Carrello vuoto
Estero
16 Agosto

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.

Il mercato monstre del Paris Saint-Germain, salutato con un misto di curiosità e rabbia dal mondo del calcio, ha scatenato reazioni che ricordano da vicino quelle successive al lancio della Superlega. Curiosamente, anche gli interpreti sono gli stessi. Se ad aprile era stato Karl-Heinz Rummenigge ad esprimere l’estraneità del Bayern Monaco rispetto a certe dinamiche di mercato, oggi è Oliver Kahn, che ha preso il suo posto in società a giugno, a riprendere lo stesso – e sacrosanto, aggiungiamo noi – messaggio di fondo. Con un’unica differenza. Se Rummenigge, schierandosi contro la Superlega, tendeva la mano ad al-Khelaifi, Oliver Kahn ha fatto l’esatto contrario. Il messaggio è rimasto lo stesso, ma il bersaglio è evidentemente mutato:

«il PSG spende regolarmente somme incredibili per rafforzare la squadra, ma finora non sono mai riusciti a vincere la Champions League. Ecco perché non sono necessariamente preoccupato per la competitività del nostro club che si distingue per il suo equilibrio economico che gli consente di continuare a rivestire un ruolo di primo piano in Europa».

Oliver Kahn

Qualche giorno fa Sebastian Stier su “Die Zeit” aveva scritto che «la logica dei qatarini possessori del PSG è semplice, segue quella dei teenager alla PlayStation: se hai già Mbappé e Neymar nelle tue fila e aggiungi Messi a questo attacco surreale, vincerai la Champions League. Ma se funzionerà è dubbio. Perché ciò che sembra molto promettente nel mondo dei computer potrebbe diventare molto più difficile nella realtà». Con parole molto simili si è espresso, nell’intervista rilasciata all’Equipe, anche Oliver Kahn: «Vedi tutti questi nomi assieme e pensi che il PSG ha una squadra eccezionale. Ma funzioneranno insieme? Ci sarà armonia sul terreno di gioco? Sono curioso. L’ultimo Europeo ci ha dimostrato che non è la squadra più talentuosa che vince, ma quella che gioca meglio come squadra. L’Italia ce l’ha fatta mostrando grande solidarietà in campo. Sarà così anche a Parigi?».

psg
La presentazione dei nuovi volti di mercato del PSG prima del match contro lo Strasburgo, vinto 4-2

Il punto, chiaramente, non è rispondere affermativamente o meno alla domanda, ma capire il senso della provocazione. Nell’anno più difficile, con società pronte a (s)vendere i propri gioielli pur di pagare gli stipendi e permettersi un mercato almeno decente per cercare affannosamente di sostituirli, il PSG ha letteralmente spazzato via la concorrenza. Ed è lecito chiedersi se l’abbia fatto legittimamente. Se lo è chiesto ad esempio l’ad del Borussia Dortmund Hans-Joachim Watzke:

«è chiaro che si tratti di concorrenza sleale, che è stata dilagante per troppo tempo. È un fatto che il PSG possieda i mezzi economici dell’85% degli altri club europei».

È vero, il PSG ha pagato quasi esclusivamente stipendi – al di là del caso Donnarumma, dove la commissione a Raiola ha raggiunto i 20 milioni di euro –, ma gli stipendi pesano molto più degli acquisti a livello di bilancio. Solo in un anno: 35 milioni per Messi, 37 per Neymar, 12 per Donnarumma, 10 per Wijnaldum e Ramos, 8 + 2 di bonus per Hakimi. E non stiamo contando gli altri giocatori in rosa. Sono cifre spaventose, che non hanno un corrispettivo neanche in Premier. O meglio, uno ce l’hanno. Se il City prenderà anche Harry Kane, infatti, in sei anni avrà speso 1 miliardo e oltre 300 milioni di sterline.



In Inghilterra Jurgen Klopp, che si era timidamente opposto alla Superlega – il Liverpool, infatti, ne faceva parte –, ha commentato il mercato di City, United e Chelsea dicendo che «non [si capisce] come facciano a spendere così tanto, ma noi lavoriamo in modo diverso. Possiamo solo spendere in base a quanto abbiamo guadagnato, abbiamo sempre fatto così. Quest’anno abbiamo già speso soldi in anticipo per prendere Konaté, perché dopo gli infortuni dell’anno scorso non potevamo rischiare in quel ruolo. Non sono sorpreso dal potere finanziario di Chelsea, City e United, ma la nostra situazione è un’altra».

