Papelitos
22 Febbraio 2023

Il Real Madrid è Tradizione, il resto è noia

Nel nome di Eupalla, e dello Spirito Blanco.

Carmelo Bene scriveva che, per le Nazionali, «il Brasile è il calcio. The rest is silence», a rimarcare un’identificazione tra lo stile di gioco originario ed essenziale brasiliano, trionfo dell’estetica e quindi anche dell’etica, e il pallone tutto. Per quanto Bene se ne fregasse di aver ragione, ed era al di là della ragione e del torto (illusioni prospettiche e borghesi) sicuramente la sua solennità aveva fondamenta solidissime. Così, allo stesso modo, per i club e laCoppa dei Campioni’ il Real Madrid è il calcio. Non c’è nient’altro, nessun altro. Tutto il resto è noia e silenzio. Che ci piaccia o meno.



Bianchi immacolati, eleganti, abbaglianti. Modric in purezza, maestro di questo gioco, che insegna il football e segna una differenza tecnica ma ancor prima ontologica; che sembra Federer quando si muove leggiadro sui verdi prati di Wimbledon, tra le sindromi di Stendhal, mai così orizzontali, di reali e spettatori comuni – il Tennis: Roger a Wimbledon; il Calcio, Luka in Champions.

Benzema che si muove come una pantera e dispensa calcio là davanti, regista e goleador, dalle banlieu all’Olimpo del calcio con la stessa identica naturalezza, con la medesima sicurezza, quasi per destino; che mette a sedere Alisson, fa piombare gli avversari nell’impotenza e insacca come stesse bevendo un bicchier d’acqua. Trascendente.

Vinicius che vola come una farfalla e punge come un’ape; che scatta, danza e segna, quasi senza calpestare l’erba, come una molla, come una piuma; che decide le nottate di Champions come si decidono le partite sotto casa, da vero brasiliano. Erede di una tradizione che nel pallone mescola sacro e profano, ossimoro senza contraddizioni, l’unica tradizione capace di produrre un ragazzo di 176 cm x 73 kg, dal volto innocente e fanciullesco, che vince le Champions League col sorriso, quasi senza accorgersene. Brasiliano e madridista, l’apoteosi.

E poi tutti gli altri eletti in bianco, protagonisti più o meno consapevoli della storia (del calcio) in movimento, e palla al piede.

Da 2-0 a 2-5 in casa del Liverpool, chi se non loro. Il Real Madrid in Europa è Tradizione, e fa capire il valore della tradizione anche al più accanito progressista, al più acerrimo ateo del football e irriducibile negatore di Eupalla. Il Real Madrid in Europa è il calcio, e basta. A guidarlo, come vuole una gerarchia quasi divina, il Re: il nostro Re, Carlo Ancelotti. Il migliore, più elegante e più tradizionale allenatore della storia. Tutto torna, tutto si tiene. Nel nome di Eupalla, e dello Spirito Blanco.

Gruppo MAGOG

La Redazione

78 articoli
Le origini del successo dell’Italrugby
Altri Sport
La Redazione
18 Marzo 2024

Le origini del successo dell’Italrugby

Il miglior Sei Nazioni della storia della palla ovale italiana impone delle riflessioni.
In Arabia tutto ha un prezzo, ma proprio tutto
Altro
La Redazione
13 Gennaio 2024

In Arabia tutto ha un prezzo, ma proprio tutto

Vuoi guadagnare 3000€ al mese per giocare a calcio? In Arabia Saudita puoi, manda il tuo curriculum!
Grande Tragico Torino
Podcast
La Redazione
03 Dicembre 2023

Grande Tragico Torino

Un podcast con Massimo Fini.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Nel girone di ferro, un’Inter d’acciaio
Altro
Vito Alberto Amendolara
27 Ottobre 2022

Nel girone di ferro, un’Inter d’acciaio

L'Inter ha tenuto (e vinto) mentalmente.
Dammi un solo minuto
Papelitos
Gianluca Palamidessi
04 Ottobre 2023

Dammi un solo minuto

La differenza tra Napoli e Real è stata nei dettagli.
Sulla Juve sventola bandiera bianca
Calcio
Giovanni Casci
12 Ottobre 2022

Sulla Juve sventola bandiera bianca

Una tale vergogna non può essere di un uomo solo.
Koulibaly alla Juventus
Calcio
Gianluca Palamidessi
01 Settembre 2019

Koulibaly alla Juventus

Juventus-Napoli è stata una tragedia.
Karim Benzema è un’opera d’arte
Ritratti
Matteo Zega
09 Marzo 2022

Karim Benzema è un’opera d’arte

Un irrecuperabile banlieusard, un affaire meraviglioso.