Carrello vuoto
Papelitos
4 Gennaio

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.

La Premier League, in Italia, è Paolo Di Canio. E noi non possiamo che ringraziare Sky per questo. Per favore, e ancora una volta: più Paolo Di Canio, meno Lele Adani. Contro tutti i nerd del calcio, contro tutte le analisi snervanti e inconcludenti (non perché insensate, ma perché, appunto, snervanti). Che passione, Paolo Di Canio. Nel big match di ieri sera tra Manchester City e Liverpool, Paoletto ha dato il meglio di sé.

 

Non possiamo dimenticarci, certo, alcune celeberrime esclamazioni fatte in passato, come un sentito “Si immola per la causa!” gridato in occasione di un derby, quando Phil Jones (Manchester United) ci mise letteralmente la faccia; ma sarà per la partita che è venuta fuori, o per il fedele, e bravissimo, compagno d’avventure Paolo Ciarravano (altro che Fabio Caressa, altro che Riccardo Trevisani…), sarà per il Blue Moon cantato a squarciagola da tutto l’Ethiad, e per mille altri motivi: ieri sera Di Canio è stato semplicemente strepitoso.

 

Uno dei tanti, straordinari, duelli di ieri sera

 

Straordinaria la compostezza di Di Canio fin dal primo minuto. No, non siamo ironici. E’ assai probabile che, senza dover far fronte al mondovisione e alle regole, pur malleabili, che questo comporta in cabina di commento, il nostro Paolo avrebbe iniziato ad urlare dal primo secondo della partita, dalla prima palla toccata al centro del campo. Non è così, ma ci si va vicino. Vicinissimo. Ecco che al gol del Kun Aguero (40′), che controlla nell’area piccola e calcia di sinistro fulminando Alisson, inizia lo show.

 

Di Canio non dice nulla, lasciandosi andare piuttosto ad un grido di gioia e di fomento per un momento di vero calcio. Chi scrive ha reagito più o meno nello stesso modo. Nessun commentatore in Italia, al momento, riesce a creare una tale empatia con l’ascoltatore. Che poi, a questo, faccia seguito una lucida analisi della situazione tecnico-tattica dell’azione, non stupisce affatto. Di Canio è in grado (più di quanto si pensi) di far bene entrambe le cose. Ed è precisamente ciò che accade sul gol del pareggio del Liverpool, quando, dopo una prima esaltazione per l’esplosione del settore ospiti alla rete di Bobby Firmino, commenta su Danilo: “A questi livelli, ma come si fa? Non si può, a questi livelli“. Peli sulla lingua, Di Canio, non ne ha mai avuti. E il telespettatore non può che godere.

 

Tutta la rabbia e l’umanità di Pep Guardiola

 

Ci avviciniamo verso il finale del match. Vorremmo che questa partita non finisse mai. Il commento di Di Canio è lo spettacolo nello spettacolo. Quasi ad ogni contrasto di Fernandinho, monumentale, Di Canio sottolinea il suo amore per il brasiliano, forse eccessivo, ma mai artificioso, o recitato, come spesso capita ad altri. Nel giorno in cui Pep batte Klopp e riapre il campionato andando a -4 dai Reds, Di Canio non può che esaltare il catalano. L’apice arriva quando Guardiola scaglia a terra il proprio berretto per un fallo non fischiato ai danni proprio di Fernandinho, e al Replay della protesta, impietoso nei confronti di Pep, Di Canio si lascia scappare una perla assoluta: “Anche lui ha un cuore!”. E ancora, dopo aver visto il City difendersi con nove uomini dietro la linea della palla nei minuti finali: “Anche lui è umano! Ed è bello! E’ bello così!”.

 

Che meraviglia. Ma un’esclamazione, più di ogni altra, quella che a dire il vero ha dato il “là” alla stesura di questo breve, ma sentito, articolo d’elogio, merita ancora d’essere citata. Siamo sull’1-1, il Liverpool ha pareggiato ma il City, col cuore in mano, prova a rimettere a posto le cose. La partita vive una fase stranissima, ci sono quasi solo contrasti, palloni aerei, duelli individuali, corse in avanti e all’indietro, cattiveria agonistica. E’ un momento epico. Il City dà tutto e ritrova il vantaggio con Leroy Sanè. Il commento di Di Canio è la trasposizione trascendentale di un pensiero comune a qualsiasi spettatore della partita. Riferendosi al proprio compagno d’avventure, Paolo Ciarravano, Di Canio esclama:

 

FAMMI ENTRARE PAOLO, VOGLIO ENTRARE. FATEMI ENTRARE IN CAMPO!

 

E’ la quintessenza del commento sportivo. E’ l’apice di un delirio mistico che dal rettangolo verde passa al microfono, e dal microfono allo spettatore. Paolo Di Canio, signore e signori. Il sacerdote della Premier League.

 


 

Foto Getty Images

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Jacopo Gozzi
15 Maggio 2022

La mia trasferta ad Anfield Road

Liverpool-Inter negli occhi di un tifoso nerazzurro.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Estero
Vito Alberto Amendolara
11 Aprile 2022

Manchester City-Liverpool, e tutto il mondo fuori

Da qui passano i destini del calcio attuale (non solo inglese).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
La Redazione
13 Febbraio 2022

Perché nessuno parla del City Football Group?

Più che un gruppo una multinazionale.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2021

Il Manifesto di Max

Massimiliano Allegri ci riconcilia con il calcio.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre 2020

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Calcio
Gianluca Losito
18 Settembre 2020

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Ritratti
Enrico Leo
2 Settembre 2020

Bill Shankly è un mito di popolo

L'epopea dell'allenatore più amato dalla Kop.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto 2020

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto 2020

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Luglio 2020

Il Manchester City è salvo perché il FPF è uno scherzo

La formazione di Guardiola giocherà la prossima Champions League.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio 2020

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Papelitos
Paolo Pollo
2 Luglio 2020

Luca Marchegiani, l’uomo della porta accanto

L'estremo difensore delle buone maniere.
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio 2020

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio 2020

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio 2020

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Recensioni
Gianluca Losito
26 Aprile 2020

Sunderland ‘Til I Die

La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.