Carrello vuoto
Calcio
29 Settembre

Prove da anti-Juve

Luigi Fattore

46 articoli
Siamo ancora a settembre, ma la supersfida dell'Allianz Stadium sembra già decisiva.

Stasera, più o meno intorno alle 20, il campionato avrà emesso il suo primo verdetto. Il fatto che siamo appena alla settima giornata con il mese di settembre che resiste ancora nonostante gli scalpitii di ottobre non deve trarre in inganno. Dal risultato dell’Allianz Stadium dipenderà molto, se non tutto, ciò che avverrà nelle successive 31 giornate. Almeno per quanto riguarda la lotta scudetto. In ottica tricolore non sono ammessi passi falsi. I punti persi fanno tutta la differenza del mondo perché poi sarà molto difficile recuperarli, diversamente da quanto accade nella corsa alla Champions che consente invece dei margini di errore ben più ampi. La dittatura bianconera, che perdura da sette anni, ha dimostrato proprio questo: chi mira a metterla in discussione deve vincere praticamente tutte le partite, sfondare la soglia dei 90 punti. E a volte nemmeno basta.

 

Ecco perché stasera il Napoli si gioca gran parte della sua credibilità come unica, vera anti-Juve. Uno status molto ambito ma che alla vigilia del torneo nessuna squadra sembrava meritare davvero. Perché essere un’alternativa alla Juventus vuol dire lottare realmente con i bianconeri e non limitarsi ad arrivare secondi. Per amore della verità, va detto che nelle griglie del pre-campionato gli azzurri del post Sarri non hanno raccolto molto credito nemmeno come possibili secondi, perché nelle valutazioni degli addetti ai lavori sono stati scalzati da Inter, Roma e in qualche caso anche dal Milan. La realtà che emerge da questo inizio di campionato è ben diversa. Ancelotti si è portato avanti con il lavoro liberando il gruppo dall’influenza sarriana e apportando delle modifiche necessarie per chiudere con il passato e scongiurare una pericolosa nostalgia tecnico-tattica. Il costante ricorso al turn over e la posizione di Insigne come terminale offensivo sono i tratti distintivi del nuovo Napoli. Adesso Lorenzo non è più il dominus del cosiddetto “lato forte”, la catena di sinistra, bensì un folletto libero di fare impazzire i difensori avversari con una imprevedibilità ritrovata.

 

1 dicembre 2017: Higuian segna la rete decisiva che certifica il capolavoro tattico di Allegri al San Paolo (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

 

E sarà proprio il grado di imprevedibilità del Napoli a orientare il risultato della sfida in un senso o nell’altro. Nel campionato scorso, in entrambi gli scontri diretti, Allegri aveva modellato le sue formazioni proprio sulle ‘certezze’ che gli garantiva il modo di giocare di Sarri. Il tecnico livornese aveva infatti costruito delle Juventus indifferenti al possesso palla ma che, abbottonate in linee strette e corte, all’occorrenza erano pronte a ripartire e a far male. Come sappiamo, il “contro-gioco” pagò dei dividendi soltanto nella gara di andata grazie alla rete di Higuain, mentre nel ritorno fu il Napoli a esultare con Koulibaly. Da questo punto di vista, Allegri dovrà prendere in considerazione anche l’idea di fare la partita, perché in queste prime uscite, fatta eccezione per le larghe vittorie ottenute in sequenza con Torino e Parma, la squadra di Ancelotti ha espresso un calcio verticale sostanziato da un possesso palla ondivago, funzionale alle ripartenze.

 

Ovviamente il tecnico bianconero dispone di una rosa tra le prime d’Europa e che in Italia senz’altro non ha eguali per qualità e profondità. Per cui sarà dispensato dalla ricerca delle soluzioni perché saranno loro a bussare alla sua porta: troverà sempre un modo di mettere in difficoltà le avversarie e di correggere l’assetto della squadra anche a gara in corso, specialità della casa. Senza dimenticare che la Juventus può contare su un certo Cristiano Ronaldo, La soluzione. È vero, il portoghese in questo inizio di stagione ha segnato meno di quanto ci si aspettasse, ma è altrettanto vero che è il giocatore che in Serie A ha calciato di più verso la porta. Inoltre balza agli occhi l’umiltà con cui si è calato nella realtà bianconera mettendosi a disposizione dei compagni e non facendo pesare loro la sua grandezza. La crescita dello stesso Bernardeschi ha subito un’accelerata grazie alla vicinanza di CR7, dispensatore di ambizione e autostima a getto continuo. Ma l’ambizione abbonda anche in Carlo Ancelotti, uno degli allenatori più vincenti della storia e che ha accettato la sfida Napoli nonostante le poche – numeri alla mano – possibilità di far meglio del predecessore.

 

Lorenzo Insigne, uomo in più del Napoli targato Ancelotti, festeggiato da Zielinski e Milik dopo il gol alla Fiorentina (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

 

Forse è un ragionamento che suona freddo, ma far meglio di Sarri, al di là dei 91 punti, significa vincere lo scudetto. Eppure l’allenatore del Napoli sta vivendo con la sua proverbiale serenità il confronto, alimentato giorno dopo giorno dai media, con l’attuale tecnico del Chelsea, sicuro di poter aggiungere qualcosa anche in termini di una maggiore attitudine a giocare a certi livelli. A proposito, uno dei pochi errori commessi da Sarri nei tre anni strabilianti all’ombra del Vesuvio forse è stato proprio l’approccio alla gara di andata con i bianconeri nel campionato scorso. Il Napoli arrivò a quella sfida con un vantaggio di 4 punti e anziché ‘assecondare’ la strategia di Allegri, probabilmente gli azzurri avrebbero fatto meglio ad assumere una postura altrettanto conservativa, in modo tale da puntare al pareggio e lasciare inalterate le distanze. Certo, è facile parlare col senno di poi, ma quella sconfitta lasciò una ferita che continuò a sanguinare per tutto il resto del torneo. Ecco perché non ci meraviglieremmo se stasera Ancelotti, attingendo alla versatilità figlia della sua esperienza, mandasse in campo una formazione più accorta per ridurre al minimo le possibilità di sconfitta e magari tentare il colpaccio a suon di ripartenze. Perché scivolare a -6 vorrebbe dire smettere i panni pregiati dell’anti-Juve per indossare quelli più umili della seconda in classifica.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Papelitos
La Redazione
15 Aprile 2022

Ancelotti è il migliore, parola di Lahm

Il calcio e gli uomini hanno un linguaggio universale.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Novembre 2021

La Juventus è tornata squadra

Il ritiro ha fatto bene ai bianconeri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Italia
Raffaele Scarpellini
23 Giugno 2021

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile 2021

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2021

Il Manifesto di Max

Massimiliano Allegri ci riconcilia con il calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Tu vuò fà l’americano

De Laurentiis e il Napoli non si sono mai capiti.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.