Carrello vuoto
Basket
31 Maggio

L’incredibile impresa del Partizan de Fuenlabrada

Filippo Chili

3 articoli
Una vicenda immortale (e surreale).

I capolavori, siano essi letterari, musicali o, perché no, sportivi, sono resi tali dal fatto di saper generare nei propri “spettatori” emozioni viscerali e variegate, che si rinnovano al di là del trascorrere del tempo. Ventinove anni fa la Coppa dei Campioni di basket, l’attuale Eurolega, è stata teatro di una vicenda con tutte le caratteristiche per essere ricordata come l’impresa immortale della pallacanestro, nonostante oggi sia forse ignota ai più.

Tutto ha inizio con un giocatore jugoslavo che, nella calda estate del 1991, si sta preparando con il massimo impegno per rappresentare la propria nazione agli Europei di Roma dopo un paio d’anni di inattività. A complicare le cose c’è che lo stop dell’atleta non è dovuto ad un infortunio, o a un allenatore che non gli ha concesso spazio nelle rotazioni; questi ha passato invece un anno in carcere, scontando una pena per un incidente stradale che ha provocato la morte di una persona. Dopo traumi del genere, soltanto pensare di scendere in campo per giocarsi un Europeo è di per sé incredibile, e questa scena potrebbe benissimo già rappresentare un lieto fine. In realtà la vicenda è soltanto il prologo di una storia ancora più grande.

“Tutti pensarono che avevo appena commesso l’errore più grande della mia vita”

Zelimir Obradovic

Il giocatore in questione si chiama Zelimir Obradovic e, a pochi giorni dall’inizio della competizione, riceve un’inaspettata telefonata da Dragan Kicanovic, vice-presidente del K.K. Partizan, la squadra dove ha militato nelle ultime sei stagioni. Il dirigente è un uomo di basket, come solo la “Terra degli Slavi del Sud” sa partorire, e al telefono gli chiede con grande urgenza di raggiungerlo a Belgrado: ha una proposta irripetibile. Quando, con il benestare del coach della nazionale, Obradovic arriva finalmente nel suo ufficio, l’offerta è assurda sul serio: la dirigenza gli vuole assegnare il ruolo di capo allenatore della prima squadra.

Obradovic ha 31 anni ed è tutt’altro che un giocatore finito; di quella Nazionale Jugoslava è addirittura il capitano e soprattutto non ha alcuna esperienza da allenatore, al di là di qualche seduta come coach delle giovanili proprio del Partizan. Ad ogni modo, il presidente ha intenzione di affiancargli una leggenda delle panchine jugoslave, Aza Nikolic, che con la sua esperienza potrà essere una spalla sapiente all’esuberante e talentuoso esordiente coach. Le ragioni rimangono ancora oggi ignote, ma Obradovic accetta; evidentemente proprio queste sono le proposte talmente assurde da non poter essere rifiutate.

Il neocoach Obradovic (il primo in piedi a sinistra) si gode una rosa tanto giovane quanto talentuosa (twitter).

Il roster del Partizan della stagione 1991/1992 ha due giovani stelle, Aleksandar Djordjevic e Predrag “Sasha” Danilovic, ormai ex compagni di squadra e nazionale del loro nuovo allenatore. Il gruppo è costruito sulla linea verde, come da tradizione balcanica, con un solo giocatore sopra i 30 anni e soprattutto nessun americano, scelta inaudita per una squadra che disputa la Coppa dei Campioni. La romantica follia di questa vicenda però assume tinte ben più amare dopo poco: nell’estate del 1991 la Croazia si ribella al potere centrale di Belgrado, innescando una guerra civile che dilanierà la Repubblica Federale Jugoslava fino alla sua disintegrazione.

Vista la situazione, la FIBA impedisce al Partizan giocare le partite casalinghe a Belgrado, intimando al club di trovare una sede alternativa. È un compito doloroso: il Partizan è una religione per la sua gente, sin da quando il Club venne fondato al termine della Seconda Guerra Mondiale da un gruppo di partigiani, che si incontravano per fare sport nei campetti del centro della capitale serba.

Partizan de fuenlabrada
Lo striscione che celebra il Partizan de Fuenlabrada e la strana alleanza. (Facebook)

Quasi per caso, un amico fa notare ad Obradovic come ci sia una cittadina alla periferia di Madrid che non ha una squadra residente, ma un bellissimo palazzo dello sport. La decisione è presa immediatamente, alla prima visita di Fuenlabrada, folle e irrazionale proprio come la scelta del Coach avvenuta poco tempo prima: sarà il “Pabellon Municipal Fernando Martin” la casa del Partizan per la stagione a venire.

