Carrello vuoto
Calcio
22 Febbraio

Rivoluzione conservatrice

Un pressing per sovvertire le gerarchie, capitolo 1: l'ascesa di Mauricio Pochettino.

Pochettino è la cultura della vittoria definitivamente estetizzata. Come molti correnti artistiche contemporanee ripescano estetiche ormai passate, anni ’80 o ’90, come il gusto per il vhs e l’analogico, così l’allenatore argentino è riuscito a creare una macchina perfetta quanto bella partendo da concetti antichi – quasi da calcio dei nostri padri – contrapponendosi alla bellezza mainstream, d’alta definizione, del guardiolismo e dei suoi figli. Questa arte non nasce dalle accademie, né dai circoli letterari, e per ora non è mai passata nelle gallerie prestigiose. Eppure c’è, esiste, cresce e condiziona migliaia di giovani. Basta con la cultura della sconfitta come romanzo di un qualcosa di bello, che non è stato ma un giorno sarà; non c’è poesia né domani nel calcio dello sceriffo Mauricio.

Verticalità, pressing, recuperare pallone ora e subito, sacrificio, vittoria. 

L’inizio della sua carriera si concentra tutto nella notte in cui il maestro Bielsa lo scelse proprio come si fa in una caserma. Sono le quattro di notte, a casa Pochettino tutti dormono quando sentono bussare: oltre la porta c’è proprio El Loco che con la sua classica affettuosa autorevolezza fa saltare il piccolo Mauricio giù dal letto, come un giovane militare, e osserva quelle gambe da ragazzo. «E’ perfetto, giocherà nel mio Newell’s».

Bielsa-Pochettino
Allievo e maestro a colloquio

Un rapporto che l’ha segnato nel profondo, come quello tra padre e figlio, fatto di un amore duro e vero, che talvolta sembra affossare ma che nel lungo periodo si rivela fonte di ispirazione e crescita. “Ero riconosciuto come il miglior centrale di Spagna e quando Bielsa mi chiese di darmi un voto dentro di me pensai 9 o 10, ma alla fine decisi di andarci cauto e dissi 7 o 8. Eppure Bielsa mi guardò e mi disse che avevo fatto schifo”. El Loco gli spiegò che con quel tipo di prestazione non sarebbe mai stato il suo centrale difensivo ideale, e che di conseguenza non avrebbe neanche ottenuto la chiamata in nazionale.

“Quando sei giovane devi sempre scontrarti contro la realtà, perché quando sei nella tua bolla tutto ti sembra giusto. C’è bisogno di qualcuno che ti ricordi costantemente cosa ti sta accadendo”

Come Bielsa spronava i suoi a dare il meglio, allo stesso modo spesso distruggeva qualche fantasista abituato ad essere la star della squadra. “Non c’erano primedonne, dovevi essere un altro semplice soldato. Dovevamo marcare uomo a uomo a tutto campo, difendere ed attaccare con la stessa intensità e abituarci a coprire zone di competenza altrui se ce ne fosse stato bisogno”. Pressare, ad ogni costo, anche se si subisce troppo in difesa. Perchè l’errore alla fonte è sempre e comunque quello di aver sbagliato tempi e modalità di pressione. Eppure la carriera di Pochettino trova il suo punto di svolta dopo aver tagliato definitivamente il cordone ombelicale dal suo maestro, quando cioè nel 2009 viene promosso all’improvviso come primo allenatore dell’Espanyol, dopo aver guidato la squadra femminile. Ancor più precisamente, la data da ricordare è il 21 Febbraio 2009: i catalani sfidano l’altra squadra di Barcelona, quella del triplete, quella soprattutto di Pep Guardiola. Il risultato finale sarà 1-2 per la squadra di Pochettino, vittoria storica per il club ed emblematica per il proseguo della carriera dello Sceriffo.

promo299452999
Lo Sceriffo e Pep da ragazzi (della panchina)

