Carrello vuoto
Altro
19 Aprile

Un rituale espiatorio

La Redazione

60 articoli
Maestri, Episodio III: Marc Augé.

Atto terzo della rubrica Maestri, l’appuntamento più culturale del giornalismo sportivo nostrano. Oggi proprio per questo vi chiediamo uno sforzo di attenzione e di interpretazione, poiché andiamo ad ingarbugliarci nel fitto e complesso pensiero di Marc Augé, un grande antropologo, filosofo e scrittore francese. In questo capitolo intitolato “Un rituale espiatorio”, e tratto dal libro che è tutto un programma “Football. Il calcio come fenomeno religioso”, l’autore sviluppa un parallelismo tra le forme rituali, le rappresentazioni religiose e i sentimenti delle masse di individui che si appassionano al pallone trascendendo l’individualità. Partendo da fine ‘800, e dal timore che lo sport-spettacolo in Inghilterra potesse essere sintomo di decadenza e degenerazione, Augé arriva fino ai giorni nostri, inglobando nel pallone la questione operaia nel calcio e il trionfo delle televisioni. La lettura è la più complessa tra quelle finora proposte, ma gli spunti sono diversi, attuali – seppur lontani nel tempo -, e decisamente stimolanti.

 


 

Un rituale espiatorio

 

In definitiva, non bisognerebbe forse domandarsi se la dimensione spettacolare dello sport non sia espressione della sua ambivalenza e fondamento della sua natura religiosa? È assai evidente che l’ideale elitario forgiato a Eton e realizzato nelle campagne dell’esercito delle Indie non poteva riguardare l’insieme dei cinquantamila spettatori che, già nel 1897, assistevano alla finale della coppa d’Inghilterra. A tal proposito, vediamo capovolgersi i punti di vista e mutare le opinioni. Più precisamente, dopo la guerra boera, i pensatori imperialisti (Kipling in testa, nel suo articolo sul Times del 1902) denunciano piuttosto lo sport-spettacolo come simbolo di decadenza e di impotenza di fronte alle minacce della Germania e alle necessità della produttività industriale. I teorici dello sport avevano sempre pensato alle virtù individuali, a una disciplina dei corpi, ma il successo dello sport in quanto spettacolo li ha messi davanti a delle realtà sociologiche di tutt’altra ampiezza, a una dimensione di cui non avevano né previsto l’avvento né supposto l’esistenza.

 

Da qui probabilmente nascono quei commenti, per metà ammirati e per metà preoccupati, che si ritrovano in un certo numero di giornali rispetto al flusso relativamente tranquillo delle immense folle che escono dagli stadi alla fine delle partite. Forza incanalata sì, ma comunque una forza e talvolta cosciente di se stessa. Certo, il club riconosce i suoi tifosi e questi vi si identificano; negli anni Novanta l’Inghilterra era a conoscenza di questi scontri tra tifosi cantati e scanditi tra i due campi, che la televisione ha reso oggi familiari ai profani. «Verdi, olé!». «Olé, olé, olé Saint-Étienne!» (sull’aria dell’Ave Maria), «Abbiamo vinto!»: la designazione totemica, il fervore religioso e l’identificazione metonimica al gruppo non hanno né guadagnato né perso di intensità dalla finale della coppa d’Inghilterra nel 1891; a quell’epoca era già frequente l’abitudine di portare cartelli con i colori del club e cantare cori di sfida prima dell’inizio della partita: «We’ve won the cup before – many a time», cantavano in ritornello i tifosi del Blackburn Rovers a quelli del Notts County, i quali indirizzavano loro di rimando ingiurie e battute canzonatorie.

 

Tuttavia questa «alienazione» è relativa. In accordo almeno sulla pianificazione dello spettacolo (il cui nocciolo resta evidentemente la partita stessa), i cori si sentono generalmente in alternanza e non si coprono quasi per niente. Ci permettiamo una confessione più moderna; c’è, mi sembra, un certo umorismo nell’atteggiamento di molti tifosi, perlomeno tra gli spettatori, durante gli incontri; probabilmente sono troppo sensibile alla versatilità del pubblico parigino di cui si sa che, all’occorrenza, volta le spalle ai suoi beniamini se questi lo deludono; ma tale attitudine appassionata e beffarda ricorda il misto di attenzione, passione e disinvoltura che a volte mi è parso accompagnare il compimento di alcuni rituali in Africa. Per arrivare al punto, una certa complicità unisce gli spettatori. Senza dubbio essa relativizza l’importanza degli altri fenomeni d’identificazione e Tony Mason ha delle buone ragioni per suggerire che se il calcio ha potuto contribuire a smorzare le tensione di classe, ha nondimeno contributo a diffondere tra gli operai la coscienza di avere in comune dei gusti e degli interessi in larga misura estranei alle classi medie.

