Carrello vuoto
Calcio
11 Febbraio

Patria o successo

Marco Terranova

1 articoli
Sempre più Paesi costruiscono rappresentative impostate su giocatori che non sono nati (nè cresciuti) nei confini nazionali. Convenienza o processo "fisiologico"?

“Nulla è tanto dolce quanto la propria patria e famiglia, per quanto uno abbia in terre strane e lontane la magione più opulenta”. Così parlava Omero della terra natìa nei suoi scritti: certo son passati quasi tremila anni, ma se le patrie ancora non sono sparite, deve esserci un motivo. Cosa c’entra tutto questo con lo sport direte voi. Qualcosa in effetti c’entra, anche se forse c’entra sempre meno. Prendiamo il calcio: dobbiamo ammettere che riguardo la questione del cambio di nazionalità dei calciatori, ancora facciamo fatica ad abituarci. Sempre più Paesi costruiscono infatti rappresentative impostate su giocatori che non sono nati – nè cresciuti – nei confini nazionali, e spesso questo accade grazie a naturalizzazioni che potremmo definire “leggermente” forzate. Qui tra l’altro si impone una differenza fondamentale: un conto è il modello tedesco (con calciatori di origini straniere ma appunto nati e cresciuti in Germania), altra cosa sono invece le scelte più che disinvolte di molti giocatori (motivo per cui la FIFA nel 2004 ha inserito parametri più severi, non ritenendo più sufficiente la cittadinanza ma esigendo un “chiaro collegamento” con il Paese d’adozione). All’ insegna del progresso o dell’interesse, economico e non solo, anche la nazionale di calcio da ultimo e probabilmente unico collante nazional popolare deve adeguarsi ai tempi che cambiano, spalancando le porte a giocatori che a malapena parlano la lingua della nazione adottiva. È forse vero che ci battiamo troppo su questioni simboliche, ma nell’epoca della mercificazione di ogni valore, in cui i diritti dell’individuo si estendono addirittura alla scelta della propria identità, speravamo che il calcio rimanesse, almeno per quanto riguarda le Nazionali, un mondo antico, autenticamente popolare. La responsabilità concessa al singolo giocatore di scegliere la rappresentativa che più l’aggrada sfocia spesso in valutazioni di comodo, come se in ballo ci fosse un normale trasferimento in un altro club. 
Il caso di Diego Costa, per esempio, è emblematico: dopo aver già giocato due partite con la nazionale del Brasile, suo paese natale, ha deciso infatti di arruolarsi nelle fila spagnole. Questo perchè «tutto ciò che possiedo nella mia vita me l’ha dato la Spagna»; una storia non proprio edificante (lo stesso concetto del “possedere” per la scelta di una Nazionale appare stonato), che si è conclusa con un atto ufficiale del notaio che ha ratificato la decisione. La morte del romanticismo insomma.

scolari1
«Diego Costa sta dando le spalle al sogno di milioni di brasiliani»  (Luiz Scolari)

Molto simile a quella di Diego Costa è stata la scelta di Kevin-Prince Boateng; il compagno della Satta infatti, dopo aver provato la stessa sorte del fratello Jerome – fortissimo centrale della nazionale tedesca – e dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili della nazionale teutonica, improvvisamente decide di giocare nel Ghana, paese d’origine dei suoi genitori…e beh che dire, troppo difficile trovare spazio tra Kroos e compagni. 
Anche l’ex romanista Bojan Krklic, eterna promessa del calcio europeo, si è fatto notare per un comportamento simile. L’attuale attaccante dello Stoke City infatti, nato a Lynola (Spagna) da madre catalana e padre serbo, ha giocato fino al 2010 nella nazionale spagnola e ha rifiutato in passato le convocazioni del ct serbo Antic. Tuttavia, a causa dell’uscita dal giro della nazionale di Lopetegui, ha sottoposto alla FIFA la richiesta di giocare per la Serbia, guidata attualmente da Muslin: la Federazione internazionale in questo caso ha bloccato la possibilità, facendo giustizia. 
In effetti non si può fare il processo alle intenzioni e giudicare la scelta (che a volte può effettivamente essere sentita), ma in questi casi siamo di fronte a un ragionamento quasi machiavellico. Il giocatore di turno cerca inizialmente fortuna nella nazionale più forte, infischiandosene altamente delle proprie origini; qualora dovesse andare male, potrà sempre contare sulla nazione di riserva, quella un po’ più brutta e sfigata. Come quando a scuola il cuore era per Miss Liceo, ma siccome lei non ti filava manco per sbaglio optavi per l’amica un po’ bruttina, che ti permetteva comunque di dire agli amici: “Ho fatto conquiste”. 
Fortunatamente nella storia del calcio si sono distinti altrettanti giocatori legati fortemente alla propria terra e al proprio popolo; sono coloro che ad esempio hanno preferito i campi malconci di mamma Africa agli sfavillanti stadi europei, come George Weah. Nato a Monrovia (Liberia) e successivamente naturalizzato francese, avrebbe potuto giocare titolarissimo nella nazionale transalpina negli anni ’90, con la seria possibilità di vincere diversi titoli importanti; tuttavia ha preferito lottare e sudare per la sua Liberia, diventando un eroe nazionale e regalando sorrisi e sogni alla sua gente. Forse chissà, la soddisfazione nell’essere un profeta in patria è più grande di qualsiasi altra: una medaglia che si appende all’anima, mica in bacheca.

george-weah6
George Weah durante l’inno nazionale liberiano

Discorso analogo per Didier Drogba, che ha preferito diventare l’uomo simbolo della Costa D’Avorio piuttosto che vestire la casacca transalpina. La decisione di Drogba è una scelta che va al di là dello sport e delle disquisizioni burocratiche; l’ex centravanti del Chelsea si è eretto a vero leader patriottico, sfidando le fortissime tensioni politico-sociali presenti nel suo paese negli anni duemila, divorato da una guerra civile. Didier si è schierato apertamente contro la divisione del suo Paese, convincendo addirittura il governo ad organizzare una partita di qualificazione alla Coppa d’Africa nella parte nord della Costa d’Avorio (all’epoca sede dei ribelli), al fine di far riunire in unico abbraccio tutti i suoi connazionali. Questi sono gli uomini di cui il calcio moderno ha bisogno; ai popoli servono eroi sportivi con i quali identificarsi, non calciatori che scelgono a cuor leggero quale Nazione rappresentare ma che, soprattutto, giocano esclusivamente per se stessi.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Calcio
Marco Armocida
4 Dicembre 2020

Perché veneriamo i giocatori cattivi?

Perché mostrano la parte oscura di tutti noi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Calcio
Gianluigi Sottile
8 Ottobre 2020

Odiare Diego Costa è troppo facile

Forse è arrivato il momento di rivalutarlo.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno 2020

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Calcio
Mattia Curmà
10 Maggio 2020

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Calcio
Francesco Andreose
9 Maggio 2020

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio 2020

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio 2020

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile 2020

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.