Carrello vuoto
Italia
4 Febbraio

Quella vecchia volpe di Rocco Commisso

Federico Brasile

48 articoli
Come non amare il funambolico e spettacolare patron viola?

«Io c’ho un motto! Sai cos’è un motto, ah? Rocco non fa promesse che non può…» – mantenere! si affannano a completare giornalisti e tifosi presenti. Poi una battuta su una reporter con la camicetta a righe bianche e nere: «ma che sei juventina, ah?», e ancora, per arruffianarsi i tifosi presenti ma anche assenti: «mi dicono tu non puoi andare a parlare con i tifosi, ma che sono mai ste cose?». Così era sbarcato a Firenze il 6 giugno 2019 il presidentissimo Commisso – anzi solo Rocco, perché «ho 4500 lavoratori e non ce n’è uno che mi chiama Mr Commisso… Rocco okay?».

E allora gesticolando come la classica macchietta italo-americana, con l’immancabile sciarpa della Fiorentina al collo e soprattutto la cravatta viola, il nuovo presidente si presentava ai “suoi” mentre già si alzava alto il coro Rocco! Rocco! Rocco! Un uomo straordinario, pacchiano e megalomane come solo i cittadini a stelle e strisce sanno essere, che fin dal primo istante aveva acceso la nostra curiosità e attirato le nostre simpatie: presidentissimo fuori tempo massimo, calabrese di Marina di Gioiosa Ionica emigrato negli States in cui a dodici anni aveva raggiunto, insieme alla famiglia, il padre falegname. 

“Il calcio americano non voglio dire che fa schifo, ma qui la politica non va tanto bene ma il calcio è fenomenale. Lì la politica… è più facile fare cose che in Italia ma il calcio lasciamolo stare, okay?”

Nella “land of opportunity”, racconta a Il Sole 24 Ore, inizialmente non aveva neanche i soldi per comprarsi le scarpe. Trascorre quindi una giovinezza di studio e lavoro, sacrificio e alzatacce, in cui solo il calcio rappresenta una (riuscita) evasione: grazie alla sua abilità pedatoria ottiene infatti una borsa di studio alla Columbia University in grado di coprire interamente le spese universitarie e, nel frattempo, continua a lavorare e darsi da fare.

Oltre all’aiuto nella pizzeria del fratello, Rocco fa il salto di qualità aprendo una discoteca italo-americana nel Bronx chiamata Act III: siamo nel 1975 e Commisso inizia ad ingranare con la sua favola da emigrante stile Hollywood (al di là della facile ironia, già da questi anni dimostra grande sacrifico e intraprendenza).

«Sono andato avanti con la discoteca fino al 1981 con un discreto successo: era il punto di ritrovo di tutti i ragazzi italo americani che vivevano a New York. Ricordo che portai negli Stati Uniti i gruppi e i cantanti italiani più famosi di allora: i Camaleonti, Gianni Nazzaro, i Cugini di campagna…»

La prima conferenza stampa di Rocco, show di un presidente più americano che italiano

Dopo aver terminato il percorso di studi Rocco si volge al mondo delle banche, covando l’ambizione – anche un po’ provinciale – di sfondare ed entrare a Wall Street. Lavora alla Chase Manhattan Bank e alla Royal Bank of Canada prima di cambiare ambiente e passare alle tv via cavo, in cui svolge per una decina d’anni il ruolo di direttore commerciale per Cablevision. A questo punto, è giunto per Rocco il momento di mettersi in proprio. 

«Non dimenticherò mai le parole di un mio amico che lavorava in Borsa: ‘Rocco sai qual è il problema? Tu non sei né ebreo né irlandese’. A quel tempo gli italiani non erano ancora arrivati a Wall Street». (dall’intervista di Riccardo Barlaam pubblicata su il Sole 24 Ore).

Nel 1995 si indebita, fonda Mediacom e investe sulle aree rurali, fino a quotarsi alla borsa newyorchese. Dopo crisi e successi, nelle classiche montagne russe finanziarie – soprattutto in un periodo di frequenti contraccolpi come gli anni 2000 – Rocco ritira infine la società da Wall Street e torna ad indebitarsi fino al collo per il meccanismo del buyback (in pratica si ricompra tutte le sue azioni).

