Carrello vuoto
Ritratti
29 Gennaio

Romário, dall’anarchia al socialismo

Diego Mariottini

52 articoli
Dalla leggenda in campo alla vicepresidenza del Senato.

Esistono stereotipi e luoghi comuni sugli abitanti di Rio de Janeiro. Sono dipinti come festaioli, indolenti, permalosi, rompicoglioni. Ma a loro modo anche generosi ed empatici, con una certa predisposizione a confondere l’essere sinceri con la brutalità. Ebbene, questi stereotipi Romário li impersona tutti, dal primo all’ultimo. Tenendo unite contraddizioni interiori talvolta stridenti. Ma c’è qualcosa che ha portato la sua figura oltre l’immagine del campione che è stato.

L’ex attaccante del Vasco da Gama e di mille altre squadre possiede una sensibilità per il sociale che lui stesso ha voluto trasferire in politica. Oggi, 56 anni appena compiuti lui è vicepresidente del Senato Federale Brasiliano. Lo potremmo definire un populista di sinistra, proprio lui che ha fatto di un sostanziale individualismo la cifra caratteriale in campo e fuori, e di una certa anarcoide insofferenza alle regole quasi uno stile di vita.


BRASILIANO ATIPICO MA MOLTO BRASILIANO


Romário de Souza Farianasce il 29 gennaio del 1966 a Rio de Janeiro. Tanto per mantenere fede a uno stereotipo, fin da piccolo sogna di diventare un calciatore perché è brasiliano, poi perché è carioca e soprattutto perché sente la qualità nel sangue. Per molti ciò equivarrà a dire che “di mamma ce n’è una sola” e che “non esiste più la mezza stagione” ma nel caso specifico c’è poco da fare: ha ragione. Non sarà alto e potente ma scaltro e preciso senz’altro sì. E fa un sacco di gol. Fin da ragazzo è un tipo smargiasso e le promesse che fa alla luna suscitano l’ilarità dei compagni. Tanto per dirne una, a 20 anni giura solennemente che nella sua carriera di professionista farà 1000 gol come Pelè. All’inizio qualcuno ride, tempo dopo c’è chi comincia a fare due conti e si accorge che c’è poco da stare allegri.

Sul piano del carattere Romário è brasiliano al 200%, come calciatore è un carioca atipico.

Non cerca la giocata a tutti i costi, anche se ne è perfettamente capace. Ha più che altro la sindrome del gol, non importa come. Al di là della forma, la praticità viene prima di tutto e non c’è pensiero al mondo meno brasiliano di questo. Per rubare le parole a Jorge Valdano: «Romario è il calcio, perché il calcio è soprattutto inganno e nessuno inganna meglio di Romario. L’estetica della pigrizia, caratteristica inconfondibile del suo creativo padrone, non è altro che una maschera, perché durante il gioco, lui è menzogna che cammina. I movimenti lenti sono la corda di un arco che si tende per scoccare una freccia inattesa, improvvisa e letale. Freccia precisa per ogni bersaglio».

Dopo essersi fatto le ossa nell’Olaria, a 19 anni debutta con il Vasco da Gama nel campionato carioca. Con la squadra fondata dagli immigrati portoghesi con la Croce di Malta sulla maglia, vince due volte il titolo (1987 e 1988), laureandosi capocannoniere con media realizzativa prossima a un gol a partita. Quando i presupposti sono questi, le porte della Seleçao si aprono, perché passare inosservati è impossibile. Partecipa alla Copa América del 1987 e alle Olimpiadi di Seoul l’anno successivo, al termine delle quali il Brasile del calcio arriva secondo.


L’EUROPA CHIAMA


Lo chiamano Baixinho (tappetto) perché è basso e tarchiato. Però è velocissimo, un fulmine, specie negli spazi stretti. Al Vasco fa coppia con un altro bomber straordinario: Roberto Dinamite. La società ha problemi economici, dunque fare cassa diventa una necessità imprescindibile. Nell’estate dell’88 O’ Baixinho va a giocare in Europa. Per l’esattezza al PSV Eindhoven, la squadra del colosso tecnologico della Philips, detentrice della Coppa Campioni. Molti pensano che la sola vista della neve farà venire all’attaccante un’incontenibile saudade e che, come la neve, si scioglierà presto. In campo Romário smentisce tutti.

Non è certo uno stacanovista, gli allenamenti saltati si sprecano, ma senza di lui vincere diventa complicato. Del resto, non è mica colpa sua se non ha granché bisogno di allenarsi per poi fare sfracelli in campo. Per tre anni consecutivi Romário è capocannoniere del campionato olandese, per altrettante volte il PSV è campione d’Olanda. Bobby Robson, che allena Romário dal 1990, ne fa una disamina perfetta. In una frase sono racchiusi la grandezza e i limiti di un bomber che la mette sempre dentro: 

«Un giocatore entusiasmante, capace di svoltare un match in qualsiasi istante, ma poteva anche scomparire dal campo. Inoltre, spesso faceva tardi la sera prima di partite importanti». 

