Carrello vuoto
Papelitos
29 Novembre

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Federico Brasile

62 articoli
Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.

In Italia ci sono due tipi di esterofilia, ben diversi e con un differente grado di insidia. Il primo è quello tipicamente popolare, non tanto una ragionata ammirazione per l’estero quanto invece un fascino dialettico dettato da una caratteristica – invece – italianissima: l’arte di lamentarsi. Come ci lamentiamo noi in pochi, forse nessuno. Si può quasi dire che il lamento quotidiano contribuisca a mandare avanti le nostre vite, ad esorcizzare il “male”, a consolarci reciprocamente. Per questo l’esterofilia popolare è poco più che un ritornello demagogico: a parole e in pubblico un topos di sicuro successo e approvazione, nei fatti e in privato un elemento estraneo e non realmente sentito.

Poi però c’è l’esterofilia delle classi dirigenti e soprattutto “culturali”, in particolar modo giornalistiche. Un’ammirazione che ha sempre un sottotesto elitario, anti-popolare, progredito ancor prima che progressista. È la stessa esterofilia che stava srotolando un tappeto rosso a Rangick prima che arrivasse al Milan, tratteggiando i contorni di un personaggio che avrebbe potuto, finalmente, redimere il nostro calcio strutturalmente reazionario. Sia chiaro, questo non è un articolo sulla storia di Rangnick, su cosa avrebbe potuto fare in Italia, sul suo genio tattico e manageriale e chi più ne ha più ne metta.

Per una volta ci interessano le interpretazioni più che i fatti. Non stiamo dicendo che Rangnick al Milan avrebbe fallito impantanandosi in dinamiche troppo italiane (come capitato a tanti altri, allenatori e direttori sportivi), quanto invece che il tedesco non era l’unica scelta possibile e sensata come invece fatto credere da buona parte della narrazione. È il solito dogmatismo di chi crede di essere sempre più esperto, più tecnico, più avanti: l’unico modo per ricostruire una squadra senza anima, senza risultati e con i conti in rosso era la visione avanguardista di Ralph Rangnick, punto e basta. Beh, i fatti hanno detto un’altra cosa.

La celebre lezione tattica di Ralf Rangnick, qui con un look da parroco/ingegnere di provincia, negli studi di Sport-Studio. 

I rossoneri sono primi in classifica trascinati da un quasi quarantenne, con un allenatore normalizzatore e una squadra che ha acquisito gioco e carattere in maniera apparentemente inspiegabile (il monoteismo di Zlatan può in realtà spiegare anche questo, trasformare i pani in pesci e i Kjaer in Nesta). L’errore di chi invocava Rangnick come nuovo messia del calcio italiano sta infatti nel non considerare le variabili: è questo un dogmatismo il quale, troppo spesso, pretende che un modello di successo estero sia trasferibile con il copia e incolla in un altro scenario nazionale.

Nella realtà non tutto è bianco e nero come nella teoria, c’è al contrario un oceano di grigi composto dalla lingua (molto più importante di quanto si pensi), dall’ambiente, dalla mentalità, dalla società in cui ci si trova ad operare (il “trucco” era infatti dare a Rangnick pieni poteri come a Salvini), dai calciatori che si hanno a disposizione, dalle abitudini e tradizioni consolidate. Basta vedere la parabola di Monchi alla Roma, un vero e proprio disastro in cui la squadra capitolina è riuscita a dismettere un’ottima rosa e a spendere centinaia di milioni in modo letteralmente sciagurato – solo adesso si sta riprendendo, grazie ad una proprietà presente e ad acquisti mirati e di carattere.

Al di là della stampa sportiva generalista, obbligata quotidianamente a riempire colonne di inchiostro con tutti i rischi del caso, alcune tra le riviste sportive online più interessanti nel panorama nazionale salutavano Rangnick come una sorta di redentore. Su Rivista 11, nel suo bell’articolo “Ralf Rangnick, un radicale per il Milan”, Alessandro Cappelli scriveva testualmente:

“Di sicuro, però, se c’è un modo per ripartire, nel calcio del 2020, senza enormi possibilità di spesa, affidarsi a un uomo come Rangnick e costruire una squadra con un’identità chiara e ben definita è la strada migliore. Forse l’unica possibile”.

Su l’Ultimo Uomo invece, in un pezzo a dir poco approfondito dal titolo “Il Milan ha bisogno di Rangnick”, e che comunque vi consigliamo di leggere, Flavio Fusi si esprimeva in questi termini:

“Rangnick è un uomo di campo diventato manager e il Milan, per innovare e rinnovarsi, ha esattamente bisogno di competenze di questo tipo. I tifosi tradizionalisti storceranno il naso, ma ne va del rilancio del club a livello internazionale, se non della addirittura della sua sopravvivenza”.