Tutto questo mentre in Liga è in corso una guerra su più fronti. Javier Tebas, in rotta di collisione con Florentino Perez, sta cercando di contenere le perdite (diritti tv, sponsor, etc.) provocate dall’addio di Messi. Ironia della sorte, lo sta facendo chiedendo al Barcellona di unirsi nella lotta contro il Paris Saint-Germain. Tutto è partito da Juan Branco, l’avvocato catalano che ha intentato una causa contro il PSG per concorrenza sleale nell’ingaggio di Messi, presentandone le motivazioni alla Commissione Europea e all’Alta Corte francese. L’avvocato ha inviato una lettera al Mundo Deportivo indirizzata a Joan Laporta, nella quale si denuncia la costruzione di «un ponte d’oro per l’ingaggio del giocatore, con i complimenti da parte dello stesso presidente della Lega calcio francese».

Branco, nella lettera, si chiede come si sia arrivati a questo punto, dopo aver per anni tentato di contenere il costo dei trasferimenti tramite il (fallito, ridicolo, aggiungiamo noi) Fair Play Finanziario. Ma la vera domanda è un’altra: come ha fatto il PSG a raggirare la legge sul tetto salariale (ancora in vigore)? Qui arriva la parte più pesante (e intrigante) della lettera:

«Il motivo di tale aberrazione, incompatibile con la normativa europea, che impone norme identiche in ogni territorio del mercato interno dell’Unione europea è soprattutto politica. Il Qatar, proprietario del PSG, ha bisogno di costruire un club-bandiera che legittimi l’organizzazione dei Mondiali 2022 nel suo territorio».

E ancora:

«L’organizzazione di un evento di tali dimensioni su scala mondiale è intesa dall’emirato come un modo per proteggersi dalle fantasie espansionistiche dei suoi vicini, in particolare l’Arabia Saudita, per continuare a promuovere impunemente l’islamismo politico, per migliorare il suo accesso alle élite politiche occidentali e migliorare la loro immagine nell’opinione pubblica – a scapito dei quasi 7.000 lavoratori che hanno già perso la vita costruendo gli stadi che rimarranno vuoti non appena l’evento sarà terminato».

Infine, «siamo di fronte a una situazione che minaccia non solo la sopravvivenza del Barcellona come istituzione, ma più in generale degli altri storici club europei, in particolare quelli spagnoli e italiani». Javier Tebas ha letto e appoggiato pubblicamente la lettera. Sarebbe prematuro pesare adesso la rilevanza politica ed economica di questo fatto. Senz’altro Branco ha colto nel segno, parlando in conclusione della lettera di «iper-capitalizzazione del calcio» e di «minaccia del popolare di questo sport». Tutto questo accade nel giorno in cui Laporta, presidente del Barcellona, annuncia in mondovisione il pesantissimo debito del club. Bene Branco, bene Tebas, bene Klopp e Oliver Kahn. Ma come siamo arrivati fino a qui?

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Estero
La Redazione
19 Marzo 2022

Haaland, quando troppo è troppo?

Prima o poi ci sarà un limite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Papelitos
La Redazione
4 Marzo 2022

Superlega, chi non muore ci riprova

Ciak 2, si gira: i golpisti tornano alla carica.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Italia
Guglielmo Russo Walti
29 Gennaio 2022

Con Vlahovic la Juventus è andata all-in

Arrivabene ha mentito a tutti.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Editoriali
Federico Brasile
24 Dicembre 2021

L’ipocrisia occidentale sul Qatar

Il potere (mediatico) dei più buoni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Dicembre 2021

Commisso solo contro tutti

Il patron viola è tornato all'attacco su procuratori e agenti.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Ritratti
Marco Metelli
17 Novembre 2021

Louis van Gaal, maestro di vita

L'evoluzione di un allenatore incredibile.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Estero
Gianluca Palamidessi
6 Novembre 2021

Il segreto di Christophe Galtier

L'allenatore campione di Francia con il Lille sta facendo miracoli anche a Nizza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre 2021

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
2 Settembre 2021

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Papelitos
Lorenzo Santucci
21 Maggio 2021

La FIFA sapeva tutto

Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Sebastiano Caputo
21 Aprile 2021

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.
Papelitos
Andrea Antonioli
21 Aprile 2021

Che figura di m…

Se questi sono i padroni del football, stiamo freschi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile 2021

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Papelitos
Federico Brasile
30 Marzo 2021

Perché boicottare quando si può sensibilizzare?

Le nobili battaglie degli sportivi impegnati.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.