Carrello vuoto
Papelitos
31 Dicembre

Caro Romelu, non funziona così

Lorenzo Santucci

44 articoli
Troppo facile giurare adesso amore eterno.

“Ho l’Inter nel cuore” ha ammesso Romelu Lukaku, ma da lui ci si aspettava altro. Le parole rilasciate a Sky Sport non sono le solite dichiarazioni di circostanza di un giocatore alla sua ex squadra, queste fanno un rumore sordo. Spiazzano, se possibile, dato che un ritorno di Big Rom a Milano era possibile solo nei pensieri dei più malefici interisti vogliosi di rivincita (pochi, considerato che per la maggior parte della tifoseria la sua figura si è andata via via scolorendo, come il murales ai piedi di San Siro). E invece, il come back home è arrivato direttamente da lui.

«Spero davvero nel profondo del mio cuore di tornare all’Inter, non alla fine della mia carriera, ma a un livello ancora buono per sperare di vincere di più».

Romelu Lukaku

Nei suoi due anni in Italia abbiamo imparato a conoscerne ed apprezzarne l’emotività, e a vederlo coinvolto a pieno nelle vicissitudini della squadra di cui era il naturale portavoce. Un gigante dal cuore d’oro, si potrebbe sintetizzare con la più abusata delle formulette. Anche in questa occasione, di fronte alle telecamere, Lukaku non nasconde il suo d’animo, anzi lo rende talmente eloquente da non potere fraintenderlo.

«Dovevo parlare prima», sostiene, ma lo fa nel momento meno opportuno. Alle sue azioni d’altronde non è mai seguita una spiegazione, e il silenzio di oltre quattro mesi aveva paradossalmente rasserenato i rapporti: ignorarsi, delle volte, aiuta. Senza sottovalutare che nel frattempo l’Inter ha compiuto uno step successivo nel gioco e nella personalità, qualità che pensava di aver perso con l’arrivederci del belga. Lo conferma anche lo stesso Lukaku, quando dice che «bisogna essere onesti, [l’Inter] gioca davvero bene». Mentre lui, invece, fa fatica. Il bottino fin qui ottenuto in Gran Bretagna è magro, parla di cinque goal in Premier League (se escludiamo i due nelle ultime due giornate, era a secco da settembre) più i due in Europa.

«Voglio dire per prima cosa un grande scusa ai tifosi dell’Inter perché penso che il mio addio dovesse avvenire in maniera diversa. Avrei dovuto parlare prima con voi, perché le cose che voi avete fatto per me, per la mia famiglia, per mia madre, per mio figlio, sono cose che rimangono per me nella vita».

Romelu Lukaku


Ma ci domandiamo, se al Chelsea le cose fossero andate per il verso giusto, se Tuchel non avesse scelto di giocare in un altro modo, per citare lo stesso Lukaku, l’ex numero nove nerazzurro si sarebbe comunque confessato, cuore in mano, ai microfoni di Sky Sport Italia? Romelu dice che «adesso è il momento giusto per parlare», ma così è troppo facile. Di certo non è il momento giusto per l’Inter, per i suoi tifosi e anche per il Chelsea; sicuramente però, visti i risultati, è il momento giusto per lui.

Dichiarazione che oggi non possono far altro che lasciare l’amaro in bocca. Sicuramente Lukaku avrebbe dovuto dimostrare più tatto: all’epoca del suo addio, consumato in fretta e furia, e anche nel momento del “mea culpa”, fin troppo esplicito e destabilizzante. Così ha fatto un po’ la figura del marito che lascia la moglie per una donna più bella, e quando le cose non ingranano torna a casa con la coda tra le gambe giurando amore e fedeltà. Romelu è passato da un estremo all’altro, ed entrambe le volte il risultato non è stato dei migliori. Per questo anche un gesto pieno di affetto è risultato fortemente egoista.

L’ex bomber nerazzurro comunque, in definitiva, si è esposto senza mezzi termini: ha (fin troppo) coraggiosamente rinnegato la scelta ed è tornato a dichiarare amore eterno alla sua Inter, forse spinto anche dalle parole di Piero Ausilio il quale aveva ammesso che se lo sarebbe ripreso ma solo in prestito – il che è vero, dato che le possibilità di un ritorno sono poche ma non campate per aria. Ma soprattutto, questa volta le condizioni saranno poste dall’Inter e Lukaku, se mai sarà, dovrà accettarle. Quelle della Curva Nord invece sono state già fissate in uno striscione, e non lasciano spazio a dubbi: «Non conta chi nella pioggia scappa, conta chi nella tempesta resta! Ciao Romelu». In fondo se lui ha chiesto comprensione, ora deve dimostrarla a chi non riesce più a stargli dietro.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Marco Armocida
22 Giugno 2022

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

E forse lo ha capito lo stesso Romelu.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre 2021

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Papelitos
Marco Armocida
28 Giugno 2021

Il Belgio è forte, ma non imbattibile

Tutta Italia ha visto Belgio-Portogallo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre 2020

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre 2020

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Papelitos
Lorenzo Santucci
10 Dicembre 2020

Eriksen è una questione di rispetto

Per l'uomo prima che per il calciatore, al di là dei risultati.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Dicembre 2020

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre 2020

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre 2020

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Calcio
Gianluca Losito
18 Settembre 2020

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.
Storie
Lorenzo Solombrino
1 Agosto 2020

Damon Albarn e il Chelsea, finché morte non ci separi

Dai Blur ai Gorillaz, nell'eclettismo di Albarn c'è un solo punto fermo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Luglio 2020

La dialettica di Antonio Conte è ormai superata

L'allenatore leccese è rimasto juventino dentro.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Papelitos
Jacopo Benefico
10 Luglio 2020

Dio ci scampi e liberi dalla nuova maglia dell’Inter

Il marketing sportivo nell'epoca del brutto.