Carrello vuoto
Papelitos
6 Giugno

Sarri ai Lakers

Vittorio Ray

3 articoli
Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.

«Volksgeist è un’espressione di Herder, non me la invento io. Traducendola malaccio direi che si tratta del respiro organico e vivente di una comunità che si riconosce in determinati valori ideologici e spirituali. Penso che il tifo sia questo» (Citazione testuale di Luigi, amicus, dal lungo dialogo whatsapp che ha portato alla stesura di questo articolo).

 

“Sarri è un professionista”.

Così, almeno, si legge da varie dichiarazioni di tanti giocatori, allenatori e forse anche di Sarri stesso in questi giorni, in risposta ai contatti con la Juventus. Mi inquadro un attimo altrimenti sembro il solito romantico passatista, cosa che mi piacerebbe molto ma purtroppo non è. Sono un ex-tifoso, non soffro più se la mia squadra perde, non gioisco veramente se vince, vado allo stadio molto raramente e se la partita è brutta mi annoio. Solitamente mi guardo le azioni salienti, della mia e delle altre squadre, per intrattenermi. Sono un uomo interamente moderno e liscio, come tanti. Ma non tutti, non ancora.

 

Così comincia la nostra storia

 

Esistono, anno 2019, grosse sacche di tifosi. Sociologicamente c’è di tutto, delinquenti, nullafacenti, debosciati o solo sfortunati, redditati cittadinati, fino a persone molto inserite, perbene, borghesi e nobili, accomunati dal fatto di avere un legame stretto con questo famoso tifo: i colori, la maglia, il simbolo, le trasferte, l’ostinazione, etc. Non mi interessa fare l’elogio del pane fatto in casa, i pomodori di una volta e le partite tutte alle 15. Dico solo che la narrazione contemporanea del calcio si basa su un grande equivoco – forse in effetti come tutte le grandi narrazioni, che però hanno almeno il buon gusto di nascondere le contraddizioni in fondo al castello, non di sbandierarle (con una specie di orgoglio da parvenu della modernità) davanti a tutti.

 

Professionista è il mio dentista, o il mio benzinaio, o il commercialista. Maurizio Sarri non è un professionista, almeno non solamente, perché il calcio nel 2019 non è ancora solamente uno spettacolo. Maurizio Sarri è (stato) un simbolo, così come la sua tuta, le sigarette, le interviste, la dialettica col potere. In particolare, era l’allenatore simbolo della rivale più agguerrita della Juventus in questi ultimi anni di Serie A. Napoli (insieme a molte altre città) vive intorno al mito del calcio, le persone cambiano umore a seconda dei risultati, e in ogni caso hanno comunque un orizzonte in cui sperare, un altro campionato da perdere e da maledire, in attesa di un nuovo condottiero a cui consacrare i nomi dei propri figli.

 

Dalla Napoli di qualche anno fa (ma da allora nulla è cambiato): la squadra entra di dovere nel presepe, espressione altissima e tradizionale dell’universo partenopeo

 

Ma la cosa che fa più tristezza è che queste quattro banalità in fila che state leggendo Sarri le sa, le sapeva fino a cinque minuti fa, non è possibile che le abbia dimenticate o che abbia cambiato idea: sta facendo finta perché si sente schifosamente in colpa, sta provando a rimangiare tutto il rimangiabile. Senza entrare nei dettagli, stanno uscendo interviste sempre più deliranti e paradossali (l’ultima qui), operazioni studiate a tavolino per smontare il vecchio Sarri e costruirne uno nuovo, moderno, liquido. Uno capace di tutto: un vero professionista. La cosa è pacifica, ognuno è padrone del suo destino. Ma allora andiamo fino in fondo, mandiamo un messaggio a presidenti unificati in cui diciamo: il calcio da oggi in poi è puro intrattenimento e generazione di plusvalore, i tifosi sono pregati di diventare adulti e smetterla di credere alle favole dei colori, della maglia e dei tradimenti.

 

Squarciamo questo ultimo, leggerissimo strato di velo di Maya e poi lottiamo per un campionato seriamente divertente, redistribuiamo le risorse, rifacciamo le squadre ogni anno. Le persone troveranno qualche cartomante per sfogare il loro bisogno di trascendenza, e noi avremo uno spettacolo degno di questo nome, magari vendibile anche all’estero. La morale che ne traggo, al di là di Sarri e del calcio, è che nessuna narrazione collettiva è oggi più attraente di un pacco di soldi versati (o la soddisfazione bruttamente personale di una Coppa in più, cambia poco) sul conto di un singolo individuo.

 

Sarri era il Re morale dell’Italia calcistica (e il ruolo non sembrava dispiacergli), adesso è l’ennesimo professionista dalla memoria corta. Da spettatore disinteressato e pacificato, mi chiedo – questa domanda vale per tutti, compresi quei tifosi che si entusiasmano se uno sceicco vuole comprare la loro squadra – cosa resta di una Champions League se non c’è più nessun mito a riempirla, nessuna comunità ad alzarla con te. Qualche chilo di metallo e una riga in più su wikipedia. Auguri mister.

 


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Tifo
Valerio Santori
9 Aprile 2021

Il posto dei tifosi è all’inferno

Quello spot Nike in cui rappresentavano il Male.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo 2021

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.