Ecco però che, contro ogni previsione, Commisso ha il colpo di genio per rilanciare Mediacom: fiuta lo spirito del tempo, in particolare il cambiamento epocale per cui lo streaming sta ormai soppiantando la tv via cavo, e si ricorda di quelle aree rurali che gli hanno garantito il primo successoTrumpiano ante litteram, teorizza la periferia contro il centro. Porta servizi internet super veloci nelle aree dimenticate, installa oltre un milione di chilometri di cavi in fibra ottica e punta tutto sulla banda ultralarga: così rilancia la società e la porta a livelli mai raggiunti prima. 

“Mediacom nelle aree in cui è presente è il principale operatore broadband e il suo servizio di banda ultralarga è tra i più rapidi di tutti gli Stati Uniti al momento. I clienti Mediacom in località sperdute degli Stati Uniti, come nel paesino di trecento anime di Cecil, in Georgia, hanno a disposizione una rete super veloce come gli abitanti di San Francisco o della Silicon Valley” (Il Sole 24 Ore)

Rocco Commisso Getty
Anni dopo arriverà la svolta nella vita di Rocco, quando ormai poteva permetterselo: l’acquisto della Fiorentina in cui proverà a portare il suo “know how” da uomo del fare a stelle e strisce (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Arriviamo a questo punto al pensiero fisso che ha sempre occupato parte della testa, e della vita, di Rocco. Quel pallone che gli aveva garantito una fondamentale formazione universitaria si riaffaccia nei pensieri del tycoon, che decide di acquistare nel 2017 i New York Cosmos. Cresciuto nei “tempi d’oro” della NASL e dei Cosmos di Pelè, Beckenbauer e Chinaglia, si mette in testa di sfidare la MLS e rilanciare la squadra di New York con pessimi risultati (di qui anche l’idiosincrasia per il soccer americano in senso lato).

“Il soccer non ha promozioni né retrocessioni: non c’è meritocrazia sul campo. Possibile? Eppure gli americani che hanno investito in Premier o in Italia sanno del rischio di andare in B. Perché qui il calcio deve avere regole diverse? È uno sport internazionale e invece è stato americanizzato. L’ho detto e qualcuno si è offeso (…) Dal 1950 gli Usa hanno vinto la miseria di 6 match ai Mondiali. Perché non possiamo essere una potenza calcistica pur avendo il maggior numero di ragazzini praticanti? Perché non siamo stati in grado di produrre un top player?” (dall’intervista di Massimo Lopes Pegna su La Gazzetta dello Sport, 2017).

Scontri con i vertici del calcio americano, risultati deludenti, confronto impietoso con il calcio europeo e un patrimonio da 4,5 miliardi di dollari, per non parlare degli oltre 65 anni di età e del demone dell’emigrante che vuole tornare a casa da imprenditore di successo: per Commisso è arrivato il momento di togliersi lo sfizio della vita, investire nel calcio italiano. L’obiettivo principale è la Fiorentina, in una trattativa che si protrae per qualche anno e si concretizza nell’estate del 2019.

Così Rocco Commisso, cresciuto nella terra più juventina del mondo (la Calabria) con le prime pagine della Rosea in cui campeggiavano Charles e Sivori, ha dovuto sciacquare prontamente i panni – e il tifo – in Arno per ripulirli dalla precedente “fede” bianconera; l’odio dei fiorentini per la Juventus d’altronde è cosa arcinota, e un presidente populista e popolare come Rocco non poteva certo esimersi dal necessario rito di passaggio.

Rocco vs Nedved & la Juventus

Da qui le continue battute sulla Vecchia Signora, la considerazione per cui “non è buono che la stessa squadra in Italia vince sempre”, la foto con la sciarpa Juve merda insieme ai tifosi e per finire le plateali dichiarazioni contro la classe arbitrale. Intendiamoci, Rocco ha anche ragione: il secondo rigore per la Juventus è a dir poco fantasioso, e prima dello Stadium la Fiorentina era incappata in arbitraggi sfavorevoli e sfortunati; di più, quella del sistema arbitrale è una questione importante che va affrontata (seppure in Italia il livello dei direttori di gara, di media, sia nettamente superiore ad altri paesi quali ad esempio l’Inghilterra).