C’è chi in quegli anni lo avvicina per tipologia a Hugo Sanchez del Real Madrid, ma alcuni sono convinti che Romário sia anche più bravo. Difficile dire. C’è soltanto un modo per fare un confronto vero: vederli entrambi nella Liga. Nell’estate 1993 il Barcellona di Cruijff si assicura le prestazioni di Romário affiancandogli una punta simile a lui per moltissimi aspetti, tecnici e caratteriali. Hristo Stoichkov. Risultato: scudetto e finale di Coppa dei Campioni, persa contro il Milan di Capello. Nella speranza di vincere il Mondiale 1994, gli occhi dei brasiliani sono tutti su di lui. Del resto, è normale. Chi vuole paragonarsi a Pelé deve vincere almeno una volta ciò che O’ Rey ha vinto. Altrimenti è solo un gran chiacchierone.

Il Brasile di Parreira concede poco allo spettacolo ed è molto attento alla fase difensiva, tuttavia può vantare una coppia di attaccanti di livello assoluto: accanto a Romário gioca Bebeto, bomber del Deportivo La Coruña, la squadra che quell’anno ha conteso lo scudetto al Barcellona fino all’ultimo. Romário segna nelle tre partite del girone. Agli ottavi contro gli Stati Uniti è Bebeto a risolvere i problemi, ma O’ Baixinho ritrova la via della rete contro Olanda e Svezia. Con la vittoria sull’Italia ai calci di rigore, dopo 24 anni di attesa il Brasile è tetracampeão. Nei primi giorni del 1995 Romário decide di tornare a Rio.

Romário Grafico
La rivista “El Grafico”, nel 1994, celebra Romario a chiare lettere

OGGI QUI, DOMANI LÌ


Tutti si aspettano una rimpatriata al Vasco e invece a spuntarla sono i rivali del Flamengo. Vince il campionato statale di Rio nel 1996 e il titolo di capocannoniere con 26 gol. Poi torna in Spagna, stavolta al Valencia, per 19 miliardi di lire. Segna 14 gol in 20 partite, ma nell’estate 1997 il bomber decide di fare le valigie. Dopo anni di spola fra Rio de Janeiro (sponda Flamengo) e Valencia, nel 2000 a 34 anni suonati la rimpatriata che ormai non ti aspetti più, finalmente si fa. I tifosi del Vasco da Gama possono riabbracciare il loro Baixinho. Passano gli anni, cambiano le latitudini ma il vizio è sempre lo stesso, il gol.

Seguono anni di altre peregrinazioni: quelle di Romário sono esperienze a loro modo profonde e sentite, perché ovunque vada segna e convince, ma lui non mette mai radici. Gioca fino al 2007. Ritiene di aver segnato il gol numero 1000 e decide di chiudere. In realtà gliene vengono attribuiti 746 ufficiali. Con la Seleção Romário conta 55 gol in 70 partite. Con un po’ più di costanza negli allenamenti ne avrebbe fatti anche di più ma sarebbe stato un altro, non lui: 

«Non sono mai stato un atleta. Se avessi avuto una vita regolare avrei segnato molti più gol, ma sarei stato meno felice».


IN POLITICA


È forse proprio la ricerca della felicità la chiave di lettura di un personaggio contraddittorio come Romário. Godereccio e pieno di vita ma con un’aria eternamente torva, incazzata. Solista in campo ma di grande sensibilità verso i fenomeni sociali. Egoista in area di rigore, generoso fuori dallo stadio. Portato alla leadership ma pronto a fare spogliatoio al pari degli altri, quando serve. Il modo migliore per esprimere un caleidoscopio di sentimenti e di stati d’animo in apparente contrapposizione è darsi alla politica. Alle elezioni del 2010 Romário si presenta nelle fila del Partito Socialista Brasiliano. Non ha esperienza, anzi alla presentazione della sua candidatura sbaglia perfino il nome del partito, generando una certa ilarità. Le prime dichiarazioni sono piuttosto vaghe. Forse l’antipolitica prolifera anche in Brasile, tant’è che a sorpresa il suo nome funziona

Romário de Souza Faria risulta il sesto candidato più votato nello Stato di Rio de Janeiro e viene così eletto deputato. In Parlamento, “l’onorevole Baixinho” dimostra di aver a cuore le sorti dei brasiliani ma soprattutto è un uomo alla ricerca della verità. Denuncia senza giri di parole lo sfruttamento e gli abusi che ritiene si nascondano dietro il carrozzone della FIFA. Non si fa problemi a condannare il Presidente della Federcalcio Martinaccusato di aver ordinato l’uccisione del giornalista Vladimir Herzog durante gli anni della dittatura. Presenta interrogazioni parlamentari sulle dubbie assegnazioni per le infrastrutture di Brasile 2014, sulle quali aleggia l’ombra della corruzione.Si schiera a fianco dei più deboli e degli abitanti delle favelas, per una scuola e una sanità davvero accessibili a tutti.

Si dimostra deputato coraggioso e sinceramente vicino ai suoi connazionali, non uno che sta lì tanto per guadagnarsi lo stipendio, del quale peraltro non ha bisogno.