Tanti i giocatori che ha saputo far sbocciare attraverso disciplina e sacrificio. Uno di questi Coutinho, quando proprio ai tempi dell’Espanyol (in prestito dall’Inter) era visionato da mezza europa ed in particolar modo dal Southampton che però, partita dopo partita, si rese conto di volere proprio lui, Pochettino, lo sceriffo. Alla lista si aggiunge Callejon, talento puro divenuto grande giocatore solo dopo aver scoperto le proprie doti di indispensabile pedina tattica, insostituibile per tutti gli allenatori del Napoli, tra sacrificio e movimenti tanto semplici quanto puntuali. Lallana, giocatore offensivo con buone doti tecniche, che ha trovato la sua definitiva dimensione solo nel mettersi servizio della squadra, con più quantità che qualità, nonostante il ruolo e il senso del gol. E poi ancora Clyne, Walker, Rose, tutti terzini con grandi doti fisiche ma proprio per questo spesso soggetti a grandi lacune difensive, prontamente mascherate dall’allenatore argentino attraverso la cultura del lavoro, inserendoli nel contesto giusto. Insomma Pochettino plasma talenti che facciano parte di una orchestra senza figli e figliastri, senza fantasie o individualismi a sè stanti. Un generale che addestra i suoi soldati. Qualcuno particolarmente sbrigativo potrebbe allora pensare: “Eccolo, un nuovo Mourinho”. Chiacchiere da bar. Pochettino è schivo, impenetrabile e nei primi anni di Inghilterra (con il Southampton) porta sempre con sé il fido traduttore. Le sue esternazioni non sono mai calcolate, ed infatti ogni tanto regalano qualche piccolo sorriso imbarazzato, come di chi non riesce a stare proprio sempre sull’attenti.

“Perchè oggi sono vestito elegante? C’era mia madre davanti alla tv!”

 

Questa diversità si palesa soprattutto quando si mostra in tutta la sua duplicità: generale di ferro, aggressivo e attento alle novità; ma allo stesso tempo conservatore nello spirito e furbamente logico in ogni scelta, fuori e dentro il rettangolo di gioco. La definizione finale è solo una: flessibilità. I moduli di gioco spesso cambiano in base all’avversario (anche se la base è sempre il fedele 4-2-3-1) e ogni principio di pressing non è strettamente legato né a Bielsa né alla scuola tedesca del gegenpressing. La grandezza del tecnico argentino risiede proprio in questa flessibilità che si traduce in capacità di associare il gioco posizionale alla volontà di adattarsi alle costanti storiche del calcio inglese. Cosa che, almeno per ora, sta riuscendo con molta più difficoltà al collega Guardiola. L’attuale Tottenham di Pochettino parte dunque da un semplice presupposto: se la palla è nella trequarti centrale avversaria ho più possibilità di concludere a rete, trovare giocatori liberi sull’esterno, riconquistare palla in una zona delicata per l’avversario. La prima grande intuizione è sicuramente stata quella di utilizzare Eric Dier come perno della cosiddetta salida lavolpiana, che alternandosi nella fase di impostazione con Alderweireld scuola Ajax, permette di sfuggire ad una possibile marcatura a uomo sul regista di turno. Il secondo obiettivo quindi è far arrivare palla il prima possibile nel centro della trequarti avversaria, dove a turno convergono entrambe le ali liberando così spazio per i terzini sempre molto alti. Chi meglio di Rose e Walker come interpreti di questi ruolo? Ma soprattutto, che playmaker incredibile è Eriksen? Giocatore in grado di decidere come e quando mettere pausa al ritmo indiavolato dei suoi, e mettere la definitiva firma sulla trama di gioco. I recenti miglioramenti in termini di risultato sono però figli anche della definitiva esplosione di uno dei più grandi talenti dell’attuale calcio britannico, Dele Alli, in grado di supportare il proprio compagno di reparto e dar vita così ad una delle coppie di trequarti offensive più letali del campionato. 
Il Tottenham non applica un approccio di pressing ben definibile o schematizzabile ma piuttosto sceglie di lasciare libertà individuale ad ognuno di accoppiarsi con i possibili scarichi di palla avversari, forzando un primo collettivo pressing che, se saltato, vede come protagonista il mediano basso (il solito Dier), il quale compito consiste nell’accorciare immediatamente verso la zona della palla e distruggere sul nascere la pericolosa ripartenza avversaria. Altrimenti tutti dietro e linee compatte. Non c’è ansia di recuperare palla sbilanciandosi inutilmente.