I giocatori provano da subito grande affetto per il luogo che li ha accolti, ricambiati dalla gente del posto che si affeziona agli strani esuli; il palazzo è gremito e la squadra è sostenuta come se fosse sempre stata lì. A suggellare concretamente questo sentimento reciproco, sugli spalti viene esposto lo storico striscione che recita, con una calligrafia grezza e genuina, Partizan De Fuenlabrada, insieme alle bandiere jugoslava e spagnola. 

“Per imparare qualche parola di Spagnolo andavamo spesso a giocare alla sala Bingo, vinsi anche 800.000 Pesetas”

Zoran Stevanovic

A migliaia di chilometri da casa, con la guerra civile che imperversa e minaccia famiglie ed amici, i bianconeri disputano una Coppa dei Campioni sorprendente: nonostante un attrito sempre più forte tra le due stelle, Djordjevic e Danilovic, nel girone il Partizan si qualifica quarto; nella fase a playoff deve affrontare la prima classificata dell’altro gruppo, ovvero la temibile Virtus Bologna di Brunamonti e coach Ettore Messina. La FIBA, alla luce di un momento di un tregua nel conflitto, concede al Partizan di giocare gara 1 a Belgrado dove, come ci si può immaginare, è una netta vittoria davanti ad un pubblico in visibilio, tra cui c’è perfino qualche tifoso arrivato da Fuenlabrada.


Il Partizan riesce a vincere la serie, realizzando il sogno di qualificarsi tra le prime quattro d’Europa e volare ad Istanbul per le Final Four. In semifinale l’avversario è un’altra italiana, cioè l’Olimpia Milano di Mike d’Antoni, Darryl Dawkins e Antonello Riva. Il primo tempo si chiude con i meneghini in vantaggio, in una partita nervosa e a basso punteggio.

Ma al rientro dagli spogliatoi i giocatori del Partizan hanno il volto di chi è nato e cresciuto esclusivamente per giocare queste partite, allora, con due ultimi quarti strepitosi da 51 punti complessivi, la squadra serba stacca il biglietto per l’ultimo atto della competizione. Allora il 16 aprile, alla palla a due si fronteggiano due inaspettate finaliste: Joventud Badalona contro Partizan Belgrado, o se vogliamo “de Fuenlabrada” almeno una stagione.

“Eravamo così giovani! facevamo fatica a capire e pensare a quello che stavamo veramente facendo”

Predrag “Sasha” Danilovic

La partita è tesa ed equilibrata come tante finali, in cui spesso le difese prevalgono sugli attacchi. Sono le due azioni finali a consacrare questa sfida agli annali del basket, scrivendo un capitolo di epica sportiva. Con una penetrazione forzata in area, Jofresa segna un canestro tanto sporco quanto fondamentale: la squadra spagnola rompe la parità e si porta sul 70 a 68.

Adesso mancano poco più di 12 secondi e, con Danilovic fuori per cinque falli, ci sono pochi dubbi su chi si prenderà l’ultimo tiro per i serbi. Djordjevic riceve sulla rimessa, percorre tutto il lato destro del campo con la cognizione dello spazio di chi in quei 28 metri ci ha passato buona parte della sua vita. Passa di fronte alla panchina di Badalona: l’allenatore Lolo Sainz, gli assistenti e tutti i giocatori sono piegati sulle gambe come se stessero difendendo insieme ai compagni in campo. 

A due secondi dalla quarta sirena Djordjevic si arresta fuori dalla linea dei tre punti: come perno punta il piede sinistro e, girandosi in aria verso la stessa direzione, tira. È un arco dalla parabola lenta, un tentativo troppo improvvisato per far credere che la scelta, per quanto coraggiosa, possa essere ripagata con i tre punti.

“Quel tiro ha cambiato la vita di tutti noi”

Zelimir Obradovic

Mentre la palla a spicchi descrive la sua orbita, il playmaker ha il tempo di domandarsi se sarebbe stato più saggio optare per un passaggio in transizione, oppure un tentativo di entrare in area per segnare i due punti della parità, magari cercando un fallo ed i tiri liberi. La palla, però, entra. Non brucia la retina, ma ci si avvolge dentro disegnando una spirale quasi al rallentatore, come a voler lasciare il tempo a tutta Istanbul di capire quello che sta davvero succedendo.