Nell’ottobre 2014 si ricandida e viene eletto senatore in Parlamento alle elezioni brasiliane, sempre con il Partito Socialista Brasiliano, risultando il candidato più votato nella circoscrizione di Rio. Nel giugno del 2017 lascia il Partito Socialista per entrare nelle fila di Podemos. Sarà populista, ma proprio perché lo è, crede nella democrazia diretta. In un Paese nel quale intere fasce sociali non hanno rappresentanza, né voce. Forse il Partito Socialista era diventato troppo istituzionale per uno come lui. Ma ecco la vera svolta istituzionale: da febbraio 2021 l’onorevole Romário de Souza Faria è vicepresidente del Senato brasiliano. Finta, controfinta e tutti restano spiazzati.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Eduardo Accorroni
6 Settembre 2021

Griezmann l’eterno indeciso

Dallo strappo con la Cina (Huawei) al ritorno all'Atletico (Wanda Metropolitano).
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo 2021

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto 2020

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Recensioni
Roberto Tortora
29 Luglio 2020

I giusti dello sport

Un libro collettivo, con racconti tra gli altri di Gianni Mura e Darwin Pastorin, sugli sportivi impegnati in nobili lotte politiche e sociali.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Storie
Luigi Della Penna
15 Giugno 2020

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Editoriali
Andrea Antonioli
20 Maggio 2020

Trump, il wrestling e l’America profonda

Il successo sta tutto nella conquista dell'immaginario.
Ritratti
Nicola Ventura
3 Marzo 2020

Oscar Washington Tabarez, filosofo e guerriero

El camino es la recompensa.
Calcio
Jacopo Benefico
6 Febbraio 2020

Il calcio in Libano tra guerra, politica e religione

Crocevia di culture e religioni, il Libano è oggi un Paese sconvolto e senza futuro (anche nel calcio).
Calcio
Federico Brasile
23 Gennaio 2020

Il Mihajlovic politico

Non possiamo giudicare Sinisa Mihajlovic con le nostre categorie.
Calcio
Alessandro Previdi
15 Gennaio 2020

La Cina si è presa l’Africa, anche nel calcio

Un riassunto di come la Cina, attraverso la diplomazia degli stadi, ha colonizzato sportivamente l'Africa.
Calcio
Marco Gambaudo
5 Dicembre 2019

Gli sportivi e la politica, una breve storia conformista

Le battaglie degli sportivi sono, ormai, l'infallibile ritornello del mediaticamente corretto.
Recensioni
Gianluca Palamidessi
25 Novembre 2019

Qatar 2022, l’isola che (non) c’è

Inchiesta dal libro di Gianluca Mazzini.
Calcio
Matteo Donadoni
23 Ottobre 2019

Guardiola e la Catalogna, breve storia ipocrita

Abusare dello sport a fini politici.
Papelitos
Guy Chiappaventi
22 Agosto 2019

Agosto, mese mio non ti riconosco

Dalla vita in spiaggia sintonizzata con il calciomercato alla buvette di Montecitorio: com'è cambiata l'estate italiana al tempo della crisi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio 2019

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Calcio
Giuseppe Masciale
12 Giugno 2018

Perché il calcio deve avere paura di Erdogan

Misteri e verità sul rapporto tra la presidenza turca e il mondo del calcio.
Papelitos
Giuseppe Masciale
11 Maggio 2018

Lo spirito sportivo

Lo sport è come la guerra, ma senza l'esecuzione. Parola di George Orwell.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Interviste
Luigi Fattore
17 Ottobre 2017

A tu per tu con Scanzi

Intervista ad Andrea Scanzi, giornalista e narratore sportivo fuori dagli schemi.
Calcio
Lorenzo Santucci
11 Ottobre 2017

Il calcio è politica

Calcio e politica hanno sempre vissuto insieme.
Calcio
Sabato Del Pozzo
15 Settembre 2017

Tessera del tifoso 2.0

La tessera ritratta la sua natura e riapre al passato.
Storie
Jacopo Falanga
19 Giugno 2017

Sangue catalano

Da Santpedor a Barcellona: Pep Guardiola, una vita da ambasciatore della causa catalana.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
20 Febbraio 2017

J’accuse

Chi è che davvero non vuole lo stadio della Roma?
Calcio
Niccolò Giusti
17 Dicembre 2016

Il risveglio nel pallone

«Il calcio, come la letteratura, se ben praticato è forza di popolo. I dittatori passano. Passeranno sempre. Ma un gol di Garrincha è un momento eterno. Non lo dimentica nessuno».
Calcio
Davide Aiello
11 Dicembre 2016

Le trame giallorosse di Giulio Andreotti

Il grande burattinaio non si limita agli intrighi di potere.
Editoriali
Gennaro Malgieri
2 Dicembre 2016

Perchè il calcio non è solo uno sport

L’irresistibile “calcistizzazione” che ha ormai contagiato tutti gli strati e i ceti sociali, si spiega con un'inconscia e primordiale "spinta comunitaria" che è uno dei fondamenti, probabilmente il più importante, della “nuova” politicità, trascendente le forme tradizionali legate ai partiti e ai movimenti, che si va affermando ovunque.