Carrello vuoto
Calcio
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.

Qualche giorno fa, proseguendo nella politica di trasparenza inaugurata nel 2015, la FIGC ha pubblicato il dato annuale sui compensi dei procuratori. Ebbene nel 2019 sono quasi 188 i milioni di euro spesi dalle società di Serie A per le prestazioni degli agenti sportivi: una cifra abnorme, con una media pari a 9 milioni di euro spesi da ogni singola società. Inutile dire come i numeri siano in aumento costante negli ultimi anni, soprattutto per quanto riguarda le squadre più prestigiose del campionato italiano: solo Juventus, Inter, Milan e Roma hanno investito, da sole, circa 119 dei 187 milioni complessivi.

Questo fa ben comprendere l’attuale situazione del calcio italiano e internazionale, tenuto in scacco dai procuratori che hanno assunto ormai una posizione, per usare un eufemismo, di forza. Da metà degli anni ’90 ad oggi, infatti, la crescita dei compensi a favore degli agenti è stata vertiginosa: solo nella passata stagione in Europa sono stati spesi 589 milioni di euro, mentre nel mondo, negli ultimi cinque anni, arriviamo a quasi 2 miliardi di dollari.

Coster diede vita ad una figura professionale del tutto nuova, che man mano si diffonderà nel mondo del calcio. 52 anni dopo la situazione è ribaltata, e spesso l’agente sportivo diventa più importante del calciatore che rappresenta.

E pensare che la figura del procuratore nasce per tutelare la figura dei professionisti sportivi – e non a caso con uno dei più grandi calciatori di sempre, Johan Cruijff. Era il 1968 e il Profeta del gol doveva discutere con l’Ajax il proprio rinnovo contrattuale: a “rappresentarlo” si presentò però un ricco mercante di diamanti, Cor Coster. Fu quest’ultimo a trattare per conto del giocatore, fiutando il business che si poteva celare dietro le prestazioni sportive.

Coster diede vita ad una figura professionale del tutto nuova, che man mano si diffonderà nel mondo del calcio. L’intenzione era quella di assicurare, a livello contrattualistico, le giuste spettanze economiche per le prestazioni, tutelando il proprio assistito nella trattativa. 52 anni dopo la situazione è ribaltata, e spesso l’agente sportivo diventa più importante del calciatore che rappresenta.

Cor Coster e alla (nostra) sinistra Johan Crujiff

Fin dai primi passi di un calciatore, ormai, ci si rivolge a figure che ne tutelino gli interessi: già dai settori giovanili i procuratori strisciano come serpenti e hanno una loro rete di contatti che adocchia i giovani talenti, ma non solo; sono infatti le famiglie che molto spesso si rivolgono agli agenti nella speranza di una corsia preferenziale per un contratto, malgrado il ragazzo in questione – magari – non abbia nemmeno mezzi tecnici all’altezza.

Ma è soprattutto nel calcio dei “grandi” che i procuratori spadroneggiano. Un esempio lampante, restando nei confini nazionali, è rappresentato dalla figura di Mino Raiola. Ricordiamo i trascorsi con il Milan, club da cui il super procuratore, nel 2017, riuscì ad ottenere per Gianluigi Donnarumma un maxi contratto nonostante la non semplice situazione economica del club. Ma non solo: anche il fratello Antonino Donnarumma, con una mediocre carriera alle spalle, ebbe la possibilità di diventare il terzo portiere dei rossoneri con un contratto da 1 milione di euro a stagione.

L’abilità contrattuale di Raiola, ed il suo peso nel mondo del calcio, avevano raggiunto però l’apice un anno prima, nel 2016. In quella sessione di mercato si era ritagliato un ruolo da il protagonista indiscusso, riuscendo a muovere un totale di 500 milioni di euro tra valore dei trasferimenti, commissioni e ingaggi. Solo per il buon esito delle trattative dei suoi assistiti – ad esempio Paul Pogba, Ibrahimovic e Mkhitaryan – Raiola guadagnò la cifra record di 50milioni di euro. Un gruzzolo ben maggiore di quello che molte squadre avevano ricavato dal mercato trasferimenti.

