Carrello vuoto
Papelitos
23 Marzo

Zanetti libero!

Valerio Santori

31 articoli
Una bestemmia di un veneto non vale.

Corpo di mille balene! Neanche il tempo di far girare su tutti gli smartphone d’Italia il viralissimo video della “scazzata” tra mister Zanetti e lo sciagurato Henry che già il primo veniva rintuzzato dalla videopolizia del football, squalificato per una giornata causa bestemmia. Per chi non sapesse nulla di quanto accaduto, molto semplicemente le telecamere a bordo campo hanno ripreso sul finire del match domenicale tra Venezia e Samp uno sfogo istintivo e animalesco dell’allenatore veneto, indispettito dall’espulsione per proteste del suo attaccante arrivata proprio quando c’era bisogno di tutti per provare a rimontare due gol.

Zanetti prende Henry per la maglia e lo strattona intimandogli di stare zitto, il suo sguardo è simile a quello di un padre che ha appena scoperto le innumerevoli note in condotta del figlio, e la bestemmia parte così in una trance agonistica da ciavattata casalinga, del tutto congrua al valore pedagogico della strigliata. Il video, come detto, diviene virale. Come fu per Delio Rossi e Ljajic, come è sempre quando i protagonisti di questo sport che ci ostiniamo a seguire tra una notifica whatsapp e l’altra dimostrano dopotutto di essere ancora umani, di avere ancora la carne attaccata all’osso e non corrispondere totalmente a una narrazione che li vorrebbe sempre costantemente felici, pure quando perdono.

Ma passa qualche giorno e ovviamente il giudice sportivo decide di riportare la giustizia sul pianeta calcio, squalificando Zanetti per un turno e del resto, cari amici, come poteva essere altrimenti.

Chiamateci pure romantici o illusi allora, ma noi, questa volta, non ci stiamo. “Not in my name” come dicono quelli bravi, #GiustiziaPerZanetti, #ZanettiLibero. Perché al di là del fatto che si punisce così un eccesso di zelo considerato fuorilegge solo da un regolamento tarato su una concezione illusoriamente aristocratica del calcio, quando questo invece è e resterà sempre lo sport del popolo (nonostante i milioni con cui continuano a snaturarlo), al di là di questo si diceva, stavolta si è andati veramente oltre, punendo per una strigliata così spontanea addirittura un veneto, che come tutti sanno per cultura e tradizione non è semplicemente capace di trattenere la bestemmia in occasioni del genere.

La bestemmia di Paolo Zanetti è certo rivedibile, ma umana (soprattutto in Veneto)

Paolo Zanetti, nato nel piccolo comune di Valdagno nel vicentino, con le bestemmie si sarà svezzato fin dalla culla. Possiamo immaginarlo bestemmiare già a cinque anni, magari commentando l’incredibile bontà di un cono gelato, e poi, in età adolescenziale, quando si è trattato di stupirsi per le fattezze di una bella ragazza o magari scherzare sulle imprese millantate da amici. Ma scherzi a parte in Veneto la bestemmia, nelle sue infinite sfumature, è addirittura spesso indipendente dal contenuto della frase e dallo stato d’animo di chi parla: può svolgere un ruolo di colorita punteggiatura, del tutto estraneo a qualsiasi nesso col culto.

Che poi già la squalifica per espressioni blasfeme su un campo di calcio lascia il tempo che trova, e definisce la transizione del football da rito popolare a prodotto squisitamente televisivo (esteriormente impeccabile, intimamente corrotto). Ma per i veneti! Servirebbe l’autonomia, uno statuto speciale!

Se la giustizia sportiva fosse veramente giusta, prenderebbe anche in considerazione le differenze culturali che tracciano i nostri meravigliosi campanili. Una giustizia sportiva veramente giusta annullerebbe subito, chiedendo scusa al diretto interessato, questa ridicola squalifica per bestemmia. Di più, se la giustizia sportiva volesse davvero essere giusta dovrebbe prima di tutto modificare il regolamento proprio in materia di bestemmie e squalifiche a riguardo, aggiungendo una piccola ma quanto mai fondamentale postilla: «Se il bestemmiatore è veneto, si valuterà la squalifica tenendo in considerazione le naturali inclinazioni della sua regione». Allora sì che giustizia sarebbe fatta, ma noi si sa, siamo solo degli irredimibili sognatori. Corpo di mille balene!

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Papelitos
Federico Brasile
23 Maggio 2022

Onorare il campionato

Viva l'orgoglio, il Venezia e l'Udinese!
Tifo
Marco Gambaudo
22 Maggio 2022

Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale

I tifosi rossoblù hanno dato una lezione di tifo e d'amore.
Papelitos
La Redazione
1 Maggio 2022

La Serie A se la vedono giusto nel metaverso

L'ennesima conquista del progresso.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Aprile 2022

L’Inter sprofonda nella paura, come la Serie A

Uno scudetto a perdere, quello italiano.
Papelitos
Marco Armocida
25 Aprile 2022

La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)

Comunque dovesse andare a finire, è già epica.
Papelitos
Federico Brasile
12 Aprile 2022

I campionati non si vincono con il gioco

E ne stiamo avendo l'ennesima dimostrazione.
Italia
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2022

Non è da questi particolari che si giudica un giocatore

Dybala è (stato) un fuoriclasse?
Italia
Valerio Santori
22 Marzo 2022

Gli scudetti non si vincono (solo) col gioco

L'Inter di Inzaghi è troppo poco “sporca”.
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Marzo 2022

Se non reggi la pressione, non puoi vincere

Per ammissione dello stesso Spalletti.
Papelitos
Paolo Pollo
13 Febbraio 2022

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio?

Dalla danza classica al pallone originario, in 24 ore.
Cultura
Alberto Fabbri
23 Gennaio 2022

La strage dello Stadio Olimpico

23 gennaio 1994, la Mafia alza il tiro contro lo Stato.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Italia
Giacomo Maria Bertocco
5 Marzo 2021

Resurrezione a Venezia

La città più bella del mondo nel calcio, tra nostalgie e speranze.
Papelitos
Federico Brasile
29 Ottobre 2019

Basta punire le bestemmie in campo

Il post-umano ha trionfato fino a punire le bestemmie dei calciatori con la prova tv.
Ritratti
Marco Metelli
17 Agosto 2018

Álvaro Recoba, il più grande talento sprecato di sempre

La leggendaria pigrizia del venerato Chino.
Papelitos
Domenico Rocca
18 Giugno 2018

Maledetta cadetteria

L'incertezza, le sorprese, le delusioni ed il futuro della Serie B, un campionato sempre più imprevedibile ed interessante.