Carrello vuoto
Papelitos
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.

La quindicesima giornata di Serie A si è chiusa con l’Inter capolista e questo, in termini puramente statistici, non succedeva dal Gennaio del 2016. I dati aiutano a comprendere ma non spiegano mai davvero nulla, infatti un’Inter così non si vedeva da molto più tempo. Dai comodi salotti televisivi arrivano le prime sentenze: “tutto merito di Spalletti”, “un Icardi così decisivo non si era mai visto”, “fare una partita alla settimana aiuta”. Ovviamente tutte cazzate. Questa squadra probabilmente si qualificherà per la prossima Champions League, di certo non vincerà il campionato. Eppure qualcosa è davvero cambiato e stiamo ritrovando una delle nobili del nostro calcio. Spalletti ci ha messo sicuramente del suo, ma in una squadra con interpreti così individualisti e legati alla giocata del momento, risulta difficile dare ogni merito ai principi di gioco imposti dal proprio allenatore. Spalletti di certo non è Pioli, non è De Boer, è un allenatore che ha già allenato a grandi livelli. Verrebbe da chiedersi se è questo allora a fare la differenza, l’essere pronti per allenare un top team. Top team, questa espressione anglosassone così fuorviante. Questa Inter non doveva essere gestita come un grande club internazionale, ma come un grande club italiano, ed è questo il vero punto di svolta della stagione e forse del destino, inteso più nel lungo periodo, dei nerazzurri. In Italia è di fondamentale importanza il gruppo e il suo collante, ovvero i suoi senatori. Se è vero che in un calcio senza bandiere appare forse difficile individuare queste figure ormai mitologiche, è altrettanto semplice capire che i veri punti di riferimento sono i giocatori che meglio conoscono la realtà nella quale giocano, quindi il proprio club e il campionato, e che quindi per forza di cose sono anche italiani. Qualcuno potrebbe storcere il naso davanti ad una tale affermazione che forse ha il sapore di un calcio d’altri tempi, ormai superato. Questo perché forse la sbornia triste post Italia-Svezia è passata, e quindi guai a sindacare sul numero degli italiani nelle società di Serie A.

MILAN, ITALY - DECEMBER 03: Players of FC Internazonale celebrate the win at the end of the Serie A match between FC Internazionale and AC Chievo Verona at Stadio Giuseppe Meazza on December 3, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)
Tutti sotto la curva

Inter cinque, Chievo zero: è la vittoria di Ranocchia, Santon, D’Ambrosio, ovvero tre quarti della difesa. Tre giocatori ritenuti scarsi dai più (realisticamente l’unico a salvarli è D’Ambrosio) ma che rappresentano quel collante fondamentale di un gruppo che ambisce alla vittoria. Tre giocatori, soprattutto i primi due citati, che per anni hanno vissuto in un limbo di depressione rappresentando al meglio sia quella generazione di giocatori italiani perduti e mai più ritrovatisi, sia un’Inter naufraga in un mare in tempesta fatto di ottavi posti, mercati fallimentari e radicali cambiamenti di assetto societario. Ad oggi non hanno ancora invertito la rotta sfoderando grandi prestazioni (e probabilmente non ci riusciranno mai) ma hanno scavalcato altri nelle gerarchie (vedi Cancelo, Dalbert e i vari terzini alternatisi in queste stagioni) evidenziando il carattere del nostro attuale campionato. I top team non funzionano, non serve comprare campioni e non si vince mai sul mercato, cosa che invece sta succedendo altrove. Nell’attuale Serie A vince chi fa meglio di tutti e non chi è oggettivamente, o sulla carta, migliore. Non è un sistema meritocratico? Sì, semplicemente è ancora il gioco del calcio, non del basket, non di un altro sport schiavo dei numeri, né scambio di figurine o passatempo di giovani miliardari. E’ il calcio, quello italiano, il campionato dove questo gioco è ancora vivo nella sua forma più semplice, arcaica, imprevedibile e giusta, nonostante i mille problemi che attanagliano la FIGC e tutto il movimento.

spallettiinstagram
Spalletti e l’uso degli hashtag

Questa citazione di Spalletti è la perfetta somma di ogni chiacchiera da bar riguardo alla giusta gestione della rosa, e non a caso chi da anni stravince il nostro campionato porta avanti questa filosofia nonostante qualche congenita contraddizione. Pjanic sarà anche un grandissimo giocatore, ma non ha nello spogliatoio il peso di un Marchisio, che va quindi tutelato nonostante poi la Juve cerchi di rinforzarsi e ringiovanirsi. Rosa lunga, senatori italiani, capacità di adattarsi alla partita e giocatori che conoscono già bene questo campionato. Si vince non perché si è i migliori giocatori di calcio ma perché si è i migliori giocatori per la Serie A. Vecino, Borja Valero, Skriniar, questo mantra è arrivato chiaro anche nei pianti alti a Nanchino dove ogni strategia dell’Inter ha il suo inizio e la sua fine. Quale squadra, invece, è in contraddizione con almeno tre di questi quattro punti? Non certo la Juve, neanche la Roma, bensì il Napoli. La più splendida irregolarità del nostro campionato che con i suoi pro e contro è ancora la favorita allo vittoria finale (a braccetto con i bianconeri). Proprio mentre tutte le nobili del nostro campionato stanno tornando a giocare il calcio italiano, interessante sarà capire il destino del Napoli. Squadra italiana col miglior gioco ma non ancora miglior squadra a giocare in Italia. Fabio Caressa tra una risata imbarazzata e una sistemata al ciuffo continuerà a sostenere che l’inter vince perché è grossa e la sblocca sui calci piazzati. Sbagliato, non succede nulla di tutto ciò. L’inter gioca discretamente bene e sa adattarsi alla partita senza disdegnare un approccio difensivo, caratteristica nuova per Luciano Spalletti. Stiamo allora molto probabilmente vedendo uno Spalletti inedito. L’allenatore toscano allena da vent’anni eppure la sua esperienza davvero significativa nel nostro calcio è stata totalizzata dalla permanenza nella capitale, un connubio che forse ci ha nascosto qualche aspetto della sua filosofia. Gli interrogativi sono ancora molti, i reali equilibri del campionato non cambiano e settimana prossima l’Inter potrebbe ritrovarsi terza in classifica, eppure questo pomeriggio di inizio Dicembre rimarrà simbolicamente un giorno da Inter, dal quale i nerazzurri dovranno necessariamente ripartire per il futuro.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Italia
Luca Pulsoni
4 Agosto 2021

Quando gli asini volavano

Il Chievo è una storia senza lieto fine.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.