Calcio
18 Novembre 2022

Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode

Prosegue il circo occidentale sul mondiale qatariota.

Vi avevamo avvertiti: questo Mondiale ci avrebbe regalato grandi cose. D’altra parte l’ipocrisia occidentale che ha accompagnato in questi anni (sembrano secoli) l’avvicinamento al mondiale ci aveva già ampiamente divertito. La notizia del giorno è che la famiglia reale del Qatar, in seguito a forti pressioni sulla FIFA, avrebbe vinto la propria battaglia sul divieto di vendita di alcolici in tutti gli stadi della Coppa del Mondo. Un grande successo dunque per gli organizzatori e l’Islam tutto – altro che la moribonda Europa, Ratzinger docet! –, e un terribile guaio per la FIFA, che adesso dovrà vedersela con la Budweiser, uno dei principali sponsor del torneo nonché noto marchio di birra americana.

L’azienda (che paga 75 milioni di dollari alla FIFA come sponsor) ha dichiarato di non essere stata informata delle (eventuali) modifiche dalla FIFA fino a sabato scorso: la Budweiser si era detta disposta a collaborare con il massimo organo del calcio mondiale disponendo i punti vendita nei luoghi indicati dal governo (a debita distanza dagli impianti, certo, ma pur sempre presenti).

Tra l’altro la Bud era già stata penalizzata a priori da una curiosa normativa dettata dagli organizzatori: nella Fan-Zone, il villaggio dedicato ai tifosi (quali? quelli finto-asiatico-pakistani?), si potranno bere solo quattro birre a testa per evitare che la situazione sfugga eccessivamente di mano. Chi andrà troppo in là con il tasso alcolico, sarà portato in una “zona speciale” per smaltire la sbornia – tutto davvero troppo geniale per non essere ammirato.

Intanto la FIFA ha comunicato: «a seguito di discussioni tra le autorità del paese ospitante e la FIFA, è stata presa la decisione di concentrare la vendita di bevande alcoliche nei FIFA-Fan-Festival e luoghi autorizzati [quali?, ndr], rimuovendo i punti vendita di birra dai perimetri dello stadio della Coppa del Mondo FIFA 2022 del Qatar». La guerra tra la Bud e la FIFA, credeteci, è appena all’inizio: tra i due litiganti (occidentali) comunque a godere è sempre e solo il Qatar.

Gruppo MAGOG

La Redazione

75 articoli
A Marsiglia è in atto una guerra civile
Tifo
La Redazione
23 Settembre 2023

A Marsiglia è in atto una guerra civile

Proviamo a ricostruire una settimana a dir poco intricata per l'OM.
La radio non muore mai
Podcast
La Redazione
11 Settembre 2023

La radio non muore mai

Un podcast con Riccardo Cucchi.
Football without fans is nothing
Podcast
La Redazione
04 Settembre 2023

Football without fans is nothing

Brillante storico, giornalista e scrittore tra i più originali, Tobias Jones ha pubblicato anche, tra gli altri, “Ultra: The Underworld of Italian Football“, analizzando storicamente e sociologicamente il fenomeno ultras come pochi altri hanno fatto prima e dopo di lui. Il presente episodio è stato registrato all’inizio del lockdown (febbraio 2020), ma offre ancora oggi […]

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Qatar 2022 sulla pelle dei lavoratori
Papelitos
Lorenzo Santucci
24 Febbraio 2021

Qatar 2022 sulla pelle dei lavoratori

Una nuova inchiesta del Guardian torna a far discutere.
La musica e l’anima di Rafael Leao
Ritratti
Thomas Novello
24 Novembre 2022

La musica e l’anima di Rafael Leao

Il retroterra di un calciatore straordinario.
Perché boicottare quando si può sensibilizzare?
Papelitos
Federico Brasile
30 Marzo 2021

Perché boicottare quando si può sensibilizzare?

Le nobili battaglie degli sportivi impegnati.
¿Por qué, Lele querido?
Critica
Leonardo Arigone
14 Dicembre 2022

¿Por qué, Lele querido?

Storia di una delusione amorosa.
Il calcio ai tempi della Play Station
Calcio
Daniele Berardi
29 Settembre 2017

Il calcio ai tempi della Play Station

Come la console più famosa del mondo ha cambiato il nostro modo di pensare (e di intendere) il gioco.