 

È su questo punto che la mancanza di informazioni certe si fa sentire: non sappiamo davvero con esattezza chi frequentava e chi frequenta gli stadi. Si potrebbe comunque formulare l’ipotesi che, a partire dalla seconda guerra mondiale, perlomeno in Francia, il pubblico si sia maggiormente diversificato; la frequenza degli incontri e il prezzo dei biglietti impediscono di pensare che il calcio possa essere il passatempo dei soli operai – il che, d’altronde, non è mai stato. Le considerazioni locali giocano evidentemente un ruolo importante in questo ambito – Lens non è Parigi – ma l’importanza della televisione relativizza in ogni caso, e in modo schiacciante, quella delle differenze locali: lo spettacolo del calcio è diventato di dominio pubblico e non può più apparire destinato a un gruppo particolare che, secondo i punti di vista, vi ritroverebbe l’immagine della sua propria coesione o lo specchio della sua alienazione.

 

 

In questo il calcio funziona ancora come un fenomeno religioso. Per concludere, si può affermare che il rapporto tra sport di massa e religione non ha niente di metaforico. Il fatto che, a seconda delle circostanze, le sue funzioni sociali possano essere interpretate in modo diverso e anche contraddittorio lo avvicina di per sé al fenomeno religioso. Ma c’è di più. In un breve e brillante articolo («Football as a “Surrogate” religion?», in A Sociological yearbook of religion in Britain, Londra 1975, n.8), Robert W. Coles ha provato a dimostrare come l’analisi durkheimiana degli atteggiamenti e delle pratiche religiose (più importante in questa prospettiva del contenuto ideologico) si applicasse alla realtà sociale del calcio. Il riunirsi di diverse migliaia di individui che provano gli stessi sentimenti e che li esprimono attraverso il ritmo e il canto gli sembrava creare le condizioni per la trascendenza dello psichismo individuale, di una percezione sensibile del sacro analoga a quella che Durkheim riporta a proposito dei riti espiatori australiani.

 

Per il resto Coles ampliava la problematica durkheimiana riducendone, credo, al tempo stesso il campo di applicazione. La questione del significato del rituale per gli attori e, di conseguenza, quella del suo contenuto e delle circostanze della sua celebrazione, in effetti, non gli parevano irrilevanti. Tuttavia rimproverava ad autori come Malinowski o Parsons di aver voluto stabilire a tal proposito delle liste di eventi universali e definitivi appartenenti all’elaborazione rituale (essenzialmente i morti prematuri, le calamità naturali, i cattivi raccolti e, in generale, la buona o la cattiva sorte). Gli sembrava che il calcio dovesse figurare nell’elenco di questi eventi ma, da un lato, doveva essere messo in relazione con i drammatici cambiamenti sociali dell’Inghilterra del XIX secolo e, dall’altro, doveva riguardare in primo luogo i giovani «fan» che, riuniti sulle stesse gradinate, mostrano, attraverso canti, grida e gesti, un fanatismo che rappresenta la loro perdita di speranza e di reali possibilità di realizzazione personale.

 


 

Da “Football. Il calcio come fenomeno religioso” (EDB Edizioni), di Marc Augé.

 


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Interviste
Alberto Fabbri
9 Aprile 2022

Stenio Solinas: la corrida, il calcio, la vita

La giovinezza è uno stato dell'anima, e dello sport.
Cultura
Alberto Fabbri
5 Marzo 2022

Pasolini, il calcio e la vita

Il pallone è un linguaggio che riassume l'esistenza.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Cultura
Sergio Taccone
20 Luglio 2021

Osvaldo Soriano, del San Lorenzo

Il fútbol come riassunto dell'esistenza.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Altro
La Redazione
28 Giugno 2021

I colletti bianchi

Maestri, Episodio II: Vladimir Dimitrijević.
Interviste
Valerio Santori
18 Maggio 2021

Anche i sacerdoti giocano a calcio

La chiesa in uscita (palla al piede).
Interviste
Michelangelo Freda
30 Aprile 2021