Ecco allora però che Commisso, da buon accentratore, è riuscito anche questa volta a dettare i temi dell’agenda: non tanto provocando la reazione di Nedved – più che comprensibile nel gioco delle parti – quanto invece facendo uscire allo scoperto il presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Nicchi. Quest’ultimo ha infatti affermato che «gli arbitri italiani sono disgustati da questo comportamento» (di Commisso, ndr), dando l’impressione che la classe arbitrale rappresenti una corporazione, una categoria di potere incapace di ammettere i propri errori.

E così, mentre invitava Nedved a non rivolgersi a lui e ignorava volutamente Nicchi, prendendosi i titoli dei giornali e accendendo i riflettori sulle direzioni di gara sfavorevoli, il patron viola era in federazione a parlare con il presidente Gravina e a tutelare i suoi interessi. L’avviso a questo punto è chiaro a tutti, noi compresi: guai a trattare Rocco Commisso “come lo scemo arrivato dall’America”.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Remo Gandolfi
9 Aprile

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Ritratti
Alberto Fabbri
13 Gennaio

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
11 Luglio

Cristiano Re

Alla fine è successo davvero.
storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Aprile

La leggenda di Cristiano Ronaldo

Juventus-Real Madrid senza storia. Ma la storia s'è scritta.
Italia
Matteo Mancin
4 Giugno

Gigi Maifredi

Il buongustaio dall'inebriante, ed opprimente, bel gioco.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Italia
Gianluca Palamidessi
12 Luglio

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.
Ritratti
Luca Pulsoni
20 Aprile

Pierluigi Collina è stato più di un arbitro

Fenomenologia del più famoso fischietto mondiale.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Italia
Luca Giorgi
16 Giugno

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.
Interviste
Luigi Fattore
16 Giugno

Contro il procuratorismo

Claudio Pasqualin ci parla senza peli sulla lingua e senza retorica. E forse anche con un filino di nostalgia per il calcio di vent'anni fa, auspicando che in qualche modo se ne possano recuperare i valori.
Papelitos
Michelangelo Freda
27 Novembre

Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale

Dai segni rossi sul viso alla finale di Supercoppa in Arabia Saudita la strada è breve.
Papelitos
Federico Brasile
16 Maggio

Rocco Commisso fa l’assist ai giornalisti

Altro che “Rocco Benito” o dittatore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Papelitos
Luigi Fattore
18 Maggio

Le dittature sono noiose

La Juventus vince la finale di Coppa Italia senza grandi sforzi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Ritratti
Domenico Rocca
29 Ottobre

Antonio Sibilia, il commendatore d’Irpinia

Un simbolo, nel bene e nel male, dell'Italia dei presidentissimi.
Papelitos
Valerio Santori
2 Novembre

Il calcio non è danza classica

Bensì uno sport di contatto.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Papelitos
Federico Brasile
2 Novembre

La copertina va alla Roma

Torna la miglior espressione del Bar Sport, in cui raccontiamo a modo nostro le notti europee delle italiane.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Italia
Lorenzo Ottone
30 Gennaio

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Papelitos
Valerio Santori
19 Dicembre

Ci mancava il VAR del VAR

La trasparenza della tecnica.
Italia
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
pallonate
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Italia
Edoardo Franzosi
6 Novembre

Moriremo americani

Il nostro calcio è sempre più a stelle e strisce.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Marzo

Luca Toni, tu sei per me il Numero Uno

L'italiano perfetto era pure un attaccante straordinario.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
27 Marzo

Moggi è stato premiato al Senato

Il riconoscimento alla carriera conferito a Luciano Moggi, in un'aula del Senato, è l'ennesima prova di un Paese senza memoria.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
12 Aprile

Diventa ciò che sei

O di come la Juventus è tornata grande.
Italia
Federico Brasile
23 Marzo

La lettera di Prandelli riguarda tutti noi

Anche se ci crediamo assolti, siamo lo stesso coinvolti.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Senza categoria
Matteo Paniccia
27 Maggio

Fiorentina-Genoa, si salvi chi può!

Il biscotto è servito. L'Empoli è in B, Viola e Grifone rimangono tra i fischi.
Italia
Luigi Fattore
3 Giugno

Il diritto e il dovere di vincere

Giocarsi la Storia in una notte.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
storie
Diego Mariottini
20 Gennaio

La tripletta di Anastasi e la parolaccia di Ameri

Un ricordo di Pietro Anastasi, nell'unico pomeriggio in cui Enrico Ameri cadde nel turpiloquio.
pallonate
Pippo Russo
2 Ottobre

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.