Editoriali
17 Maggio 2024

L'inconscio collettivo del popolo romanista

Nella psiche profonda giallorossa c'è un inconfessato inconfessabile.

L’inconscio, secondo Freud, è «un particolare regno della psiche con impulsi di desiderio propri, una propria forma espressiva e caratteristici meccanismi psichici che non vigono altrove». Un regno insomma sommerso, che non affiora nella coscienza del soggetto e come tale non viene toccato, indirizzato o inquinato dalla ragione. Una dimensione che per Freud è esclusivamente personale, mentre per altri – Jung su tutti – diventerà anche collettiva, con una psiche comune a tutti gli uomini e strutturata poi nei vari archetipi, una sorta di categorie universali di rappresentazione a priori. In queste righe, chiaramente deformando l’impostazione junghiana, vogliamo ipotizzare una presunta, e quantomai vaga, psicologia collettiva romanista.

Una psicologia pre-razionale, inconscia, profonda, che si trova nell’animo dei tifosi romanisti ancor prima che nei loro discorsi e atteggiamenti. Un qualcosa che è nell’aria e negli sguardi, per un buon osservatore, ma che non emerge nelle parole e spesso neppure nelle consapevolezze degli stessi interessati. Un qualcosa di cui si è avuta l’ennesima e decisiva epifania a Roma-Bayer Leverkusen, laddove ad un passo dall’ultimo atto europeo, e con una squadra in fiducia di gioco e risultati, l’Olimpico ha dato la sua risposta inconscia.

Al di là delle percezioni personali, è evidente per chiunque abbia frequentato lo stadio della Roma che l’atmosfera non era lontanamente paragonabile non solo a quella dell’anno prima – in semifinale, sempre con il Leverkusen, ma anche in quarti con il Feyenoord, in ottavi con la Real Sociedad, in sedicesimi con il Salisburgo – ma nemmeno a quella di due anni prima in Conference League (pensiamo al clima a dir poco elettrico e trascinante con il Bodo, in quarti, o con il Leicester, semifinale).



Fisiologica stanchezza, può ipotizzare qualcuno. Abitudine (recentissima) a certi palcoscenici e fine dell’effetto novità, può rilanciare qualcun altro. Eppure non è solo questo, c’è altro che giace sotto la cenere, in una dimensione precedente al detto e al conscio, che come magma ribolle nelle viscere della Città Eterna e nell’inconscio giallorosso; un qualcosa di sconosciuto anche a tantissimi tifosi stessi, inconsapevoli di cosa si muova nelle profondità del loro animo ma consapevoli, questo sì, che qualcosa di diverso rispetto agli anni scorsi ci sia – e con il Leverkusen non è certo stata la prima volta di un Olimpico scarico, tutt’altro.

La Roma di De Rossi è propositiva, gioca bene, ottiene risultati, vola sulle ali dell’entusiasmo.

Il suo nuovo allenatore è un santino e quasi un santone per il popolo giallorosso, è uno di loro, un tifoso, un capitano; il suo nome viene scandito e invocato da tutti, prima del fischio d’inizio e non solo. In teoria è il matrimonio perfetto, e il tifoso ha tutto con De Rossi: un ultraromanista in panchina, una squadra rianimata che lo segue, fino al Bayer anche un filotto invidiabile di risultati – il derby vinto con la Lazio, la qualificazione in Champions nel mirino, i turni superati in Europa League (sedicesimi, ottavi, quarti con il Milan conquistati già a San Siro, laddove la Roma non vinceva da anni). Nella dimensione del conscio non ci può essere nulla di meglio. Eppure… Eppure con José Mourinho, piaccia o meno, era tutta un’altra cosa.

Contrasti ULTRA

Dopo sette anni lanciamo la nostra sfida. E chiediamo il vostro sostegno per farlo. Contrasti ULTRA, il piano di abbonamenti della rivista, è lo sbocco naturale di un progetto che vuole svincolarsi dalle logiche dei trend topic e del clickbaiting, delle pubblicità invasive e degli investitori invadenti. Un progetto che vuole costruirsi un futuro solido e indipendente.

L'abbonamento darà accesso ai migliori articoli del sito e ad una newsletter settimanale di lotta, di visione e di governo. Il vostro sostegno, in questo grande passo, sarà decisivo: per continuare a rifiutare i compromessi, e percorrere fino alla fine questa strada - lunga, tortuosa, solitaria - che ci siamo scelti. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo. Grazie.

Abbonati

Gruppo MAGOG

Giovanni Casci

27 articoli
La lezione di Maurizio Stirpe
Calcio
Giovanni Casci
27 Maggio 2024

La lezione di Maurizio Stirpe

La signorilità esiste ancora nel mondo del calcio.
La Roma ha incartato il Milan
Italia
Giovanni Casci
12 Aprile 2024

La Roma ha incartato il Milan

Una partita divisa tra grandi meriti e demeriti.
In un Paese civile, Acerbi è sempre assolto
Papelitos
Giovanni Casci
26 Marzo 2024

In un Paese civile, Acerbi è sempre assolto

Anche se non siamo d'accordo, anche se lo detestiamo.

Ti potrebbe interessare

Roma-Liverpool: notte di Coppe e di Campioni
Cultura
Emanuele Meschini
30 Maggio 2024

Roma-Liverpool: notte di Coppe e di Campioni

Una partita come strumento di comprensione del mondo.
Quel galantuomo di Gaetano Anzalone
Ritratti
Matteo Latini
18 Maggio 2021

Quel galantuomo di Gaetano Anzalone

Tre anni fa ci lasciava un signore del pallone, presidente e primo tifoso della Roma.
Sebino Nela, il mio miglior nemico
Papelitos
Guy Chiappaventi
12 Febbraio 2020

Sebino Nela, il mio miglior nemico

Il pensiero di un laziale nei confronti di un avversario, detestato ma rispettato, nella sua ora più difficile.
The TED Inside: tifare Roma uccide
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Agnelli, era meglio tacere
Calcio
Federico Brasile
06 Marzo 2020

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.