Papelitos
04 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.

Intanto i fatti. Ieri sera, al termine della partita del Franchi tra Fiorentina e Napoli, Anguissa e Osimhen e Koulibaly sono stati presi di mira da alcuni sostenitori viola con insulti e ululati razzisti. Il difensore senegalese si è subito rivolto ai responsabili sfidandoli, secondo la ricostruzione di DAZN, senza mezzi termini: «Mi hai chiamato scimmia? Vieni qui a dirmelo se hai il coraggio!».

Insomma, un clima molto teso che ha portato poi alle scuse di Barone a nome della Fiorentina: prima di persona allo stesso Koulibaly poi, secondo “Il Mattino”, anche con un messaggio ad Aurelio De Laurentiis. Oggi tutti i giornali si occupano giustamente del caso, e in particolar modo sta girando il pensiero di Maurizio de Giovanni, noto scrittore e tifoso azzurro, il cui sfogo sui social è stato ripreso anche da Repubblica e dalla Gazzetta:

«Scimmia. Lo hanno chiamato scimmia. Questo superuomo. Questo ragazzo intelligente e gentile, sorridente e profondo, solidale e amorevole. Scimmia. Questo campione assoluto. E poi di nuovo il Vesuvio che ci deve lavare col fuoco, il sapone e il colera. Di nuovo. scimmia. Certe volte vincere sul campo dà veramente più gusto. Però non basta. Che altro vi serve, uomini da niente che gestite il calcio, per chiudere uno stadio, per dare una penalizzazione? Scimmia. Venite a dircelo in faccia, vigliacchi infami. Noi scimmie siamo pronti. Per favore: nessuno dica più che è meglio ignorarli. Non è più tempo per questo».

Con tutto il rispetto per de Giovanni, di cui abbiamo stima umana e professionale, siamo d’accordo con la tesi ma non con le conclusioni. Chiaramente gli autori degli ululati e degli insulti razzisti andrebbero individuati ed allontanati dallo stadio. Siamo nell’epoca della sorveglianza? Allora che si prendano quei pochissimi “spettatori”, che li si multi e li si cacci senza appello dal Franchi. Perché però chiudere uno stadio, e punire tutta una tifoseria per 3-5-10-20(?) cretini? Perché valutare una penalizzazione per la Fiorentina, e punire tutta una società?

Nel 2021 i tempi sono cambiati: sugli insulti razzisti non si può più passare sopra, nemmeno allo stadio e nemmeno per “goliardia”. Ricordo ad esempio dieci quindici anni fa, in curva di una grande squadra di Serie A, quando un gruppo di ragazzi accanto a me – un paio dei Giovani Democratici, tra l’altro – ululavano ai giocatori di colore “per distrarli”. Una cosa che a ricordarla oggi sembra inconcepibile, ma che appena un decennio fa non provocava scandalo e prese di posizione così decise. Oggi fortunatamente è cambiata la sensibilità, e anche la “tolleranza” per certi comportamenti.


La nostra intervista a Maurizio de Giovanni di quattro anni fa


Koulibaly stesso ha scritto sui propri profili social: «Scimmia di merda, così mi hanno chiamato. Questi soggetti non c’entrano niente con lo sport, andrebbero identificati e tenuti fuori da ogni manifestazione», e ha tutte le ragioni del mondo. A lui ha fatto eco Victor Osimhen: «Parlate con i vostri figli e fate capire quanto sia disgustoso odiare un individuo per il colore della sua pelle». Chi potrebbe essere in disaccordo con queste parole? Ma è proprio per questo che non ci sembra giusto mettere sullo stesso piano gli insulti razzisti e i cori contro Napoli.

Si tratta di due cose con un peso specifico molto diverso, per quanto molti napoletani sicuramente non saranno d’accordo con noi – oggi, non a caso, De Laurentiis si è mosso con Gravina per pretendere provvedimenti dalla Lega. Quelli contro il capoluogo campano sono tuttavia nella stragrande maggioranza dei casi cori da sagra, da bar, che si cantavano anche negli spogliatoi delle scuole calcio. Non è nemmeno una questione di Nord contro Sud: a Roma e Firenze non c’è sicuramente un “razzismo” nei confronti dei partenopei, eppure si sprecano i cori che invocano il Vesuvio e via discorrendo. 

Insomma, per quanto ci riguarda non si possono paragonare la discriminazione razziale e quella territoriale.

Si tratta di due cose estremamente diverse, fatte con spirito diverso e con un grado di tolleranza in società diverso. D’altronde sono molti gli stessi napoletani a non prendersela per i cori negli stadi di tutta la penisola, comprendendo le dinamiche di una discriminazione senza dubbio più vicina allo sfottò che non al razzismo. E in chiusura dobbiamo essere onesti: riteniamo a dir poco esagerato chiudere uno stadio o anche solo una curva per discriminazione territoriale, così come riteniamo ingiusto colpevolizzare un tifoso per un coro contro Napoli. Lo sfottò anche estremo in Italia, patria di un radicale campanilismo per storia e tradizione, fa parte del patrimonio nazionale. Altro discorso per il razzismo, ma per quanto ci riguarda la risposta migliore ad un “lavali col fuoco” sarà sempre un “Giulietta zoccola”.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Federico Brasile

70 articoli
Tra Mihajlovic e il Bologna era giusto che finisse
Papelitos
Federico Brasile
07 Settembre 2022

Tra Mihajlovic e il Bologna era giusto che finisse

La compassione, per uno come Sinisa, sarebbe l'affronto peggiore.
Sentir parlare Mourinho è ossigeno puro
Papelitos
Federico Brasile
28 Agosto 2022

Sentir parlare Mourinho è ossigeno puro

Uomini, altro che moduli e schemi.
Il Sassuolo è una bottega troppo, ma troppo cara
Papelitos
Federico Brasile
24 Luglio 2022

Il Sassuolo è una bottega troppo, ma troppo cara

A tutto c'è un limite, anche alle plusvalenze.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Disfarsi di Kean è stato un affare
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Facciamo schifo, ma per davvero
Papelitos
Andrea Antonioli
06 Giugno 2021

Facciamo schifo, ma per davvero

La vicenda di Seid Visin ha tirato fuori il peggio di noi.
Il più sudamericano dei nove italiani
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Il portafoglio dagli occhi a mandorla
Critica
Pippo Russo
03 Novembre 2017

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Quando il gioco si fa duro
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio 2017

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.