Carrello vuoto
Papelitos
31 Dicembre

Caro Romelu, non funziona così

Lorenzo Santucci

44 articoli
Troppo facile giurare adesso amore eterno.

“Ho l’Inter nel cuore” ha ammesso Romelu Lukaku, ma da lui ci si aspettava altro. Le parole rilasciate a Sky Sport non sono le solite dichiarazioni di circostanza di un giocatore alla sua ex squadra, queste fanno un rumore sordo. Spiazzano, se possibile, dato che un ritorno di Big Rom a Milano era possibile solo nei pensieri dei più malefici interisti vogliosi di rivincita (pochi, considerato che per la maggior parte della tifoseria la sua figura si è andata via via scolorendo, come il murales ai piedi di San Siro). E invece, il come back home è arrivato direttamente da lui.

«Spero davvero nel profondo del mio cuore di tornare all’Inter, non alla fine della mia carriera, ma a un livello ancora buono per sperare di vincere di più».

Romelu Lukaku

Nei suoi due anni in Italia abbiamo imparato a conoscerne ed apprezzarne l’emotività, e a vederlo coinvolto a pieno nelle vicissitudini della squadra di cui era il naturale portavoce. Un gigante dal cuore d’oro, si potrebbe sintetizzare con la più abusata delle formulette. Anche in questa occasione, di fronte alle telecamere, Lukaku non nasconde il suo d’animo, anzi lo rende talmente eloquente da non potere fraintenderlo.

«Dovevo parlare prima», sostiene, ma lo fa nel momento meno opportuno. Alle sue azioni d’altronde non è mai seguita una spiegazione, e il silenzio di oltre quattro mesi aveva paradossalmente rasserenato i rapporti: ignorarsi, delle volte, aiuta. Senza sottovalutare che nel frattempo l’Inter ha compiuto uno step successivo nel gioco e nella personalità, qualità che pensava di aver perso con l’arrivederci del belga. Lo conferma anche lo stesso Lukaku, quando dice che «bisogna essere onesti, [l’Inter] gioca davvero bene». Mentre lui, invece, fa fatica. Il bottino fin qui ottenuto in Gran Bretagna è magro, parla di cinque goal in Premier League (se escludiamo i due nelle ultime due giornate, era a secco da settembre) più i due in Europa.

«Voglio dire per prima cosa un grande scusa ai tifosi dell’Inter perché penso che il mio addio dovesse avvenire in maniera diversa. Avrei dovuto parlare prima con voi, perché le cose che voi avete fatto per me, per la mia famiglia, per mia madre, per mio figlio, sono cose che rimangono per me nella vita».

Romelu Lukaku


Ma ci domandiamo, se al Chelsea le cose fossero andate per il verso giusto, se Tuchel non avesse scelto di giocare in un altro modo, per citare lo stesso Lukaku, l’ex numero nove nerazzurro si sarebbe comunque confessato, cuore in mano, ai microfoni di Sky Sport Italia? Romelu dice che «adesso è il momento giusto per parlare», ma così è troppo facile. Di certo non è il momento giusto per l’Inter, per i suoi tifosi e anche per il Chelsea; sicuramente però, visti i risultati, è il momento giusto per lui.

Dichiarazione che oggi non possono far altro che lasciare l’amaro in bocca. Sicuramente Lukaku avrebbe dovuto dimostrare più tatto: all’epoca del suo addio, consumato in fretta e furia, e anche nel momento del “mea culpa”, fin troppo esplicito e destabilizzante. Così ha fatto un po’ la figura del marito che lascia la moglie per una donna più bella, e quando le cose non ingranano torna a casa con la coda tra le gambe giurando amore e fedeltà. Romelu è passato da un estremo all’altro, ed entrambe le volte il risultato non è stato dei migliori. Per questo anche un gesto pieno di affetto è risultato fortemente egoista.