LONDON, ENGLAND - APRIL 10: Dele Alli of Tottenham Hotspur celebrates with Eric Dier as he scores their first goal during the Barclays Premier League match between Tottenham Hotspur and Manchester United at White Hart Lane on April 10, 2016 in London, England. (Photo by Clive Rose/Getty Images)
Dele Alli (’96) con Eric Dier (’94): la stessa scena la potreste vedere con la maglia della Nazionale inglese, e per molti anni

Ma sapete qual è il miglior indicatore della massima realizzazione del gioco di Pochettino? I tanti errori nei passaggi! Più si rischia, maggiori sono le possibilità di indovinare il passaggio verticale vincente e/o innescare immediatamente il pressing centrale, per recuperare il possesso e verticalizzare subito verso la porta avversaria. Spesso infatti le sue squadre sono sia quelle con più possesso che con maggior numero di palle perse. Le possibilità rimango due: se ci sono spazi, le finte ali possono accentrarsi aspettando che dai difensori arrivi il pallone diretto, mentre Kane svaria su tutto il fronte d’attacco; se non ci sono spazi (comunque raro in Premier League) ecco che la regola del buttiamola avanti che poi si ruba palla è ancor più valida e funzionale. 
Un gioco che muta e non lascia mai intravedere inutili eccessi, una macchina destinata a vincere che si alimenta di giovani talenti da plasmare, non tutti in grado di incidere offensivamente ma temprati uno ad uno per sacrificarsi in ogni zona del campo. Se vuoi sottostare ai comandi dello sceriffo devi avere qualità fisiche fuori dal comune ed estrema intelligenza tattica. Insomma, le caratteristiche di un ex difensore argentino che è destinato a lasciare la sua eredità nella storia del calcio, più per il carisma che emana dalla panchina che per i contrasti vinti nel rettangolo verde.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Marco Armocida
6 Ottobre 2020

Josè Mourinho avrebbe potuto fare l’attore

“All or nothing: Tottenham Hotspur” lo dimostra.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto 2020

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio 2020

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio 2020

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio 2020

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Recensioni
Gianluca Losito
26 Aprile 2020

Sunderland ‘Til I Die

La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.
Calcio
Roberto Gotta
8 Aprile 2020

I Magpies vogliono la testa di Mike Ashley

Cronistoria del tormentato rapporto tra i tifosi del Newcastle United e il loro presidente.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile 2020

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Calcio
Remo Gandolfi
4 Aprile 2020

Bere Eddie Howe e ubriacarsi del Bournemouth

Il figlio più amato di Bournemouth sta scrivendo un romanzo calcistico.
Calcio
Lorenzo Solombrino
23 Marzo 2020

La crisi del West Ham United

I tifosi degli Hammers sono stanchi dopo anni di illusioni e prese in giro.
Storie
Roberto Tortora
18 Marzo 2020

L’ultimo Liverpool campione d’Inghilterra

Trent'anni di attesa, ma serve ancora qualche mese.
Calcio
Rudy Galetti
10 Marzo 2020

Vardy 33, l’anno della rinascita

L'attaccante del Leicester, attualmente capocannoniere della Premier, ha riscoperto le sue radici.
Calcio
Remo Gandolfi
6 Marzo 2020

Lo Sheffield United è troppo bello per essere vero

Una squadra di tifosi e vecchi amici sta scrivendo la storia della Premier League.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio 2020

Kevin De Bruyne, l’ultimo dei poeti

Un fenomeno introverso è sempre più il leader tecnico del Manchester City.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
15 Febbraio 2020

Robbie Keane, il fiore d’Irlanda

Il fallimento con la maglia dell'Inter ha privato il nostro calcio di un giocatore entusiasmante.
Ritratti
Remo Gandolfi
25 Gennaio 2020

David Ginola è una popstar prestata al calcio

Se la nostalgia avesse un nome, si chiamerebbe David Ginola.
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio 2020

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Calcio
Remo Gandolfi
19 Dicembre 2019

Duncan Ferguson

Ritratto del folle Big Dunc, scozzese di sangue, Toffees per necessità.
Papelitos
Matteo Donadoni
27 Novembre 2019

José Mourinho, il ritorno “humble” dello Special One

Abbiamo tutti bisogno di José Mourinho.
Calcio
Remo Gandolfi
20 Ottobre 2019

Manchester United v Liverpool. Crisi e gloria di una sfida eterna

Oggi come ieri. Alla crisi dei Red Devils risponde l'epoca d'oro dei Reds.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
8 Ottobre 2019

Alan Shearer, dall’Inghilterra profonda

Simbolo non solo di Newcastle, ma di un'Inghilterra antica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2019

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Calcio
Alberto Maresca
8 Giugno 2019

Rosario. Del calcio figlia, del sangue madre

Vivere il calcio a Rosario, capitale del pallone, appesa al filo dell'abisso.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
13 Maggio 2019

Wonderwall

Al termine di una Premier League entusiasmante, la spunta il Manchester City.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio 2019

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile 2019

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Aprile 2019

Nella culla del Football

Intervista all'autore Stefano Faccendini, impareggiabile appassionato di calcio inglese.