Carrello vuoto
Ritratti
6 Aprile

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.

Nel calcio come nella vita, la personalità di un uomo è il risultato di famiglia, tradizioni, gioie e dolori che si sono incontrate in gioventù. Pietro Vierchowod è così strettamente legato al padre che parlare di lui senza fare riferimento all’influenza paterna sarebbe impresa impossibile. Ivan Luchianovic Vierchowod, soldato ucraino dell’armata sovietica prigioniero a Bolzano, Pisa e Modena, ha formato con la sua professione e i suoi modi il figlio Pietro.

Finita la guerra infatti si rifiutò di tornare in Ucraina, nella fonderia di Ricovo, periferia di Kiev, sposandosi nel Bergamasco. Lì nacque Pietro: talento puro, ma soprattutto frutto dell’incontro tra l’umiltà dell’Est e l’eleganza dell’Ovest. Un’eleganza non formale o tecnica quanto di intelligenza tattica, di rigore atletico, di professionalità magistrale. Dei tanti duelli difensore-attaccante che ha sperimentato nel corso degli anni, quelli con Maradona e Van Basten sono indubbiamente rimasti più impressi nel cuore, e nella mente, di Vierchowod. Su Diego ha raccontato:

«Una volta gli ero addosso, incollato. L’avevo, come si dice adesso, ingabbiato. Si è girato con una piroetta, un tunnel ed è volato via. Io allora sono scattato e l’ho raggiunto e chiuso in angolo e lui si è messo ridere: “Hanno ragione a dire che sei Hulk: ti manca solo il colore verde”».

Del secondo ha ricordato la nostalgia, e la tristezza, di averlo visto giocare e smettere così presto: «Lui si era ritirato a 29 anni, io ne avevo 40 ed ero ancora in pista. È stata una perdita immensa. Noi del calcio, tutti noi, non sappiamo cosa abbiamo perso con l’ addio di Marco. Giocatore unico, forse come i nostri duelli. Erano duri e spigolosi, ma leali. Ci siamo battuti e picchiati, non si è mai tirato indietro. Non era cattivo come Bettega, ma il gomito lo alzava anche lui».

Ma nonostante i duelli e le marcature asfissianti Pietro, soprattutto per essere un difensore, aveva un senso del goal innato. E spesso non erano goal banali, ovvero le classiche reti da centrale difensivo in mischia sugli sviluppi di palle inattive. Vierchowod infatti era un difensore vecchie maniere, troppo prorompente per non tentare l’iniziativa anche in avanti (25 i goal con la sola Sampdoria).

Del mestiere del difensore, insegna Pietro Vierchowod (qui già in là con l’età, contro il Fenomeno)

Ma torniamo alle gomitate in vecchio stile. Il gomito, Vierchowod, ha iniziato ad alzarlo già dai tempi del Como. 115 presenze dal 1976 al 1981, prima di passare alla Sampdoria di Mantovani. Con i lariani due promozioni, una in B (a diciannove anni), l’altra in A (a venti). Il presidente-padre, Paolo Mantovani, non ha coperto certamente il ruolo che il padre naturale, Ivan, ha avuto nella sua crescita e nella sua formazione umana. Tuttavia, di lui Pietro mantiene un ricordo splendido. Acquistato nell’81 dal Como, Mantovani vede in lui una promessa, ma non ancora un giocatore pronto per il grande palcoscenico della Serie A, o almeno non da titolare.

Così si spiegano i due anni fuori da Genova, prima a Firenze, poi a Roma, con i giallorossi. Nell’esperienza romana apprende l’attitudine tutta liedholmiana di singolo difensore puro, con Di Bartolomei sganciato ad impostare e i due terzini, Nela e Maldera, che salgono così spesso in avanti da lasciare il povero Zar solo contro tutti. Tuttavia quella Roma vinse, e lo fece convincendo. Vierchowod si dimostrò in grado di tenere lo scontro, che fosse fisico, atletico o mentale. Il tutto in solitaria, e per novanta minuti. D’altronde, se riesci a riprendere Maradona, niente ti può davvero spaventare.

Dal 1983 al 1995, poi, lo Zar è alla corte doriana di Mantovani, che si decide a riprenderlo per gli anni più gloriosi e magici della storia blucerchiata.

Lo Zar in maglia blucerchiata, laddove soprattutto ha scritto la storia.

Il patto di sangue stretto con Vialli e Mancininon si va via da Genova prima di aver vinto lo Scudetto») suona alle nostre orecchie, infiammate dal business moderno che ruota intorno al calcio, come surreale, se non eroico e mitologico: ma i tre moschettieri alla fine ebbero ragione. Quattro Coppe Italia, una Coppa delle Coppe, uno Scudetto e una Supercoppa Italiana. Pietro non sfuggì alla debacle in Coppa Campioni, in finale a Wembley, contro il Barcellona. Riuscirà a colmare quel vuoto europeo con il suo amico e compagno di squadra Gianluca Vialli, ai tempi della Juventus.

Trentasette anni sono una sciocchezza. Il calcio per Vierchowod è vita, e lo ripaga con la coppa dalle grandi orecchie.

Poi ancora una stagione al Perugia, una al Milan e tre al Piacenza. Dopo la retrocessione dei Papaveri nella serie cadetta, sceglie di ritirarsi. Finisce così anche il rapporto – non serenissimo per via degli infortuni – con la nazionale. Con gli Azzurri vince il Mondiale dell’82 (non giocando però mai), e ottiene un bronzo a Italia ‘90. In tutto, Pietro ha totalizzato in Serie A 562 presenze: settimo assoluto dietro Paolo Maldini, Javier Zanetti, Francesco Totti, Gianluigi Buffon, Gianluca Pagliuca e Dino Zoff.

Tuttavia, al di là delle presenze e dei trionfi, Vierchowod ci mancherà soprattutto per ciò che rappresentava. Un altro tipo di calcio, che si portava dietro storie non da copertina ma profondamente significative: in questo senso il carattere epico dell’ultimo Zar rimane un’eco lontana di un mondo che, divorato dalla propaganda, scompare sempre di più.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Ritratti
Edoardo Franzosi
8 Gennaio 2022

Paolo Mantovani, il presidente

Ritratto dell'imprenditore romano che fece grande la Sampdoria.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.