L’ex bomber nerazzurro comunque, in definitiva, si è esposto senza mezzi termini: ha (fin troppo) coraggiosamente rinnegato la scelta ed è tornato a dichiarare amore eterno alla sua Inter, forse spinto anche dalle parole di Piero Ausilio il quale aveva ammesso che se lo sarebbe ripreso ma solo in prestito – il che è vero, dato che le possibilità di un ritorno sono poche ma non campate per aria. Ma soprattutto, questa volta le condizioni saranno poste dall’Inter e Lukaku, se mai sarà, dovrà accettarle. Quelle della Curva Nord invece sono state già fissate in uno striscione, e non lasciano spazio a dubbi: «Non conta chi nella pioggia scappa, conta chi nella tempesta resta! Ciao Romelu». In fondo se lui ha chiesto comprensione, ora deve dimostrarla a chi non riesce più a stargli dietro.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Papelitos
Jacopo Benefico
10 Luglio

Dio ci scampi e liberi dalla nuova maglia dell’Inter

Il marketing sportivo nell'epoca del brutto.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Ottobre

Antonio Conte e le lamentele preventive

È troppo presto per iniziare a cercare alibi, e come strategia rischia di essere inefficace.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Calcio
Gianluca Palamidessi
13 Aprile

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Papelitos
Marco Armocida
28 Giugno

Il Belgio è forte, ma non imbattibile

Tutta Italia ha visto Belgio-Portogallo.
Calcio
Remo Gandolfi
28 Dicembre

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
Ritratti
Marco Metelli
23 Novembre

Hector Cúper

Fenomenologia di un antieroe.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Editoriali
Luca Giannelli
28 Dicembre

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Calcio
Valerio Santori
2 Maggio

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Storie
Lorenzo Solombrino
1 Agosto

Damon Albarn e il Chelsea, finché morte non ci separi

Dai Blur ai Gorillaz, nell'eclettismo di Albarn c'è un solo punto fermo.
Papelitos
Luigi Fattore
25 Febbraio

Solo per tre minuti

Come un episodio di vergognosa insubordinazione ha oscurato agli occhi della stragrande maggioranza dei media la buona prova dei Blues di Sarri contro il City di Guardiola nella finale di League Cup.
Calcio
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Ritratti
Marco Metelli
17 Agosto

Álvaro Recoba, il più grande talento sprecato di sempre

La leggendaria pigrizia del venerato Chino.
Calcio
Ermanno Durantini
31 Maggio

Fare ordine nel caos

Per tutta la stagione la confusione ha regnato sovrana in casa Inter. In un futuro che appare costellato di luci e ombre, la certezza è una sola: l'Inter ha un disperato bisogno di ritrovare identità a livello societario.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Calcio
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Calcio
Davide Aiello
11 Dicembre

Le trame giallorosse di Giulio Andreotti

Il grande burattinaio non si limita agli intrighi di potere.
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Calcio
Lorenzo Santucci
12 Settembre

L’uomo giusto

L'importanza di Spalletti per la rinascita dell'Inter.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Novembre

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Calcio
Ermanno Durantini
17 Marzo

Derby made in China?

Per la prima volta il derby di Milano si disputerà all'ora di pranzo per venire incontro alle esigenze cinesi. Il rischio è che la dicotomia nostalgici-moderni perda di vista i veri problemi delle due milanesi e del calcio italiano in generale.
Critica
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Recensioni
La Redazione
15 Marzo

Eternamente Ronaldo

Da un frammento di Sfide, una giocata incredibile del fenomeno brasiliano. Commenta Pizzul.
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Maggio

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Dicembre

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
15 Febbraio

Robbie Keane, il fiore d’Irlanda

Il fallimento con la maglia dell'Inter ha privato il nostro calcio di un giocatore entusiasmante.
Calcio
Graziano Missud
6 Maggio

Javier Zanetti

Trabajo y sudor. Y gloria.
Calcio
Marco Metelli
22 Marzo

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Cultura
Andrea Mainente
23 Gennaio

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.