita. Riferendosi al proprio compagno d’avventure, Paolo Ciarravano, Di Canio esclama:

 

FAMMI ENTRARE PAOLO, VOGLIO ENTRARE. FATEMI ENTRARE IN CAMPO!

 

E’ la quintessenza del commento sportivo. E’ l’apice di un delirio mistico che dal rettangolo verde passa al microfono, e dal microfono allo spettatore. Paolo Di Canio, signore e signori. Il sacerdote della Premier League.

 


 

Foto Getty Images

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Giuseppe Pastore: l’Italia vive una crisi di attaccanti e attaccati (alla maglia)
Interviste
Gianluca Palamidessi
22 Settembre 2022

Giuseppe Pastore: l’Italia vive una crisi di attaccanti e attaccati (alla maglia)

Intervista sulla Nazionale ad uno dei più bravi e preparati giornalisti italiani.
Juric e l’elogio del calcio dinamico, non fisico
Papelitos
Gianluca Palamidessi
18 Settembre 2022

Juric e l’elogio del calcio dinamico, non fisico

La Serie A è indietro anni luce rispetto agli altri campionati.
Quanto è Vecchia questa Signora
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Settembre 2022

Quanto è Vecchia questa Signora

Che fine ha fatto il genio di Max Allegri?

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Rivoluzione conservatrice
Calcio
Matteo D'Argenio
22 Febbraio 2017

Rivoluzione conservatrice

Un pressing per sovvertire le gerarchie, capitolo 1: l'ascesa di Mauricio Pochettino.
In Inghilterra c’è un razzismo di serie b
Calcio
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
I Magpies vogliono la testa di Mike Ashley
Calcio
Roberto Gotta
08 Aprile 2020

I Magpies vogliono la testa di Mike Ashley

Cronistoria del tormentato rapporto tra i tifosi del Newcastle United e il loro presidente.
La mia trasferta ad Anfield Road
Tifo
Jacopo Gozzi
15 Maggio 2022

La mia trasferta ad Anfield Road

Liverpool-Inter negli occhi di un tifoso nerazzurro.
Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)
Cultura
Enrico Leo
07 Aprile 2020

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.