Piero Chiambretti: l’unico e la sua proprietà

Intervista al più grande sperimentatore nazionalpopolare della tv.
Calcio
Valerio Santori
30 Gennaio 2021

Se il calcio rivuole la sua mistica

Dagli oratori a Mancini e Trapattoni: il calcio italiano è legato alla religione.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Calcio
Marco Armocida
16 Luglio 2020

Le tre partite più belle del calcio italiano

Fantozzi, Salvatores e Aldo, Giovanni e Giacomo: il calcio come essenza italiana.
Cultura
Gianluca Palamidessi
18 Giugno 2020

Ogni benedetta domenica

Per Joseph Ratzinger il calcio è un'anticipazione del Paradiso.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno 2020

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile 2020

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.
Storie
Angelo Michele Arcidiacono
3 Aprile 2020

Pasolini, Bertolucci e un pallone

Come il calcio può rompere l'incantesimo del cinema.
Recensioni
Francesco Valerio Tommasi
15 Marzo 2020

Cosa accade quando un teologo s’interroga sul calcio?

Perché bisogna leggere la Filosofia del calcio di Bernhard Welte.
Calcio
Jacopo Benefico
6 Febbraio 2020

Il calcio in Libano tra guerra, politica e religione

Crocevia di culture e religioni, il Libano è oggi un Paese sconvolto e senza futuro (anche nel calcio).
Papelitos
Diego Mariottini
18 Novembre 2019

La semplice genialità di Mai dire gol

Cambiare il modo di fare televisione sul calcio.
Storie
Marco Gambaudo
23 Settembre 2019

La telecronaca da Martellini a Caressa

L'arte di raccontare una partita è cambiata profondamente, così come il calcio.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2019

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.
Altro
La Redazione
28 Giugno 2019

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.
Storie
Ugo D'Elia
25 Giugno 2019

Carmelo Bene, il calcio come fenomeno estetico

Carmelo Bene del calcio amava soprattutto l'estetica, intesa nel senso etimologico e greco del termine.
Altro
La Redazione
14 Giugno 2019

Il rigore più lungo del mondo

Maestri, Episodio VIII: Osvaldo Soriano.
Altro
La Redazione
7 Giugno 2019

La telecrazia

Maestri, Episodio VII: Eduardo Galeano.
Altro
La Redazione
29 Maggio 2019

La gallina dalle uova d’oro

Maestri, Episodio VI: Massimo Fini.
Altro
La Redazione
24 Maggio 2019

I misteri del golf

Maestri, Episodio V: Dino Buzzati.
Altro
La Redazione
17 Maggio 2019

Il più bel gioco del mondo

Maestri, Episodio IV: Gianni Brera.
Altro
La Redazione
5 Aprile 2019

Il pallone come terapia

Maestri, Episodio I: Pier Paolo Pasolini.
Recensioni
Simone Morichini
24 Dicembre 2017

Il goal più bello è stato un passaggio

Il libro del filosofo francese Jean-Claude Michéa ripercorre le fasi del calcio: da sport delle élite a sport popolare, per diventare infine uno strumento nelle mani del capitalismo finanziario e globale.
Storie
Nicola Ventura
18 Ottobre 2017

Nessuno tocchi Aldo Biscardi

Aldo Biscardi è scomparso senza lasciare eredi sulla scena giornalistica.
Recensioni
La Redazione
8 Marzo 2017

Un calciatore mancato

Editoriali
Gennaro Malgieri
2 Dicembre 2016

Perchè il calcio non è solo uno sport

L’irresistibile “calcistizzazione” che ha ormai contagiato tutti gli strati e i ceti sociali, si spiega con un'inconscia e primordiale "spinta comunitaria" che è uno dei fondamenti, probabilmente il più importante, della “nuova” politicità, trascendente le forme tradizionali legate ai partiti e ai movimenti, che si va affermando ovunque.
Editoriali
Sebastiano Caputo
10 Novembre 2016

La prima rivista sportiva per gentiluomini

Signore e Signori, nasce "Contrasti", finalmente.
Recensioni
Andrea Antonioli
9 Novembre 2016

L’atto, non l’azione

Recensioni
Andrea Antonioli
9 Novembre 2016

PPP non aveva paura di parlare di calcio

Ritratti
Riccardo Nicolini
9 Novembre 2016

Sòcrates, la via calcistica al socialismo

La democracia corinthiana e il valore della politica, in senso lato.
Storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre 2016

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.