Carrello vuoto
Altro
28 Ottobre

Inghilterra-All Blacks, la caduta degli dei

Dopo la disfatta del Mondiale 2015 il rugby inglese si è ricompattato, passando quattro anni a preparare la partita perfetta: All Blacks neutralizzati.

In un mondo ormai quasi completamente globalizzato, il rugby spicca come sorta di enclave del sovranismo sportivo. Non certo da un punto di vista commerciale: dal riconoscimento ufficiale del professionismo da parte dell’IRB (oggi World Rugby, il massimo organo governativo del rugby internazionale) nel 1995, la palla ovale ha aperto in maniera decisa i propri confini, facendo di uno sport tendenzialmente élitario pratica estremamente diffusa in tutti e cinque i continenti, capace di generare profitti vicini ai due miliardi di euro con i soli Mondiali 2019.

 

Il “sovranismo” di cui sopra si manifesta piuttosto in una chiara (e sempre maggiore) differenziazione degli stili di gioco fra le diverse nazioni. Le quattro formazioni semifinaliste in Giappone hanno caratteristiche ed impianti di gioco estremamente diversi tra loro, in larga parte espressione delle caratteristiche peculiari dei rispettivi popoli. Il Galles gioca un rugby brillante, offensivo e spregiudicato; il Sud Africa è una squadra dura, fisica, ostinata; la Nuova Zelanda ha trovato nella felce che porta cucita sul petto il punto d’incontro delle proprie due componenti popolari (quella maori e quella anglosassone) e sulla base di questa identità ha dominato la scena globale per un decennio, con un modo di giocare rivoluzionario, unico; l’Inghilterra, infine, fa della disciplina e dell’abnegazione collettiva il proprio punto di forza.

 

Anche gli dei conoscono il sangue e la polvere

 

La sconfitta degli All Blacks di sabato più che un evento storico è il risultato di un’evoluzione fisiologica del gioco e della più stretta contingenza. Dalla disfatta ai Mondiali 2007 contro la Francia, i tuttineri hanno letteralmente dominato la scena internazionale, perdendo in dodici anni una manciata di incontri e vincendo due coppe del mondo, otto Rugby Championship (l’ex Tri Nations) e una serie impressionante di test match internazionali. La (parziale) chiusura di un ciclo è quanto di più logico ci si potesse attendere ed era ormai solo una questione di tempo. D’altra parte questa sconfitta pur bruciante e significativa non muta più di tanto gli equilibri: la Nuova Zelanda resterà anche in futuro la squadra da battere e la sua impronta inconfondibile continuerà a rappresentare il punto di riferimento per il resto del mondo ovale.

 

Ciò che impressiona, piuttosto, è la prova degli inglesi, la capacità che hanno avuto di rialzarsi dal punto più basso della loro storia (l’esclusione al primo turno dai Mondiali 2015, giocati in casa), la tenacia tenuta per quattro anni nel preparare la sfida del 26 ottobre 2019. Si può dire che la sconfitta contro l’Australia, subita a Twickenham nell’ottobre 2015, sia stata la Dunkirk del rugby inglese, che da quella ha trovato ancora una volta l’unione e la forza necessarie alla rivalsa. L’ha detto anche Eddie Jones – guida tecnica e spirituale degli inglesi in questo quadriennio, una sorta di Winston Churchill ovale, ugualmente controverso e plenipotenziario – una volta finita la partita: “Noi abbiamo avuto quattro anni per prepararci a questa sfida. Loro una settimana. Ci siamo preparati inconsciamente per questa gara per tutto questo tempo”. Fatte le debite proporzioni e consapevoli di quanto retorico possa suonare un simile paragone (ma cosa c’è al mondo di può splendidamente retorico dello sport?), le parole di Eddie Jones non appaiono troppo dissimili da quelle pronuncuate dallo stesso Churchill proprio all’indomani della evaquazione/fuga di Dunkirk: “Anche se ampi territori d’Europa sono caduti o stanno per cadere nelle grinfie del nemico noi non demorderemo né verremo meno. Noi procederemo fino alla fine. Noi combatteremo sui mari e sugli oceani, noi combatteremo con crescente fiducia e crescente forza nell’aria. Noi difenderemo la nostra Isola, a qualunque costo. Noi combatteremo sulle spiagge, noi combatteremo nei luoghi di sbarco, noi combatteremo sui campi e sulle strade, noi combatteremo sulle colline; noi non ci arrenderemo mai”.