Carmine Raiola, durante I Mondiale in Russia nel 2018 (Photo by Alexander Hassenstein/Getty Images)

Ma andando a ritroso, notiamo che la situazione attuale è stata favorita dalla deregulation voluta dalla Fifa di Blatter nel 2015, la quale ha ridisegnato il calciomercato. Questa iniziativa ha infatti eliminato il tetto alle commissioni, sostituendola con una semplice “raccomandazione”. Da allora le transazioni parlano chiaro: la limitazione del 3% dello stipendio lordo del giocatore o del prezzo del trasferimento non è mai stata rispettata, e i procuratori riescono facilmente ad aggirare la norma.

Basta vedere alcuni degli affari nelle ultime sessioni di mercato. Prendiamo il trasferimento di Aaron Ramsey alla Juventus: certo avvenuto a parametro zero, ma il club ha versato 3,7 milioni di euro per l’intermediazione e il buon esito della trattativa all’entourage del calciatore. Insomma, le regole sono completamente saltate e i corrispettivi dei procuratori superano di gran lunga la raccomandazione del 3%, sbilanciandosi sull’operazione totale tra il 10 e il 20% (escludendo i bonus futuri).

Bisogna arginare il problema a livello a livello internazionale, e si impone la necessità di un regolamento stringente per gestire il fenomeno dei super procuratori, capaci ormai di influenzare il mercato e le politiche di intere società di calcio.

Se quindi la figura del procuratore è nata per tutelare i giocatori più noti, a maggior ragione con i brand pubblicitari che bussavano alle porte, con il tempo la professione si è decisamente inflazionata. Tutti vogliono avere e hanno il procuratore: si inizia già nei settori giovanili e si prosegue nelle leghe minori. In tutto ciò la FIGC ha provato a correre ai ripari, istituendo dal 13 luglio 2019 un esame per conseguire la registrazione nell’albo degli agenti sportivi, ma ciò non è assolutamente sufficiente.

Bisogna invece arginare il problema a livello internazionale, e si impone la necessità di un regolamento stringente per gestire il fenomeno dei super procuratori, capaci ormai di influenzare il mercato e le politiche di intere società di calcio. Pensiamo a Jorge Mendes e la sua Gestifute: il procuratore di Cristiano Ronaldo ha basato la propria fortuna anche sulle TPO (Third Party Ownership) che gli permettevano di percepire un guadagno su ogni singola attività del calciatore e sui suoi trasferimenti. La FIFA ha dovuto infine vietare questa prassi, ma la soluzione non può stare sempre nella gestione della singola emergenza.

Jorge Mendes, bello abbronzato, scatta una foto durante lo Sky Bet Championship match tra Wolverhampton e Birmingham a Molineux il 15 aprile 2018, Inghilterra. (Foto Catherine Ivill/Getty Images)

Chissà se il coronavirus porterà ad un ridimensionamento anche del ruolo dei procuratori. Il CIES Football Observatory ha pubblicato uno studio sulla ricaduta della pandemia nel mercato dei trasferimenti, evidenziando una svalutazione dei cartellini dei singoli calciatori pari al 28%: questo comporterebbe un inevitabile abbassamento dei prezzi di mercato (e, si spera, anche dei compensi degli agenti sportivi).

Dopo anni di bello e cattivo tempo, è giunto il momento per le federazioni sportive di applicare regolamenti più stringenti, e soprattutto di pretendere interventi netti della FIFA. Non bastano gli annunci di un’ipotetica soglia del 10% per le commissioni, serve invece una regolamentazione ferrea da applicare immediatamente. Questo momento storico d’altronde ci fa sta facendo riconsiderare molte cose, a partire dalle nostre abitudini e dal nostro stesso stile di vita.

Il mondo del calcio, ormai drogato e ingrassato da speculazioni di ogni genere (diritti televisivi, super agenti, fondi di investimento privati, mosse finanziarie spregiudicate etc), ha una sola possibilità nei prossimi anni: per non scoppiare è costretto ad un ripensamento profondo, per non fermarsi è obbligato – almeno – a rallentare la propria folle corsa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Annibale Gagliani
29 Aprile 2022

Quale girone dell’inferno per Mino Raiola?

Vita e non morte di Mino da Nocera Inferiore.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Dicembre 2021

Commisso solo contro tutti

Il patron viola è tornato all'attacco su procuratori e agenti.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Novembre 2021

Il calcio è stanco di essere umano

La mania di controllo condannerà il football.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Michelangelo Freda
13 Luglio 2021

Lotito e la Salernitana, una triste storia all’italiana

La telenovela della multiproprietà.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.