Di esempi potremmo farne a decine, e anzi abbiamo scelto due tra i casi più nobili, ma parlare di “unica strada possibile” o di “sopravvivenza” è emblematico dei termini della questione: come si può pensare che un tedesco con il suo modello sia la sola strada per tornare competitivi? Eppure il Milan dovrebbe saperlo, si vince anche di Capello e non solo di Sacchi (idolo non a caso del buon Ralf). Anzi soprattutto di Capello, considerate le rispettive carriere. Il calcio è una cosa semplice e allo stesso complessa, vive spesso di momenti, di incastri, di quelle che gli anglofoni chiamano sliding doors: la programmazione è certamente importante ma intanto non è tutto, e poi non ne esiste un solo modello.

Il Milan sta sorprendendo tutti proprio perché comanda di retroguardia e non di avanguardia, senza rivoluzioni ma seguendo la via del più bieco riformismo socialdemocratico, per non dire democristiano. Sarà allora che noi Italiani siamo esterofili a parole ma spudoratamente conservatori nei fatti, ottusi e non aperti al cambiamento, anarchici e insofferenti a professori, ingegneri e secchioni, specie se forestieri. Sarà anche che, come diceva Leo Longanesi, «la rivoluzione in Italia non si può fare perché ci conosciamo tutti». Sarà quel che sarà, l’importante, per il Milan, è essere primo in classifica. Gli avanguardisti esterofili storceranno il naso, ma di mezzo c’è la tradizione italiana. E soprattutto la classifica.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Papelitos
Valerio Santori
3 Marzo 2021

Sanremo 1-0 Milan, decide il grande ex!

Se il calcio diventa spettacolo, lo spettacolo diventa calcio!
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre 2020

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Papelitos
Paolo Pollo
10 Novembre 2020

Marco Silvestri e la sottile arte della provocazione

Come il portiere del Verona ha fregato sua maestà Zlatan.
Papelitos
Ugo D'Elia
2 Novembre 2020

Viva la Serie (RS)A!

Siamo giovanilisti, ma solo a parole.
Ritratti
Diego Mariottini
31 Ottobre 2020

Van Basten l’impenetrabile

Compie oggi 56 anni un uomo che non si è mai concesso.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Editoriali
Lorenzo Ottone
20 Settembre 2020

Il calcio europeo si è arreso al modello americano

L'americanismo ha vinto anche nel football.
Altri Sport
Antonio Torrisi
14 Settembre 2020

Non abbiamo scelto di nascere cristiani né ferraristi

La Ferrari (oggi più che mai) è un atto di fede.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Calcio
Rudy Galetti
5 Agosto 2020

L’eccezionale normalità di Jack Bonaventura

L'addio al Milan in un silenzio dal rumore assordante.
Altro
Giacomo Proia
26 Luglio 2020

Il gioco delle bocce grida: viva l’Italia!

Ma il mondo non gli concede il prestigio che meriterebbe.
Editoriali
La Redazione
2 Luglio 2020

Il Silenzio di Piazza del Campo

Oggi si sarebbe dovuto correre il Palio di Siena.
Cultura
Rudy Galetti
28 Maggio 2020

Ugo Tognazzi e il Milan, il Diavolo per le palle

Un amore mai nascosto per i colori rossoneri, iniziato con un battesimo singolare.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Ritratti
Rudy Galetti
1 Aprile 2020

Alberto Zaccheroni, l’arte di essere se stessi

Compie oggi 67 anni un allenatore poco mediatico ma molto umano.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo 2020

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo 2020

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Ritratti
Rudy Galetti
25 Marzo 2020

Ruud Gullit era fuori dal coro

Un calciatore e ancor prima un uomo extra-ordinario.
Calcio
Lorenzo Solombrino
14 Marzo 2020

Ivan Gazidis e l’House Of Cards del calcio italiano

La storia di un manager machiavellico, tra luci (finanziarie) e ombre (sportive).
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo 2020

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Storie
Sergio Taccone
12 Febbraio 2020

Il canto del cigno del grande Ajax

Supercoppa europea 1974, Ajax v Milan 6-0: l'ultima esibizione di una squadra rivoluzionaria.
Papelitos
Federico Brasile
10 Febbraio 2020

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Riflessioni dopo un derby extra ordinario.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio 2020

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Storie
Massimiliano Vino
8 Gennaio 2020

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.
Calcio
Mattia Curmà
7 Gennaio 2020

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.
Calcio
Remo Gandolfi
12 Dicembre 2019

In ricordo di Pierino Prati

Il calciatore che ha segnato un'intera generazione.
Calcio
Enrico Leo
22 Novembre 2019

La crisi del Milan viene da lontano

Il momento negativo del Milan rispecchia l'incapacità gestionale della sua dirigenza.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre 2019

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Papelitos
Federico Brasile
26 Ottobre 2019

Ibrahimovic, uno sbruffone invecchiato

Fino a quando dominava poteva permettersela, ma oggi l'arroganza di Ibrahimovic è diventata semplicemente patetica.
Storie
Sergio Taccone
21 Ottobre 2019

Milan 1981, l’annus horribilis

Il racconto del campionato 1981/82, la stagione più infausta in centoventi anni di storia rossonera.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
18 Luglio 2019

De Rossi al Boca è il finale perfetto

L'utopia si sta concretizzando: Daniele De Rossi, nel segno della tradizione, ha scelto il Boca Juniors.