 

Il ruggito dei 3 leoni

 

E la difesa, appunto, è stata la chiave di una partita giocata in maniera quasi perfetta dal XV della Rosa, che ha rispettato dal principio alla fine un piano di gioco chiarissimo e che poggiava le proprie fondamenta sul predominio fisico/atletico sull’avversario, nella fase offensiva come in quella difensiva. Obiettivo difficilissimo si capirà, quasi impensabile in teoria contro una squadra che sulla supremazia fisica e mentale ha fondato il proprio dominio globale per un paio di lustri e più. Obiettivo che solo degli inglesi, con il loro atavico, intrinseco senso di superiorità potevano concepire e mantenere. Della partita restano negli occhi il sorriso beffardo del capitano Farrell di fronte alla Haka (versione Kapa o Pango, la più dura e violenta); i placcaggi e i recuperi di palla delle due terze ala Underhill e Curry e della seconda linea Itoje; il rispettoso silenzio con cui lo stesso capitano Farrell ha accolto la scelta dell’arbitro di annullare una meta inglese probabilmente regolare, in un momento decisivo dell’incontro; la diligente abnegazione con cui George Ford, dalla piazzola, ha sistematicamente demolito le ambizioni neozelandesi.

 

Resta una settimana per capire che posizione l’incontro di sabato andrà ad assumere nella storia del rugby inglese. “Vae victis” dicevano gli antichi Romani; oggi – poco decoubertianamente – è appurato che la storia dello sport si dimentichi con estrema facilità dei perdenti e chi non vince l’ultima partita è destinato a scomparire dunque nell’immenso limbo delle incompiute. Lungi dall’aver marcato un cambio storico di rotta per il “gioco più nobile del mondo”, la vittoria di Yokohama ha confermato una volta di più i caratteri intrinseci del popolo inglese, perfettamente.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Altro
Leonardo Aresi
4 Aprile 2021

La sovranità degli All Blacks è sacra

La tradizione e le radici non sono in vendita.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre 2020

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre 2020

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre 2020

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre 2020

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Lorenzo Ottone
26 Agosto 2020

Harry Maguire, ultimo baluardo di Britannia

Una scazzottata in stile british gli è costata tantissimo.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto 2020

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno 2020

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2020

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Altro
Lorenzo Innocenti
12 Giugno 2020

Il Terzo Tempo del rugby è un rito sacro

Origini, miti e segreti di una splendida consuetudine.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Giugno 2020

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.
Papelitos
Lorenzo Ottone
26 Maggio 2020

Rugby senza mischia, l’ultima follia da Covid-19

Abolita la mischia, la palla ovale avrebbe ancora senso?
Altro
Alessandro Imperiali
7 Maggio 2020

La Haka è un rito tramandato o svenduto?

Tradizione di popolo, miniera d'oro del marketing All Blacks.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio 2020

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Recensioni
Gianluca Losito
26 Aprile 2020

Sunderland ‘Til I Die

La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.
Storie
Rudy Galetti
22 Aprile 2020

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Calcio
Lorenzo Solombrino
21 Aprile 2020

Wigan vs City, il mondo sottosopra

La mirabolante avventura che ha portato i latics del Wigan a vincere l'FA Cup contro l'armata del City.
Tifo
Riccardo Santilli
19 Aprile 2020

Good music, good drugs, goodbye hooligans!

Non fu solo la Thatcher ad allontanare i tifosi più caldi dagli stadi.
Tifo
Luca Quartarone
16 Aprile 2020

FC United of Manchester, il sogno della working-class

Il calcio, quello vero, è del suo popolo.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile 2020

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.