Ultra
30 Settembre 2023

La monarchia assoluta del Real Madrid

Per storia, tradizione, investitura politica e divina.

Leggendo Il Gattopardo, o attraversando le lunghe stanze tappezzate di araldi di qualche palazzo antico e adibito ormai a casa-museo, anche al più convinto dei repubblicani capita di vacillare. Di essere cioè ammaliato dal fascino della nobiltà che fu: la limpidezza delle porcellane, le cesellature dei soffitti, gli scaffali ricolmi di stampe alti quanto le pareti… Certo, nessuna illusione sul fatto che si tratti di puro romanticismo, spade di legno incrociate nell’infanzia, un misto di favola e nostalgia; e sì, la compassione si trasforma in riso non appena si assiste alle ostentazioni da vergine cuccia di quel che rimane dell’aristocrazia europea.

Il re è morto, non vivrà più il re. Sospiro di sollievo.

E nondimeno c’è poi qualcosa di terribilmente maestoso quando quel potere aristocratico resiste a discapito di tutto e di tutti, persino dello spirito del tempo, proiettando la propria lunga ombra su ciò che lo circonda. In termini sportivi è senza dubbio il caso del Real Madrid, squadra monarchica in senso assoluto, che spadroneggia in barba a qualsiasi vincolo, simbolo per eccellenza della tradizione conservatrice in un calcio che forse, parafrasando Longanesi, non ha più granché da conservare. Lo è, per così dire, di costituzione.

A fondarla, a inizio Novecento, è l’intuizione di Julián Palacios, studente di Ingegneria mineraria, sui suoi vent’anni, avvicinato da certi coetanei inglesi a quel nuovo sport che in Spagna prende voga col nome di balompiè. Bisogna mettere assieme un gruppo, e Julián presto lo assembla. Serve poi un campo, e sempre Julián ottiene dal suocero un rettangolo d’erba dove potersi dilettare con la pelòta, battezzando di fatto una squadra che nella primissima fase non è che una compagnia di ragazzi che scalciano cuoio su un prato.

Contrasti ULTRA

Dopo sette anni lanciamo la nostra sfida. E chiediamo il vostro sostegno per farlo. Contrasti ULTRA, il piano di abbonamenti della rivista, è lo sbocco naturale di un progetto che vuole svincolarsi dalle logiche dei trend topic e del clickbaiting, delle pubblicità invasive e degli investitori invadenti. Un progetto che vuole costruirsi un futuro solido e indipendente.

L'abbonamento darà accesso ai migliori articoli del sito e ad una newsletter settimanale di lotta, di visione e di governo. Il vostro sostegno, in questo grande passo, sarà decisivo: per continuare a rifiutare i compromessi, e percorrere fino alla fine questa strada - lunga, tortuosa, solitaria - che ci siamo scelti. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo. Grazie.

Abbonati

Gruppo MAGOG

René Houseman e la libertà assoluta
Ultra
Andrea Mainente
20 Aprile 2024

René Houseman e la libertà assoluta

Un lampo di talento smisurato, la gioia di uno spirito libero.
Il Lanerossi Vicenza è una preghiera
Ultra
Andrea Mainente
09 Marzo 2024

Il Lanerossi Vicenza è una preghiera

La squadra e la città, in qualsiasi sorte.
Eugenio Gaggiotti, l’artista della truffa
Cultura
Andrea Mainente
05 Luglio 2023

Eugenio Gaggiotti, l’artista della truffa

Un personaggio surreale, per cui la vita stessa era una combine.

Ti potrebbe interessare

È arrivato Robin Hood
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Le sette vite di Don Carlo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
01 Maggio 2024

Le sette vite di Don Carlo

Come è riuscito, il Real Madrid, a farla franca di nuovo?
Lo spleen di Zizou
Calcio
Annibale Gagliani
12 Marzo 2018

Lo spleen di Zizou

'A una passante' di Beaudelaire, la carezza di Zizou a Glasgow. Continua il viaggio onirico verso il centrocampo ideale.
Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Toni Kroos, il principe
Ritratti
Marco Armocida
05 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.