Papelitos
04 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.

Intanto i fatti. Ieri sera, al termine della partita del Franchi tra Fiorentina e Napoli, Anguissa e Osimhen e Koulibaly sono stati presi di mira da alcuni sostenitori viola con insulti e ululati razzisti. Il difensore senegalese si è subito rivolto ai responsabili sfidandoli, secondo la ricostruzione di DAZN, senza mezzi termini: «Mi hai chiamato scimmia? Vieni qui a dirmelo se hai il coraggio!».

Insomma, un clima molto teso che ha portato poi alle scuse di Barone a nome della Fiorentina: prima di persona allo stesso Koulibaly poi, secondo “Il Mattino”, anche con un messaggio ad Aurelio De Laurentiis. Oggi tutti i giornali si occupano giustamente del caso, e in particolar modo sta girando il pensiero di Maurizio de Giovanni, noto scrittore e tifoso azzurro, il cui sfogo sui social è stato ripreso anche da Repubblica e dalla Gazzetta:

«Scimmia. Lo hanno chiamato scimmia. Questo superuomo. Questo ragazzo intelligente e gentile, sorridente e profondo, solidale e amorevole. Scimmia. Questo campione assoluto. E poi di nuovo il Vesuvio che ci deve lavare col fuoco, il sapone e il colera. Di nuovo. scimmia. Certe volte vincere sul campo dà veramente più gusto. Però non basta. Che altro vi serve, uomini da niente che gestite il calcio, per chiudere uno stadio, per dare una penalizzazione? Scimmia. Venite a dircelo in faccia, vigliacchi infami. Noi scimmie siamo pronti. Per favore: nessuno dica più che è meglio ignorarli. Non è più tempo per questo».

Con tutto il rispetto per de Giovanni, di cui abbiamo stima umana e professionale, siamo d’accordo con la tesi ma non con le conclusioni. Chiaramente gli autori degli ululati e degli insulti razzisti andrebbero individuati ed allontanati dallo stadio. Siamo nell’epoca della sorveglianza? Allora che si prendano quei pochissimi “spettatori”, che li si multi e li si cacci senza appello dal Franchi. Perché però chiudere uno stadio, e punire tutta una tifoseria per 3-5-10-20(?) cretini? Perché valutare una penalizzazione per la Fiorentina, e punire tutta una società?

Nel 2021 i tempi sono cambiati: sugli insulti razzisti non si può più passare sopra, nemmeno allo stadio e nemmeno per “goliardia”. Ricordo ad esempio dieci quindici anni fa, in curva di una grande squadra di Serie A, quando un gruppo di ragazzi accanto a me – un paio dei Giovani Democratici, tra l’altro – ululavano ai giocatori di colore “per distrarli”. Una cosa che a ricordarla oggi sembra inconcepibile, ma che appena un decennio fa non provocava scandalo e prese di posizione così decise. Oggi fortunatamente è cambiata la sensibilità, e anche la “tolleranza” per certi comportamenti.


La nostra intervista a Maurizio de Giovanni di quattro anni fa


Koulibaly stesso ha scritto sui propri profili social: «Scimmia di merda, così mi hanno chiamato. Questi soggetti non c’entrano niente con lo sport, andrebbero identificati e tenuti fuori da ogni manifestazione», e ha tutte le ragioni del mondo. A lui ha fatto eco Victor Osimhen: «Parlate con i vostri figli e fate capire quanto sia disgustoso odiare un individuo per il colore della sua pelle». Chi potrebbe essere in disaccordo con queste parole? Ma è proprio per questo che non ci sembra giusto mettere sullo stesso piano gli insulti razzisti e i cori contro Napoli.

Si tratta di due cose con un peso specifico molto diverso, per quanto molti napoletani sicuramente non saranno d’accordo con noi – oggi, non a caso, De Laurentiis si è mosso con Gravina per pretendere provvedimenti dalla Lega. Quelli contro il capoluogo campano sono tuttavia nella stragrande maggioranza dei casi cori da sagra, da bar, che si cantavano anche negli spogliatoi delle scuole calcio. Non è nemmeno una questione di Nord contro Sud: a Roma e Firenze non c’è sicuramente un “razzismo” nei confronti dei partenopei, eppure si sprecano i cori che invocano il Vesuvio e via discorrendo. 

Insomma, per quanto ci riguarda non si possono paragonare la discriminazione razziale e quella territoriale.

Si tratta di due cose estremamente diverse, fatte con spirito diverso e con un grado di tolleranza in società diverso. D’altronde sono molti gli stessi napoletani a non prendersela per i cori negli stadi di tutta la penisola, comprendendo le dinamiche di una discriminazione senza dubbio più vicina allo sfottò che non al razzismo. E in chiusura dobbiamo essere onesti: riteniamo a dir poco esagerato chiudere uno stadio o anche solo una curva per discriminazione territoriale, così come riteniamo ingiusto colpevolizzare un tifoso per un coro contro Napoli. Lo sfottò anche estremo in Italia, patria di un radicale campanilismo per storia e tradizione, fa parte del patrimonio nazionale. Altro discorso per il razzismo, ma per quanto ci riguarda la risposta migliore ad un “lavali col fuoco” sarà sempre un “Giulietta zoccola”.

Gruppo MAGOG

Federico Brasile

88 articoli
Salvate il soldato Wesley
Papelitos
Federico Brasile
18 Dicembre 2023

Salvate il soldato Wesley

I boomer e gli ex giocatori ci salveranno (per ora).
Escludiamo Israele dalle competizioni UEFA e FIFA!
Ultra
Federico Brasile
10 Dicembre 2023

Escludiamo Israele dalle competizioni UEFA e FIFA!

L'Angolo del Brasile, episodio XIV. Dalla newsletter settimanale.
Da Che Guevara a Che Flores
Papelitos
Federico Brasile
29 Ottobre 2023

Da Che Guevara a Che Flores

L'Angolo del Brasile, episodio XVIII.

Ti potrebbe interessare

Gli scacchi sono la nuova frontiera del razzismo
Papelitos
Federico Brasile
01 Luglio 2020

Gli scacchi sono la nuova frontiera del razzismo

Muovere per primo il bianco è un chiaro segno di discriminazione.
L’umiltà di essere grandi
Papelitos
Gianluca Palamidessi
02 Dicembre 2017

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Maradonapoli
Recensioni
Luigi Fattore
30 Ottobre 2018

Maradonapoli

La narrazione collettiva di un mito che va ben oltre il calcio.
A Napoli Bruscolotti è storia
Interviste
Mattia Di Lorenzo
13 Febbraio 2020

A Napoli Bruscolotti è storia

Una carriera legata al Napoli e cinque stagioni da capitano, poi la fascia ceduta a Maradona per raggiungere la gloria. La nostra intervista a Beppe Bruscolotti.
Che vi siete persi
Interviste
Luigi Fattore
26 Giugno 2017

Che vi siete persi

Scrittore di gialli tradotti in tutto il mondo, autore di successo di opere teatrali, racconti sportivi e serie tv, ma prima di tutto tifoso del Napoli. Maurizio de Giovanni ce ne parla in questa lunga chiacchierata.