Tre punti. Mancano due secondi e, dopo la rimessa, la preghiera della Joventud da metà campo non ha speranze: è finita, il Partizan è campione d’Europa. Con un allenatore esordiente, senza americani in squadra e avendo giocato una sola partita nella propria città in tutta la stagione. L’impresa è compiuta, il capolavoro immortale.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Tifosi
Jacopo Benefico
1 Marzo

Il derby di Sarajevo

FK Sarajevo e Željezničar, diverse ma unite.
Altro
Simone Spada
5 Giugno

La caduta delle due sorelle

Reggio Emilia e Dinamo Sassari fuori dai play-off per lo scudetto per la prima volta dalla promozione in A. Prima i sardi, poi gli emiliani hanno cambiato forma e perso la spinta che li aveva portati in cima alla classifica.
Tennis
Diego Mariottini
30 Giugno

Lo sport non avrebbe mai salvato la Jugoslavia

L'illusione che i successi potessero evitare il collasso.
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
17 Dicembre

La Jugoslavia degli ultras

Umesto Top Liste, la prospettiva dagli spalti.
Storie
Marco Gambaudo
26 Novembre

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.
Recensioni
Gezim Qadraku
10 Maggio

Curva Est

Un viaggio calcistico nella cultura dei Balcani.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Altro
Simone Galeotti
13 Febbraio

L’oro di Spalato

Tre Coppe dei Campioni consecutive vinte prima della guerra che spezzò una Nazione, per cambiare per sempre la pallacanestro Jugoslava.
Calcio
28 Marzo

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.
Basket
Francesco Albizzati
15 Febbraio

Nient’altro che l’Olimpia. Il punto sul basket italiano

Uno sguardo alla situazione della pallacanestro di casa nostra, fra campionato, Eurolega e nazionale
Recensioni
Gezim Qadraku
23 Settembre

L’ultimo rigore di Faruk

Una storia di calcio e di guerra.
Altri Sport
Giacomo Amorati
12 Settembre

Cambio di passi

La FIBA sulla scia dell'NBA rompe con la propria tradizione.
Calcio
Luigi Fattore
6 Luglio

Alle origini del carisma

Italia '90 non è stato il miglior mondiale di Maradona, ma è stato il Mondiale migliore per comprenderne l'essenza.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Calcio
Lorenzo Santucci
11 Ottobre

Il calcio è politica

Calcio e politica hanno sempre vissuto insieme.
Tifosi
Marco Gambaudo
14 Aprile

Kosovska Mitrovica è la Berlino dei Balcani

In Kosovo nemmeno lo sport riesce ad unire, soprattutto a Kosovska Mitrovica.
Altro
Matteo Latini
7 Giugno

Dražen Petrović, 25 anni senza

Il Mozart dei canestri: una valanga di classe e di punti si è fermata molto presto, il 7 giugno 1993.
Basket
Matteo Latini
31 Maggio

Danilovič, una tripla, e Bologna è Basket City

A vent'anni dal tiro che decise un derby lungo un anno intero. Una città in fiamme, l'età dell'oro del basket italiano.
Recensioni
Giacomo Orlandini
19 Maggio

The Last Dance, confessioni dall’Olimpo del basket

Un'intensa ed inedita prospettiva sull'ultimo ballo dei Chicago Bulls di Michael Jordan e coach Phil Jackson.
Ritratti
Giovanni Poggi
7 Dicembre

Gianmarco Pozzecco

Personaggio unico e inimitabile del basket italiano. Semplicemente un genio, semplicemente "Poz".
Basket
Simone Spada
21 Giugno

Basket italiano, la rinascita passa dalla Nazionale

Chiuso il campionato con la vittoria dell'Olimpia Milano, i tifosi italiani hanno potuto applaudire le affermazioni di Niccolò Melli e Gigi Datome in Turchia. Ora tocca alla Nazionale Italiana confermare le buone premesse di una stagione positiva.
Basket
Simone Galeotti
6 Marzo

Il senso di Kaunas per il basket

C'è un luogo dove la canotta verde dello Zalgiris Kaunas è una bandiera, un vero vessillo d'identità.
Basket
Giovanni Poggi
25 Febbraio

Tex Winter

Cervello rivoluzionario della pallacanestro.
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.
Ritratti
Giovanni Poggi
5 Gennaio

Vincenzo Esposito

L'esaltante carriera di un grintoso talento della pallacanestro.
Altri Sport
Andrea Petricca
22 Maggio

Favola Fenerbahçe

Il califfato di Istanbul ha conquistato il tetto d'Europa.
Storie
Alberto Fabbri
27 Gennaio

L’ultima Jugoslavia

La rincorsa è breve, il tiro di piatto destro è ben angolato ma Goycochea parte prima, si distende alla sua sinistra e respinge a due mani: la Jugoslavia è eliminata dai Mondiali di calcio, per l’ultima volta.
Storie
Emanuele Meschini
12 Novembre

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
Calcio
Edoardo Biancardi
12 Maggio

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Interviste
Michelangelo Freda
9 Gennaio

Shkendija, non chiamateci macedoni

Intervista ai Ballistet, ultras dello Shkendija, tra nazionalismo albanese e supporto alla causa kosovara.